[Recuperato] esistono pelli di autovetture da importare con proe?

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#1
-Discussione recuperata dalla cache di Google.
-I rispettivi moderatori sono autorizzati a cancellare o modificare la presente discussione dal proprio forum.
Grazie per la collaborazione.
Oldwarper.


francolob
03-01-2006, 11.57.06

ciao ragazzi
sono un nuovo utente,
vorrei sapere se esistono in giro delle pelli di autovetture fatte in proe o in formati .sat .iges ecc.?
vi ringrazio per il tempo dedicatomi
Francolob


Prof.
03-01-2006, 17.29.20

ciao ragazzi
sono un nuovo utente,
vorrei sapere se esistono in giro delle pelli di autovetture fatte in proe o in formati .sat .iges ecc.?
vi ringrazio per il tempo dedicatomi
Francolob
Crecando un po' in giro forse trovi qualcosa ma poi bisogna vedere se sono a grandezza naturale e di buon qualità.
Se hai il modulo delle superfici di stile (ISDX) prova a fartele da solo, magari partendo dalle blue print che si trovano su internet per qualsiasi autovettura, ma anche barche, navi, aerei ecc. ecc.
Io c'ho perso un po' di tempo e ti assicuro che dopo che hai preso un po' la mano potresti fare di tutto.
Buon divertimento.


francog
03-01-2006, 17.36.07

Ciao, chiedo scusa se mi intrometto... non ho capito bene che cosa sono le blue print e a che cosa servono di preciso. Forse non mi serviranno mai, ma sta cosa mi ha reso curioso....
Grazie


stefano_ME30
03-01-2006, 17.45.38

hehe si vede che siete giovani e non vi siete mai spezzati la schiena sul tecnigrafo!.
Le "blue print" non sono altro che il nome tradizionale anglosassone che si da alle copie cianografiche, che una volta erano con disegno bianco su fondo blu (negative) e poi, con l'evoluzione tecnologica, sono diventate con tratto blu su fondo bianco (positive).
Ora si indica con "blue print" un disegno in 2D con le viste assonometriche principali al tratto.
E' un modo come un altro per farci sentire sempre piu' vecchi a noi con i capelli bianchi!.

stefano
P.S.:eh ma tanto non mollo! Vi rompero' i marroni ancora per un bel po'!!!


francolob
03-01-2006, 18.37.46

Crecando un po' in giro forse trovi qualcosa ma poi bisogna vedere se sono a grandezza naturale e di buon qualità.
Se hai il modulo delle superfici di stile (ISDX) prova a fartele da solo, magari partendo dalle blue print che si trovano su internet per qualsiasi autovettura, ma anche barche, navi, aerei ecc. ecc.
Io c'ho perso un po' di tempo e ti assicuro che dopo che hai preso un po' la mano potresti fare di tutto.
Buon divertimento.
Scusami prof.
non ho idea di cosa mi stai suggerendo:
in proe potrei importare dei jpg e di lì costruirmi il mio solido (autovettura in 3d)?
Aiutami a comprendere meglio questo procedimento...
Grazie anticipatamente
francolob


Prof.
04-01-2006, 03.45.57

Esatto, in PRO-E, soprattutto se hai il modulo delle superfici di stile, puoi importare le proiezioni ortogonali dell'auto, scalarle in modo che rispettino il più possibile le dimensioni reali e usarle come traccia per creare la superficie della carozzeria.
Ciao.



sburalli
11-01-2006, 14.16.53

partendo dalle blue print che si trovano su internet per qualsiasi autovettura, ma anche barche, navi, aerei ecc. ecc.
Capperi sotto sale! Sai dirci qualche sito dove trovare del materiale? Grazie mille!
Simone


Prof.
11-01-2006, 14.52.37

Prova qui:

http://blueprints.onnovanbraam.com/

Oppure un altro metodo efficace è quello di cercare le immagini con google col riferimento "blueprint" e il nome dell'autovettura, della barca, dell'aereo, ecc. ecc.

Cmq smanettando un po' su siti che trattano di computergrafica, si trovano vari link e tante altre informazioni utili.

Ciao.


andle11
11-01-2006, 14.58.41

Questa discussione forse può interessarvi:
http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?t=13340
Proseguendo alla pagina successiva, hjazz78 suggerisce questo link molto bello: http://blueprints.onnovanbraam.com/blueprints/cars/
Saluti
Andrea


Prof.
11-01-2006, 15.20.59

Prova anche qui (l'ho appena trovato):

http://leander.mutsaers.us/

Ancora Ciao.


francolob
11-01-2006, 16.07.14

ciao Prof.,
si potrebbe modellare anche con proe?
tu che programma mi consigli?
Ho visto che ci sai fare sul serio....mi dai dei consigli su come muovermi e come impostare "l'inizio dei lavori"?
attendo tue nuove
Francolob


Prof.
11-01-2006, 17.45.08

Grazie per il "ci sai fare sul serio", sorrido a questo tuo complimento perchè in realtà mi ritengo solo un po' più informato perchè sono un forte appassionato del mondo CAD e della grafica 3D, in più con mio sommo divertimento oggi il mio strumento di lavoro è PRO-E e solo per questo (forse) so qualcosa in più di te.
Cmq bando alle ciance, io ti posso dire di conoscere "abbastanza" bene PRO-E, Autocad, SketchUp.
In passato ho smanettato un po' con SolidWorks, Cinema 4D e Rhinoceros e ho dato solo un'occhiata a SolidEdge.
Sono software molto diversi tra loro.
Con Cinema 4d fai animazioni 3D e rendering fotorealistici.
Rhino è un modellatore di superfici non paramentrico e anche questo è molto usato nella grafica 3D e nel design.
Autocad penso tu lo conosca e SketchUp è un modellatore di superfici molto intuitivo per il disegno architettonico.

Ma visto che sei un ingegnere ti consiglio di usare un modellatore solido paramentrico.
Questo tipo di Software si divide in due categorie (non ne so esattamente il motivo):
alta fascia:
PRO-E, Catia, Unigraphics
media fascia:
SolidWorks, SolidEdge e Inventor

Credo siano tutti molto buoni anche se si dice abbiano alcune differenze, ma solo un esperto di tutti e 6 i software potrebbe spiegartele, quindi nessuno perchè gia solo impararne uno è impresa impossibile.

Pertanto ti consiglio di studiartene uno e poi con l'esperienza fatta vedrai se cambiare.
Ma visto che già hai buttato l'occhio su uno PRO-E continua a lavorarci.
Per imparare prova con l'help e i tutorial gia presenti nel programma, se poi trovi un corso dalle tue parti fattelo!
Avevo pensato di creare io qualche tutorial ma non ne ho veramente il tempo.
Cmq per qualsiasi cosa sono a disposizione.


Mech76it
18-01-2006, 10.07.41

Questo tipo di Software si divide in due categorie (non ne so esattamente il motivo)
I motivi ci sono e non è necessario conoscere tutti i cad.
I Cad di fascia alta sostanzialmente integrano al loro interno tutta una serie di moduli per sviluppare un prodotto dall'inizio alla fine senza avere la necessità di esportazioni/importazioni, file ridondati ecc.
I Cad di fascia media diciamo che non sono completi. Chiaramente quando uno decide di scegliere un cad deve innanzitutto chiarire qual è il suo campo di applicazione e i vari moduli di cui ha bisogno.

In svariati casi i cad di fascia media danno la paga ai cad di fasci alta... ma anche una mountain-bike batte una F1 in fuoristrada... dipende tutto dal tipo di lavoro che fai.

Ti rimando all'articolo su engegno: CAD di fascia alta o bassa: parlarne non ha più molto senso. (http://www.engegno.it/dblog/articolo.asp?id=6)
Che offre buoni spunti di riflessione

Ciauz


Gbs
18-01-2006, 23.46.43

Altra differenza a volte sottovalutata sta nel kernel. Cosi' come per i sistemi operativi il kernel e' il cuore del software, l'aspetto piu' profondo e a volte nascosto. Nel caso di programmi CAD il kernel si occupa principalmente di gestire la geometria, per questo si puo' parlare di kernel geometrico. Sul kernel "gira" l'interfaccia grafica. Per fare un esempio "pratico", per misurare la distanza tra due rette parallele, utilizzo l'interfaccia per selezionare le rette, questa invia l'informazione(vettore) al kernel che la elabora e restituisce sempre all'interfaccia(windows) il valore, visualizzandolo. il discorso e' ovviamente piu' complesso, perche' il kernel si occupa di tutte le operazioni dei vari algoritmi necessari per la creazione della geomatria(operazioni booleane, raccordi, ecc..).
Kernel robusti(stabili, veloci) e proprietari, garantiscono prestazioni migliori attuali e future.
I CAD di fascia alta(UG, ProE, Catia) hanno kernel proprietari e si possono permettere di sviluppare l'interfaccia congiuntamente al proprio kernel geometrico. Ogni nuova release garantisce migliorie globali maggiori. Ovviamente lo sviluppo di un kernel richiede tempo e fatica, ecco perche' in genere questi software hanno costi maggiori, ma a giudicare dai risultati, ne guadagnano in qualita'.

Sono uscito un po' fuori tema rispetto all'argomento principale, ma mi semprava una mancanza troppo grave, anche nell'articolo di Engegno.
Ciao


sburalli
19-01-2006, 12.44.29

Ciao Gbs,
nel mio articolo su Engegno questa mancanza è dovuta al fatto che ne ho in cantiere un altro sull'importanza del kernel.
L'argomento, proprio come dici tu, è FON-DA-MEN-TA-LE.
Condivido appieno il tuo intervento.
Desidero citare, a tal proposito, l'esperienza unica di Think3 (ex CadLab) produttrice del sistema Think Design (ex Eureka Gold).
Bene, questa azienda italiana (Bologna) con capitali stranieri sviluppa da sempre anche il proprio kernel geometrico.
Uscendo dall'ambito MCAD si potrebbe citare Rhino in quanto sistema "autocostruito".
Ciao.
Simone
 
Ultima modifica da un moderatore: