• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

SolidThinking...questo sconosciuto

Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#21
oramai sono tanti anni che ho smesso di utilizzare sT, ho riscaricato la demo ed ho fatto un paio di prove scoprendo che tuttosommato il programma è sopravvalutato rispetto alla concorrenza...
magari mi è sfuggito qualche nuovo comando quindi se qualcuno mi smentisce tanto meglio :)

comunque...

le immagini da 1-3 sono realizzate in rhino, il competitor più vicino a sT
le ultime due sono realizzate in sT

premessa...

non ho mai capito come si possa parlare di superfici di una certa qualità quando su superfici bicubiche, network, e n-lati non è possibile impostare almento tangenza G1 sui bordi...

le zebra stripe si commentano da sole

View attachment 1373

View attachment 1374

View attachment 1375

View attachment 1376

View attachment 1377





comunque la storia di costruzione è strutturata molto bene, ed è vantaggioso rispetto a Rhino modificare le curve sorgenti. c'è un altro comando interessante che implementato all'interno di certi comandi permette di effettuare sostutuzioni di curve in modo da modificare velocemente la geometria.

I deformatori non lineari sono inutilizzabili su oggetti complessi; praticamente l'intera struttura si sfalda e si creano aperture sugli edge

interessante sono le superfici di suddivisione ma a vedere dall'ultima demo pare che questa tecnologia sia stata tralasciata, praticamente icomandi sono rimasti uguali alla versione che usavo nel 2001...

il rendering è molto veloce, e di buona qualità.
un grosso difetto sono la gestione dei piani di costruzione, praticamente assente, gli snaps e l'assenza di menu contestuale e cursori dinamici...

magari la prox versione porterà interessanti novità

Ciao thinkID, bella la tua recensione. Mi aveva incuriosito sT perchè tutti mi dicevano che era Rhino con la storia. A me rhino piace, ma la pecca di non avere la storia (non so se esistono delle plug-in) è proprio un PECCATO.:mad:
Inoltre avevo visto un tutorial su sT che mi aveva lasciato senza parole.
http://www.treddi.com/forum/index.php?showtopic=49992


Stando al tipo che ha modellato la sedia sembra che supefici in tangenza si possono fare, gli Snap ci sono e ha una facilità d'uso inpressionante. Gli ho anche postato delle domande.

Ti chiedo un consiglio schietto: secondo te qual è il miglior software per fare styling/design :confused:che però offra anche la storia che per me è fondamentalissima.
 

Allegati

thinkID70

Guest
#22
Ciao thinkID, bella la tua recensione. Mi aveva incuriosito sT perchè tutti mi dicevano che era Rhino con la storia. A me rhino piace, ma la pecca di non avere la storia (non so se esistono delle plug-in) è proprio un PECCATO.:mad:
Inoltre avevo visto un tutorial su sT che mi aveva lasciato senza parole.
http://www.treddi.com/forum/index.php?showtopic=49992


Stando al tipo che ha modellato la sedia sembra che supefici in tangenza si possono fare, gli Snap ci sono e ha una facilità d'uso inpressionante. Gli ho anche postato delle domande.

Ti chiedo un consiglio schietto: secondo te qual è il miglior software per fare styling/design :confused:che però offra anche la storia che per me è fondamentalissima.
Le superfici in tangenza le riesci a fare in sT, l'unico problema che i comandi stessi tipo network, birail, coons, n-lati, che si usano tantissimo, non hanno controlli per impostare la tangenza/curvatura sui bordi con superfici adiacenti... la sedie del tutorial è un buon esempio che mostra come lavora solidthinking...se vedi bene il tutorial per creare la superficie centrale usa il comando patch che in effetti permette tangenza...ma se hai la necessità di inserire curve intermedie allora il comando patch non va bene perchè si appoggia solo ai bordi...ci vorrebbe il network...e qui iniziano i problemi...

Per quanto riguarda il miglior sw di sesign è difficile rispondere...
per quanto riguarda le modifiche e deformazioni controllate e gestione delle superfAnche Alias è molto buono ma rispetto agli altri due non è adatto a ingegnerizzare il modello.
 
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#23
Le superfici in tangenza le riesci a fare in sT, l'unico problema che i comandi stessi tipo network, birail, coons, n-lati, che si usano tantissimo, non hanno controlli per impostare la tangenza/curvatura sui bordi con superfici adiacenti... la sedie del tutorial è un buon esempio che mostra come lavora solidthinking...se vedi bene il tutorial per creare la superficie centrale usa il comando patch che in effetti permette tangenza...ma se hai la necessità di inserire curve intermedie allora il comando patch non va bene perchè si appoggia solo ai bordi...ci vorrebbe il network...e qui iniziano i problemi...

Per quanto riguarda il miglior sw di sesign è difficile rispondere...
per quanto riguarda le modifiche e deformazioni controllate e gestione delle superfAnche Alias è molto buono ma rispetto agli altri due non è adatto a ingegnerizzare il modello.
Ok, grazie.
Mi aveva molto incuriosito come l'autore del tutorial definiva st:
"solidThinking è più utile rispetto a rhino per via della sua parametricità e per l'albero di costruzione. In pratica è rhino con uno strumento in più che, se usato a dovere, fa risparmiare un sacco di tempo e permette nuove funzionalità. Mi piace molto usarlo nello studio della forma, grazie alle possibili continue modifiche, si arriva dove magari con rhino non avresti nemmeno pensato di arrivare perchè rhino, più che altro, si pone lo scopo di dare semplicemente una forma 3D ad un idea che già hai in mente, già definita.

La parametricità può essere applicata a tutti gli oggetti ed è infinita, nel senso che puoi fare quante operazioni vuoi per creare un modello, ma quando andrai a modificare la prima operazione fatta, tutte quelle seguenti si adatteranno. E' inoltre possibile non solo modificare un elemento lungo la storia, ma anche sostituirlo con un altro."


Anche Alis è buono, però la storia è fondamentale. ThinkDesign com è?!? Si può paragonare a Rhino o Alias:confused:

P.S: altro link su sT
http://www.solidthinking.com/modeling/
 

thinkID70

Guest
#24
Ok, grazie.
Mi aveva molto incuriosito come l'autore del tutorial definiva st:
"solidThinking è più utile rispetto a rhino per via della sua parametricità e per l'albero di costruzione. In pratica è rhino con uno strumento in più che, se usato a dovere, fa risparmiare un sacco di tempo e permette nuove funzionalità. Mi piace molto usarlo nello studio della forma, grazie alle possibili continue modifiche, si arriva dove magari con rhino non avresti nemmeno pensato di arrivare perchè rhino, più che altro, si pone lo scopo di dare semplicemente una forma 3D ad un idea che già hai in mente, già definita.

La parametricità può essere applicata a tutti gli oggetti ed è infinita, nel senso che puoi fare quante operazioni vuoi per creare un modello, ma quando andrai a modificare la prima operazione fatta, tutte quelle seguenti si adatteranno. E' inoltre possibile non solo modificare un elemento lungo la storia, ma anche sostituirlo con un altro."


Anche Alis è buono, però la storia è fondamentale. ThinkDesign com è?!? Si può paragonare a Rhino o Alias:confused:

P.S: altro link su sT
http://www.solidthinking.com/modeling/
bah, è difficile fare una stima corretta; comunque ti scrivo una cosa...

un utente medio di rhino è molto più bravo di un utente medio di sT in quanto Rhino stesso offre una gamma sterminata di possibilità, script, plug-in che in sT non ci sono... la storia di costruzione non è tutto è un sw non puù basarsi solo su questa...

su thinkdesign ti suggerisco di farti un giro sul forum dedicato...li dentro ti potrai fare un'idea migliore :)
 

enri

Utente Senior
Professione: Architetto
Software: Rhino-VectorWorks e altri
Regione: Italia
#25
Aggiungo che il termine ingegnerizzare, può essere esteso anche alla fase di concept del progetto, nel senso che non si tratta solo di modellare un raccogli briciole o cose del genere, spesso la modellazione comprende anche una accurata progettazione delle parti, quindi "per il design" è troppo generico, ecco perchè sono dell'idea che è più facile che in un sw di questo genere manchino degli strumenti indispensabili, che sia completo; questo vale soprattutto per l'architettura, almeno di un certo tipo; sono dell'idea che se uno può permetterselo, è sempre bene avere uno strumento "totale" , come NX, T3 e altro che uno strumento amputato.
 
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#26
Aggiungo che il termine ingegnerizzare, può essere esteso anche alla fase di concept del progetto, nel senso che non si tratta solo di modellare un raccogli briciole o cose del genere, spesso la modellazione comprende anche una accurata progettazione delle parti, quindi "per il design" è troppo generico, ecco perchè sono dell'idea che è più facile che in un sw di questo genere manchino degli strumenti indispensabili, che sia completo; questo vale soprattutto per l'architettura, almeno di un certo tipo; sono dell'idea che se uno può permetterselo, è sempre bene avere uno strumento "totale" , come NX, T3 e altro che uno strumento amputato.
Non sono proprio totalmente d'accordo con te.
Se si potesse fare design con la matita e il foglio sarebbe ancora meglio. I software che citi ti legano troppo nelle prime fasi di concept, dove conta la forma. Gli sformi, raccordi poppette...vengono dopo. L'ideale sarebbe avere due software uno come sT,rhino,Aliad per la fase di concept design e uno come Catia, NX, ProE per l'engineering design.
ciao:)
 

enri

Utente Senior
Professione: Architetto
Software: Rhino-VectorWorks e altri
Regione: Italia
#27
Non è questione di sformi e cose varie, non intendevo questo. Vuoi mettere le potenzialità di modellazione pura dei primi con i secondi da te citati? Non c'è storia ( a parte Alias e la qualità delle superfici di classe A, ma sappiamo che gli altri si stanno avvicinando).
La matita viene prima di tutto, non è assolutamente esclusa anzi, dopo viene il resto.
 

thinkID70

Guest
#28
Non sono proprio totalmente d'accordo con te.
Se si potesse fare design con la matita e il foglio sarebbe ancora meglio. I software che citi ti legano troppo nelle prime fasi di concept, dove conta la forma. Gli sformi, raccordi poppette...vengono dopo. L'ideale sarebbe avere due software uno come sT,rhino,Aliad per la fase di concept design e uno come Catia, NX, ProE per l'engineering design.
ciao:)
I software che permettono di fare design ed avere sia concept che ingegnerizzazione integrata non sono tanti; a mente mi vengono sempre i soliti nomi; NX, Catia, Thinkdesign e anche solidWorks; quest'ultimo non lo escludo perchè è migliorato molto in questo senso; la gestione delle superfici non è ai vertici ma comunque è buona.

sT e Rhino sono, come scriveva Gbs dei bei "giocattolini", anzi, in verità lui si riferiva al solo sT :)

Alias è l'unico ad avere una gestione ai vertici delle superfici (con storia) ma è pur sempre un modellatore di superfici, non solido e peggio ancora no ibrido...

ci sarebbe anche Icem che per quanto riguarda le superfici "va fortissimo"; per i mie gusti è comunque troppo "bezier-oriented"
 
Ultima modifica:
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#29
I software che permettono di fare design ed avere sia concept che ingegnerizzazione integrata non sono tanti; a mente mi vengono sempre i soliti nomi; NX, Catia, Thinkdesign e anche solidWorks; quest'ultimo non lo escludo perchè è migliorato molto in questo senso; la gestione delle superfici non è ai vertici ma comunque è buona.

sT e Rhino sono, come scriveva Gbs dei bei "giocattolini", anzi, in verità lui si riferiva al solo sT :)

Alias è l'unico ad avere una gestione ai vertici delle superfici (con storia) ma è pur sempre un modellatore di superfici, non solido e peggio ancora no ibrido...

ci sarebbe anche Icem che per quanto riguarda le superfici "va fortissimo"; per i mie gusti è comunque troppo "bezier-oriented"
Guarda io uso Catia. Anche se questi software hanno moduli chiamati Free Style Surface o concept design sono sempre più "rigidi" di un modellatore tipo rhino o sT o alias. Un software come Catia lo puoi usare per il styling, ma sei sempre più legato rispetto a Rhino.
è sempre cmq un mio parere personale.

P.S: Alias ha la storia di costruzione con sT:confused:
 

thinkID70

Guest
#30
Guarda io uso Catia. Anche se questi software hanno moduli chiamati Free Style Surface o concept design sono sempre più "rigidi" di un modellatore tipo rhino o sT o alias. Un software come Catia lo puoi usare per il styling, ma sei sempre più legato rispetto a Rhino.
è sempre cmq un mio parere personale.

P.S: Alias ha la storia di costruzione con sT:confused:
Sono d'accordo con te quando scrivi che Catia è più rigido rispetto a un rhino oppure sT. E' anche vero però che io le superfici più "sgrammaticate" e brutte le ho visto sono realizzate proprio da programmi giusto come rhino che ti concedono la massima libertà di modellazione. Secondo me è meglio perdere un po' di tempo per pianificare il lavoro piuttosto che avere massima libertà e produrre superfici/modelli di pessima qualità. :)

si, alias ha la storia come sT
 
Professione: ingegnerizzatore prodotto-automotive (dream cars)
Software: SW 2009 - Pro/E WF4 - Catia V5 R20 - Matlab - Ansys - TC7 - VPM
Regione: Veneto - Austin (TX)
#32
Sono d'accordo con te quando scrivi che Catia è più rigido rispetto a un rhino oppure sT. E' anche vero però che io le superfici più "sgrammaticate" e brutte le ho visto sono realizzate proprio da programmi giusto come rhino che ti concedono la massima libertà di modellazione. Secondo me è meglio perdere un po' di tempo per pianificare il lavoro piuttosto che avere massima libertà e produrre superfici/modelli di pessima qualità. :)

si, alias ha la storia come sT
Ma la storia di costruzione di Alias o Rhino sono diverse da sT o Catia.
Perchè la storia di costruzione in alias e rhino è solo negli strumenti di creazione superfici e curve.

Se faccio un cilindro di base 10mm lo posso aggiornare a 20mm, ma se faccio un raccordo di R2 non posso aggiornarlo a R20 mentre in sT si.
Se in rhino o alias faccio uno sweep non posso sostituire la curva del profilo con un'altra, mentre in sT si.
giusto:rolleyes:
 
Professione: studente
Software: Rhino, Pro-e
Regione: Lombardia
#34
si, corretto quello che scrivi. la sostituzione della curva mi pare di averla vista solo in sT
In sT e' inoltre presente la modifica parametrica e quella non parametrica. Ad esempio se faccio un offset B di una curva A, posso andare a fare una modifica dei punti della curva B cambiandone la forma senza che la possibilita' di modifica parametrica della distanza dell'offset venga annullata.

In pratica si puo' agire su due canali diversi, uno parametrico della distanza di offset, dipendente quindi dalla forma di A, e una modifica sui punti di B che prescinde da quello che accade in A. In alternativa si puo' dire che si possono fare modifiche o sul comando che ha generato l'oggetto, oppure manualmente sulla struttura/forma dell'oggetto.


E' vero che sT nella gestione di continuita' tra superfici ha meno possibilita' di quelle che offre rhino che risulta, in questo ambito, piu' comodo. Come e' vero che la gestione della storia in Rhino non e' nemmeno paragonabile a quella avanzatissima presente in sT.
Ho detto che Rhino e' piu' efficiente in questo ambito, cio' non toglie che in ogni caso anche sT permette di raggiungere gli stessi risultati ma in un modo meno alla portata di tutti.

Il mio parere e' che per una ricerca formale, di concept, sia piu' adatto un sT che infatti e' pensato proprio per questo. Rhino sarebbe sicuramente piu' comodo per una fase successiva in cui avendo gia' chiare le idee, ci si mette a costruire una matematica definitiva. Ma a questo punto tanto varrebbe usare un programma come Pro-e al cui confronto rhino sembra un giocattolino.

Forse sbagliate nel testare sT cercando di fare le stesse cose che fate con Rhino, trovando solo alcune mancanze e non accorgendovi dei vantaggi di sT che non e' possibile trovare in altri programmi. Probabilmente un utente sT che passa a Rhino avrebbe molte lamentele per un sacco di cose che Rhino non ha.
Il fatto e' che sT si propone scopi differenti da quelli di rhino.
Anche io prima di sT ero esperto nell'uso di Rhino e nei primi 3 mesi che ho utilizzato sT trovavo parecchi difetti perche' mi ostinavo a lavorare come con Rhino. Ora lo sto apprezzando per tutti quei vantaggi che rhino non mi poteva dare e che spero vi vengano trasmessi attraverso i video.

Detto cio' sono d'accordo che l'implementazione di continuita' tra superfici e delle network come in rhino sia doveroso. Da tenere presente che con la versione 8 di sT ci saranno degli stravolgimenti mai avuti prima. Con le idee innovative gia' presenti, se verranno coperte quelle lacune che sT ha oggi, ne verra' fuori sicuramente un programma superiore.


Vi consiglio di guardare questo filmato che ho realizzato da poco: http://www.youtube.com/watch?v=hkrZdneJDz4

I render del modello in creta la dice lunga su come intendo l'uso di sT. Non so se con Rhino avrei avuto le possibilita' di ricerca che ho avuto in sT e che mi hanno portato a definire la forma finale del video.

@thinkID70
se mi passi il file che hai usato per mostrare i tuoi esempi posso vedere di ottenere qualcosa di meglio.
 

Zimmemme

Utente Standard
Professione: ...
Software: ...
Regione: Piemonte
#35
In sT e' inoltre presente la modifica parametrica e quella non parametrica. Ad esempio se faccio un offset B di una curva A, posso andare a fare una modifica dei punti della curva B cambiandone la forma senza che la possibilita' di modifica parametrica della distanza dell'offset venga annullata.

In pratica si puo' agire su due canali diversi, uno parametrico della distanza di offset, dipendente quindi dalla forma di A, e una modifica sui punti di B che prescinde da quello che accade in A. In alternativa si puo' dire che si possono fare modifiche o sul comando che ha generato l'oggetto, oppure manualmente sulla struttura/forma dell'oggetto.


E' vero che sT nella gestione di continuita' tra superfici ha meno possibilita' di quelle che offre rhino che risulta, in questo ambito, piu' comodo. Come e' vero che la gestione della storia in Rhino non e' nemmeno paragonabile a quella avanzatissima presente in sT.
Ho detto che Rhino e' piu' efficiente in questo ambito, cio' non toglie che in ogni caso anche sT permette di raggiungere gli stessi risultati ma in un modo meno alla portata di tutti.

Il mio parere e' che per una ricerca formale, di concept, sia piu' adatto un sT che infatti e' pensato proprio per questo. Rhino sarebbe sicuramente piu' comodo per una fase successiva in cui avendo gia' chiare le idee, ci si mette a costruire una matematica definitiva. Ma a questo punto tanto varrebbe usare un programma come Pro-e al cui confronto rhino sembra un giocattolino.

