Superficie multisezione

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#21
Punto 6: provo a spiegarmi in maniera meno criptica.
Esempio: ho tre sezioni con un numero di segmenti NON uguale (immagine edge-01.jpg). Se faccio una multisezione senza ulteriori indicazioni, il risultato si vede in edge-02, cioè Catia deve necessariamente trovare un soluzione "uniformando" il numero di sezioni (segmenti di destra - un edge passa in un punto a caso di un segmento degli sketcher arancio e verde); inoltre, senza indicare una curva guida nei segmenti di sinistra ogni punto (spigolo) genera un edge interno (e non governabile singolarmente) con il risultato di generare un superficie UNICA costituita da 5 patch: un alto numero di patch non comporta problemi (se non una inutile complessità della superficie) finché qualche fillet farà fatica correre!
edge-03.jpg spiega perchè conviene governare anche le curve interne.
edge-04.jpg spiega come (e perchè) conviene avere un numero di segmenti omogeneo (il numero di segmenti omogeneo si ottiene facendo il "break" di un segmento all'interno dello sketcher di appartenenza)
edge-05.jpg spiega come allineare il coupling sui vertici (quelli che nelle immagini ho chiamato "punti")
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#22
...continua

edge-06.jpg spiega la differenza tra la soluzione automatica della superficie (curva di bordo) e la possibilità di governare lo stesso con la curva desiderata
edge-07.jpg - risultato finale
Spiegarmi non è il mio forte; spero di essere stato più chiaro di prima.

Per visionare il file dovrei fatturarti la prestazione: potrebbe costarti fino ad un massimo di una cassa da 6 bottiglie di vino di produzione locale:
2 Inzolia,
2 Catarratto
2 Frappato
ovviamente di ottimi produttori!!! (ottimi, non famosi...)
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#23
...continua
IMA: si modella per 'subdivision surfaces', cioè patch (o facce) che sono in continuità di curvatura. Si modella 'tirandone' i punti di controllo (punti di controllo della mesh, non della singola patch) oppure modificando l'attenuazione (o tensione) degli edge fino ad ottenere uno spigolo vivo (quindi senza continuità, né di tangenza, né di curvatura).
Partire da una sfera o da un cubo è assolutamente identico: il cubo è una sfera con tutti gli edge "attenuati" al 100%.
Comunque, per il Product Design, per le auto (non classe A) e per altri componenti di forma non strettamente geometrica va molto bene (su youtube c'è un video di come modellano un condotto aria di una moto) .
Per l'aeromodellismo ancora di più!!!
Inizia così:
- tieniti 'sotto' i blueprint o le curve del tuo modello ed inserisci una sfera
- elimina la faccia verso la mezzeria (IMA-1.jpg)
- premi F4 e mettiti in vista laterale.
- doppio clic sulla SubdivSurf ed appaiono i suoi poligoni
- tasto ALT+tasto SIN mouse fai una trappola comprendente i punti che vuoi muovere (ALT+CTRL=multiselezione)
- allarga gli estremi fino a comprendere la dimensione di massima ed aggiungi un numero 'X' di linee di mesh (sezioni) selezionando un edge del lato in cui vuoi aumentarne il numero (IMA-2.jpg),
- sempre in vista laterale, allarga, abbassa, stira e muovi fino ad avvicinarti alla forma di massima (IMA-3.jpg)
- se necessario (ed è necessario!!!) aggiungi ancora linee di mesh nella zona anteriore per meglio definire il 'naso' (IMA-4.jpg)
- premi F4, scegli la vista dall'alto e ripeti le operazioni
- premi F4 scegli la vista frontale e ripeti le operazioni fino a raggiungere un livello di dettaglio approssimativamente vicino alla forma finale
e continua così fino a raggiungere la forma finale che più ti piace.
Note, commenti, consigli, ovvero il MIO modo di lavorare: probabilmente non è il migliore ma mi trovo bene così:
Non aggiungere tutte le linee di mesh all'inizio, aggiungine man mano che te ne servono
Lavora molto con le viste ISO (F4 è comodissimo)
Lavora sulla simmetria SENZA preoccuparti di tenere i poli allineati su Y0, anzi, vai un po'oltre (scoprirai la simmetria in continuità di curvatura)
Attento che quando aggiungi una (o più) linee di mesh, modifichi la forma quindi, VERIFICA sempre
Usa la SubdivSurf come superficie di massima: IMA è integrato con il GSD, quindi alcune zone le potrai risolvere con le superfici canoniche senza diventare matto con i poligoni
con F2 vai in vista prospettica: è molto comoda per vedere la forma "reale"
prova tutte le icone che hai a schermo e scopri cosa fanno, poi, prova, prova e riprova: è solo questione di "farci la mano"

...e con questo mi aggiungi una confezione da 6 di Cerasuolo di Vittoria + ricetta originale della pasta con sarde (non quelle della TV!!!)

PS: buon divertimento
 

Allegati

Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#25
...continua
IMA: si modella per 'subdivision surfaces', cioè patch (o facce) che sono in continuità di curvatura. Si modella 'tirandone' i punti di controllo (punti di controllo della mesh, non della singola patch) oppure modificando l'attenuazione (o tensione) degli edge fino ad ottenere uno spigolo vivo (quindi senza continuità, né di tangenza, né di curvatura).
Partire da una sfera o da un cubo è assolutamente identico: il cubo è una sfera con tutti gli edge "attenuati" al 100%.
Comunque, per il Product Design, per le auto (non classe A) e per altri componenti di forma non strettamente geometrica va molto bene (su youtube c'è un video di come modellano un condotto aria di una moto) .
Per l'aeromodellismo ancora di più!!!
Inizia così:
- tieniti 'sotto' i blueprint o le curve del tuo modello ed inserisci una sfera
- elimina la faccia verso la mezzeria (IMA-1.jpg)
- premi F4 e mettiti in vista laterale.
- doppio clic sulla SubdivSurf ed appaiono i suoi poligoni
- tasto ALT+tasto SIN mouse fai una trappola comprendente i punti che vuoi muovere (ALT+CTRL=multiselezione)
- allarga gli estremi fino a comprendere la dimensione di massima ed aggiungi un numero 'X' di linee di mesh (sezioni) selezionando un edge del lato in cui vuoi aumentarne il numero (IMA-2.jpg),
- sempre in vista laterale, allarga, abbassa, stira e muovi fino ad avvicinarti alla forma di massima (IMA-3.jpg)
- se necessario (ed è necessario!!!) aggiungi ancora linee di mesh nella zona anteriore per meglio definire il 'naso' (IMA-4.jpg)
- premi F4, scegli la vista dall'alto e ripeti le operazioni
- premi F4 scegli la vista frontale e ripeti le operazioni fino a raggiungere un livello di dettaglio approssimativamente vicino alla forma finale
e continua così fino a raggiungere la forma finale che più ti piace.
Note, commenti, consigli, ovvero il MIO modo di lavorare: probabilmente non è il migliore ma mi trovo bene così:
Non aggiungere tutte le linee di mesh all'inizio, aggiungine man mano che te ne servono
Lavora molto con le viste ISO (F4 è comodissimo)
Lavora sulla simmetria SENZA preoccuparti di tenere i poli allineati su Y0, anzi, vai un po'oltre (scoprirai la simmetria in continuità di curvatura)
Attento che quando aggiungi una (o più) linee di mesh, modifichi la forma quindi, VERIFICA sempre
Usa la SubdivSurf come superficie di massima: IMA è integrato con il GSD, quindi alcune zone le potrai risolvere con le superfici canoniche senza diventare matto con i poligoni
con F2 vai in vista prospettica: è molto comoda per vedere la forma "reale"
prova tutte le icone che hai a schermo e scopri cosa fanno, poi, prova, prova e riprova: è solo questione di "farci la mano"

...e con questo mi aggiungi una confezione da 6 di Cerasuolo di Vittoria + ricetta originale della pasta con sarde (non quelle della TV!!!)

PS: buon divertimento
E potevi parlare prima... da se vieni a casa mia ti offro un bel pranzo a te e alla tua ragazza/moglie compreso il buon fino.
E' impressionante la potenza di IMA. Sono riuscito a fare velocemente la fuso, ma che dovrà essere curata più in dettaglio.

Rispenderò più in dettaglio.. o chiederò meglio :biggrin:
 

Allegati

Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#26
...continua
IMA:Comunque, per il Product Design, per le auto (non classe A) e per altri componenti di forma non strettamente geometrica va molto bene
Che si intende per product design e per auto di classe A?

(su youtube c'è un video di come modellano un condotto aria di una moto) .si l'avevo visto, bel lavoro, ma impossibile per me per il semplice fatto che per pc ho un trattore.
Per l'aeromodellismo ancora di più!!!
Inizia così:
- tieniti 'sotto' i blueprint o le curve del tuo modello ed inserisci una sfera
- elimina la faccia verso la mezzeria (IMA-1.jpg)
- premi F4 e mettiti in vista laterale.
fooorte questo F4
- doppio clic sulla SubdivSurf ed appaiono i suoi poligoni (barra spazio?)
- tasto ALT+tasto SIN mouse fai una trappola comprendente i punti che vuoi muovere (ALT+CTRL=multiselezione)mi da un cerchio con scritto sfondo e posso selezionare una riga dell'elenco proposto.
- allarga gli estremi fino a comprendere la dimensione di massima ed aggiungi un numero 'X' di linee di mesh (sezioni) selezionando un edge del lato in cui vuoi aumentarne il numero (IMA-2.jpg),
- sempre in vista laterale, allarga, abbassa, stira e muovi fino ad avvicinarti alla forma di massima (IMA-3.jpg)
- se necessario (ed è necessario!!!) aggiungi ancora linee di mesh nella zona anteriore per meglio definire il 'naso' (IMA-4.jpg)
- premi F4, scegli la vista dall'alto e ripeti le operazioni
- premi F4 scegli la vista frontale e ripeti le operazioni fino a raggiungere un livello di dettaglio approssimativamente vicino alla forma finale
e continua così fino a raggiungere la forma finale che più ti piace.

:biggrin: wow

Note, commenti, consigli, ovvero il MIO modo di lavorare: probabilmente non è il migliore ma mi trovo bene così:
Non aggiungere tutte le linee di mesh all'inizio, aggiungine man mano che te ne servono
Lavora molto con le viste ISO (F4 è comodissimo)
Lavora sulla simmetria SENZA preoccuparti di tenere i poli allineati su Y0, anzi, vai un po'oltre (scoprirai la simmetria in continuità di curvatura)
sarebbe? A che ci sono ti chiedo anche: posso rendere complanari due o più facce adiacenti? E a che parliamo di continuità ti chiedo che differenza c'è tra G0.G1,G2 e G3.

Attento che quando aggiungi una (o più) linee di mesh, modifichi la forma quindi, VERIFICA sempre
Usa la SubdivSurf come superficie di massima: IMA è integrato con il GSD, quindi alcune zone le potrai risolvere con le superfici canoniche senza diventare matto con i poligoni
con F2 vai in vista prospettica: è molto comoda per vedere la forma "reale"
prova tutte le icone che hai a schermo e scopri cosa fanno, poi, prova, prova e riprova: è solo questione di "farci la mano"

...e con questo mi aggiungi una confezione da 6 di Cerasuolo di Vittoria + ricetta originale della pasta con sarde (non quelle della TV!!!)

PS: buon divertimento
grazie sei stato gentile.
Ti aspetto per il pranzo, come detto a Ferrezio, ma separatemente così vi spolpo :biggrin:

Appena possibile posto altre foto.
 
Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#27
Sono impressionanti la sinuosità, la pulizia e la velocità di esecuzione che si possono raggiungere.
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#28
Che si intende per product design e per auto di classe A: per Product Design intendo tutti gli oggetti che hanno una valenza estetica, come ad esempio: mouse, telefono, telefonino, tagliaerba, asciugacapelli, macchina del caffè, motosega, flacone dello shampoo, casco (bici, moto, sci, ecc), ecc. ovvero tutti quei prodotti che sempre più devono essere esteticamente gradevoli (apprezzati dall'acquirente) ma che non sono auto, moto o aerei.
Classe A: se cerchi nel forum ci sono fior di discussioni. E' una tipologia di modellazione (non è un workbench!) dove si creano superfici secondo canoni di qualità elevatissima (G3+ metodologia).
G0= continuità di punto (spigolo)
G1= continuità di tangenza
G2= continuità di curvatura (fino al secondo CTRL point)
G3= continuità di curvatura (fino al terzo CTRL point)

- tasto ALT+tasto SIN mouse fai una trappola comprendente i punti che vuoi muovere (ALT+CTRL=multiselezione)mi da un cerchio con scritto sfondo e posso selezionare una riga dell'elenco proposto. ---- SCUSA ---- mi devo correggere, non è ALT ma Shift (o maiuscolo). ALT serve per selezionare entità nascoste e non per fare la trappola come ti dicevo.
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#29
E ora dedichiamoci alla coda (ultimi aiuti che poi purtroppo non ho più molto tempo a disposizione, magari lo riprendiamo più avanti).

Metodo che poi potrai usare anche per altre parti del modello (la semiala?).

CODA-1.jpg: seleziona i bordi della patch di chiusura e porta il valore della 'attraction' fino a 100 (riquadro nel mezzo per scegliere l'attrazione a spigolo e non in curvatura) - attenzione: a mio avviso se scegli l'opzione spigolo, non ha senso un valore diverso da 100, viceversa è utile, e lo vedremo dopo, per l'opzione curvatura.
CODA-2.jpg: risultato
CODA-3.jpg: funzione 'extrusion' per estrudere partendo da una patch (scegli l'ultima faccia come da bordi evidenziati in arancio)
CODA-4.jpg: allunga verso l'alto la faccia superiore
CODA-5.jpg: elimina la patch interna (come per la sfera iniziale)
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#30
...continua

CODA-6.jpg: noterai che i punti di controllo estremi non sono allineati, selezionali e scegli l'opzione nel riquadro; scegli uno dei due piani proposti (quello verticale)
CODA-7.jpg: in due riprese seleziona e dai 'attrazione' agli edge indicati; ai due più in alto dai valore 75 a quello più in basso 50 (così accompagni la curvatura verso quella della fusoliera)
CODA-8.jpg: TIMONE: aggiungi un cubo, posizionalo correttamente e rimuovi le facce come da immagine
CODA-9.jpg: fai un offset di x millimetri di quel che resta del cubo appena creato
CODA-10.jpg: Split della SubdivSurf per ottenere le due superfici

Potrresti seguire la stess strada per costruire la semiala oppure potresti aggiungere una SubdivSurf e poi raccordarla con la fusoliera, io sceglierei la seconda anche se non ci sono differenze sostanziali.

Buon divertimento
 

Allegati

Ultima modifica:
Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#31
Che si intende per product design e per auto di classe A: per Product Design intendo tutti gli oggetti che hanno una valenza estetica, come ad esempio: mouse, telefono, telefonino, tagliaerba, asciugacapelli, macchina del caffè, motosega, flacone dello shampoo, casco (bici, moto, sci, ecc), ecc. ovvero tutti quei prodotti che sempre più devono essere esteticamente gradevoli (apprezzati dall'acquirente) ma che non sono auto, moto o aerei.
Classe A: se cerchi nel forum ci sono fior di discussioni. E' una tipologia di modellazione (non è un workbench!) dove si creano superfici secondo canoni di qualità elevatissima (G3+ metodologia).
G0= continuità di punto (spigolo)
G1= continuità di tangenza
G2= continuità di curvatura (fino al secondo CTRL point)
G3= continuità di curvatura (fino al terzo CTRL point)

- tasto ALT+tasto SIN mouse fai una trappola comprendente i punti che vuoi muovere (ALT+CTRL=multiselezione)mi da un cerchio con scritto sfondo e posso selezionare una riga dell'elenco proposto. ---- SCUSA ---- mi devo correggere, non è ALT ma Shift (o maiuscolo). ALT serve per selezionare entità nascoste e non per fare la trappola come ti dicevo.
per continuità di curvatura intendi di concavità o convessità? O che vengono ammessi punti di flesso? O altro?
Per costruire velivoli in scala a che livello di qualità dovrei attestarmi?

Allora Barlafus quando vieni a trovarmi? :biggrin:
Grazie per le tue utilissime informazioni :finger: che aiuteranno anche chi non ti ha assicurato un pranzo :wink:

Adesso vorrei chiederti: posso creare uno spigolo diagonale tra vertici da me scelti e lavorarci? Per esempio, in allegato dovrei creare quella sorta di superficie triangolare con alla base uno spigolo vivo verso l'interno della fusoliera?

(conosci bene gli aerei vero?)
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#32
partiamo dalla fine:
superficie triangolare intestata sulla fusoliera con uno spigolo: con IMA non conviene, visto che poi dovrà essere tangente alla parte relativa alla cabina (se non sbaglio). La farei con Free Style: a spigolo e poi imponi la tangenza sulla centina della cabina (prova con il match surface, tra FSS e IMA funziona).

Curvatura: per continuità intendo sia in caso di superficie concava, sia convessa; l'importante è che entrambe le superfici siano congruenti (entrambe concave o convesse). Il flesso è ammesso solo se voluto, altrimenti il colpo di luce ti fa delle schifezze inguardabili. Esempio di flesso ammesso: gonfiatura dei passaruota delle auto.
Per un aeromodello secondo me la continuità che ti dà IMA è molto. In caso di zone complesse potresti anche fermarti alla tangenza. Non è un problema di aerodinamica, è più legato al processo di produzione. Se il tuo pezzo è in plastica stampata, beh, quando esce dallo stampo può essere anche molto diverso dalla forma del modello.

Aerei? So soltanto che vanno rapidamente da un punto A ad un punto B, incredibilmente senza toccare terra, e che le hostess sono mediamente carine.
 
Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#33
partiamo dalla fine:
superficie triangolare intestata sulla fusoliera con uno spigolo: con IMA non conviene, visto che poi dovrà essere tangente alla parte relativa alla cabina (se non sbaglio). La farei con Free Style: a spigolo e poi imponi la tangenza sulla centina della cabina (prova con il match surface, tra FSS e IMA funziona).
quindi posso tagliare una faccia dalla superficie IMA e connetterla ad una superficie realizzata con FS? Ho intenzione di fare così il piano di coda perchè nel tuo modo non mi risulta semplicissimo, ma il taglio con la superficie del timone è stata una bella dritta.

Curvatura: per continuità intendo sia in caso di superficie concava, sia convessa; l'importante è che entrambe le superfici siano congruenti (entrambe concave o convesse). Il flesso è ammesso solo se voluto, altrimenti il colpo di luce ti fa delle schifezze inguardabili. Esempio di flesso ammesso: gonfiatura dei passaruota delle auto.
Per un aeromodello secondo me la continuità che ti dà IMA è molto. In caso di zone complesse potresti anche fermarti alla tangenza. Non è un problema di aerodinamica, è più legato al processo di produzione. Se il tuo pezzo è in plastica stampata, beh, quando esce dallo stampo può essere anche molto diverso dalla forma del modello.
Sarebbe diverso? E che senso avrebbe allora? Ma comunque non sarà in plastica, ma tutto in legno. Importante sarà la cura del disegno per realizzare bene le ordinate (tra le tante altre cose), lo scaletto per tutto il modello e posizionare opportunamente correntini e la superficie in balsa. (Ma non prima di un Piper in corso, che ho momentaneamente sospeso per allentare lo stress da progettazione, stavo impazzendo, ma volevo imparare a lavorare meglio con le superfici).

Aerei? So soltanto che vanno rapidamente da un punto A ad un punto B, incredibilmente senza toccare terra, e che le hostess sono mediamente carine.
:rolleyes: non ci credo minimamente :tongue:
Come si fa ad analizzare la superficie creata in modo che non presti per esempio avallamenti, bozzature (se così si possono chiamare) e fare in modo che sia uniforme? Spero d'essermi spiegato.
 
Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#35
C'è modo per far si che la curva generata da un'intersezione tra superfici diventi gestibile come fossero curve di patch?

O pensate che sia meglio tagliare la superficie della fuso in due parti, stringere il famoso triangolo e poi aggiungere patch e raccordarle?

La seconda mi sembra laboriosa.
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#36
"C'è modo per far si che la curva generata da un'intersezione tra superfici diventi gestibile come fossero curve di patch?"
No.

"O pensate che sia meglio tagliare la superficie della fuso in due parti, stringere il famoso triangolo e poi aggiungere patch e raccordarle?"
E' laboriosa ma è l'unica strada da seguire.

analizzare la superficie:
Le due opzioni che uso di più sono: Cutting Planes e Analisi delle "Zebra Lines" (capisci il termine "Zebra" dall'immagine...). Non so quale licenza tu abbia, ma se hai IMA dovresti avere anche queste possibilità di analisi.
La prima ti permette di effettuare una o più sezioni orientandole come preferisci (prova a fare un numero infinito di sezioni distanti 10mm e vedi il risultato; inoltre, per oigni sezione, puoi visualizzare l'andamento della sua curvatura (vedi immagine 'sezioni.jpg')
La seconda ti fa anlizzare 'l'andamento delle curvature' visualizzando sul modello dei fasci bianchi e neri (che puoi personalizzare). Si giudica l'andamento più o meno "gradevole" dei bianchi e neri.
lo sviluppo delle zebra va giudicato tra le varie patch: se tra una patch e la vicina la curva bianca non si spezza o non fa spigolo allora è buona, al contrario fa risaltare un'imperfezione (che a volte può essere voluta)
Nell'immagine Zebra.jpg ho indicato con 'OK' il buon andamento di alcune linee e con 'KO' l'andamento "frastagliato"; dove ho indicato KO abbiamo forzato degli spigoli, quinidi, in quella zona, le zebra non saranno MAI belle.
Fai alcune prove modificano i parametri e vedi i vari risultati.
Buon lavoro
 

Allegati

Professione: impiegato
Software: Catia v5 e il profumo di SWX
Regione: sicilia
#37
Sempre prezioso, grazie adesso ho un quadro penso sufficiente per poter lavorare.
Ho provato il primo e ho posato il pc per 20minuti...ho un trattore. :mad: proverò a breve il secondo.

Nel frattempo voglio condividere con la comunità un metodo che sto usando per realizzare la fuso pur non avendo le ordinate intermedie (chi si trovasse tale info per il tecnam P2002 JF è pregato di contattarmi): il metodo consiste nel creare in FS delle curve 3D che percorrano il profilo su tutte e 3 le dimensioni per avere un idea della forma da raggiungere e proiettare queste curve sulla superficie IMA la quale dovrà essere lavorata opportunamente finché la proiezione sulla superficie non coincida con la curva 3D di origine. :mixed:
 

Allegati