[Recuperato] Quale convertitore?

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#1
-Discussione recuperata dalla cache di Google.
-I rispettivi moderatori sono autorizzati a cancellare o modificare la presente discussione dal proprio forum.
Grazie per la collaborazione.
Oldwarper.



arise
22-12-2003, 17.14.28

Ho necessità di scambiare progetti con ditte che utilizzano
cad diversi dal mio, qualcuno me ne sa indicare uno di valido?

Grazie e buone feste a tutti!



UGoverAll
22-12-2003, 22.32.41

Scusa, mi sembri un pò generico...
1) Quale è il tuo CAD?
2) Con quali CAD devi scambiare dati?



arise
23-12-2003, 10.56.42

Ciao UGoverAll,
hai ragione sono stato troppo vago.
Ho intenzione di aquistare Catia però vista la moltitudine di cad esistenti mi chiedevo
quale convertitore tratta il maggior numero di formati nativi visto che Catia non ne tratta
praticamente nessuno.
Grazie e a presto



UGoverAll
23-12-2003, 14.06.51

A proposito di traslatori diretti.

0) Non hai specificato se prenderai catia V4 o V5...

1) UG NX2 ha un traduttore diretto UG<->CatiaV4. Costa relativamente poco, che ne so come una Fiat punto.

2) THEOREM. Produce CADverter, un traduttore molto affidabile e veloce di file CAD. Tratta file Catia, UG, Pro/E, Parasolid etc.
Va bene come una BMW, ma costa in proporzione come una serie 7.... (tanto)

3) PROFICIENCY, TTI, TTF. Sono traslatori di nuova generazione che promettono (sottolineo promettono) di traslare da un CAD all'altro anche le Features... restituendo un modello parametrico. Io li ho visti... mah... su modelli "meccanici" composti da tante features semplici vanno abbastanza bene, su modelli un pò + complessi con tanti raccordi, spoglie, loft, etc etc vanno in crisi nera.
Costano in proporzione come una Ferrari Enzo...

4) SERVICE. Ci sono molte aziende che offrono dei "portali di traduzione" in cui metti:
- Il tuo modello originale
- il tuo numero di Carta di Credito (tanto per dire che devi pagare...)
... e avrai dopo un pò un modello tradotto nel formato richiesto.
Se invece devi fare traduzione massicce ci sono servizi + sofisticati... ma che spiegare qui mi sembra un pò difficile.

la valutazione in questi casi è diffcile, dipende da quanti modelli devi tradurre in un anno, che cosa devi farne (realizzare il pezzo fisico? lo stampo?), da quanti CAD devi tradurre etc

Ciao



serra
23-12-2003, 15.37.27

c'è anche ps-exchange della delcam, anche qui paghi un tanto ogni volta che salvi.
In pratica la visualizzazione è gratis e la traduzione a pagamento.
l'indirizzo:
http://www.ps-exchange.com
già che ci siamo
Buon Natale e Buon Anno!



UGoverAll
23-12-2003, 16.55.59

Peccato che il ps-exchange non abbia in output praticamente nulla al di fuori dei file delcam e l'X_T...
Ciao



arise
24-12-2003, 18.22.56

La versione di Catia è la 5, non sapevo che vendono ancora la 4, la credevo
pensionata ormai.

Una grossa sorpresa sono i prezzi dei convertitori che da quello che fai intuire
costano come un cad di fascia alta, decisamente troppo per le mie esauste tasche!
Preferirei convertire in formati nativi invece che passare per il famigerato IGES che
tanti problemi da ma vista la situazione penso che sarò costretto ad accettare la cosa.
O c'è qualche soluzione o formato migliore?

Come numero di conversioni credo ne farò parecchie, con l'anno nuovo apro il
mio studio tecnico di progettazione stampi (speriamo bene!) e dovrò colloquiare
con parecchi cad diversi necessito quindi di un buon sistema di interscambio dati.

Detto questo auguro a tutti Buone feste!
Ciao



folini
24-12-2003, 19.27.05

Salve,
se vuoi farti un'idea delle possibilita' dei convertitori CAD sul sitio di Novedge ( http://www.novedge.com) puoi trovare un interessante wizard (http://www.novedge.com/Wizard1_Step1.asp) che ti puo' aiutare nell'esplorare tutte le opportunita' di data translation da un formato CAD all'altro e ti puo' dare un'idea dei prezzi di mercato.

Tieni presente che a prezzi diversi usualmente corrispondono anche qualita' e affidabilita' diverse e soprattutto non dimenticare che NESSUN traduttore funziona sul 100% dei modelli. Quanto al mapping tra features che io sappia gli unici traduttori realmente affidabili sono quelli prodotti da Elysium (http://www.elysiuminc.com), una societa' molto seria che rifornisce l'industria automobilistica con prezzi tarati sui budget della General Motors (alias > $20K).

Franco Folini



arise
26-12-2003, 11.31.31

Grazie Folini per le tue indicazioni, ho notato però che tutti i convertitori
trattano solo i cad più rinomati (Catia, UG, ProE) mentre io ho a che fare
con altri meno conosciuti ma molto usati dagli stampisti (Cimatron, Mastercam,
Cadkey, etc) credo quindi che per me un convertitore sarebbe una spesa
inutile visto che sarei costretto in ogni caso a passare per formati generici
quali Iges o Step. Riguardo a questi due, quali secondo voi sono i migliori?

Ciao e buon anno nuovo!!!



drospo
30-12-2003, 10.08.41

Ciao arise,
le risposte che hai ricevuto sono abbastanza complete, dovresti avere già le idee chiare.
Devi, dobbiamo tutti, cercare di utilizzare il più possibile i formati neutri.
Evitando di fare commenti sulla qualità delle interfaccie neutre in uscita da Catia, e sui prezzi dei traduttori nativo-nativo, tieni presente che ormai ogni anno i nativi sono suscettibili di cambiamenti, e tu dovresti rincorrerli tutti...
A meno che tu non sia costretto ad acquistare, ti consiglio vivamente di rivolgerti a società di service quando è necessario.... conviene!



folini
03-01-2004, 19.07.22

Salve,
provo a dare qualche indicazione circa l'ultima domada riguardo alla scelta tra IGES e STEP.

IGES (Initial Graphics Exchange Specification) e' uno standard piuttosto vecchiotto che tratta essenzialmente superfici ed entita' 2D; e soprattutto il formato IGES e' suscetibile di interpretazioni e personalizzazioni pericolose per l'utente finale.
In altre parole, quasi tutte le funzioni/comandi di export verso IGES dai sistemi CAD generano file basati su versioni customizzate di IGES, note come flavors-IGES o semplicemente dialetti-IGES. Questi file "standard" possono essere letti dagli altri sistemi CAD solo con grande difficolta' e frequentemente con perdita di informazioni. La ragione di queste apparentemente inutili complicazioni e' la volonta' delle aziende CAD di tenere agganciati i propri clienti offrendo un canale di migrazione ufficialmente "standard IGES compliant" ma di fatto rendendo il processo di migrazione dei dati molto costoso e inaffidabile ("Vuoi passare alla concorrenza? OK, ma per trasterire i tuoi dati ti tocchera' soffrire!").

STEP (Standard for the Exchange of Product model data) e' nato in tempi piu' recenti con anche lo scopo di sopperire alle limitazioni evidenti di IGES. STEP e' strutturato in livelli, noti come Application Protocols. Il livello piu' diffuso e di fatto l'unico sufficientemente generale e' l'AP203. I vantaggi piu' evidenti sono che STEP riesce usualmente a trasferire oltre alle superfici anche i solidi e in molti casi anche la struttura dell'assime. Decisamente un grande vantaggio rispetto ad IGES. Livelli piu' avanzati di STEP supportano anche il mapping di features ma non sono sufficentemente diffusi e supportati dai sistemi CAD per costituire una alternativa generale.

Per concludere, sulla base anche della mia esperienza aggiungo che:
- gli strumenti di data-translation IGES sono in genere meno costosi di quelli STEP
- per alcune situazioni di migrazione dei dati (ad esempio per importare modelli in Rhino dal sistema CAD X) un buon modulo di export dal sistema CAD X verso IGES e' tutto cio' che serve
- se le informazioni sui solidi e sull'assieme sono rilevanti e se i sistemi CAD coinviolti sono piu' di due allora in genere STEP e' la soluzione piu' conveniente, se non l'unica percorribile
- i moduli di import e di export realizzati da terze parti sono in genere piu' affidabili e' piu' aderenti agli standard dei moduli forniti dai sistemi CAD, per le ragioni dette sopra.

Franco



arise
05-01-2004, 22.05.42

Rieccomi! Una settimana di ferie ci voleva proprio!
Torniamo alle cose serie.

Grazie drospo e folini per le risposte più che easurienti, ormai la
situazione è ben chiara.
Ho solo una piccola domanda che non centra nulla con la discussione in atto
ed è la seguente: quanto può chiedere come tariffa oraria uno studio
di progettazione 3D di stampi? Ho sempre lavorato come dipendente
e non ne ho la più pallida idea. Io pensavo a 30 euro lordi, che siano troppi?
Ciao!


drospo
07-01-2004, 10.11.06

NON sono troppi !!!!
 
Ultima modifica da un moderatore: