Solid Edge per l'impiantistica

Professione: progettista
Software: Solid Edge
Regione: Estero
#1
Salve a tutti, sono nuovo e inesperto nell'utilizzo di programmi CAD.

Ho da poco iniziato a lavorare per una azienda che realizza piping in ambito navale (di piccola entità quindi).
Attualmente tutto il lavoro viene svolto su Autocad 2007 in 2D.Per un nuovo progetto ho provato a rispolverare le mie conoscenze di 3D reinstallando una versione accademica di quando andavo all'università di Solid Edge V14...decisamente datata però avevo già usato questo programma e mi ha permesso di realizzare dei telai per pompe e spezzoni di impianto(con tubazioni,raccorderia e valvolame) in maniera più che discreta e di fare delle messe in tavola ben strutturate e dettagliate.

I miei problemi derivano dalle condizioni al controno e dal "futuro"...mi spiego meglio; per poter realizzare i componenti,gli assiemi e le relative messe in tavola non ho impiegato molto tempo ma i problemi ci sono stati quando per scambiare i dati con i colleghi che utilizzavano Autocad 2007 si è reso necessario convertire i file .drf in .dwg.Ci sono stati problemi di conversione di scala,selezionando le opportune opzioni il programma si resettava sempre e dovevo scalare ogni volta i disegni da Autocad,ho avuto problemi nell'importazione del cartiglio (in formato dwg)nella messa in tavola e ciò mi costringeva a inserirlo ogni volta da Autocad.

A fronte di una notevole scorrevolezza di realizzazione delle parti, degli assiemi e delle rispettive messe in tavola, perdevo tanto tempo per adattare il mio lavoro ad un altro programma e formato.

Secondo voi,c'è un modo per velocizzare i processi per permettermi di lavorare il più possibile con il Solid Edge attuando solo alla fine la giusta ed ottimale conversione dei disegni?

Per quanto riguarda il "futuro"...pensate che il mio lavoro con un Cad3D possa dare dei frutti ottenendo una padronanza maggiore dello strumento oppure l'utilizzo del 2D è l'unico mezzo efficace in un ambiene come quello del piping?

Spero di essermi spiegato....grazie a chi vorrà rispondermi.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
L'esportazione verso dwg e' molto migliorata dai tempi della rel. 14, adesso e' possibile salvare in scala 1:1 anche se il disegno e' stato fatto in scala diversa, tenendo le quote corrette ovviamente!

Io scambio comunemente in dwg con i miei interlocutori e non ho problemi, a parte i simboli di tolleranza geometrica che vengono troncati via senza pieta'!

Comunque non sono per niente esperto di piping per cui e' possibile che le tue esigenze siano in realta' piu' pesanti delle mie.
 

Be_on_edge

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione
Software: Solid Edge
Regione: Emilia Romagna
#3
Mi occupo solo in parte di piping, ma in passato ci ho avuto a che fare pesantemente. I vantaggi di un CAD 3D rispetto al 2D sono innegabili.

Per il tuo settore esistono poi pacchetti e add on altamente specializzati.

Contatta qualche rivenditore e fatti fare qualche demo.

Ciao
 
Professione: progettista
Software: Solid Edge
Regione: Estero
#4
Mi occupo solo in parte di piping, ma in passato ci ho avuto a che fare pesantemente. I vantaggi di un CAD 3D rispetto al 2D sono innegabili.

Per il tuo settore esistono poi pacchetti e add on altamente specializzati.

Contatta qualche rivenditore e fatti fare qualche demo.

Ciao
Ciao,
dato che non sono esperto nel 2D tanto quanto il 3D ho ancora le idee confuse su quali possono essere i reali vantaggi del 3D.....quello che ho riscontrato è la facilità e velocità nel realizzate la messa in tavola e relativa pallinatura con tabella dei componenti annessa.Onestamente però la possibilità di avere una visione delle tubazioni in tridimensionale non l'ho trovata così utile(c'è di mezzo anche il fatto che sono da poco nel settore)...anche perchè poi si possono fare disegni bellissimi e dettagliatissimi ma poi durante l'installazione le cose cambiano spesso per via di fattori che non possono essere previsti prima.