• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Stampo per manufatto pareti sottili

GIULIOGE

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Pro/e Sw
Regione: lombardia
#1
Sto cercando un produttore che costruisca uno stampo per iniezione a due o piu impronte in grado di produrre dei vassoi di dimenioni esterne 200x160 rofondita' 65 con spessore massimo 0.5 mm.
Possibilmente usando PET come materiale.
Sarebbe richiesta una produttivita molto alta (60 oggetti minuto)
 

apple

Utente Standard
Professione: in sviluppo
Software: Spider FreeCell Pro_E
Regione: Lombardia
#2
Suggerirei la termoformatura; ogni 6 secondi hai una stampata e giocando sul n. di impronte dovresti ottenere quello che chiedi.
Ciao
 

GIULIOGE

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Pro/e Sw
Regione: lombardia
#3
Si in effetti la termofomatura e' la tecnologia piu comune.
Quello vorrei evitare sono gli scarti tipici del processo di termoformatura che parte da bobina.
 

MoldKiller

Guest
#4
Si in effetti la termofomatura e' la tecnologia piu comune.
Quello vorrei evitare sono gli scarti tipici del processo di termoformatura che parte da bobina.
Il problema è che 0.5mm di spessore sono molto duri da riempire e 60 pezzi al minuto sono molti!
Occorrerebbero stampi particolari e concepiti diversamente dal solito, tipo estrazione solo ad aria e maschi in materiali ad alta conduttività termica.
Senza contare che le impronte andrebbero iniettate con ugelli a punta calda e camera calda multi-impronta.
Quindi sarebbe un costo iniziale tuttaltro che indifferente!

Io conosco qualcuno che a fatto stampi del genere, ma ho dubbi sullo spessore.

Ciao
 

tenerone

Utente Standard
Professione: Project engineer per gioco e per diletto...
Software: Creo 2.0 + Windchill
Regione: Ticino - Svizzera
#5
Senza contare che le impronte andrebbero iniettate con ugelli a punta calda e camera calda multi-impronta.
Quindi sarebbe un costo iniziale tuttaltro che indifferente!
Ciao
Altro che se costoso....7-10.000 euro per ogni camera calda..

60 pz/1' hai idea quanti siano al secondo??
Anche con 2 impronte la vedo dura...tieni conto che noi stampiamo circa 60 pz al 1' con uno stampo ad iniezione in termoplastico a 2 impronte di un perno piccolissimo...
Con + di 2 impronte avrai a che fare con ingombri stampo ragguardevoli...
 
Ultima modifica:

IPdesign

Guest
#6
Fatevi un'analisi moldflow, secondo mè non si riempie con quello spessore, e se si dovesse anche riempire ho paura che nelle parti terminali qualche bruciatura alla fine ci sarebbe .
In più se si usa un doppio ugello si vedrebbe la giunzione al centro.
Io andrei sulla termoformatura .
 

MoldKiller

Guest
#7
Il doppio ugello non è neanche da prendere in considerazione!
Se lo spessore ere di almeno 1mm si poteva parlarne, ma 0.5mm a parer mio non si riempie neanche piangendo.
Però non è detto, appena vedo la persona giusta (stampa le vaschette per il gelato) provo a chiedere un parere.

In ogni caso per una tale produzione mi sa che ci vogliono 8 impronte (4-500 Euro ad ugello + la camera calda ad 8 impronte:eek:).

Ciao
 

IPdesign

Guest
#8
8 impronte da 200 x 160 credo venga uno stampone improponibile .

Io ai miei clienti in questi casi consiglio sempre 2 stampi , in caso di manutenzione e/o guasti la produzione si ferma solo in parte.
Non è sbagliato pensare anche ai necessari fermi fisiologici .
In più non necessita di presse enormi
 

MoldKiller

Guest
#9
Ho chiesto alcune informazioni;
E' possibile stampare pezzi così sottili, ma il fondo necessita uno spessore maggiore, altrimenti le pareti non si riempiono.
Per stampare una tale quantità occorre utilizzare delle macchine apposite per lo stampaggio veloce (circa una stampata ogni 5 secondi), poi basta fare il conto.
Sia matrice che punzone devono avere parti ad alta conduciblilità termica riportate.
Poi il numero di impronte è naturalmente limitato dalle dimensioni della macchina, comunque stampare pareti così sotili necessita di macchine molto potenti!

Ho dubbi sul PET, in quanto non conosco nessuno che lo stampa ad iniezione

Sono informazioni che ho avuto da chi fa questo genere di lavori che a me non sono mai capitati, comunque visto che sono anni che questi stampano questa tipologia, ritengo siano informazioni attendibili.

Ps. mi è stato anche detto che se si può usare la termoformatura è certamente una tecnologia moto più economica!

Ciao a tutti
 

tenerone

Utente Standard
Professione: Project engineer per gioco e per diletto...
Software: Creo 2.0 + Windchill
Regione: Ticino - Svizzera
#10
Di sicuro andrei sulla termoformatura, è vero che utilizzando i 'rotoli' è inevitabile avere dello scarto, ma alla fine tirando le somme rispetto alle altre soluzioni (in gran parte infattibili) è quella migliore.
 

GIULIOGE

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Pro/e Sw
Regione: lombardia
#11
Grazie a tutti per le informazioni e i pareri.
Sono stato in ferie una settimana quindi leggo solo adesso.

In effetti la termoformatura sembra essere una soluzione conservativa e piuttosto affidabile. Il problema dello scarto rimane tuttavia piuttosto serio, sopratutto considerando le normative del nord Europa ( paesi scandinavi e germania) che fanno pagare tasse sulla quantita di materia plastica usata negli imballaggi.

Io ho trovato qualcuno che stampa con pareti molto sottili ( sembrerebbe 500 micron):
http://www.steiert.com/htdocs/solutions/duennwand.php?lang=eng
Non credo che stampino PET, ma PP che penso ( da ignorante) sia piu facile da iniettare, come se non bastasse sono tedeschi e talmente pieni di lavoro che non mi hanno neanche mandato un'offerta.
 

Dan69

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks
Regione: Veneto
#12
Buongiorno, Io valuterei anche la possibilità di produrli in lamiera sp.0,5 con il sistema dell'imbutitura.

ciao a tutti
 

MoldKiller

Guest
#13
Grazie a tutti per le informazioni e i pareri.
Sono stato in ferie una settimana quindi leggo solo adesso.

In effetti la termoformatura sembra essere una soluzione conservativa e piuttosto affidabile. Il problema dello scarto rimane tuttavia piuttosto serio, sopratutto considerando le normative del nord Europa ( paesi scandinavi e germania) che fanno pagare tasse sulla quantita di materia plastica usata negli imballaggi.

Io ho trovato qualcuno che stampa con pareti molto sottili ( sembrerebbe 500 micron):
http://www.steiert.com/htdocs/solutions/duennwand.php?lang=eng
Non credo che stampino PET, ma PP che penso ( da ignorante) sia piu facile da iniettare, come se non bastasse sono tedeschi e talmente pieni di lavoro che non mi hanno neanche mandato un'offerta.
Francamente di solito si utilizza il PP, il PET che ne sappia viene usato solo per le bottiglie.

Ciao
 

tenerone

Utente Standard
Professione: Project engineer per gioco e per diletto...
Software: Creo 2.0 + Windchill
Regione: Ticino - Svizzera
#14
Francamente di solito si utilizza il PP, il PET che ne sappia viene usato solo per le bottiglie.

Ciao
Nella termoformatura si utilizza prevalentemente il polistirolo (non espanso) che ha un costo molto basso, di sicuro il PP da stampaggio è più costoso (anche se tra i più economici sul mercato delle plastiche da iniezione).
 

apple

Utente Standard
Professione: in sviluppo
Software: Spider FreeCell Pro_E
Regione: Lombardia
#15
Alcune vaschette per la vendita della frutta sono termoformate in PET
 

MoldKiller

Guest
#16
Quando parlavo di PP mi riferivo all'iniezione.
Di termo-formatura ne so poco più che niente, quindi non posso dire molto.

Francamente stiamo facendo un discorso di un'ipotetica vaschetta, ma non sappiamo neanche a cosa dovrebbe servire. Penso che il sistema per produrla dipenda anche dall'utilizzo.

Ciao
 

GIULIOGE

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Pro/e Sw
Regione: lombardia
#17
Cio che dice Mold Killer e' corretto,
In effetti il mio primo post era un po vago, mi spiace.

Sono vaschette per imballare cibo. Le applicazioni principali saranno carne, derivati dalla carne ( salumi, prosciutti mortadelle ecc), pesce affumicato, piatti pronti precotti. Non tutti gli alimenti sono uguali in effetti alcuni necessitano di una protezione maggiore all'ossigeno di altri ad esempio il prosciutto cotto deve essere molto ben protetto dall'ossigeno atmosferico il pesce affumicato no.
Il PET e' un materiale che si presta molto bene a afre vassoi per alimentare in quanto ha buone proprieta di barriera. Altro vantaggio del PET e' la sua ottima termoformabilita' ovvero se si riscalda un foglio a con unpreriscaldo temperatura di 110/115 lo si riesce a soffiare contro uno stampo freddo facendogli assumere la forma dello stampo rapidamente e bene.
Ovviamente bisogna trasportare il foglio attraverso una zona di preriscaldo, poi di stampaggio, per poi estrarre il manufatto.