[Recuperato] Modellazione di un cupolino fatto con OmniCAD ed Altri

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#1
-Discussione recuperata dalla cache di Google.
-I rispettivi moderatori sono autorizzati a cancellare o modificare la presente discussione dal proprio forum.
Grazie per la collaborazione.
Oldwarper.


Manca la prima pagina


16-06-2006, 19.58.10
alexskull

Citazione:Originalmente inviato da oTToLeoP
Ciao Alex, ho visto le modifiche che hai fatto vorrei farti alcune domande.
1)nella prima deformazione quella dove hai piegato la matematica come nel mio uiltimo video, hai dovuto tagliare il pezzo?
2)riguardo lultima modifica, sei consapevole del fatto che se usavi un muovi in scala andando a piazzare il sistema di riferimento al centro ed impostare solo un asse di movimento ottenevi la stessa e medesima cosa ? (fig1)
3) riesci a fare la stessa cosa congelando la parte centralee in modo che la modifica non avviene nei fanali per evitare di modificare il designer? (fig2)
1- no la modifica e' stata fatta sul solido cosi com'era
2e3- certo in quel caso e' una modifica e si poteva fare anche con il comando scala ma in realta si puo fare la modifica che dici te al punto tre semplicemente spostando i piani che vedi nell'anteprima
(poi allego un immagine)

Alex Skull


17-06-2006, 00.29.05
tecnomarca

Citazione:Originalmente inviato da oTToLeoP
riesci a fare questo tipo di operazione con un groppo di superfici? ... se non mi sono spiegato bene, vedi il video "forma-fillet"se la tua risposta è no,e quindi ristretta ad una sola superficie, riesci a modificarla se è tagliata?
Ciao
certo che si fanno operazioni su gruppi di superfici.
La ciofeca (eh!eh!eh!) che vedi l'ho fatta in pochi minuti giusto per provare.
Con gli stessi elementi posso costruire superfici distinte e raccordarle con diverse opzioni. Il fatto di tagliare una o più superfici non impedisce di modificarle dinamicamente. Appena riesco provo a rifarlo (meglio).

ciao.
P.S. Il riferimento ai giocattoli riguardava me alle prese col "cupolino" ovvero ho fatto un giochino, non me me voglia chi opera nel settore.


17-06-2006, 12.08.31
oTToLeoP

Citazione:Originalmente inviato da tecnomarca
Ciao
certo che si fanno operazioni su gruppi di superfici.
La ciofeca (eh!eh!eh!) che vedi l'ho fatta in pochi minuti giusto per provare.
Con gli stessi elementi posso costruire superfici distinte e raccordarle con diverse opzioni. Il fatto di tagliare una o più superfici non impedisce di modificarle dinamicamente. Appena riesco provo a rifarlo (meglio).
ciao.
P.S. Il riferimento ai giocattoli riguardava me alle prese col "cupolino" ovvero ho fatto un giochino, non me me voglia chi opera nel settore.
Ciao Tecnomarca, ti ho fatto questa domanda perchè siccome hai parlato di modifica dei punti ho sottointeso che ti riferissi ai punti di controllo di superfici, e siccome anche io usavo questo metotdo e ricordo benissimo che potevo farlo su una sola superficie e quando la superfice era tagliata mi attaccavo a sta cippa ... poi è arrivato il magico Deforma è la musica è cambiata ... era semplice curiosità .. .. Ciaux.


18-06-2006, 14.30.17
alexskull

altre modifiche
la seconda deformazione e' ottenuta disegnando una nuova curva, scegliendo poi quale bordo deve trasformarsi e quali bordi o superfici devono rimanere intatti.
Immagini allegate tira1.jpg (180.5 KB, 9 visite)
deforma1.jpg (136.0 KB, 4 visite)
deforma2.jpg (148.3 KB, 4 visite)
deforma3.jpg (131.4 KB, 1 visite)


Alex Skull


18-06-2006, 14.56.20
alexskull

ancora modifiche

p.s. la curva di arrivo e' volutamente esagerata per mettere in evidenza la modifica

p.p.s. i set di curve che si modificano sono 3 , nell'immagine si vede solo il primo set selezionato (la feature e' unica)

p.p.p.s. ah ovviamente le modifiche fatte sono delle vere e proprie feature nell'albero
quindi si possono cancellare modificare e parametrizzare come il resto unendo la potenza del contestuale alla potenza del parametrico ...
Immagini allegate cambio1.jpg (120.0 KB, 3 visite)
cambio2.jpg (122.3 KB, 4 visite)
cambio3.jpg (161.9 KB, 7 visite)
cambio4.jpg (119.3 KB, 3 visite)


Alex Skull



18-06-2006, 20.00.35
enri

Visto la recente rocambolesca partenza delle MotoGP (per fortuna nessuno si è fatto veramente male ) a sto cupolino aggiungeteci il parafreni, onde evitare che la moto urtando si inchiodi a 200 all'ora!
 
Ultima modifica da un moderatore:

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#2
18-06-2006, 22.37.31
oTToLeoP

Citazione:Originalmente inviato da alexskull
ancora modifiche
p.s. la curva di arrivo e' volutamente esagerata per mettere in evidenza la modifica
p.p.s. i set di curve che si modificano sono 3 , nell'immagine si vede solo il primo set selezionato (la feature e' unica)
p.p.p.s. ah ovviamente le modifiche fatte sono delle vere e proprie feature nell'albero
quindi si possono cancellare modificare e parametrizzare come il resto unendo la potenza del contestuale alla potenza del parametrico ...
..scusami Alex ma non è per insistere ma in questo caso usare il parametrico a che serve? le modifiche che hai fatto le riesco a fare senza nessunissimo problema ...tantomeno tenere una leggenda di tutte le modifiche fatte....
Mi spieghi per quale motivo reale conviene usare il parametrico? ... tutti sti legami,che tu sei costretto a dare, a me non interessano .. a che serve? io ancora non lo capito, forse sono io ,ma sinceramente sto vantaggio mi sfugge.
ciao


18-06-2006, 23.06.50
alexskull

non e' che con il parametrico si possono fare delle cose in piu'
ma piuttosto si fanno cose piu' velocemente.
pensa per esempio se sul cupolino ci disegno i fari e li collego all'apertura circolare.
in questa maniera per sempio se modifico il cupolino automaticamente mi si modificano i fari mentre te sei costretto a rifare le modifiche anche sui fari. potrei fare automaticamente una versione del cupolino con un certo valore e una con un altro sempre nello stesso file, in modo che pero' se voglio modificare una parte in comune non devo rifare la modifica in due file differenti.
oppure se faccio una modifico ad una feature che poi e' specchiata
non devo fare la modifica due volte ma mi basta farla solo sulla feature originale e la specchiatura automaticamente la aggiornera' sull'altro lato.
non dico che queste cose non le puoi fare su omnicad ma se vai a quantificare in termini di tempo alla fine del mese scopri che ce una bella differenza.
pero' ...
tutto questo e' valido se devi fare tante modifiche.
nel caso degli stampi e' ovvio che il vantaggio non si vede perche' la maggior parte delle volte si parte da un disegno del cliente, si disegna lo stampo e poi si va in macchina.
quindi dipende dall'ambito:
se devo fare progettazione di parti e assiemi meglio un parametrico
se devo fare stampi o modelli da fonderia o oggetti che non hanno bisogno di tante modifiche allora forse e' meglio omnicad.
piuttosto mi faresti vedere qualcosa sulla gestione di assiemi ?

Alex Skull


18-06-2006, 23.36.17
Zimmemme

Alex ha ragione, la bontà della parametrizzazione in effetti si vede solo in fase di modifica.

Bisogna, però, avere delle regole per parametrizzare un elemento e tali regole dovrebbero essere uguali per tutti mentre invece noto che c'è un grande marasma dietro questo modo di operare.

Capita, quindi, spessissimo di essere costretti a modificare elementi creati e modellati da altre persone, uffici o enti.

Credetemi se vi dico che a volte capirci qualcosa e mettere le mani su certi alberi è un'azione che quasi rasenta la follia.
Tutto è legato, non puoi toccare nulla senza incasinare qualcos'altro e via discorrendo.
Un bagno di sangue!

Molti ovviano al problema facendo dei "tacconi".
Un taccone è un'azione non troppo elegante fatta per risolvere un problema in maniera grossolana ma efficace.
Ad esempio se devo ridurre l'altezza di un parallelepipedo devo editare i suoi parametri e modificarne la quota relativa.
Oppure posso "tacconare" e sottrarre un altro solido al parallelepipedo in modo da accorciarlo alla quota voluta.
Il primo metodo è quello corretto mentre il secondo... beh, lasciamo perdere!

Ora, immaginate un disegno incasinatissimo nel quale tu non sai mettere le mani ed il tuo capo che ti alita sul collo come un toro incaxxato perchè il lavoro è da consegnare per ieri... tu cosa fai?
Te lo dico io... tacconi e via! Ed il prossimo disegnatore che prenderà il tuo modello in qualche modo poi se la caverà!

...Ma a volte il prossimo disegnatore sei tu... dopo mesi... e che ti ricordi?

Non so nel futuro, ma ad oggi ogni volta che mi arriva qualcosa di parametrico ho sempre un brivido lungo la schiena!

Ciao.


19-06-2006, 00.13.55
UGoverAll
Citazione:Originalmente inviato da Zimmemme
Alex ha ragione, la bontà della parametrizzazione in effetti si vede solo in fase di modifica.
Bisogna, però, avere delle regole per parametrizzare un elemento e tali regole dovrebbero essere uguali per tutti mentre invece noto che c'è un grande marasma dietro questo modo di operare.
Capita, quindi, spessissimo di essere costretti a modificare elementi creati e modellati da altre persone, uffici o enti.
Credetemi se vi dico che a volte capirci qualcosa e mettere le mani su certi alberi è un'azione che quasi rasenta la follia.
Tutto è legato, non puoi toccare nulla senza incasinare qualcos'altro e via discorrendo.
Un bagno di sangue!
Molti ovviano al problema facendo dei "tacconi".
Un taccone è un'azione non troppo elegante fatta per risolvere un problema in maniera grossolana ma efficace.
Ad esempio se devo ridurre l'altezza di un parallelepipedo devo editare i suoi parametri e modificarne la quota relativa.
Oppure posso "tacconare" e sottrarre un altro solido al parallelepipedo in modo da accorciarlo alla quota voluta.
Il primo metodo è quello corretto mentre il secondo... beh, lasciamo perdere!
Ora, immaginate un disegno incasinatissimo nel quale tu non sai mettere le mani ed il tuo capo che ti alita sul collo come un toro incaxxato perchè il lavoro è da consegnare per ieri... tu cosa fai?
Te lo dico io... tacconi e via! Ed il prossimo disegnatore che prenderà il tuo modello in qualche modo poi se la caverà!
...Ma a volte il prossimo disegnatore sei tu... dopo mesi... e che ti ricordi?
Non so nel futuro, ma ad oggi ogni volta che mi arriva qualcosa di parametrico ho sempre un brivido lungo la schiena!
Ciao.
Ciao Zimme...
Proprio per questo è nato il "Chunky Solid Method", cioè una metodologia di modellazione parametrica, ma non associativa, usata in tutto il Body in White in Fiat Auto.
Che cosa è il Chunky?
Un metodo di modellazione basato su pochi (anzi pochissimi) comandi: 7 in tutto, con cui si riesce a modellare qualsiasi cosa.
In pratica nell'albero del modello vedi sempre:
1) EXTRUDE (creazione del materiale: chiamato CHUNK, pezzo...)
2) .. N) TRIM operazioni di TRIM del materiale
N+1) BOOLEANA (Unite / Subtract).

questa sequenza si ripete all'infinito, fino alle oprazione finali, tra cui la SHELL per spessorare.
In questo modo:
- Tutti i pezzi sono fra loro uguali: semplicità di modifica
- Si usano feature semplici e stabili: sicurezza
- Non c'è associatività: Semplicità e performance elevate
contro:
La mancanza di associatività (che comunque abbiamo usato in alcuni progetti) non permette aggiunta di intelligenza ai modelli: meglio così... perchè come dici tu quando il capo alita sul collo meglio non avere alberi complicati da maneggiare...

Appena troverò il tempo di mettermi li e studiare il cupolino fatto da OttoLeoP lo realizzerò con questa metodologia.

PS: Leo, mai + avrei immaginato che il tuo cupolino avrebbe riscosso tutto 'sto successo...

Ciao

UoA
 
Ultima modifica da un moderatore:

oTToLeoP

Guest
#3
...alcune immagini recuperate relative alla modellazione superficiale fatte con OmniCAD .. i video dovrebbero essere ancora li nella pagina dei video ... newcod.exe
 

Allegati