raccordo raggio variabile

mantisbox

Utente poco attivo
Professione: progettista CAD
Software: cimatron
Regione: veneto
#1
ho una domanda, non capisco che comando e' "raccordo variabile" .
Sono su GSD vedo il comando raccordo tra superfici... eseguo... tutto ok funziona... ma non mi va bene a raggio fisso ... voglio un raccordo con raggio variabile, clicco "raccordo variabile" :eek: ... ma come?!?!? non mi chiede due superfici ma uno spigolo.... funziona con i volumi e non con le superfici??? E' giusto cosi? o qualcosa non va?
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#2
E' giusto, ti trovi in GSD (modellatore di superfici parametrico associative).
Se ci fai caso hai a disposizione sia lo "shapefillet" (tra superfici), sia l'"edgefillet" (su spigoli).
Alcune funzioni lavorano su una pelle e non su singole superfici.
Il raccordo di stile invece, funziona selezionando le singole superfici.
 

mantisbox

Utente poco attivo
Professione: progettista CAD
Software: cimatron
Regione: veneto
#3
scusa la mia ignoranza, ma shapefillet e edgefillet sono dei comandi? ho catia in italiano .... come potrebbero essere nella traduzione italiana?
 
Professione: Libero professionista
Software: Catia V5 e Pro-E
Regione: Lombardia
#4
Barlafus ha ragione. shapefillet e edgefillet sono due comandi di raccordi tra superfici ( shapefillet ) e tra spigoli ( edgefillet ). Se non ho capito male nel tuo caso devi usare il primo.
Adesso,onestamente non ricordo l'icona, ma la trovi all'intermo della barra di comando del raccordo a raggio fisso.
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#5
E io ce l'ho in inglese...
Shapefillet ti permette di raccordare due distinte superfici. (in italiano potrebbe essere "raccordo tra superfici")
Edgefillet ti fa mettere il raccord sullo spigolo di una singola entita' composta da n superfici. (in italiano potrebbe essere "raccordo su spigolo")
Comunque sono la prima e la seconda icona nella toolbar dei fillet
Entrambe ti consentono di impostare soltanto un raggio costante.
 

mantisbox

Utente poco attivo
Professione: progettista CAD
Software: cimatron
Regione: veneto
#6
ok, credo di aver capito, i comandi in italiano sono proprio quelli che hai detto tu.
Cercavo un comando che facesse con le superfici quello che fa "raccordo variabile" per i volumi (cioe' un raccordo che a ogni punto definito corrisponda un raggio preciso), ma forse non esiste... devo un po' imparare a ragionare diversamente da come sono abituato.
 

torniaccio

Utente Standard
Professione: Tra un'interruzione e l'altra modello qualcosa, ma cosa?
Software: CatiaV5 ProE AutoCAD Inventor 2013 64bit
Regione: Lazio
#8
ciao a tutti , per la serie chi nn muore si rivede ...

a proposito di raggi .... pro_e consente di definire una linea/curva di tangenza di una raggiatura su spigolo e da questa lui ricava direttamente la variazione di raggio per eseguire l'operazione ... nn sono riuscito a fare la stessa cosa a catia, ne sapete qlcsa???

ciao torn!
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#9
ciao a tutti , per la serie chi nn muore si rivede ...

a proposito di raggi .... pro_e consente di definire una linea/curva di tangenza di una raggiatura su spigolo e da questa lui ricava direttamente la variazione di raggio per eseguire l'operazione ... nn sono riuscito a fare la stessa cosa a catia, ne sapete qlcsa???

ciao torn!
Se ho ben capito,
forse cercavi: FACE-FACE FILLET?
Allego immagini pre e post.
clicca su more e imposta la tua curva di tangenza del fillet e la relativa spine (puo' anche essere la curva stessa).
 

Allegati

Professione: Libero professionista
Software: Catia V5 e Pro-E
Regione: Lombardia
#10
Corretto Barlafus. Questo potrebbe essere un'altro modo per risolvere il problema originale di Mantisbox.
Come di dice: "non è importante il percorso che utilizzi per raggiungere la meta, l'importante è l'obbiettivo finale". ( vecchio proverbio di non so quale strano paese )
 

mantisbox

Utente poco attivo
Professione: progettista CAD
Software: cimatron
Regione: veneto
#11
guardando il manuale credo di aver trovato una modo che fa al caso mio....
in pratica ho aggiunto una dorsale al shapefillet (nel mio caso l'intersezione tra le superfici) e ho applicato una "legge" e aggiungendo dei punti sulla dorsale e' possibile usarli come riferimento per i raggi che si vogliono fare.
posto un'immagine di esempio.
 

Allegati

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#12
Ma se hai bisogno di una legge per governare la variazione del fillet,allora ok, pero' inizialmente la tua domanda era relativa al fatto di mettere un fillet su due superfici o su una topologia.
Potevi usare il fillet variabile dopo aver unito le due (o piu') superfici.
 

mantisbox

Utente poco attivo
Professione: progettista CAD
Software: cimatron
Regione: veneto
#13
si hai ragione... ho postato un esempio che non rappresentava bene il mio problema.
Nel mio caso non riuscivo ad unire le superfici
 

torniaccio

Utente Standard
Professione: Tra un'interruzione e l'altra modello qualcosa, ma cosa?
Software: CatiaV5 ProE AutoCAD Inventor 2013 64bit
Regione: Lazio
#14
ehi barlafus, mi hai dato una bella dritta!
Ho notato pure che questo, definire la tangenza di un raccordo dove tutte le sezione normali alla dorsale/spine sono archi di cerchio, è possibile ovunque nelle maschere di selezione si presenta la voce " curva di sostegno", e questa opzione nn è presente solo nel cmd di cui parli tu, ma anche sparso qua e la nei moduli delle superfici per esempio.

Cmq noto pure con dispiacere che questa possibilità è percorribile solo attraverso il gsd e similari, a me - maè solo una cosa personale- mi sarebbe piaciuto averla sotto mano anche nel part design!

Ciao e grazie ... Torn!
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#15
Condivido, non solo quella sotto-opzione sarebbe bello avere in PartDesign, ma anche in molte altre.
Secondo me hanno volutamente distinto due ambienti, ovvero modellazione solida per macchine varie, quindi bassa necessita' di funzioni complete, contro modellazione superficiale libera e ricca di opzioni per chi deve definire forme complesse.
Tradotto:
forme semplici = solidi
forme complesse = superfici
 

torniaccio

Utente Standard
Professione: Tra un'interruzione e l'altra modello qualcosa, ma cosa?
Software: CatiaV5 ProE AutoCAD Inventor 2013 64bit
Regione: Lazio
#16
Condivido la tua traduzione ... se poi pensi alla simbologia dei workbench ... ingranaggio Vs (?) una vela (?) lunotto anteriore auto(?) ...

Ce ne è un'altra che mi piacerebbe avere a disposizione anche se non in tutti i moduli ... "elimina elementi inutili" che alla fine di una modellazione nn ti costringe a guardare le relazioni padre figlio per capire se serve ancora o no .... Comunque...

Ciao torn
 

barlafus

Utente Standard
Professione: chairwarmer
Software: utilizzato dal CAD
Regione: .
#17
E che dire del "show e/o hide di tutti i piani (punti, sketcher, ecc)" anche a livello di product.

... e molte altre funzioni!

Ma vabbe', basta farci del male...
 

torniaccio

Utente Standard
Professione: Tra un'interruzione e l'altra modello qualcosa, ma cosa?
Software: CatiaV5 ProE AutoCAD Inventor 2013 64bit
Regione: Lazio
#18
soooottttooooossssccrriiiiivvvooooooooo!!!!