• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Uscita SpaceClaim 2014

Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#1
SpaceClaim 2014 è finalmente disponibile!


In questa release sono state apportate numerose migliorie specialmente in termini di interoperabilità e rapidità di importazione/correzione.



Alcune migliorie nel dettaglio:

- Apertura diretta di file da Outlook, basta trascinare nell'ambiente di lavoro di SpaceClaim

- 30% di tempo in meno per importare geometrie grazie al Multi-Threading (più processi in parallelo per l' importazione dei vari componenti )

- Miglioramento della funzione "Estrazione volume" che permette di editare il volume estratto in maniera iterativa (si modifica per esempio una faccia del volume estratto in modo da ottenere un dato volume)

- Miglioramento delle funzioni di dettaglio, con particolare riferimento ai simboli di saldatura, finitura, tolleranza che si possono adesso riutilizzare una volta creato il proprio schema

- Import/export di 3D PDF (l'export era già presente nelle precedenti versioni)

-Plug-in per Ms Excel plug-in per editare tramite tabella le dimensioni legate da equazioni (es. A = B x 2, vedi gruppi in SpaceClaim)

- Miglioramento funzioni Lamiera:
a) Miglioramento delle pieghe in caso di angoli tagliati, più realistiche
b) Strumenti di power selection (selezione multipla intelligente) per tipo di giunzione (es. seleziona tutte le pieghe al fine di modificarne il raggio interno contemporaneamente)
c) Sviluppo di Tramogge (anche disassate), Coni, etc. tramite la funzione "blend" precedentemente inadatta alla lamiera (in aggiunta agli strumenti più potenti di SMO+ e a LogiTRACE, il software di riferimento per le canalizzazioni e per il settore HVAC, l'equivalente del manuale del Tubista Hoepli, compatibile con SpaceClaim)
d) E' possibile creare incastri parziali su entrambi i lati per le giunzioni "dentellate" (scheda)

- La superficie media può essere utilizzata come riferimento per operazioni quali lo sformo rispetto alla superifice creata, funzione particolarmente indicata per gli stampi

- Possibilità di trasformare superfici meshate in superfici di SpaceClaim selezionando manualmente una serie di punti che descrivono la nuova superficie, possibilità di orientare e migliorare le superfici scansionate (es. per cilindri)

- Verifica delle interferenze in modo dinamico ed interattivo (per verificare collisioni in meccanismi)

- Pannello di simulazione dinamica tramite Algoryx, che aggiunge anche l'animazione con rendering di Keyshot



Un video riassuntivo (in inglese): http://www.spaceclaim.com/en/Mkting/SingleVideoPlayer.aspx?v=SC_2014_Overview_C.mp4
 
Professione: piegatore e disegnatore notturno...
Software: Solidworks 2012 sp5
Regione: Toscana
#2
Una domanda: nella foratura di una lamiera su superficie non perpendicolare all'asse del foro il software riesce ad eseguire la foratura normale al profilo oppure, come prima, esegue il foro in stile "fresatura"? Grazie per l'attenzione, Marco.
 
Professione: piegatore e disegnatore notturno...
Software: Solidworks 2012 sp5
Regione: Toscana
#3
un' altra curiosità: se dovessi creare dei fori equidistanti che sopra un profilo chiuso di linee ed archi SpaceClaim lo riuscirebbe a fare? Mi sto documentando su internet e youtube, ma non ho trovato nessun tipo di riscontro...
Grazie per l'attenzione, Marco.
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#4
Una domanda: nella foratura di una lamiera su superficie non perpendicolare all'asse del foro il software riesce ad eseguire la foratura normale al profilo oppure, come prima, esegue il foro in stile "fresatura"? Grazie per l'attenzione, Marco.
SpaceClaim tratterebbe il foro come foro smussato (come fresatura), però ti spiego come ovviare:
1) Una volta creato lo "spiegato", cioè lo sviluppo, e creato il DXF appariranno tutte le linee visibili ed anche quelle nascoste, quindi potrai decidere di cancellare quelle che non desideri (es. tieni il foro "più grande" cancellando le linee più interne)
2) Puoi usare il comando "proietta" e poi "trascina" per creare l'ovoidale maggiore (foro più grande), e quindi rettificare il foro
3) È stato introdotto il comando "regola" che permette di rettificare smussi non desiderati, attualmente però in questo caso rende circolare il foro smussato (dello stesso diametro del cilindro inclinato), è adatto quindi solo se ci sono piccole imprecisioni e cilindri erroneamente inclinati. Lo strumento però ti segnala tutti questi casi in cui lo sviluppo avrebbe doppie linee.
4) Puoi rigenerare la lamiera tenendo buono l'interno o l'esterno, comodamente con il comando di SMO+ "ricostruire lamiera"
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#5
un' altra curiosità: se dovessi creare dei fori equidistanti che sopra un profilo chiuso di linee ed archi SpaceClaim lo riuscirebbe a fare? Mi sto documentando su internet e youtube, ma non ho trovato nessun tipo di riscontro...
Grazie per l'attenzione, Marco.
Certo. Con il comando "sposta", selezionando l'opzione "crea serie", è possibile scegliere la direzione (in questo caso il profilo) di creazione serie, quindi si sposta il primo componente sino alla posizione dell'ultimo componente, a quel punto apparirà la distanza totale (percorsa) ed il numero (2), modificando il numero di componenti automaticamente si visualizzeranno numero componenti, passo e distanza totale. Funziona meglio se il profilo è aperto e se si crea un punto nella posizione d'arrivo dell'ultimo componente. La stessa logica è usata per creare serie di fori, solidi, superfici o linee (spaceclaim tratterebbe tutto allo stesso modo).
 
Professione: piegatore e disegnatore notturno...
Software: Solidworks 2012 sp5
Regione: Toscana
#6
Certo. Con il comando "sposta", selezionando l'opzione "crea serie", è possibile scegliere la direzione (in questo caso il profilo) di creazione serie, quindi si sposta il primo componente sino alla posizione dell'ultimo componente, a quel punto apparirà la distanza totale (percorsa) ed il numero (2), modificando il numero di componenti automaticamente si visualizzeranno numero componenti, passo e distanza totale. Funziona meglio se il profilo è aperto e se si crea un punto nella posizione d'arrivo dell'ultimo componente. La stessa logica è usata per creare serie di fori, solidi, superfici o linee (spaceclaim tratterebbe tutto allo stesso modo).
Salve Andrea, io intendevo una cosa del genere... foro inclinato.JPG foro inclinato2.JPG foro inclinato3.JPG

In rete non si trova nulla riguardo le due domande che le ho posto. Esiste un video esplificativo, oppure lo potrebbe far lei? (soprattutto per capire il foro inclinato, ma anche la serie).
Ulteriore domanda: cos'è SMO+?

Grazie per la cortesia, Marco.
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#7
Si si, avevo capito. Appena ho un'oretta di tempo produco qualche video/immagine per spiegarmi meglio.
Stesso discorso per la serie di fori (o altro) lungo un percorso
SMO+ è un plugin aggiuntivo sviluppato dai creatori della sezione "lamiera" con alcune funzioni per sviluppare superfici, riparare alcuni errori tipici delle lamiere, etc.
 
Professione: piegatore e disegnatore notturno...
Software: Solidworks 2012 sp5
Regione: Toscana
#8
Si si, avevo capito. Appena ho un'oretta di tempo produco qualche video/immagine per spiegarmi meglio.
Stesso discorso per la serie di fori (o altro) lungo un percorso
SMO+ è un plugin aggiuntivo sviluppato dai creatori della sezione "lamiera" con alcune funzioni per sviluppare superfici, riparare alcuni errori tipici delle lamiere, etc.
Grazie per ora allora!
Ma lei usa per lavoro questo software?
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#10
Si, come dice marcof, io sono un tecnico Overcam, rivenditore di SpaceClaim (specializzati soprattutto in lamiera, progettazione, sviluppo e taglio).

Ho trovato 10 minuti per fare questo video:
[video=youtube;ZCFYe2If5-o]https://www.youtube.com/watch?v=ZCFYe2If5-o[/video]

Spero le sia utile (non ho mostrato tutte le tecniche precedentemente elencate, ma solo quella che ho ritenuto più idonea in questo caso, cioè la tecnica della proiezione ed il trascinamento con sottrazione).
 
Professione: piegatore e disegnatore notturno...
Software: Solidworks 2012 sp5
Regione: Toscana
#11
Non ho ancora ringraziato del video, perciò lo faccio adesso. Grazie. Come ho potuto vedere anche da altri video di Youtube, mi sembra di aver capito che questo software è molto versatile per modificare al volo dei file che magari ti invia il cliente, ma il fatto di non avere l'albero delle funzioni ni lascia perplesso. Io per abitudine uso, per svago nelle pause di lavoro, Solidworks quindi SpaceClaim mi pare un altra cosa. Esempio Inventor o SolidEdge mi paiono uguali a quelli che uso....
Comunque sia SpaceClaim, almeno a occhio, mi attira molto! Sembra molto intuitivo e versatile
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#12
Prego, l'ho fatto con piacere, anzi grazie per le interessanti domande e riflessioni.
Certamente tutti i CAD3D sono simili, nel senso che quello che si ottiene è simile: un modello 3D
Quella che cambia è la strada da percorrere, come si arriva a quel modello, l'interfaccia e le funzioni. Da questo punto di vista SpaceClaim, modellazione diretta, differisce parecchio (nel bene e nel male) dagli altri CAD come SolidWorks, che invece utilizza l'albero delle funzioni (features based).

Il fatto che non utilizzi l'albero storico delle funzioni usate lo rende particolarmente adatto, come lei ha giustamente osservato, quando questo non c'è, per esempio quando si importa un modello proveniente da un altro CAD e lo si deve modificare. Un progetto realizzato in SpaceClaim ed un progetto importato in SpaceClaim sono ESATTAMENTE IDENTICI!!! SpaceClaim li gestisce esattamente allo stesso modo, i suoi strumenti sono adatti ad affrontare queste modifiche, in modo simile a come si modella la creta. SpaceClaim è inoltre adatto a chi non ha mai usato un CAD tradizionale e vuole imparare, a chi fa prototipazione e reverse engineering.

Ovviamente SpaceClaim non è adatto quando so usare bene un altro CAD Tradizionale, produco e modello pochi assemblaggi complessi (sempre gli stessi) che nel tempo miglioro e modifico (allora gli strumenti del feature based sono sicuramente migliori, associare una lavorazione, un foro, una vite, una rondella, un altro foro).

I nostri clienti che fanno lavorazione lamiera (taglio e piega) conto terzi si trovano benissimo con SpaceClaim, e a parer mio non c'è un software migliore per fare questo (oltre all'utilizzo il costo basso e l'apertura di quasi tutti i formati nativi compreso CATIA 5 lo rendono ideale).
 

nicolas74

Utente poco attivo
Professione: pippo
Software: Think3, Proe wf5, catia v5, autopol, autocad,
Regione: Piacenza
#13
Si, come dice marcof, io sono un tecnico Overcam, rivenditore di SpaceClaim (specializzati soprattutto in lamiera, progettazione, sviluppo e taglio).

Ho trovato 10 minuti per fare questo video:
[video=youtube;ZCFYe2If5-o]https://www.youtube.com/watch?v=ZCFYe2If5-o[/video]

Spero le sia utile (non ho mostrato tutte le tecniche precedentemente elencate, ma solo quella che ho ritenuto più idonea in questo caso, cioè la tecnica della proiezione ed il trascinamento con sottrazione).
ciao,
sono molto interessato da questo spaceclaim, adesso uso inventor. Per curiosità che prezzo ha con il modulo lamiera?
se riesco ad invogliare il titolare con il prezzo, magari una licenza la prende....
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#14
ciao,
sono molto interessato da questo spaceclaim, adesso uso inventor. Per curiosità che prezzo ha con il modulo lamiera?
se riesco ad invogliare il titolare con il prezzo, magari una licenza la prende....
Ciao Nicolas,
più che il prezzo del software sicuramente basso, l'aspetto più interessante è il costo post-vendita decisamente più basso rispetto a software più complicati:
-numero di giornate di corso necessarie
-tempo di apprendimento necessario per essere "produttivi" usandolo
-assistenza necessaria

Questi costi in genere "nascosti" secondo me superano di gran lunga il costo del software di ottimi (ma complicati) programmi come proe o catia... in quanti giorni si impara? Quanto costano i corsi? In quanto tempo riesci a progettare/sviluppare/documentare in modo abbastanza rapido? Di quanta assistenza hai bisogno?