Forse sbagliate nel testare sT cercando di fare le stesse cose che fate con Rhino, trovando solo alcune mancanze e non accorgendovi dei vantaggi di sT che non e' possibile trovare in altri programmi. Probabilmente un utente sT che passa a Rhino avrebbe molte lamentele per un sacco di cose che Rhino non ha.
Il fatto e' che sT si propone scopi differenti da quelli di rhino.
Anche io prima di sT ero esperto nell'uso di Rhino e nei primi 3 mesi che ho utilizzato sT trovavo parecchi difetti perche' mi ostinavo a lavorare come con Rhino. Ora lo sto apprezzando per tutti quei vantaggi che rhino non mi poteva dare e che spero vi vengano trasmessi attraverso i video.

Detto cio' sono d'accordo che l'implementazione di continuita' tra superfici e delle network come in rhino sia doveroso. Da tenere presente che con la versione 8 di sT ci saranno degli stravolgimenti mai avuti prima. Con le idee innovative gia' presenti, se verranno coperte quelle lacune che sT ha oggi, ne verra' fuori sicuramente un programma superiore.


Vi consiglio di guardare questo filmato che ho realizzato da poco: http://www.youtube.com/watch?v=hkrZdneJDz4

I render del modello in creta la dice lunga su come intendo l'uso di sT. Non so se con Rhino avrei avuto le possibilita' di ricerca che ho avuto in sT e che mi hanno portato a definire la forma finale del video.

@thinkID70
se mi passi il file che hai usato per mostrare i tuoi esempi posso vedere di ottenere qualcosa di meglio.

Tutto è molto bello ed interessante ma alla fine il dubbio mi sta assillando, riesco o no a fare una superficie per quattro bordi che siano in tangenza (o meglio continuità) con le superf. adiacenti?
 

thinkID70

Guest
#39
I render del modello in creta la dice lunga su come intendo l'uso di sT. Non so se con Rhino avrei avuto le possibilita' di ricerca che ho avuto in sT e che mi hanno portato a definire la forma finale del video.

Sono assolutamente d'accordo con te; da questo punto di vista Rhino è una "ciofeca" rispetto a solidThinking...

L'unico problema è che quel tira & spingi sui CV senza nessun controllo se non quello del "visto-piaciuto" a video mi lascia un po' perplesso.
 

enri

Utente Senior
Professione: Architetto
Software: Rhino-VectorWorks e altri
Regione: Italia
#40
Secondo me l'uso delle curve per cambiare le superfici come nel video si può tranquillamente fare anche con Rhino, anche senza avere la storia a quel livello, che certo per questo facilita le cose, basta attivare "registra storia" e modificare successivamente le suddette; comunque è certo che il modo d'uso di ST è di fatto diverso dall'uso di Rhino, ma non sono per niente d'accordo sul fatto che siano modellatori di fascia diversa, si sovrappongono perfettamente, a parte alcune caratteristiche che va detto attraverso plugin Rhino moltiplica letteralmente; certo per fare un valutazione seria bisogna conoscere il sw molto bene, poichè giustamente come è stato detto, è la persona che sta davanti al monitor che fa la differenza, e ST non è certo una ciofeca, anzi, ma non capisco proprio per quale motivo non abbiano implementato tutte quelle cosette che facilitano la vita a chi modella, è uno di quei motivi che non ti fanno apprezzare un sw;spero che con la prossima versione sia colmato il gap, dopotutto è un sw italianissimo, e un pò di campanilismo non guasta mai :)

PS-Ma per render cosa intendete? Quello finale è stato fatto con il renderer interno di ST? Quest'ultimo non è proprietario, è LightWork implementato molto bene; in Rhino ci sono un infinità di plugin per fare render, oltre a Flamingo, c'è Maxwell ( disponibile anche in ST) Fryrender , VRay, Brazil, livelli altissimi.
 
Ultima modifica: