scelta programma per avvio ufficio tecnico

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#21
Anche io mi orienterei su SWX o ProE: ognuno con vantaggi e svantaggi, dipende anche dall'eventualità che i clienti ti chiedano una consegna in formato nativo (in questo caso devi adeguarti ai loro standard).

ProE è più adatto a gestire (magari insieme a mathcad o matlab) il discorso turbine (lo fai anche con SWX ma in modo meno automatizzabile), SWX ti da maggiore apertura verso il mondo CFD (attenzione però che il modulo per il CFD è molto costoso ed è un codice FEM, meno "flessibile" di altri software, per esempio, a volumi finiti).

si io ho avuto a che fare con un programma chiamato proprio CFD e lui si basava su solide edge per i disegni dei pezzi 3d se non ricordo male....lo usato nello sviluppo della tesi qualche anno fa....e si...so aime che è decisamente costoso!
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#22
eheh no no non ti preoccupare non serve solo per quello.

si io ormai sono 3 anni che lavoro fulltime con inventor...ora ho appena preso sottomano la 2011 ....

più che altro penso sia più userfriendly e forse può essere meno violento come passaggio....

proe non lo conosco proprio..ho visto qualche tutorial per farmi qualche idea ma a pelle mi sembra più complesso .....
È un cad da imparare come tutti gli altri, ha la sua interfaccia diversa dai ribbon di windows w pertanto diversa da solidworks e inventor.


solide edge o solidworks come impostazione per degli sketch mi è sembrato molto più simile al 2d di autocad....
Non conosco solidedge, ma gli schizzi di swx non assomigliano per nulla a Autocad, lo puoi usare in modo simile attivando 2d emulator ma al primo minuto di corso ti dicono "dimentica ciò che hai fatto con autocad fino ad ora e impara a lavorare con la mentalità di swx", l'approcio allo schizzo è proprio opposto alla filosofia di acad.


Se posso darti un consiglio io opterei per Proe o solidworks per due motivi diversi. Proe come parametrico è più performante e più "settabile" alla virgola, è difficile da spiegare bisogna solo provarlo per capire. Ha un approcio molto più matematico alla modellazione, cosa che potrebbe rivelarsi molto utile nella modellazione di turbine, che invece servirebbe a poco nella carpenteria o nella modellazione di macchinari industriali.
Solidworks è molto simile ad inventor come interfaccia, per cui non farai fatica ad impararlo, però avrai migliori prestazioni con le superfici (rispetto ad inventor) che sono adeguate alla fascia di mercato. Esistono anche applicativi esterni per superfici "complesse" per swx, per cui avrai un minimo di scalabilità.
Tieni presente che per contro nessun competitor di autodesk ti da un gestore dwg all'altezza di Mechanical, incluso in inventor.
 

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#23
Non conosco solidedge, ma gli schizzi di swx non assomigliano per nulla a Autocad, lo puoi usare in modo simile attivando 2d emulator ma al primo minuto di corso ti dicono "dimentica ciò che hai fatto con autocad fino ad ora e impara a lavorare con la mentalità di swx", l'approcio allo schizzo è proprio opposto alla filosofia di acad..
eh vedi...putroppo io ho avuto lìimpostazione fatta in università....da persone che probabilmente lo avevano imparato a loro volta da soli...e svariate versioni fa ormai....per cui dovrei rifare un corso vero e proprio.

Se posso darti un consiglio io opterei per Proe o solidworks per due motivi diversi. Proe come parametrico è più performante e più "settabile" alla virgola, è difficile da spiegare bisogna solo provarlo per capire. Ha un approcio molto più matematico alla modellazione, cosa che potrebbe rivelarsi molto utile nella modellazione di turbine, che invece servirebbe a poco nella carpenteria o nella modellazione di macchinari industriali.
Solidworks è molto simile ad inventor come interfaccia, per cui non farai fatica ad impararlo, però avrai migliori prestazioni con le superfici (rispetto ad inventor) che sono adeguate alla fascia di mercato. Esistono anche applicativi esterni per superfici "complesse" per swx, per cui avrai un minimo di scalabilità..
anche swx l'ho visto in funzione ma non ho mai provato a usarlo..però a impatto visivo l'avevo apprezzato..più di quello che apprezzo inventor....

Tieni presente che per contro nessun competitor di autodesk ti da un gestore dwg all'altezza di Mechanical, incluso in inventor.
e questo mi spaventa...ma non vorrei fasciarmi la testa prima di sbatterla!...questa sarà la prima cosa che valuterò entrnado in azienda; cercherò di capire bene l'effettivo scambio di disegni tra azienda e fornitori per capire se basta passare pdf o se vengono passati i disegni veri e propri....e in base quello deciderò cosa scegliere per partire... credo che sia la base per scegliere....

grazie come sempre per le prezione osservazioni a tutti.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#24
e questo mi spaventa...ma non vorrei fasciarmi la testa prima di sbatterla!...questa sarà la prima cosa che valuterò entrnado in azienda;
Io per mestiere scambio file con i clienti, e volevo solo dirti che effettivamente la compatibilita' con il formato dwg e' un falso problema, nel senso che tutti i cad moderni hanno una qualita' di importazione/esportazione adeguate nella maggior parte dei casi.
In sintesi, io non lo metterei fra i fattori importanti di decisione, si tratta solo di perdere una mezz'oretta a fare una buona taratura del traduttore dwg. Questo vale ovviamente se parliamo di 2d, se invece il discorso e' di gestire il dwg-3d allora le cose si complicano parecchio.
 

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#25
ah ottimo!!!ecco vedi questo proprio lo ignoravo!!!buono a sapersi!grasssie!!
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#26
Il fatto che Pro/E sia più ostico e meno user friendly ormai è una cosa che non si può più dire, con tutte le migliori grafiche introdotte negli anni e la scomparsa completa dei menu a tendina sostituiti anch'essi da queste benedette ribbon.

Semmai come dico sempre è più vasto per via di tutti i moduli verticali integrabili al suo interno e quindi per questo motivo se ci si vuole spingere in profondità ci vuole tempo, ma questo non è sinonimo di diffcoltà anzi flessibilità ad ogni ambiente che si vuole approcciare.

Per quanto riguarda il discorso delle esportazioni, quoto caccia, in realtà questo è proprio l'ultimo dei problemi, conosco clienti che lavorano conto terzi i quali hanno 20 mappature diverse a seconda del cliente, quindi è sempre personalizzabile sotto ogni aspetto.

Inventor anche qui dalle mie parti è molto usato e diffuso ma unicamente per il fatto che lo insegnano alle scuole e perchè c'è sempre stata "ignoranza" nel pensare che ci fosse solo quello come CAD3D, propongono dei corsi di 20 ore nella speranza che uno lo sappia utilizzare in maniera professionale e personalmente questa cosa mi fa sempre sorridere, perchè poi alla domanda sulle superfici o altre cose un pò più complesse questi utenti ti rispondono:
a ma noi non facciamo design.. come se le superfici servisessero solo in quell'ambiente...Questi sono i limiti non solo del software ma proprio nella base dell'insegnamento che ti danno.

