• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

separare il figlio dal padre

solid3d

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: Solidworks 2010
Regione: lombardia
#1
Ciao a tutti,
in SW c'è la possibilità di separare il figlio dal padre nel FeatureManager?
In pratica io ho bisogno di estrapolare una parte ottenuta con delle intersezioni attraverso due parti in comune ovvero due file distinti e alla fine ottenuto il risultato mi interessa tenere solo quello ripulendo il FeatureManager poichè il risultato lo devo utilizzare in un'altra parte.

Programma in uso SW2010

Ciao e grazie
 

Mike1967

Moderatore CAM
Staff Forum
Professione: Pane e lamiera
Software: Solidworks 2016 sp 5 X 2017 sp 0
Regione: Lombardia, Varese-Canton Ticino, Svizzera
#2
Ciao a tutti,
in SW c'è la possibilità di separare il figlio dal padre nel FeatureManager?
In pratica io ho bisogno di estrapolare una parte ottenuta con delle intersezioni attraverso due parti in comune ovvero due file distinti e alla fine ottenuto il risultato mi interessa tenere solo quello ripulendo il FeatureManager poichè il risultato lo devo utilizzare in un'altra parte.

Programma in uso SW2010

Ciao e grazie
La funzione "Abbina" può senz' altro far al caso tuo.
 

solid3d

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: Solidworks 2010
Regione: lombardia
#3
Grazie per la risposta

Si l'ho usata ma mi rimane legata al padre invece vorrei separarla in modo da ottenere una funzione padre e non più figlio.
In pratica io ho una parte A in cui inserisco una parte B ed ottengo C tramite il comando abbina, le funzioni di C vorrei scorporarle in modo da eliminare A e B poichè C lo devo inserire in A ed unirlo. Il problema che C mi rimane legato ad A e B e quando C lo importo come parte in A il programma mi va in crash.
Per ora come soluzione ho creato un parasolid di C ed all'interno di esso importo A solo che il parasolid in caso di modifica strutturale non posso toccarlo.

Non so se sono stato chiaro.
Comunque grazie
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#4
Ciao a tutti,
in SW c'è la possibilità di separare il figlio dal padre nel FeatureManager?
In pratica io ho bisogno di estrapolare una parte ottenuta con delle intersezioni attraverso due parti in comune ovvero due file distinti e alla fine ottenuto il risultato mi interessa tenere solo quello ripulendo il FeatureManager poichè il risultato lo devo utilizzare in un'altra parte.
Programma in uso SW2010
Ciao e grazie
Questa necessità del "ripulire" il feature manager non l'ho mica capita, oltre al fatto che non è chiaro se stai parlando di due file in assieme o di due file intesi come un file di parte che contiene una parte importata.
Se vuoi creare un file dal risultato dell'intersezione di due parti all'interno di una parte unica o di due corpi distinti all'interno della stessa parte fai come ti ha detto Mike usando il comando "abbina", poi nel feature manager vai sul corpo solido, clic col destro e scegli "inserisci nella nuova parte". Ti salva il risultato in un nuovo file di parte e ovviamente il feature manager sarà "pulito" :redface: ma l'unica funzione presente avrà nei riferimenti esterni la funzione abbina del file di origine. Se vuoi svincolarti teporaneamente dal file di origine pui bloccare i riferimenti esterni,e quando li sblocchi le modifiche ni file di origine aggiorneranno il modello. Se vuoi svincolarti definitivamente interrompi i riferimenti esterni oppure salvi come step.
Queste sono le opzioni che mi vengono in mente, anche se non capisco quale sia la difficoltà di usare la parte che contiene il risultato della feature "abbina" alla fine dell feature manager, ma questo lo sai tu :rolleyes:

EDIT:
ho visto ora il tuo messaggio sopra, ma quanto scritto lo lascio perchè è ancora valido.
Facendo come hai indicato ti crea un riferimento circolare che continuerà a ruotare per i prossimi 20 anni :) fose per quello che si SWX si offende...
Prova a inserirlo avendo interrotto o bloccato i riferimenti esterni, anche se poi non credo potrai più aggiornarli quindi tanto vale che crei salvi direttamente in step e reimporti.
Certo che devi fare un modello ben strano per avere bisogno di tutte queste evoluzioni :)
 

Mike1967

Moderatore CAM
Staff Forum
Professione: Pane e lamiera
Software: Solidworks 2016 sp 5 X 2017 sp 0
Regione: Lombardia, Varese-Canton Ticino, Svizzera
#5
Grazie per la risposta

Si l'ho usata ma mi rimane legata al padre invece vorrei separarla in modo da ottenere una funzione padre e non più figlio.
In pratica io ho una parte A in cui inserisco una parte B ed ottengo C tramite il comando abbina, le funzioni di C vorrei scorporarle in modo da eliminare A e B poichè C lo devo inserire in A ed unirlo. Il problema che C mi rimane legato ad A e B e quando C lo importo come parte in A il programma mi va in crash.
Per ora come soluzione ho creato un parasolid di C ed all'interno di esso importo A solo che il parasolid in caso di modifica strutturale non posso toccarlo.

Non so se sono stato chiaro.
Comunque grazie
Esiste lo strumenti di riconoscimento funzioni, in questi casi.
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#6
Grazie per la risposta

Si l'ho usata ma mi rimane legata al padre invece vorrei separarla in modo da ottenere una funzione padre e non più figlio.
In pratica io ho una parte A in cui inserisco una parte B ed ottengo C tramite il comando abbina, le funzioni di C vorrei scorporarle in modo da eliminare A e B poichè C lo devo inserire in A ed unirlo. Il problema che C mi rimane legato ad A e B e quando C lo importo come parte in A il programma mi va in crash.
Per ora come soluzione ho creato un parasolid di C ed all'interno di esso importo A solo che il parasolid in caso di modifica strutturale non posso toccarlo.

Non so se sono stato chiaro.
Comunque grazie
:confused:
Non ho ben capito come funziona l'accrocco ma secondo me hai qualche problema di logica progettuale...

Con A e B ottieni C, poi togli B e A e lo rimetti in A... Chiunque vede che c'e' un problema, in quanto basterebbe non eliminare A... A meno che non sia riposizionato. In tal caso ti conviene fare prima una copia di A (A1) e cosi' ti trovi C ed A1.

Mi sa che ti conviene fare tutto con gli assiemi e usare Dividi o Cavita'. E' piu' flessibile anche se hai piu' file. Al massimo poi puoi salvare l'assieme come parte.

Per il fatto di utilizzare parti svincolate dall'albero, lo faccio tutti i giorni. Negli stampi la parte che uso come lamiera e' un corpo privo di storia, molto piu' leggero e senza problemi di ricostruzione. Se devo modificare il pezzo originale, mi basta aggiornarlo aprendo entrambi i file (padre con albero e figlio senza) e aggiornare.

Addirittura, spesso ho un file con la parte. Da questo file ottengo un corpo che apro e su cui faccio le varie configurazioni per lo stampaggio. Queste configurazioni vengono salvate come parti separate. Da queste parti viene creato un file per la striscia con tutte le stazioni. Da questo un altro file con le configurazioni che verra' utilizzato nella striscia che subira' le operazioni di tranciatura.

Nella striscia potrei al limite utilizzare il primo. Quanti passaggi invece ho fatto? A voi la conta..:biggrin::biggrin:

Il vantaggio e' avere un assieme molto piu' leggero e una gestione delle modifiche estremamente piu' agevole, "per centri di modifica", invece di avere un'accozzaglia informe e incomprensibile in un unico file che se s'impuXXana (come mi e' capitato...:mad:) ti costringe a un lavoro immane. Svantaggio: tanti piu' file e verificare che le modifiche si propaghino una volta fatte nel primo file (questione di secondi).
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#7
Il vantaggio e' avere un assieme molto piu' leggero e una gestione delle modifiche estremamente piu' agevole, "per centri di modifica", invece di avere un'accozzaglia informe e incomprensibile in un unico file che se s'impuXXana (come mi e' capitato...:mad:) ti costringe a un lavoro immane. Svantaggio: tanti piu' file e verificare che le modifiche si propaghino una volta fatte nel primo file (questione di secondi).
È vero che si tratta di secondi, ma negli utlimi tempi mi sono successi davvero molti scherzi antipatici con i riferimenti esterni.
Ho tratto la conclusione che si tratta di problemi legati alla complessità degli assiemi, ma resta il fatto che si devono eseguire molti controlli "ad occhio" per essere certi di produrre disegni corretti.
Parlo di scherzi del tipo: crei un assieme in top down, è corretto, salvi e chiudi. Riapri e ci sono delle anomalie geometriche fai 2-3 CTRL+Q e tutto torna a posto. Salvi, chiudi e riapri ed è ok. Lo riapri per 30 volte ed è ok, ma alla 31 esima, quando smetti di controllare, torna l'anomalia.
Penso che più che dei programmatori serva uno psichiatra per capire il comportamento di questo cad in determinate situazioni.
Non parliamo dell'assistenza che ho deciso di non interpellare mai più in futuro, sia per le risposte del rivenditore che della casa madre.

Dopo questa polemica volevo dire di utilizzare i riferimenti esterni in quanto sono l'unico mezzo efficace per risolvere parecchie problematiche, ma è necessario sorvegliare attentamente il comportamento del cad in presenza di realtà complesse perchè potrebbe essere non troppo prevedibile.
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#8
È vero che si tratta di secondi, ma negli utlimi tempi mi sono successi davvero molti scherzi antipatici con i riferimenti esterni.
Ho tratto la conclusione che si tratta di problemi legati alla complessità degli assiemi, ma resta il fatto che si devono eseguire molti controlli "ad occhio" per essere certi di produrre disegni corretti.
Parlo di scherzi del tipo: crei un assieme in top down, è corretto, salvi e chiudi. Riapri e ci sono delle anomalie geometriche fai 2-3 CTRL+Q e tutto torna a posto. Salvi, chiudi e riapri ed è ok. Lo riapri per 30 volte ed è ok, ma alla 31 esima, quando smetti di controllare, torna l'anomalia.
Penso che più che dei programmatori serva uno psichiatra per capire il comportamento di questo cad in determinate situazioni.
Non parliamo dell'assistenza che ho deciso di non interpellare mai più in futuro, sia per le risposte del rivenditore che della casa madre.

Dopo questa polemica volevo dire di utilizzare i riferimenti esterni in quanto sono l'unico mezzo efficace per risolvere parecchie problematiche, ma è necessario sorvegliare attentamente il comportamento del cad in presenza di realtà complesse perchè potrebbe essere non troppo prevedibile.
E' proprio per questo comportamento idiota che sono stato costretto a usare le parti derivate. Per poter "bloccare" diversi step di ricostruzione a ritroso, che potro' ripercorrere solo in caso di necessita'. E in tal caso dovro' aprire tutti i file in riferimento (senza scordarmene qualcuno) per fare la ricostruzione.
Assieme alle configurazioni i riferimenti esterni sono una "bestia nera" di SWX che spesso costringe ad aggirarli per avere un comportamento dcorretto di un assieme (es. un assieme con 40 configurazioni con riferimenti comuni che ho dovuto riprodurre manualmente nei sottoassiemi o legarle a uno skeketon visto la propagazione "difettosa" dei piani di riferimento).
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#9
E' proprio per questo comportamento idiota che sono stato costretto a usare le parti derivate. Per poter "bloccare" diversi step di ricostruzione a ritroso, che potro' ripercorrere solo in caso di necessita'. E in tal caso dovro' aprire tutti i file in riferimento (senza scordarmene qualcuno) per fare la ricostruzione.
Assieme alle configurazioni i riferimenti esterni sono una "bestia nera" di SWX che spesso costringe ad aggirarli per avere un comportamento dcorretto di un assieme (es. un assieme con 40 configurazioni con riferimenti comuni che ho dovuto riprodurre manualmente nei sottoassiemi o legarle a uno skeketon visto la propagazione "difettosa" dei piani di riferimento).
Il problema è che hanno funzionato egregiamente fino alla 2007 per poi subire un degrado proporzionale all'aumento di prestazioni negli assiemi. Che abbiano "tagliato" un po' troppo?
 

SolidUser

Utente Senior
Professione: Progettista
Software: SolidWorks 2013 SP1.0
Regione: Veneto
#10
Anche io non ho capito, sicuramente si sta producendo un riferimento circolare.
Se posti un esempio o un'immagine è più facile capire le tue esigenze.