sketch complesso. Come fareste voi?

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#1
SWX2010...

A partire da un'ortofotografia devo realizzare una serie di canali scavati con sezione a "V" secondo una trama che non è gestibile con ripetizioni, serie ecc in quanto ogni "isola" racchiusa tra tre o più linee lungo le quali corrono i canali è diversa dalle altre.
Queste isole sono poco meno di 800 e le linee ovviamente ben di più.
Devo decidere come affrontare al meglio la cosa quindi allego due file di prova che ho fatto per rendere l'idea del lavoro.
Prova griglia canali_1.sldprt:
sull'estrusione di base ho creato lo sketch "griglia" (quello che ricalcherà l'ortofoto) poi ho fatto una serie di estrusioni fino al piano di riferimento per lo spessore finale impostando un angolo di sformo pari alla metà dell'angolo dei canali. Ogni estrusione è fatta con l'opzione "contorni selezionati" e scegliendo regioni non adiacenti. Lo sketch di riferimento è condiviso per tutte le 4 estrusioni che creano la parte finita.
Prova griglia canali_2.sldprt:
identica all'altre fino allo sketch "griglia" compreso. Da qui in poi ho creato uno sketch nuovo per ogni estrusione delle stesse "isole" appoggiandomi allo sketch "griglia"

La parte 1 si ricostruisce in circa 0,6 sec mentre la 2 ci mette metà tempo.
Per contro la parte 1 è molto, ma molto più veloce da realizzare perchè nella selezione delle varie regioni si vede l'anteprima e si possono scegliere al meglio le isole da alternare, oltre a non dover ridisegnare niente. Nella partre 2 bisogna disegnare nuovamente un'isola alla volta senza poter vedere l'anteprima.
Ho fatto una variante della versione 2 cancellando tutte le relazioni dei vari sketch collegati a quello di riferimento in modo da ottenere tanti sketch leggeri, come se avessi disegnato sull'ortofoto i singoli gruppi di isole e praticamente i tempi di ricalcolo non cambiano ma effettivamente non dovrei disegnare due volte la stessa isola (una nello sketch di base e l'altra per ricalcarla)

Siccome nei due esempi postati le isole sono 22 contro le 800 che dovrei fare realmente non vorrei trovarmi con tempi di ricalcolo biblici per l'aumento della complessità dello sketch condiviso, cosa che posso valutare solo facendolo. D'altro canto l'idea di disegnare sull'ortofoto i vari gruppi con un'isola alla volta mi da l'idea di una minore immediatezza nell'eventuale modifica o nella scelta dei gruppi di isole da estrudere ogno volta

Aggiungo che lo sketch di base o i singoli sketch di ogni estrusione non saranno vincolati in quanto ricalcheranno un'immagine. Eventualmente metterò un "fisso" per sicurezza ma vincolare uno sketch di quella complessità con quote e angoli è da delirio, anche perchè si tratta di un componente che non sarà riutilizzabile in altri assiemi, e anche se lo fosse le modifiche andrebbero sempre fatte sulla base di un'ortofoto e potrebbero stravolgere lo sketch tanto da rendere probabile il fallimento delle feature collegate quindi andrebbe probabilmente rifatto da zero ogni volta.

Penso di avere fornito tutte (o quasi) le indicazioni che servono. A questo punto vi chiedo: voi come fareste il lavoro? Altre strade a quella da me intrapresa? Come modifichereste la mia procedura ed eventualmente quale delle due adottereste e perchè?

grazie

M.
 

Allegati

meccanicamg

Utente Senior
Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
Secondo me ha più senso lavorare con lo schizzo condiviso tra un'estrusione e l'altra. E' vero che qesto modello 3D sarà unico. Se devi modificare le misure, basta che modifichi lo schizzo principale. Chiaramente se aggiungi o togli celle...sarà sempre un casino.

Ho provato a fare un utensile da utilizzare cliccando solo sullo schizzo, ma a parte gli errori che mi da SWX... occorrono diversi vincoli e alla fine ti si appesantisce non di poco. La cosa utile è fare un pezzo alla volta e sospendere le prime lavorazioni delle cellette... in modo che ora della fine riesci a fae tutte e 800 le celle. Ad opera finita riattivi tutte le estrusioni e vai a bere un caffè e magari a fare un giro dell'isolato. Ma non vedo altro sistema per gestire la cosa. Poi qualora hai finito lo puoi trasformare in speed pack per utilizzarlo più velocemente.
 

Pamak

Utente Junior
Professione: Impiegato
Software: Solidworks 2012 sp5, AutoCad 2010
Regione: Italia
#3
anche se più lungo da caricare io opterei per il metodo 1

se modifichi la griglia si aggiornano tutte le isole estruse :finger:

al limite se il tempo di caricamento è troppo lungo crea 4 griglie da 200 isole ciascuna
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#4
SWX2010...

A partire da un'ortofotografia devo realizzare una serie di canali scavati con sezione a "V" secondo una trama che non è gestibile con ripetizioni, serie ecc in quanto ogni "isola" racchiusa tra tre o più linee lungo le quali corrono i canali è diversa dalle altre.
Queste isole sono poco meno di 800 e le linee ovviamente ben di più.
Devo decidere come affrontare al meglio la cosa quindi allego due file di prova che ho fatto per rendere l'idea del lavoro.
Prova griglia canali_1.sldprt:
sull'estrusione di base ho creato lo sketch "griglia" (quello che ricalcherà l'ortofoto) poi ho fatto una serie di estrusioni fino al piano di riferimento per lo spessore finale impostando un angolo di sformo pari alla metà dell'angolo dei canali. Ogni estrusione è fatta con l'opzione "contorni selezionati" e scegliendo regioni non adiacenti. Lo sketch di riferimento è condiviso per tutte le 4 estrusioni che creano la parte finita.
Prova griglia canali_2.sldprt:
identica all'altre fino allo sketch "griglia" compreso. Da qui in poi ho creato uno sketch nuovo per ogni estrusione delle stesse "isole" appoggiandomi allo sketch "griglia"

La parte 1 si ricostruisce in circa 0,6 sec mentre la 2 ci mette metà tempo.
Per contro la parte 1 è molto, ma molto più veloce da realizzare perchè nella selezione delle varie regioni si vede l'anteprima e si possono scegliere al meglio le isole da alternare, oltre a non dover ridisegnare niente. Nella partre 2 bisogna disegnare nuovamente un'isola alla volta senza poter vedere l'anteprima.
Ho fatto una variante della versione 2 cancellando tutte le relazioni dei vari sketch collegati a quello di riferimento in modo da ottenere tanti sketch leggeri, come se avessi disegnato sull'ortofoto i singoli gruppi di isole e praticamente i tempi di ricalcolo non cambiano ma effettivamente non dovrei disegnare due volte la stessa isola (una nello sketch di base e l'altra per ricalcarla)

Siccome nei due esempi postati le isole sono 22 contro le 800 che dovrei fare realmente non vorrei trovarmi con tempi di ricalcolo biblici per l'aumento della complessità dello sketch condiviso, cosa che posso valutare solo facendolo. D'altro canto l'idea di disegnare sull'ortofoto i vari gruppi con un'isola alla volta mi da l'idea di una minore immediatezza nell'eventuale modifica o nella scelta dei gruppi di isole da estrudere ogno volta

Aggiungo che lo sketch di base o i singoli sketch di ogni estrusione non saranno vincolati in quanto ricalcheranno un'immagine. Eventualmente metterò un "fisso" per sicurezza ma vincolare uno sketch di quella complessità con quote e angoli è da delirio, anche perchè si tratta di un componente che non sarà riutilizzabile in altri assiemi, e anche se lo fosse le modifiche andrebbero sempre fatte sulla base di un'ortofoto e potrebbero stravolgere lo sketch tanto da rendere probabile il fallimento delle feature collegate quindi andrebbe probabilmente rifatto da zero ogni volta.

Penso di avere fornito tutte (o quasi) le indicazioni che servono. A questo punto vi chiedo: voi come fareste il lavoro? Altre strade a quella da me intrapresa? Come modifichereste la mia procedura ed eventualmente quale delle due adottereste e perchè?

grazie

M.
Ciao marcof, piacere di vederti da queste parti. Mi sono venute in mente alcune idee, una in particolare mi pare buona. Ho fatto così:

ho preso la tua parte, ho cancellato le estrusioni e l'ho messa in un assieme vuoto.

Successivamente ho creato (in una parte vuota e nuova) uno schizzo a forma di rombo da utilizzare come utensile per tagliare il pieno e l'ho salvato come profilo di saldatura.

Al passo 3 ho creato una parte vuota e l'ho inserita in assieme. Sono andato nella modifica contestuale della parte e ho inserito lo schizzo della griglia come schizzo derivato prendendo il tuo schizzo griglia e il piano parallelo.
Dopo aver vincolato lo schizzo ho inserito un membro strutturale che ha creato il "maschio" delle cave da tagliare utilizzando la sezione precedentemente creata.
A questo punto sono uscito dalla modifica contestuale di questa parte ed ho attivato la tua parte originale e con la funzione di cavità ho creato tutte le cave.
Ho la 2011 e ti lascio qualche immagine sotto...

Ciao
 

Allegati

  • 155.9 KB Visualizzazioni: 31
  • 68.6 KB Visualizzazioni: 26
  • 141.8 KB Visualizzazioni: 30

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#5
Aggiungo: il bello della mia soluzione è che puoi permetterti di spezzare lo schizzo della griglia in più schizzi (se diventa troppo complesso) e nella parte "maschio" puoi fare più funzioni di membro strutturale se una diventa troppo complessa.
Inoltre puoi cambiare la sezione di taglio al volo e con lo schizzo derivato in casodi modifica della griglia non dovresti avere grossi problemi...
 

SolidUser

Utente Senior
Professione: Progettista
Software: SolidWorks 2013 SP1.0
Regione: Veneto
#6
Te ne propongo un'altra, senza averla provata.
Fai uno schizzo sulla piastra base che sono le linee delle tue basi a V.
Esegui il comando nervatura su una scatola opposta alla tua piastra base.
Esegui il comando Abbina per scavare le nervature con la tua piastra base.
 

Pamak

Utente Junior
Professione: Impiegato
Software: Solidworks 2012 sp5, AutoCad 2010
Regione: Italia
#7
Ciao marcof, piacere di vederti da queste parti. Mi sono venute in mente alcune idee, una in particolare mi pare buona. Ho fatto così:

ho preso la tua parte, ho cancellato le estrusioni e l'ho messa in un assieme vuoto.

Successivamente ho creato (in una parte vuota e nuova) uno schizzo a forma di rombo da utilizzare come utensile per tagliare il pieno e l'ho salvato come profilo di saldatura.

Al passo 3 ho creato una parte vuota e l'ho inserita in assieme. Sono andato nella modifica contestuale della parte e ho inserito lo schizzo della griglia come schizzo derivato prendendo il tuo schizzo griglia e il piano parallelo.
Dopo aver vincolato lo schizzo ho inserito un membro strutturale che ha creato il "maschio" delle cave da tagliare utilizzando la sezione precedentemente creata.
A questo punto sono uscito dalla modifica contestuale di questa parte ed ho attivato la tua parte originale e con la funzione di cavità ho creato tutte le cave.
Ho la 2011 e ti lascio qualche immagine sotto...

Ciao
così facendo tagli tutto seguendo il percorso della griglia

da quello che ho capito a lui serve raggruppare delle isole :confused: (o forse ho capito male)
 
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
#8
A partire da un'ortofotografia devo realizzare una serie di canali scavati con sezione a "V" secondo una trama che non è gestibile con ripetizioni, serie ecc in quanto ogni "isola" racchiusa tra tre o più linee lungo le quali corrono i canali è diversa dalle altre.
E' una tassellatura di Penrose?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#9
Non per essere provocatorio, ma hai pensato a disegnarlo in 2d e poi dare al fresatore la sezione tipica dellutensile e un bel dxf?
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#10
La cosa utile è fare un pezzo alla volta e sospendere le prime lavorazioni delle cellette... in modo che ora della fine riesci a fae tutte e 800 le celle.
Se uso il mio metodo con lo schizzo condiviso devo per forza tenere tutte le estrusioni attivate altrimenti non ho modo di sapere quali sono state già fatte e quali no. E' necessario selezionarle alternate altrimenti vengono collegate tra loro e il canale a V non si forma. Quindi se ho le "isole" 1,2,3,4,5,6,7.... devo per forza selezionare prima 1,3,5,7 poi 2,4,6. Siccome il disegno è complesso se non vedo cosa ho già estruso non ne vengo fuori.
ciao e grazie
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#11
(cut)
Al passo 3 ho creato una parte vuota e l'ho inserita in assieme. Sono andato nella modifica contestuale della parte e ho inserito lo schizzo della griglia come schizzo derivato prendendo il tuo schizzo griglia e il piano parallelo.
Dopo aver vincolato lo schizzo ho inserito un membro strutturale che ha creato il "maschio" delle cave da tagliare utilizzando la sezione precedentemente creata.
Mi sembra davvero un'ottima soluzione, alla quale non sarei certo arrivato perchè non uso mai i membri strutturali e questi sono workaround da gente scafata che riesce a sfruttare certe feature che conosce bene per lavorazioni non usuali :)
Ho provato ma devo capire bene come funziona la selezione delle linee di schizzo perchè una volta scelto il mio profilo a rombo posso selezionare poche linee di tutto lo sketch e per aggiiungerne devo fare un "nuovo gruppo" e comunque non ho capito la logica con la quale accetta o meno una linea per inserire il membro strutturale. Speravo bastasse selezionare tutto lo schizzo con la griglia
Ci lavorerò in questo fine settimana e prevedo d'ora in poi l'uso dei membri strutturali per un sacco di cosette utili con profili personalizzati :finger:

ciao e grazie!
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#12
Te ne propongo un'altra, senza averla provata.
Fai uno schizzo sulla piastra base che sono le linee delle tue basi a V.
Esegui il comando nervatura su una scatola opposta alla tua piastra base.
Esegui il comando Abbina per scavare le nervature con la tua piastra base.
Non sono sicuro di avere capito bene, ma mi guardo il comando nervature che non ho mai usato poi ti faccio qualche domanda più sensata di quella che potrei farti ora.

E' una tassellatura di Penrose?
no, no, niente di così intrigante :)

Non per essere provocatorio, ma hai pensato a disegnarlo in 2d e poi dare al fresatore la sezione tipica dellutensile e un bel dxf?
in realtà io devo solo fare il 3d di un oggetto esistente. Giusto per chiaccherare, quegli scavi a V sono fatti a mano e fresandolo non sarebbe possibile ottenere gli spigoli vivi a fine scavo o nei lati esterni dei percorsi a zig-zag.

ciao e grazie a tutti per gli interventi
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#13
Mi sembra davvero un'ottima soluzione, alla quale non sarei certo arrivato perchè non uso mai i membri strutturali e questi sono workaround da gente scafata che riesce a sfruttare certe feature che conosce bene per lavorazioni non usuali :)
Ho provato ma devo capire bene come funziona la selezione delle linee di schizzo perchè una volta scelto il mio profilo a rombo posso selezionare poche linee di tutto lo sketch e per aggiiungerne devo fare un "nuovo gruppo" e comunque non ho capito la logica con la quale accetta o meno una linea per inserire il membro strutturale. Speravo bastasse selezionare tutto lo schizzo con la griglia
Ci lavorerò in questo fine settimana e prevedo d'ora in poi l'uso dei membri strutturali per un sacco di cosette utili con profili personalizzati :finger:

ciao e grazie!
Ciao,

la logica è abbastanza semplice. Puoi radunare nello stesso gruppo i segmenti che formano un profilo continuo (anche chiuso) o elementi paralleli tra loro.
Magari te lo rifaccio con la 2009 (che ho ancora) così vedi come ho creato i gruppi.
In sostanza ho fatto il perimetro, poi i contorni continui esistenti (il più possibile) e poi le linee non parallele o coninue con altre.
Tieni presente che all'interno della stessa funznione di membro strutturale i profili si rifilano in modo automatico lasciando interi i gruppi inseriti per primi. Questa in linea di massima è la logica....

ciao
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#14
Ciao,

la logica è abbastanza semplice. Puoi radunare nello stesso gruppo i segmenti che formano un profilo continuo (anche chiuso) o elementi paralleli tra loro.
Magari te lo rifaccio con la 2009 (che ho ancora) così vedi come ho creato i gruppi.
In sostanza ho fatto il perimetro, poi i contorni continui esistenti (il più possibile) e poi le linee non parallele o coninue con altre.
Tieni presente che all'interno della stessa funznione di membro strutturale i profili si rifilano in modo automatico lasciando interi i gruppi inseriti per primi. Questa in linea di massima è la logica....
Ok, chiaro, grazie mille.
Non stare a perder tempo per rifare la parte nella 2009. Ci lavoro con calma e se avrò difficoltà insormontabili mi rifarò vivo

ciao
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#15
Ok, chiaro, grazie mille.
Non stare a perder tempo per rifare la parte nella 2009. Ci lavoro con calma e se avrò difficoltà insormontabili mi rifarò vivo

ciao
Ok, prova da solo, alla fine è abbastanza intuitivo.