• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Staccarsi dal lavoro dipendente

thiene

Utente Junior
Professione: Disegnatore 3D/Progettista
Software: PRO/E
Regione: Thiene (VI)
#1
Innanzitutto un buongiorno a tutti!
E' da un pezzo che leggo con interesse questi forum e finalmente ho deciso di parteciparvi anch'io dando quando sarà possibile il mio contributo.

Visto che questa è la sezione dedicata ai liberi professionisti volevo chiedervi alcuni consigli:
Qual'è secondo voi il migliore sistema (o le Vs esperienze personali )per passare dal lavoro dipendente al lavoro autonomo come progettista/disegnatore meccanico CAD3D.
Io attualmente sono dipendente di una medio/grande azienda meccanica e il mio ruolo e proprio quello che vi ho appenda scritto. Il mio desiderio sarebbe però quello di fare il grande salto e mettermi in proprio come libero professionista.
Quello che attualmente mi frena però è il fatto delle eventuali spese ed investimenti iniziali (ho già un mutuo e una bimba piccola) e la situazione economica di mercato in questo momento.

Ma c'è margine di guadagno in tutto ciò? Il mio attuale stipendio da dipendente si aggira sui 1700/1800 euro...

Fatemi sapere e vi ringrazio già ora
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#3
Visto il tuo attuale livello di retribuzione, che sarà ovviamente il netto, a cui va aggiunto il canonico mese di ferie retribuite, la 13a o anche 14a mensilità, il tfr ed altre "trascurabili" amenità varie, come i contributi, detto fuor dai denti e spero senza fraintendimenti, il consiglio spassionato è:
a meno che tu non sia un vero "genio" della progettazione (non semplice modellazione/designazione), stai dove sei.

Di gente che mette su lo studio o più semplicemente si apre la P.IVA e che poi si pente quando fa i conti a fine anno, il mondo ne è pieno.
Altrettanta piena è la piazza di quelli che si offrono e si presentano alle aziende come i "salvatori della patria" e che poi non riescono a progettare in modo decente neanche un tendicinghia.

E' vero che c'è tanta richiesta di outsourcing anche per i progettisti/disegnatori. Ma spesso e volentieri dietro questa "fame" ci stanno semplicemente una vagonata di problemi dai costi e dalla tempistica non quantificabili, che le aziende tendono a dare fuori ad un "tot al Kg" e chi si è visto si è visto.
Ovvero, prima il problema era mio, adesso è il tuo.

:)
 

thiene

Utente Junior
Professione: Disegnatore 3D/Progettista
Software: PRO/E
Regione: Thiene (VI)
#4
Ti ringrazio,
quindi intendi dire che visto il mio stipendio, ben difficilmente potrei guadagnare lo stesso (anche se l'ambizione sarebbe guadagnare di più) proponendomi per lavori tipo "outsourcing" aziendale.

Potrei inziare con l'aprire la partita IVA rimandendo comunque dipendente ed inizialmente utilizzarla come secondo lavoro...?
 

Dirotec

Utente Standard
Professione: Tiro righe intermittenti e curve ondulate
Software: Me10,OSD,Autocad
Regione: San Pietroni Street
#5
Ti ringrazio,
quindi intendi dire che visto il mio stipendio, ben difficilmente potrei guadagnare lo stesso (anche se l'ambizione sarebbe guadagnare di più) proponendomi per lavori tipo "outsourcing" aziendale.

Potrei inziare con l'aprire la partita IVA rimandendo comunque dipendente ed inizialmente utilizzarla come secondo lavoro...?
Ciao

secondo me come dice meccbell rimani dove sei, il tuo stipendio direi che è molto buono.......e lavorare da solo personalmente lo trovo bello ma se lo fai scordati di attaccare alle 8 e finire alle 17. Gli orari si sprecano e le giornate pure, per cui visto che hai anche una famiglia con i chiari di luna che ci sono e con il buono stipendio che hai la cosa migliore e quella di rimanere dove sei.
Poi se vuoi guardarti in giro nessuno ti vieta di farti la partita iva e vedere come riesci a muoverti.

Marco
 

stef_design

Utente Senior
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#6
Ti ringrazio,
quindi intendi dire che visto il mio stipendio, ben difficilmente potrei guadagnare lo stesso (anche se l'ambizione sarebbe guadagnare di più) proponendomi per lavori tipo "outsourcing" aziendale.

Potrei inziare con l'aprire la partita IVA rimandendo comunque dipendente ed inizialmente utilizzarla come secondo lavoro...?
1-apri partita iva
2-lavori quando stacchi con il tuo principale lavoro e nei fine settimana
3-e poi vedi.

ciao
 
Professione: Lavoro Monotono
Software: "Pala e Picco"
Regione: Piemonte
#7
Puoi anche offrirti per lavori serali e di collaborazione con ritenuta d'acconto, che per iniziare può andare anche bene... poi vedi...

Ma....

scusate una domanda magari un po stupida che però mi viene da fare, ma se io sono disegnatore/progettista e apro P. IVA per lavori "serali" sempre dello stesso lavoro, non rischio di fare concorrenza al mio attuale datore di lavoro e "rischiare il posto"?

Ciao
P-H
 

Druck

Utente Standard
Professione: Progettazione Meccanica
Software: Solidworks / Cosmos / Floworks
Regione: Lombardia
#8
Hai il diritto di "arrotondare" quanto vuoi se quello che fai "in proprio" non è in concorrenza con quello che fai in azienda.

In un'azienda di prodotto meccanica è molto facile da valutare, ad esempio se l'azienda dove sei assunto fa macchine per gelato puoi fare tutto tranne:
1. Fare macchine per gelato.
2. Fare qualsiasi cosa con aziende che fanno macchine per gelato (per la concorrenza in pratica).

Se invece si lavora in uno studio di progettazione è molto più difficile da valutare il tipo di conflitto.
 

sampom

Moderatore SWX, Navale
Staff Forum
Professione: Progettazione/Costruzione macchine e impianti
Software: SolidWorks 2015 SP5/2016 SP2, AutoCAD (poco)
Regione: Piemonte (CN)
#9
Il mio attuale stipendio da dipendente si aggira sui 1700/1800 euro...

Fatemi sapere e vi ringrazio già ora
Se l'ambiente è buono (non ti trovi poi tanto male insomma..)
TIENTELO STRETTO!!
(e scusate il maiuscolo :))

Saluti
Marco
 

Druck

Utente Standard
Professione: Progettazione Meccanica
Software: Solidworks / Cosmos / Floworks
Regione: Lombardia
#10
Come già discusso in un'altro 3d, il "migliore sistema" è sicuramente a mia opinione quello di trovare un'industriale che voglia smantellare l'ufficio tecnico interno (o qualcosa del genere) e che abbia interesse ad investire su di te.
Questo ti potrebbe garantire un minimo di fatturato almeno per i primi anni, e nel frattempo cerchi altri clienti e crei uno studio.

Se viene a mancare questa condizione secondo me nella norma non ne vale la pena.

Il secondo lavoro lo puoi fare, ma come già detto non aprire la partita iva. Se proprio devi fatturare :)cool:) fai la ritenuta d'acconto, almeno per il primo lavoro.

Ciao ed in bocca al lupo.
 
Professione: Lavoro Monotono
Software: "Pala e Picco"
Regione: Piemonte
#11
Hai il diritto di "arrotondare" quanto vuoi se quello che fai "in proprio" non è in concorrenza con quello che fai in azienda.

In un'azienda di prodotto meccanica è molto facile da valutare, ad esempio se l'azienda dove sei assunto fa macchine per gelato puoi fare tutto tranne:
1. Fare macchine per gelato.
2. Fare qualsiasi cosa con aziende che fanno macchine per gelato (per la concorrenza in pratica).

Se invece si lavora in uno studio di progettazione è molto più difficile da valutare il tipo di conflitto.
Grazie Druck per la spiegazione, era quello che pensavo io, e che mi avevano insegnato anche a scuola... :)

Ciao
P-H
 

thiene

Utente Junior
Professione: Disegnatore 3D/Progettista
Software: PRO/E
Regione: Thiene (VI)
#12
Grazie mille dei consigli,
quindi se ho capito io potrei fare un secondo lavoro utilizzando il sistema delle ritenute di acconto senza dover aprire partita IVA.
Che vantaggi ho di tipo fiscale? Mi sembra ci sia un tetto per le ritenute però...
E voi come avete fatto a mettervi in proprio?
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#13
Ciao Thiene, se vuoi anche la mia opinione "chi si accontenta gode" e nel tuo caso è un bell'accontentarsi!

Io sono nel secondo anno di attività in proprio e ti posso garantire che per partire in modo efficiente devi investire un bel gruzzoletto e inizi a rivedere il tuo vecchio stipendio dopo un anno abbondante.

Considera che mentre da dipendente se combini qualcosa al massimo ti licenziano, nella libera professione oltre a non richiamarti ti chiedono i danni. Nessuna assicurazione è disposta ad assicurarti per responsabilità civile se non hai un riconoscimento tecnico (iscrizione ad un albo professionale) a meno che tu non apra una SRL, ma non credo sia conveniente, sarai libero professionista o ditta individuale.

Quando ti chiedono preventivi è sempre un terno al lotto, anche se tu sei bravo e li azzecchi (non è sempre facile) spesso ci sono delle variazioni strada facendo difficili da far pesare come aggiunta a quanto concordato.

Poi c'è il punto dolente: le tasse. Quando ho aperto pensavo che i liberi professionisti "piangessero" per nascondere il loro reale guadagno, ma ora che lo provo sulla mia pelle c'è proprio da piangere. Non c'è da stupirsi se l'economia ristagna: tutto è addossato sulle aziende le quali oltre a dover combattere sul mercato libero con i cinesi e gli indiani hanno anche la tara delle tasse a mio avviso non sempre giuste.

Un esempio: l'ammortamento. Gli economisti dicono che è giusto mettere in ammportamento un bene perchè ne usufruisci per più anni. Quindi oggi tu spendi 20000 euro + iva di software e ti viene detratto dalle tasse in 6 anni (il governo Prodi ha anche tolto l'ammortamento anticipato).

Quindi tu quest'anno scarichi l'iva (4000) + 20000/6. Se hai fatturato 40.000 + iva detrai paghi "solo" 4000 di iva e le tasse su 40.000-3333 e cioè 36.667.
Se consideri un valore ipoteico del 34% paghi 12.467 di tasse.
Secondo lo stato tu hai guadagnato 24.200 invece quell'anno hai in tasca 40000-20000-12467=7533.
Ti pare equo? Ti pare giusto? Varrebbe la pena di lavorare 4 ore al giorno e poi andare a piangere in comune!

I margini ci dovrebbero essere (mi sono fatto bene i conti prima) ma dopo il terzo anno e non so se tali margini sono tali da giustificare la spesa iniziale.

Io, fossi in te, me ne starei buono buono e alle 17.30 godi di una libertà che ti mancherà dall'altra parte della barricata.

Ciao ciao.
 

thiene

Utente Junior
Professione: Disegnatore 3D/Progettista
Software: PRO/E
Regione: Thiene (VI)
#14
Grazie per i consigli re_solidworks, ma nel tuo caso visto che sono appena 2 anni che sei in proprio come ci sei arrivato? Come sei passato dal lavoro dip. all'attuale?

Dopodichè la paura di dovermi pentire di questa eventuale scelta c'è ma sento molti liberi professionisti che si lamentamo ma perchè poi a sto punto non tornano a lavorare come dipendenti?....
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#15
Dopodichè la paura di dovermi pentire di questa eventuale scelta c'è ma sento molti liberi professionisti che si lamentamo ma perchè poi a sto punto non tornano a lavorare come dipendenti?....
Perchè nella società dell'immagine fa più figo essere un professionista spiantato che un dipendente di successo.

Ed inoltre, come ho già detto, perchè non poche di queste persone non verrebbero assunte da un'azienda neppure dietro l'intimazione di un giudice.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#16
Dopodichè la paura di dovermi pentire di questa eventuale scelta c'è ma sento molti liberi professionisti che si lamentamo ma perchè poi a sto punto non tornano a lavorare come dipendenti?....
Se sei fortunato, se tutto va bene, se non sbagli nulla, se hai sempre lavoro e soprattutto se tutti ti pagano:cool: dovresti guadagnare qualcosina in più. Vorrei quantomeno riguadagnare quanto ho investito e poi vediamo, non escludo di tornare indietro.

Come vedi i "se" sono tanti e diciamo che la quantità di rischio non è proporzionale alla gratificazione. Ti posso garantire che se non avessi fatto questo passo avrei da parte un bel gruzzoletto che invece ho bruciato...
La partenza graduale, con il doppio lavoro, è sicuramente il modo giusto di partire se sei indeciso, ma l'obiettivo non è rassicurante e comunque dovrai investire in qualche licenza ed in una workstation decente e sono già 10 K €, se devi arredare una stanza ad uso ufficio almeno altri 1000 €, se ti serve un plotter vai da un usato (che pochi vendono a causa delle rottamazioni) dai 500 ai 4000 per un A0, una stampante laser con un costo copia decente 500 € (a4), un po' di spese di apertura diciamo 500 €.
Poi, per essere in regola, è necessario frequentare i corsi di RSPP, pronto soccorso e antincendio anche se sei solo il nuovo testo unico prevede le normaitve di sicurezza sul lavoro come se tu avessi dei dipendenti. Devi avere l'estintore (basta un 5 Kg preferibilemte CO2), devi avere gli impianti a norma e con le luci di emergenza, devi fare la denuncia della messa a terra all'ispesl e far controllare la messa a terra ogni 5 anni, ecc...
Devi fare l'analisi dei rischi (nel caso tuo basta un'autocertificazione).
Non lo fai? prega che non vengano mai a trovarti, ci sono multe dai 3 K€ ai 15 K€.

Se vuoi continuo...
 

banda bassotti

Utente Standard
Professione: faccio cose...spesso van bene....talvolta funzionano...raramente servono
Software: un pò uno un pò l'altro
Regione: BRESCIA/NAPOLI
#17
E' chiaro che bisogna andarci con i piedi di piombo soprattutto se si hanno dei vincoli familiari o economici di vario genere,bisogna tener conto che per svolgere la "professione" dovrai necessariamente imparare a fare altri mestieri,tipo pubbliche relazioni,esperto finanziario,consulente bancario,riscossione crediti,ecc.questo porta via chiaramente del tempo soprattutto se sei da solo,molti liberi professionisti si associano proprio per questo (oltre che per dividere le spese fisse)...detto questo bisogna essere predisposti caratterialmente,considera che nel domani non vi è certezza e questo deve diventare uno stato mentale costante che non deve avere nessuna influenza sul buon esito dei tuoi lavori....detto anche questo con i dovuti distinguo a seconda della zona normalmente il lavoro non manca....a volte è anche troppo quindi potresti essere "costretto" a lavorare in ore e giorni a cui non avresti mai pensato..chi ti è vicino è pronto a questo?
.....detto anche questo il livello economico secondo me è nonostante le tasse di sicuro interesse molto di più di quanto detto fino ad ora.....per uno stipendio anche superiore ai 2k€ io non tornerei certo indietro

Dopodichè la paura di dovermi pentire di questa eventuale scelta c'è ma sento molti liberi professionisti che si lamentamo ma perchè poi a sto punto non tornano a lavorare come dipendenti?...
ti svelo un piccolo segreto.....lamentarsi è fisiologico....nessun bottegaio ti dirà mai di più che un "potrebbe andar meglio" neanche nei momenti migliori...siamo forse dei bottegai?
 

banda bassotti

Utente Standard
Professione: faccio cose...spesso van bene....talvolta funzionano...raramente servono
Software: un pò uno un pò l'altro
Regione: BRESCIA/NAPOLI
#19
Una piccola difesa...
Ed inoltre, come ho già detto, perchè non poche di queste persone non verrebbero assunte da un'azienda neppure dietro l'intimazione di un giudice.
quando i solerti dipendenti non sanno che pesci pigliare o semplicemente se ne sbattono e vanno in ferie i solerti generatori di trucioli chi chiamano ??magari solo per fare due fori in una piastra quotata con lo zero opposto a come è stato messo in macchina!!

a me capita spesso che mi vengano fatte delle proposte di assunzione ma quando parliamo di € ....
 
Ultima modifica:

scalva

Utente Standard
Professione: disegnatore meccanico,progettista
Software: autocad+qs,sw 18
Regione: Piemonte
#20
Grazie mille dei consigli,
quindi se ho capito io potrei fare un secondo lavoro utilizzando il sistema delle ritenute di acconto senza dover aprire partita IVA.
Che vantaggi ho di tipo fiscale? Mi sembra ci sia un tetto per le ritenute però...
E voi come avete fatto a mettervi in proprio?
con la ritenuta puoi arrivare a 5000 euri lordi l'anno che vanno a sommarsi ai tuoi attauli redditi e da li poi ci paghi le tasse (attenzione a non sforare le fascie di reddito)
la ditta paga il 20% su quello che ti da. sempre calcolato sul lordo.

naturalmente non puoi scaricare un bel niente e quindi il software te lo devi comprare come privato.

poi devi lavorare la sera oppure la notte oppure alla domenica

vedi tu

progettista fa rima con dentista (ma fa solo rima);)