UGS vs CATIA nel settore marine

Professione: Progettista Industriale / R&D
Software: Rhino, Alias, SW, Inventor, Lisa, OpenFoam, altri
Regione: Emilia
#1
Leggevo sulla home page del rilascio del pacchetto CENIT NavalArchitect per CATIA. Mi sembrava (ma potrei sbagliarmi) che CATIA non avesse il primato nel parco utenti del settore nautico se fatti i confronti con UGS. Secondo voi questi nuovi pacchetti della Dassault Systèmes potrebbero rimettere in discussione tale assetto?
UGS possiede delle funzioni analoghe?
 

UGoverALL

Guest
#2
Leggevo sulla home page del rilascio del pacchetto CENIT NavalArchitect per CATIA. Mi sembrava (ma potrei sbagliarmi) che CATIA non avesse il primato nel parco utenti del settore nautico se fatti i confronti con UGS. Secondo voi questi nuovi pacchetti della Dassault Systèmes potrebbero rimettere in discussione tale assetto?
UGS possiede delle funzioni analoghe?
Lo Ship Building è una cosa particolare.
IMHO fa molto di più l'esperienza che il prodotto di per se.
A quel che so io (poco :tongue:), la differenza fra Catia e NX in questo segmento è:
- NX è più forte come gestione dati (TC)
- Catia copre una "fetta" di progettazione più ampia (preprogetto - progetto - manufacturing), mentre NX per es il Preprogetto non lo tratta proprio in modo specifico, ma si affida alle funzionalità standard (che vanno quindi configurate etc).
... in Italia sembra che NX sia più diffuso (Azimut, Benetti, Sanlorenzo, Sessa), in Germania lo stesso... perchè i team locali sono bravi...
Magari in altri paesi la situazione è diversa.

In generale il commento che faccio è che forse ci sono troppe "aspettative" su questi pacchetti verticali, come se ti dovessero risolvere di loro natura i tuoi problemi progettuali...
Non è così.

Altro commento su NX... Alcune cose che mancano potrebbero essere ottenute con un dispendio di forze minimo, "customizzando" un minimo l'ambiente (2D, Routing, Wiring per es)... ma mi pare che le aziende siano restie a farlo... il perchè mi sfugge.

Spero di essere stato obiettivo (con 1 B).
 
Ultima modifica:
Professione: Progettista Industriale / R&D
Software: Rhino, Alias, SW, Inventor, Lisa, OpenFoam, altri
Regione: Emilia
#3
... in Italia sembra che NX sia più diffuso (Azimut, Benetti, Sanlorenzo, Sessa), in Germania lo stesso... perchè i team locali sono bravi...
Magari in altri paesi la situazione è diversa.
Be', quelle che hai appena citato sono considerate a livello internazionale le Ferrari dei mari, dunque mi pare una bella referenza.


In generale il commento che faccio è che forse ci sono troppe "aspettative" su questi pacchetti verticali, come se ti dovessero risolvere di loro natura i tuoi problemi progettuali...
Non è così.
Sono Convinto. Certo che i tools aggiuntivi possono aiutare, ma spesso non sono quelli a fare la differenza.

La più grande rivoluzione che mi ha cambiato il modo di lavorare è stato il passaggio dalla tavola prospettica fatta di carta e matita all'ambiente 3D dei modelli virtuali. Da allora mi pare che anche l'eccellenza delle funzioni aggiunte di un CAD siano poco influenti difronte all'estro progettuale e all'esperienza personale, mentre queste fanno sicuramente la differenza nell'ambito di procesi produttivi su operazioni specializzate e ripetitive, che non è certo il caso del marine design.

In cosa consiste, ovvero come avviene o come viene gestito il preprogetto da parte di un software come questi?
 

UGoverALL

Guest
#4
Be', quelle che hai appena citato sono considerate a livello internazionale le Ferrari dei mari, dunque mi pare una bella referenza.



Sono Convinto. Certo che i tools aggiuntivi possono aiutare, ma spesso non sono quelli a fare la differenza.

La più grande rivoluzione che mi ha cambiato il modo di lavorare è stato il passaggio dalla tavola prospettica fatta di carta e matita all'ambiente 3D dei modelli virtuali. Da allora mi pare che anche l'eccellenza delle funzioni aggiunte di un CAD siano poco influenti difronte all'estro progettuale e all'esperienza personale, mentre queste fanno sicuramente la differenza nell'ambito di procesi produttivi su operazioni specializzate e ripetitive, che non è certo il caso del marine design.

In cosa consiste, ovvero come avviene o come viene gestito il preprogetto da parte di un software come questi?
Nella scuderia abbiamo anche Pershing, Lurssen e Blohm + Voss se è per questo... ma, as usual, non è che i nomi noti facciano automaticamente un buon software.

La parte Preprogetto dovrebbe fare tutte quelle attività di impostazione tipo baricentri, analisi fluidodinamiche etc
tutte cose che NX fa o con piccole configurazioni (sapendolo usare, ovvio... cosa per nulla semplice visto il livello e il turnover delle persone)
 
Ultima modifica:

UGoverALL

Guest
#5
In generale però, il mio pensiero è che l'ottimizazione della progettazione passi da un cambio di mentalità che nello Ship ancora non c'è stato...
magari sbaglio, eh...
 
Professione: Progettista Industriale / R&D
Software: Rhino, Alias, SW, Inventor, Lisa, OpenFoam, altri
Regione: Emilia
#6
La parte Preprogetto dovrebbe fare tutte quelle attività di impostazione tipo baricentri, analisi fluidodinamiche etc
Ora mi è chiaro, in pratica si tratta dell'impostazione delle specifiche di base che costituiscono l'obiettivo che si vuole raggiungere. Rhino non ha una feature di preprogetto dedicata, però man mano che procedo, mi ricordo di verificare i volumi, la posizione dei baricentri e dunque le condizioni idrostatiche, mentre l'analisi idrodinamica non è possibile senza ricorrere ad altri software.


In generale però, il mio pensiero è che l'ottimizazione della progettazione passi da un cambio di mentalità che nello Ship ancora non c'è stato...
magari sbaglio, eh...
A questo punto mi hai incuriosito, a che cosa ti riferisci? :smile:
 

UGoverALL

Guest
#7
A questo punto mi hai incuriosito, a che cosa ti riferisci? :smile:
Il Nautico è ancora troppo ancorato al 2D e ad una documentazione che è al 95% cartacea...
Io penso che occorra fare un salto verso una vera progettazione 3D/Simultaneous/Virtuale... in cui:
1) Fin dal concept si vada a definire la nave in 3D
2) la qualità delle parti CAD a corredo sia ben definita e coerente con gli scopi di progetto
3) La collaborazione con gli esterni sia fatta secondo dati/procedure ben definite
4) Ci siano delle regolari sedute di Digital Mockup
5) Che i vari "pezzi" della nave (strutture, impianti etc) siano creati con i moduli specifici in modo che sia possibile andare a creare una DB il + possibile ricca e dinamica
6) Che il CAD 3D sia usato nella sua accezione migliore, andando a sfruttarne quindi la caratteristiche (calcolo pesi, baricentri etc etc)
7) Che l'integrazione con il PLM sia "vera" e nel PLM siano descritte le varie distinte che la nave ha (Progettazione, Produzione etc)

Insomma, il cammino che l'Automotive e l'Aerospace hanno intrapreso tanti anni fa, con strumenti al tempo inadeguati...
... ma che adesso permettono di avere una progettazione rapidissima e soprattutto un Ripetibilità assoluta e costi sotto controllo...

ne avrei tante idee, ma forse il forum non è proprio il posto + adatto per esprimerle...

Ciao,
UoA
 
Professione: Progettista Industriale / R&D
Software: Rhino, Alias, SW, Inventor, Lisa, OpenFoam, altri
Regione: Emilia
#8
Si, è vero, il settore marine è più tradizionalista e conservatore rispetto all'automotive o rispetto all'aereospace, anche se sicuramente vanno distinte le singole realtà.

...grazie per le esaudenti risposte.
Ciao!
 

enri

Utente Senior
Professione: Architetto
Software: Rhino-VectorWorks e altri
Regione: Italia
#9
Il Nautico è ancora troppo ancorato al 2D e ad una documentazione che è al 95% cartacea...

UoA
Un pò come l'architettura, ma penso che non sia molto semplice, dopotutto è più facile che un progetto nautico sia diverso dall'altro piuttosto che in serie, dove il processo di industrializzazione del prodotto è lo standard oggi, che dici?
 

UGoverALL

Guest
#10
Un pò come l'architettura, ma penso che non sia molto semplice, dopotutto è più facile che un progetto nautico sia diverso dall'altro piuttosto che in serie, dove il processo di industrializzazione del prodotto è lo standard oggi, che dici?
Uno dei "crucci" dei DT delle aziende navali è quando il Direttore Generale dice: "occorre fare una REPLICA dello yacht XYZ...".
Replica de che che non sanno come hanno fatto la prima??