SolidWorks Simulation

Professione: Disegnatore Tecnico
Software: Solidworks, Autocad, Ansys
Regione: Sicilia
#1
Ciao, buongiorno a tutti
Avrei una domanda da porvi su SolidWork Simulation.
Premetto che ho già fatto diversi tentativi ed eventualmente possiamo discutere dei risultati che ho ottenuto, però ho dei dubbi in merito a ciò a cui sono arrivato.
Allora, ho un corpo (un gomito in questo caso) che devo testare immerso in una vasca a 95°C e all’interno inietto acqua a 4 bar, dall’altra parte è tappato. Quindi questo corpo se ne sta tranquillamente appoggiato in fondo alla vasca di prova con all’interno acqua a 4 bar ed all’esterno acqua a 95°C.
Dovrebbe essere, almeno concettualmente, un problema molto semplice, ma, come a volte mi è capitato, tradurre le condizioni al contorno in maniera più fedele possibile alla realtà può risultare più complicato di tutto il resto.
Vorrei, se possibile, qualche consiglio a proposito.
Cioè che vincoli dareste voi, per restare fedeli alle condizioni reali?
Buona giornata e buon lavoro.
Complimenti per tutto quello che fate.

Cristian

SolidWorks 2014
 

Allegati

Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#3
I vincoli di appoggio sulle superfici come nella realtà, studio in temperatura, pressione interna statica. Non vedo chiuse molto strane, solo pensare bene come é la realtà
 
Professione: Disegnatore Tecnico
Software: Solidworks, Autocad, Ansys
Regione: Sicilia
#4
Buongiorno
è proprio ciò che ho fatto. Tra i vari tentativi (in figura due diverse situazioni simulate), ho provato a vincolare due facce, una faccia vincolandola lungo una direzione e l'altra faccia vincolandola lungo le altre 2 direzioni:
Immagine3.png


Il problema, come avevo già fatto notare, sta nei risultati che ottengo, non proprio inerenti alla realtà e a ciò che mi è successo sul campo di prova. Il risultato che ottenuto sta nella figura seguente e cioè ho trovato il punto di max sollecitazione in prossimità di quella nervatura:
Immagine.png


Nella situazione reale invece mi sarei aspettato come punto di max sollecitazione quello in prossimità proprio del gomito, che ho realizzato come spigolo vivo. Ed infatti è proprio lì che è partita la frattura nel mio provino soggetto alla pressione interna di 4 bar e alla temperatura di 95°C:
Immagine2.png


E' per questo motivo che ho avanzato una domanda la cui risposta sulla carta sembrava banale. Ci sarà qualcosa che mi sfugge, ma non riesco a capire cosa.
Ciao ciao, buon lavoro a tutti.

Cristian.

SolidWorks 2014
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#5
Se i vincoli sono coerenti con la realtà devi provare ad intensificare la mesh nelle zone più critiche. Eventualmente puoi passare ai metodi iterativi in modo da affinare il calcolo man mano converge....quindi h o p adattivo. Se il raccordo appoggia sul fondo di una vasca di sicuro non ha il vincolo di incastro sul bordo dell'imbocco.
 

c3kkos

Utente Standard
Professione: Developer
Software: Rhino
Regione: Pisa
#6
Io proverei a creare un appoggio "virtuale" che abbia la sola funzione di aiutare SWX nel suo compito.

estrudi ed "incolla" al modello del tubo una superficie piana (che simulerebbe la superficie d'appoggio), ben definito, e prova a dargli quello come faccia fissa/punto di contatto/vincolo
 

CristianT

Utente Junior
Professione: Disegnatore Tecnico
Software: Solidworks, Autocad, Ansys
Regione: Sicilia
#7
Se i vincoli sono coerenti con la realtà devi provare ad intensificare la mesh nelle zone più critiche. Eventualmente puoi passare ai metodi iterativi in modo da affinare il calcolo man mano converge....quindi h o p adattivo. Se il raccordo appoggia sul fondo di una vasca di sicuro non ha il vincolo di incastro sul bordo dell'imbocco.
Ho provato anche i metodi iterativi e dà analoghi risultati. Sono d'accordo con te sul fatto che c'è qualcosa che non va con i vincoli, ma come posso tradurli in SWX?



Io proverei a creare un appoggio "virtuale" che abbia la sola funzione di aiutare SWX nel suo compito.
estrudi ed "incolla" al modello del tubo una superficie piana (che simulerebbe la superficie d'appoggio), ben definito, e prova a dargli quello come faccia fissa/punto di contatto/vincolo
Tu quindi dici di creare una piccola superficie, ad esempio circolare, proprio dove appoggia? Quindi creare 3 di queste e dare 3 vincoli unilaterali per ciascuna direzione?

Grazie a tutti...
 
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#8
Ho provato anche i metodi iterativi e dà analoghi risultati. Sono d'accordo con te sul fatto che c'è qualcosa che non va con i vincoli, ma come posso tradurli in SWX?









Tu quindi dici di creare una piccola superficie, ad esempio circolare, proprio dove appoggia? Quindi creare 3 di queste e dare 3 vincoli unilaterali per ciascuna direzione?



Grazie a tutti...

Puoi fare delle piccolissime superfici anche rettangolari strette e lunghe dove appoggia e vincolare.
 

Onda

Moderatore
Staff Forum
Professione: Ingegnere Meccanico settore Navale
Software: SolidWorks 2015, Rhino v5, Autocad 2008, Patran 2014, Nastran 2014
Regione: Italia
#9
Io penso che la temperatura non la devi proprio considerare se non per le proprieta' del materiale. i carichi termici servono quando si hanno componenti con dilatazioni differenti, oppure se sono rigidamente vincolati a terra, ma un solo componente non ha problemi, essendo la deformazione uniforme i carichi interni dovuti alla temperatura sono nulli.
per quanto riguarda i carichi, devi mettere una pressione uniforme su tutte le facce interne del raccordo. piu' una forza pari alla pressione per l'area interna sia dove il raccordo e' tappato sia dove e' collegato il tubo che mette in pressione il raccordo.
In pratica devi caricare con la stessa pressione tutte le superfici che racchiudono il volume chiuso interno del raccordo. in questo modo la somma totale dei carichi e' nulla.
Per quanto riguarda i vincoli, cercherei di metterlo completamente isostatico, senza prendere in considerazione superfici virtuali o contatti, ma semplicemente con l'approccio 3-2-1. vedi qui una ottima spiegazione http://www.roshaz.com/images/FEA_best_and_worst_practice.pdf

Vincolando in modo isostatico, con i carichi in equilibrio, come spiegato sopra, i vincoli non vedono alcun carico, per cui il sistema si risolve solo per le forze interne, che e' quello che ti interessa.