• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

RC professionale disegnatori carpenteria

marsupiale

Utente poco attivo
Professione: disegnatore cad
Software: tecnometal
Regione: toscana
#1
Salve a tutto il forum.
Vorrei chiedere a tutti se conoscete l'esistenza di un'assicurazione rc professionale che possa tutelarci nello svolgimento della nostra professione, cioè quella di sviluppo della documentazione d'officina.
Abbiamo contattato piu di una assicurazione ma tutte richiedono l'iscrizione all'albo professionale, cosa che per il nostro lavoro non è necessaria.
O come vi comportate col committente che a fronte di un lavoro di poche migliaia di euro possa presentarvi delle richieste danni per incongruità dei disegni al progetto.
Grazie
 

frank

Utente Junior
Professione: disegnatore di strutture metalliche
Software: autocad bocad
Regione: veneto
#2
Salve a tutto il forum.
Vorrei chiedere a tutti se conoscete l'esistenza di un'assicurazione rc professionale che possa tutelarci nello svolgimento della nostra professione, cioè quella di sviluppo della documentazione d'officina.
Abbiamo contattato piu di una assicurazione ma tutte richiedono l'iscrizione all'albo professionale, cosa che per il nostro lavoro non è necessaria.
Salve Marsupiale.

Sto prendendo in considerazione la stessa cosa in queste settimane. Vi sono 2 aspetti fondamentali da vedere:
Gli errori di disegno.
Questi possono essere gestiti con una clausola in offerta e ordine del tipo: "non sono previste penali di alcun tipo" oppure "nell'eventualità di errori geometrici di disegno, questi saranno corretti tempestivamente, e, in ogni caso, non potranno essere addebitati oneri superiori al 20% della presente offerta".
Gli errori progettuali.
Se invece ti prendi anche la libertà di fare anche qualche intervento sui nodi (io lo faccio spesso) o decidi spessori e bulloni e poi la copertura cade giù allora sono dolori. In ogni caso ti invito a inserire chiaramente in offerta la nota "tutti i disegni costruttivi dovranno essere vagliati e approvati dal progettista prima di avviare la produzione". E ovviamente dovrai farti approvare per iscritto tutte le decisioni/varianti che man mano apporti durante il lavoro.

Per clienti di grandi dimensioni, con enorme potere nell'affossare un fornitore platealmente incompetente, l'assicurazione è comunque sempre un aspetto che salva la vita. In ogni modo, nella mia esperienza, se sei bravo e il 99% del tuo lavoro è ok, nel momento in cui capita quell'1% di solito ti guardano male e ti dicono solo di sistemare, perchè anch'essi sanno che i disegnatori fidelizzati di carpenteria non sono cosi facili da trovare. Dare un lavoro da 2 mesi a qualcuno e programmare l'officina per 500 ton è un rischio che va oltre la dimenticanza di 2 fori su una diagonale.

Comunque mi informo.

O come vi comportate col committente che a fronte di un lavoro di poche migliaia di euro possa presentarvi delle richieste danni per incongruità dei disegni al progetto.
Grazie
Se c'è una evidente incongruenza si chiede SEMPRE, se invece l'incongruenza è oggettivamente poco evidente io di solito sostengo che: "Quando trovo una informazione, non posso andare a cercare se nel resto dei disegni di progetto, c'è la stessa informazione o una in contraddizione....". Poi è vero che di norma i disegni di progetto si imparano a memoria a forza di scandagliarli.
Se il lavoro è da poco, e tu riconosci una tua superficialità (che può capitare) e il cliente non è cosi "fantastico" cerca di maturare un accordo e portare a casa il massimo. Poi te ne dimentichi. Se tu sei bravo, non avrai problemi a recuperare il fatto che Lui se n'è approfittato e un pò alla volta la Sua politica gli farà fare terra bruciata intorno.

A presto
frank
 

marsupiale

Utente poco attivo
Professione: disegnatore cad
Software: tecnometal
Regione: toscana
#3
Se c'è una evidente incongruenza si chiede SEMPRE, se invece l'incongruenza è oggettivamente poco evidente io di solito sostengo che: "Quando trovo una informazione, non posso andare a cercare se nel resto dei disegni di progetto, c'è la stessa informazione o una in contraddizione....". [...]
mi sono male espresso, intendevo dire che magari posso sbagliarmi e mettere un ipe330 al posto di un ipe360 per esempio.
In generale mi hanno sempre detto una mano lava l'altra, ma vorrei dormire sonni tranquilli....
Per l'RCprofessionale, ho sentito vari brokers, tra cui la Lloyd di londra, ma loro assicurano i costruttori, gli ingegneri, o gli iscritti agli albi, e per fare il nostro lavoro non c'è obbligo di essere iscritti agli albi professionali. Anche se per avere una pensione avrei voluto potermi iscrivere.... visto che quello che verso per la gestione separata inps frutterà ben poco ....
Grazie mille per la risposta, non sai quanto sei stato d'aiuto.
Ciao a presto
 

Likesteel

Utente Junior
Professione: Disegnatore carpenteria metallica
Software: Autocad Steelcad
Regione: Piemonte
#4
Se fai il disegnatore non puoi essere (ufficialmente) pure progettista e calcolatore.
Quindi non puoi essere responsabile nè penalmente nè civilmente di eventuali castronerie.
Al massimo se la combini grossa perdi il cliente.
Prova ne è il fatto che i compensi dei disegnatori sono ben lontani da chi sviluppa e calcola il progetto.
E buona norma chiarire sempre queste cose con il committente.

In ogni caso non sono a conoscenza di assicurazioni che assicurino i disegnatori.
 

frank

Utente Junior
Professione: disegnatore di strutture metalliche
Software: autocad bocad
Regione: veneto
#5
Se fai il disegnatore non puoi essere (ufficialmente) pure progettista e calcolatore.
Quindi non puoi essere responsabile nè penalmente nè civilmente di eventuali castronerie.
Salve Likesteel.

Non ho capito, se il costruttore che mi ha commissionato il disegno costruttivo di un ponte si accorge al momento del montaggio che per un mio errore di disegno gli ho disegnato tutte le travi più corte di 10 centimetri, secondo te non può farmi causa per danni?

Cioè non posso essere civilmente perseguibile per danni da disegno?

Ho sentito parlare in passato di qualche disegnatore ridotto sul lastrico per errori di disegno e vorrei capire se in realtà i committenti non possano esercitare alcun diritto.

Io ho qualche dubbio, ma vorrei capire come stanno realmente le cose.

Ciao
frank
 

Likesteel

Utente Junior
Professione: Disegnatore carpenteria metallica
Software: Autocad Steelcad
Regione: Piemonte
#6
Salve Likesteel.

Non ho capito, se il costruttore che mi ha commissionato il disegno costruttivo di un ponte si accorge al momento del montaggio che per un mio errore di disegno gli ho disegnato tutte le travi più corte di 10 centimetri, secondo te non può farmi causa per danni?

Cioè non posso essere civilmente perseguibile per danni da disegno?

Ho sentito parlare in passato di qualche disegnatore ridotto sul lastrico per errori di disegno e vorrei capire se in realtà i committenti non possano esercitare alcun diritto.

Io ho qualche dubbio, ma vorrei capire come stanno realmente le cose.

Ciao
frank
Ciao Frank,
proprio così!
Il disegnatore, in senso stretto, si limita a mettere su carta quello che qualcun'altro ha pensato. Come ho detto nel precedente post è del progettista la responsabilità che tutto sia disegnato secondo le indicazioni date. E' buona norma che, una volta terminati gli elaborati, prima di mandare in lavorazione, si faccia prendere visione al progettista di tutte le tavole. Per gli errori grossolani un tempo esisteva la cosidetta "camera nera" dove una o più persone si incaricavano di controllare i disegni. Non esiste albo ad hoc e di solito si viene classificati come "Artigiani" un non-sens tipico all'italiana.
Come è facile capire, c'è tutto l'interesse che si faccia, da parte nostra, il lavoro a regola d'arte, prestando sempre la massima attenzione.
Ed è questo che distingue un buon disegnatore da uno mediocre.
In caso contrario sarebbe difficile trovare qualcuno disposto a darti lavoro.
Ciao
Likesteel
 
Ultima modifica:

Aceto

Utente poco attivo
Professione: Disegnatore impianti/strutture
Software: Autocad Tecnometal 4D Prosteel
Regione: Lombardia
#7
Nel cartiglio di solito ci sono un minimo di tre caselle: disegnato- visto- approvato.In teoria chi andra' a siglare le successive caselle saranno coloro che dovranno rispondere con i clienti finali.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#8
a quanto ne so io le figure professionali che entrano in gioco sono molteplici ma quella del disegnatore cad non è a se stante.
Mentre il progettista, direttore lavori, impresa sono responsabili di ciò che fanno perchè "firmano" il disegnatore cad non è responsabile in quanto non prende parte direttamente al processo edilizio ma lo fa per conto di una figura professionale che assume direttamente la resposabilità. Se ad esempio lavori in un'azienda di carpenteria è l'azienda nel suo comlesso che è responsabile di ciò che fornisce. Perciò è il titolare che semmai deve assicurarsi. Poi se c'è una svista nel disegno il titolare se la prende con il tecnico, ma quest'ultimo non è civilmente perseguibile.
Lo è il titolare dell'azienda che semmai licenzia il tecnico, ma in questo caso non c'è assicurazione che tenga.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#9
a quanto ne so io le figure professionali che entrano in gioco sono molteplici ma quella del disegnatore cad non è a se stante.
Mentre il progettista, direttore lavori, impresa sono responsabili di ciò che fanno perchè "firmano" il disegnatore cad non è responsabile in quanto non prende parte direttamente al processo edilizio ma lo fa per conto di una figura professionale che assume direttamente la resposabilità. Se ad esempio lavori in un'azienda di carpenteria è l'azienda nel suo comlesso che è responsabile di ciò che fornisce. Perciò è il titolare che semmai deve assicurarsi. Poi se c'è una svista nel disegno il titolare se la prende con il tecnico, ma quest'ultimo non è civilmente perseguibile.
Lo è il titolare dell'azienda che semmai licenzia il tecnico, ma in questo caso non c'è assicurazione che tenga.
Ma sei proprio sicuro che sia così? A me non risulta.

Anch'io ho lo stesso problema e anch'io non voglio iscrivermi perchè tutto quello che disegno non può essere calcolato da un perito. Alla fine dell'anno chiudo la partita iva e riparto con una srl. In questo caso esiste la possibilità di fare un'assicurazione per responsabilità civile generica e mal che vada....è a respponsabilità limitata.
Conosco qualche studio tecnico che ha questo tipo di assicurazione.
L'unica pecca è che la srl costa parecchio in termini di gestione e risulta vantaggiosa al di sopra di 2-3 persone, se sei da solo ci rimetti tanto.
È da un po' che vorrei andare da un avvocato e chiedergli info su queste responsabilità, ma ho sempre rimandato, mi piacerebbe conoscere la normativa con certezza, anche per essere preparato in caso di problemi.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#10
Si al 100%, però tu parli di partita iva ed srl, non credo tu sia un lavoratore dipendente di un'azienda. Se sei un libero professionista è un'altra cosa.
Come libero proffesionista hai alcune responsabilità
 

michele81

Utente Standard
Professione: Progettista - Disegnatore
Software: Solidworks 2011 - Pro-E WF4 - Autocad LT09 - Cosmos - FEMM
Regione: Piemonte
#11
Quindi come azienda che presta servizio di progettazione conto terzi di prodotti per cui non serve iscrizione a un albo siamo responsabili verso chi?
Direi verso il cliente della corretta progettazione e realizzabilità del prodotto...
Ma se il prodotto va in un impianto e la sua rottura provoca danni ed eventualmente feriti...Penalmente chi risponde?chi ha firmato l'impianto o il progettista del particolare che ha ceduto?
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#12
be dobbiamo dividere la figura professionale del disegnatore cad dal quella dell'azienda.
1) L'azienda è responsabile verso la comittenza che il prodotto sia stato realizzato come da progetto. Se il progetto è sbagliato problemi del progettisita.

2) Se il componente è stato realizzato senza firma di un tecnico esterno, ma sviluppato internamente, allora , in quanto non necessario per il componente in questione allora l'aziienda ne è responsabile perchè si assume la responsabilità che il componente sia conforme.

3) Tornando al caso 1 il progettista, un ingegnere di solito, potrebbe cercare di dividere la responsabilita comunque con l'azienda. In quanto potrebbe sostenre che l'azienda comunque dovrebbe avere una conoscenza tale dei prodotti da coreggere errori formali. Ad esempio nel progetto due pezzi sotto sforzo vengono collegati con due bullone da diametro 10 anzichè 30. Il progettista potrebbe dire che la svista era evidente e chiedere il concorso di colpa.

4)In tutti i casi sopra esposti il tecnico non è mai responsabile verso la commitenza, nemmeno se partendo da un progetto corretto ha distribuito in officina elaborati sbagliati. Ma è resposnabile verso l'azienda la quale però difficilmente potrà rivalersi economicamente, perlomeno non lo mai sentito dire. Però lo può licenziare per giusta causa.

5 il caso di Michele) Se in vece il tecnico firma il progetto allora ne assumen una resposnabilità diretta, in quanto è appunto il progettista. Il progettista assume è resposnabile verso il suo committente, che non è detto che sia chi finanzia l'opera. Faccio un esempio se Michele fa un progetto per una macchina lavorazione legno alla ditta SCM . La macchina viene poi venduta alla Falegnameria Tizio. La falegnameria fa causa alla SCM la quale (se il progetto è sbagliato) si rivale su Michele.
 
Professione: Consulenza e Progettazione
Software: Catia - Solid Works - Solid Edge
Regione: Veneto
#13
Premetto: non sono esperto in assicurazioni. Ho raccolto anch'io qualche informazione per assicurarmi, e questo è quello che ho raccolto.
C'è una prima responsabilità: l' errata fornitura. Il committente mi ordina una cosa e io gli fornisco un'altra cosa, inducendolo ad assumersi dei costi per del materiale sbagliato (la mia progettazione ma anche, per esempio, la costruzione di attrezzature, parti del prodotto, ecc,). E' evidente che il committente può chiedere di essere indennizzato del danno.
C'è poi una responsabilità civile e penale sul prodotto progettato. Vale a dire, sono responsabile dei danni che il prodotto causa a terzi (cose o persone) a seguito di un errore o di un'omissione del progetto, avvenuto per colpa o negligenza mia. Attenzione: la responsabilità non è solo nei confronti del committente! Esiste, infatti, quella che si chiama responsabilità extracontrattuale. Significa che io sono responsabile anche nei confronti di terzi con cui non sono legato da un contratto. Per fare un esempio: compro una casa da un'impresa immobiliare, e quindi il contratto è tra me e l'impresa. L'impresa aveva commisionato la progettazione della casa ad un geometra, e quindi il geometra era legato da un contratto con l'impresa. Un bel giorno il tetto di casa mia crolla perchè il geometra ha sbagliato qualcosa. Ebbene io posso rivalermi e quindi chiedere i danni (tutti i danni derivanti dal crollo!) a chi mi ha venduto la casa (con cui avevo un contratto), ma anche all'impresa che l'ha costruita e anche al geometra che l'ha progettata, anche se con questi soggetti non avevo nessun rapporto e tanto meno nessun contratto.
Per chiarire molti aspetti legati alla contrattualistica è molto utile anche una lettura del Codice Civile.
Per quanto riguarda invece l'assicurazione, ho visto che la cosa migliore è rivolgersi ad un broker assicurativo, il quale potrà andare a reperire il prodotto migliore, anche all'estero.

Cordiali saluti.
 

marsupiale

Utente poco attivo
Professione: disegnatore cad
Software: tecnometal
Regione: toscana
#14
Faccio un UP della questione, se qualcuno sapesse indicarmi una polizza, visto che ad oggi non siamo ancora riusciti a trovarne....
 

Marcogeo

Utente Standard
Professione: Geometra
Software: Vectorworks - PowerCaad - DomusCad - Artlantis
Regione: Toscana
#15
Avete provato qui? Offrono i migliori prodotti in campo Professionale e Aziendale. http://www.zurich.com/italia/perlatuaprofessione/perlatuaprofessione.htm
http://www.zurich.com/italia/perlatuaazienda/perlatuaazienda.htm

Anche in questo caso temo, però, che senza una vostra assunzione di responsabilità LIBERO PROFESSIONALE diventi difficile realizzare un contratto assicurativo. Non so se esista possibilità di essere tutelati con polizze generiche. Però se una persona apre partita iva per svolgere un'attività (che sia di progettazione o di disegno semplice penso cambi solo il livello del rischio) credo debba essere riconosciuto come esercente attività e quindi assicurabile per la responsabilità civile.
 

Marcogeo

Utente Standard
Professione: Geometra
Software: Vectorworks - PowerCaad - DomusCad - Artlantis
Regione: Toscana
#16
Per quanto riguarda invece l'assicurazione, ho visto che la cosa migliore è rivolgersi ad un broker assicurativo, il quale potrà andare a reperire il prodotto migliore, anche all'estero.
La maggior parte dei miei colleghi che si era rivolta al Brocker per la RC Professionale, è tornata sui propri passi sia per problemi inerenti la gestione della tutela assicurativa sia perché il tema è troppo delicato per essere trattato come un cesto di mele al mercato della frutta.
Sapete che il codice civile prevede la garanzia decennale postuma? Se ogni anno cambiate compagnia pensate sia facile farsi riconoscere la postuma?