• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Raccordo tondo-quadro

Inventore

Utente Junior
Professione: Junior Project Manager
Software: TEKLA STRUCTURES Tekla BIMsight Autocad
Regione: Abruzzo-Pescara
#1
Lavoro in uno studio che si occupa di progettazione di carpenteria pesante e condotti per impianti di produzione del cemento.
Ora per varie necessità di relazionarsi con studi con cui collaboriamo abbiamo acquistato Inventor 2009 series.
Il titolare, da quello che ha potuto capire dalle ore di corso fatte dal rivenditore Autodesk, ha dedotto che è troppo macchinoso realizzare condotti con raccordi tondo-quadro.
Per la precisione...
Noi fino ad oggi con Autocad abbiamo fornito disegni costruttivi con quotata la geometria fondamentale e devolvendo all'officina che realizzava l'oggetto lo sviluppo delle lamiere.
Ho esaminato già tutti i post che riguardavano le tramogge, ma devo dire che non fanno proprio al caso nostro. Le dimensioni dei condotti che fino ad oggi abbiamo progettato vanno da un minimo di 1200 ad un massimo di 3600 mm di diametro.
Il problema principale è capire come fare la suddivisione per la battitura della lamiera e che parametri usare; è meglio la tabella di piegatura oppure il fattore K?
Gli spessori normali dei condotti sono di 5 e 6 mm a volte 8 mm.
Grazie a chi mi può consigliare...
 

Marco74

Utente Senior
Professione: Sviluppo lamiera per taglio laser, piegatura e assemblaggio
Software: Solid Edge ST9 - Autocad Mechanical 2017- Lantek
Regione: Veneto - Emilia
#2
Sicuramente più battute fai e più hai un raccordo tondo, ma c'è anche da dire che hai diametri molto grandi perciò puoi tenere passi di battuta attorno ai 50-60 mm. e direi che ottieni comunque un risultato soddisfacente. Per quanto riguarda tabelle di piegatura o fattore K, se hai letto i post precedenti sicuramente vedrai che mi ripeto dicendo che se in officina avete fatto prove di piegatura puoi usare i valori di ritiro ricavati e costruendoti una tabella di piega, altrimenti usa il fattore k e non inventarti ritiri fantomatici, poi sulle tramogge che fa la differenza è sicuramente il piegatore.

Ciao.
 

VigZ

Utente Senior
Professione: -
Software: Catia V5 -Inventor simulation 2012
Regione: piemonte/lombardia
#3
...
Ho esaminato già tutti i post che riguardavano le tramogge, ma devo dire che non fanno proprio al caso nostro. Le dimensioni dei condotti che fino ad oggi abbiamo progettato vanno da un minimo di 1200 ad un massimo di 3600 mm di diametro.
....
FRANCAMENTE non capisco....
 

Allegati

Inventore

Utente Junior
Professione: Junior Project Manager
Software: TEKLA STRUCTURES Tekla BIMsight Autocad
Regione: Abruzzo-Pescara
#4
FRANCAMENTE non capisco....
Ho visto il tuo file ma da quello che ho visto (e capito... sono nuovo di inventor) hai utilizzato delle superfici a cui poi hai dato uno spessore.

Però è possibile avere le due bocche fuori asse?
Quella nel tuo file è molto semplice come geometria, noi ne abbiamo disegnate alcune con le 4 facce totalmente diverse tra loro...

Il problema è che le abbiamo disegnate (la geometria come dicevo in precedenza), ma non sappiamo come le abbiano realizzate in quanto non abbiamo rapporti con le officine che le producono in quanto lavoriamo per l'estero (Russia, Turchia, Corea del nord, Germania, Vietnam).

Appena posso allego qualche esempio.
 

GiGa

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettista/Disegnatore
Software: Mechanical, Inventor, 3DS Max
Regione: Roma
#6
Non credo ci siano problemi con gli esempi postati... non solo quello di VigZ...
Funzionano anche con le aperture disassate... non ho provato se funzionano bene anche con bocche non parallele...
In ogni caso, per grandi dimensioni, può essere che magari non si procederà ad uno sviluppo, quanto piuttosto all'unione di lamiere separate (se di "grosso" spessore).
A quel punto, una volta definita la superficie interna di riferimento, si "rivestono" le varie facce singolarmente con la lamiera di spessore voluto... volendo si salda, e via dicendo...
Ovviamente i raggi agli angoli non potranno essere piccolissimi...
 
Ultima modifica:

Inventore

Utente Junior
Professione: Junior Project Manager
Software: TEKLA STRUCTURES Tekla BIMsight Autocad
Regione: Abruzzo-Pescara
#7
questo è l'ingresso ad una torre di condizionamento dell'ultimo lavoro che stiamo facendo...
 

Allegati

MastroTeo

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Autocad - Inventor
Regione: Emilia Romagna
#8
Scusate il ritardo, spero di far bene sono un po' nuovo ed un po' imbranato
per il raccordo quadro -tondo allego un file che spero possa aiutare, io lo utilizzo bene..basta studiarselo un po' per capire.
Per la spiegatura utilizzo un fattore K=0 per le pieghe e K=0,5 per gli sviluppi tondi (Coni o cilindri) saluti a tutti
 

Allegati

rizzifrizzi

Utente poco attivo
Professione: tecnico
Software: diversi tipi
Regione: lombardia
#10
Grazie Teo per l'allegato
Allego anche la mia costruzione : intersezione di un tronco di cono con un parallelepipedo a base quadrata?

la base minore del tronco e' data dall'iscrizione della base del parallelepipedo, la base maggiore e' data dalla circoscrizione attorno al quadrato su cui e' costruito sempre il parallelepipedo.

E' corretta come realizzazione? su questo modello poi vorrei lavorarci su per studiarmi le pieghe o le calandrature e le svariate inclinazioni.

Grazie ciao a tutti
 

Allegati