Saluti
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#27
Io per mestiere scambio file con i clienti, e volevo solo dirti che effettivamente la compatibilita' con il formato dwg e' un falso problema, nel senso che tutti i cad moderni hanno una qualita' di importazione/esportazione adeguate nella maggior parte dei casi.
In sintesi, io non lo metterei fra i fattori importanti di decisione, si tratta solo di perdere una mezz'oretta a fare una buona taratura del traduttore dwg. Questo vale ovviamente se parliamo di 2d, se invece il discorso e' di gestire il dwg-3d allora le cose si complicano parecchio.
Attenzione che esportare è una cosa, ma lavorare (anche poco) è un'altra. A me capita di fare qualche lavoro in 2d, magari anche tavole troppo complesse da gestire con swx che esporto e finisco in acad.
In questo caso Dwgeditor è una fetecchia, draftsight è troppo acerbo, intellicad una palla come dwgeditor... alla fine il migliore resta sempre autocad che hai in omaggio con Inventor, mentre con gli altri hai dei prodotti di qualità discutibile.
Non è detto che ti serva un 2d come mechanical e può darsi che la complessità del tuo prodotto ti consenta di lavorare interamente nel 3d, e in questo caso è un fattore che puoi trascurare.
Inoltre per tanto le mappature siano ok spesso è necessaria un'aggiustatina a mano...
Io sono partito con swx e autocad lt 4 anni fa, ho integrato proe e l'applicativo top per acad 2 anni fa ed ora sto per acquistare autocad mechanical (o inventor, dipende dalle condizioni commerciali finali).
Il futuro è tutt'altro che prevedibile......
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#28
Attenzione che esportare è una cosa, ma lavorare (anche poco) è un'altra. A me capita di fare qualche lavoro in 2d, magari anche tavole troppo complesse da gestire con swx che esporto e finisco in acad.
Probabilmente abbiamo dei flussi di lavoro molto diversi, io riesco a fare tutto dentro il draft di Solid Edge, ma e' vero che in genere non devo fare layout o simili. Personalmente cerco di evitare il piu' accuratamente possibile di uscire dal
draft di solid edge per rifinire le mie tavole, allo scopo di non perdere l'associativita' fra modello e tavola che secondo me e' fondamentale per evitare disastri.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#29
Eh si, anche io non uso mai il 2D.
Da diversi anni a questa parte il 2D l'ho completamente abbandonato.
Mi è capitato solo una volta di dover mettere giù un paio di schemi elettrici ... e ci ho perso qualche ora dietro, arrangiandomi con Pro/E.
Non è il massimo ma, una volta presa la mano si fa tranquillamente. anche questo e non vale la pena prendere un altro cad se l'uso del 2D è così sporadico.
 

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#30
credetemi non avete la ben che minima idea di quante osservazioni siano uscite in solo due pagine di discussione...e ho già svariate note ricavate dalle vostre esperienze che mi stanno tornando davvero utili.non confidavo in così tante osservazioni.
spero ne giungeranno altre.

grazie mille!

detto ciò...condivido anche io con l'idea di mettere meno mano possibile sul 2d.


..nel senso...se faccio un 3d , per come siamo abituati fin'ora..lo faccio per verificare che torni tutto..prima sviluppo quello e poi eseguo le messe in tavola da mandare in produzione...e il massimo dell'intervento che faccio sul 2d sono aggiungere note..o al massimo correggere delle sezioni che inventor toppa clamorosamente a livello di regole (vedi le sezioni degli alberi un esempio su tutti).....ma più di quello me ne guardo bene dal fare altro!!

..desidero che il mio 2d sia esatto con 3d e viceversa, altrimenti se anche solo in vista di un cambio di personale...se la persona nuova non sa di questo non riscontro tra 2d e 3d magari nel fare un'aggiornamento aggiorna la messa in tavola giocandosi "l'aggiustamento" che avevi fatto sulla versione precedente (cosa che accade dove non hai un corretto archivio di disegni) ...la vedo troppo rischiosa come cosa.....mi piace poco....
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#31
detto ciò...condivido anche io con l'idea di mettere meno mano possibile sul 2d.


..nel senso...se faccio un 3d , per come siamo abituati fin'ora..lo faccio per verificare che torni tutto..prima sviluppo quello e poi eseguo le messe in tavola da mandare in produzione...e il massimo dell'intervento che faccio sul 2d sono aggiungere note..o al massimo correggere delle sezioni che inventor toppa clamorosamente a livello di regole (vedi le sezioni degli alberi un esempio su tutti).....ma più di quello me ne guardo bene dal fare altro!!

..desidero che il mio 2d sia esatto con 3d e viceversa, altrimenti se anche solo in vista di un cambio di personale...se la persona nuova non sa di questo non riscontro tra 2d e 3d magari nel fare un'aggiornamento aggiorna la messa in tavola giocandosi "l'aggiustamento" che avevi fatto sulla versione precedente (cosa che accade dove non hai un corretto archivio di disegni) ...la vedo troppo rischiosa come cosa.....mi piace poco....
Vedi i casi possono essere molti e molto diversi. È fondamentale utilizzare il 3d e la tavola di questo ed evitare il più possibile l'utilizzo del 2d.
Se disegni un grosso impianto il 2d diventa fondamentale se non vuoi tirare alla pensione con il primo lavoro aspettando che il pc finisca di rigenerare.
Ho dovuto svolgere alcuni lavori nei quali ho messo mano a modelli esistenti già fatti ignorando ogni regola di ottimizzazione di prestazioni in vista di grandi assiemi e il modello era di circa 180.000 corpi solidi tra i quali vi era del piping, notoriamente ostico nella rigenerazione.
Le tavole principali erano praticamente ingestibili con il draft di swx e ho dovuto passare a metodi più blandi per consegnare disegni ben fatti in tempi ragionevoli e compatibili con i costi preventivati.
Con i modelli che produco da me dove tutto viene pesato ed ottimizzato all'osso in vista di grandi assiemi non ho più di questi problemi.

Io ora però voglio mettere una pulce nell'orecchio ai colleghi. Esportare un pdf e un dwg può essere anche utile. Pensate se completate un set di disegni e lo fornite al vostro cliente, un collega fa una modifica nel un modello (o ancor peggio in uno skeleton) e tutto il modello parametrico cambia in funzione di questa modifica.
Tutto si aggiorna, ma dove pescate quello che avete mandato al cliente? Avere una copia in dwg non è poi del tutto sbagliato, almeno per i disegni principali di un progetto.

Un'altra cosa: swx ha un plugin (che non ho mai provato) che permette di creare le viste e di aggiornarle direttamente in dwg editor. Questo plugin dovrebbe funzionare anche con acad.
A mio parere avere una tavola parametrica in ambiente autocad sarebbe il massimo, perchè si può dire tutto quello che si vuole ma per impaginare una tavola (a viste disegnate), Autocad è lo strumento più veloce e pratico che esita.
Se questo strumento in futuro verrà spinto un po' oltre la semplice esistenza potrebbe essere eccellente soprattutto nel caso di mega assiemi.
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#32
Pro/Engineer fa tutte queste cose, lo uso da 4 anni dopo essere passato da diversi programmi parametrici e ne sono sempre più soddisfatto.
E' un programma di elevato livello, le ultime versioni sono assolutamente user-friendly ed è accessibile a prezzi del tutto simili a programmi di progettazione di livello decisamente più basso.

Se devi affrontare il discorso pale turbine e superfici un pò complesse,
Pro/E in accoppiamento a Mathcad e BMX è l'ideale, senza contare l'aspetto sviluppo prodotto e altri innumerevoli vantaggi.

Se ti servono info più dettagliata in merito contattami pure in mp.
Ho una presentazione di un caso tipico su pale di turbine non indifferente che ti può far capire quanto può essere spinto un lavoro di questo genere.

Saluti
Passo ogni tanto, si molto raramente, lego questi post e... forse per nostalgia o per troppa birra mi viene spontaneamente di dirvi che vi voglio bene :)
si anche se utilizate quel.... :D
vi abraccio, ci si legge...!
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#33
Passo ogni tanto, si molto raramente, lego questi post e... forse per nostalgia o per troppa birra mi viene spontaneamente di dirvi che vi voglio bene :)
si anche se utilizate quel.... :D
vi abraccio, ci si legge...!
Dovresti passare più spesso :smile:
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#36
Creare in una piccola azienda un ufficio tecnico partendo da zero.

L'azienda esiste da qualche decina di anni ma è rimasta a livelli piuttosto rudimentali.

-possibilità di effettuare anche "rapide" analisi fem;(in un futuro si penserà anche a un programma per analisi fluidodinamica)
-possibilità di gestire superfici anche non semplici come per esempio pale di turbine;
Ma cosa fa di preciso la tua azienda?
Turbine?
Di che tipo?
Oltre che con i propri fornitori deve rapportarsi come fornitrice con altre aziende più grandi?

La cosa più importante quando si sceglie un PLM è sapere con chi ci si deve rapportare verso "l'alto".
 

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#37
Ma cosa fa di preciso la tua azienda?
Turbine?
Di che tipo?
Oltre che con i propri fornitori deve rapportarsi come fornitrice con altre aziende più grandi?

La cosa più importante quando si sceglie un PLM è sapere con chi ci si deve rapportare verso "l'alto".
a questo saprò risponderti più accuratamente tra un mesetto o due.

per ora ho solo visto il lavoro da fuori....perchè tra preavviso ecc non sono ancora entrato nel nuovo posto!

volevo però iniziare a farmi una idea di massima sui vari programmi (oltre inventor che già uso) in modo da ristringere un po' la cerchia dei programmi tra cui scegliere.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#38
Ma cosa fa di preciso la tua azienda?
Turbine?
Di che tipo?
Oltre che con i propri fornitori deve rapportarsi come fornitrice con altre aziende più grandi?

La cosa più importante quando si sceglie un PLM è sapere con chi ci si deve rapportare verso "l'alto".
Ti piacerebbe se rispondesse che si rapportano con quelli di Genova :biggrin:
 

tmp_fra

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: inventor-autocad
Regione: lombardia
#40
rieccomi!
finalmente nella nuova azienda e con la possibilità di dare maggiori informazione al fine di aiutarmi con la scelta.

allora la questione è la seguente:
siamo a zero di tutto!disegni programma rpogettazione....zero totale!

viene fatto tutto su base di esperienza e stime..partono da schizzi fatti in anni passatisssimi ....

mettendo per un attimo da parte il discorso dell'assenza di progettazione..e rassegnandosi momentaneamente al voler semplicemente riportare tutto ciò che si prodoce in un formato digitale....

principalmente il prodotto si tratta di ventilatori, e si fa tutto proprio...
dal taglio della lamiera all'imbutitura, piuttosto che lo stampaggio, alla foratura successiva, piegature varie, saldature, verniciature ecc ecc

la necessità è di avere dei file dxf da poter mandare alla macchina ossitaglio...si lei di suo ha un suo programma ma mi chiedevo se ci fosse la possibilità di usare un solo programma per disegnare e poi eventualmente trasferire questi file a quella che gestisce l'ossitaglio, così non si devono rifare i disegni mille volte!

io creo le fiancate della "chiocciola" e su queste due fiancate ricavo la fascia che le unisce..sarebbe bello ricavare queste fasce per "derivazione" dalle forme delle due fiancate e in seguito a questo ottenerne lo sviluppo da mandare alla macchina ossitaglio.
è possibile?ci sono programmi che fanno questo?

mi serve qualcosa che gestisca lamiere per la maggior parte, più si ok bullonature saldature ecc....

la prospettiva futura è di usare poi lo stesso programma per poter fare anche lo sviluppo di nuovi prodotti e quindi possibili analisi strutturali piuttosto che fluidodinamici..ma questo è un punto di arrivo...per cui..eventualmente per quello si prenderà un altro prodotto quando si potrà...ora l'urgenza è codificare i prodotti digitalizzarli avviare la gestione di db ecc ecc ecc...

lo so sembrerà surreale come situazione....ma bisogna darsi una svegliata perchè di lavoro ce n'è davvero tanto e non riescono più a tenere il passo....

suggerimenti?
accetto ben volentieri anche suggerimenti in merito alla gestione del tutto, sono sempre ben graditi.

ringraziandovi come sempre per la collaborazione
a presto

Fra