quote automatiche

csici

Utente poco attivo
Professione: Ingegnere
Software: ProE
Regione: Lombardia
#21
Secondo me avete ragione tutti quanti:
io preferisco sicuramente le quote automatiche perchè "le ho già inserite" nel 3D e non voglio "rimetterle" nel 2D, però capisco che chi fa fusioni o oggetti in plastica obiettivamente nel 2010 (ma anche nel 2005) nel 2D mette solo le quote principali manualmente. Soprattutto perchè chi fa gli stampi e i modelli, in Italia o in oriente ormai si affida solo al 3D per la realizzazione e usa il 2D solo per il controllo qualità, non per la progettazione.
I grandi gruppi industriali hanno formalizzato bene questo in prescrizioni, ma esiste già una normativa ASME (e forse una ISO) proprio sulle quote in 3D.
Morale: alcuni settori industriali già operano così. Altri, probabilmente, ci arriveranno se si riuscirà ad automatizzare la "lettura" del modello.
Ricordo anche che ne nostre normative di disegno risalgono a... 50-60 anni fa quando per risparmiare tempo si diceva che non si devono sezionare le nervature e gli oggetti normalizzati come le viti.
Oggi, che senso ha questo?
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#22
Secondo me avete ragione tutti quanti:
io preferisco sicuramente le quote automatiche perchè "le ho già inserite" nel 3D e non voglio "rimetterle" nel 2D, però capisco che chi fa fusioni o oggetti in plastica obiettivamente nel 2010 (ma anche nel 2005) nel 2D mette solo le quote principali manualmente. Soprattutto perchè chi fa gli stampi e i modelli, in Italia o in oriente ormai si affida solo al 3D per la realizzazione e usa il 2D solo per il controllo qualità, non per la progettazione.
I grandi gruppi industriali hanno formalizzato bene questo in prescrizioni, ma esiste già una normativa ASME (e forse una ISO) proprio sulle quote in 3D.
Morale: alcuni settori industriali già operano così. Altri, probabilmente, ci arriveranno se si riuscirà ad automatizzare la "lettura" del modello.
Ricordo anche che ne nostre normative di disegno risalgono a... 50-60 anni fa quando per risparmiare tempo si diceva che non si devono sezionare le nervature e gli oggetti normalizzati come le viti.
Oggi, che senso ha questo?
Hai capito perfettamente il senso del mio discorso. :wink:
Quando mi riferivo al fatto che un modello lo si quota con le GD&T mi riferivo proprio alle norme ASME.
In Fiat sono entrate nel 2004.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#23
Diciamo che è il presente...
Hai visto il documento che ti ho allegato sopra?
Analoghi ci sono di Renault, PSA, Daimler, etc
Vorrei che fosse il presente per tutti ancora non lo è, per questo parlo di futuro..:wink:
Si certo che l'ho visto, ma infatti è li che volevo arrivare. :)
 

simra

Utente Standard
Professione: Reporter
Software: Pro-e, Creo El, Cocreate, Solid Works
Regione: Emilia & Romagna
#24
Vorrei che fosse il presente per tutti ancora non lo è, per questo parlo di futuro..:wink:
secondo me è un futuro piuttosto lontano perchè se è vero che tutti gli stampisti usano oramai le matematiche è anche vero che alcune aziende non riescono a sganciarsi dalle tavole... io ho appena concluso un grosso progetto per una grande azienda italiana di componenti per l'automazione e ci hanno richiesto anche le tavole di tutti i pressofusi d'alluminio invece di accontentarsi del solo modello matematico... :eek:

come si dice dalle mie parti.... ròb da màt...
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#25
In Italia non c'è solo la FIAT che chiede aiuto allo stato per andare avanti ma anche tante piccole aziende che fanno grandi sforzi per rimanere a galla e per cui cambiare radicalmente metodo di progettazione non è cosa facile, infatti il 2d è ancora tanto usato e non solo nelle piccole, anche nelle medio-grandi.
Ciao.
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#26
In Italia non c'è solo la FIAT che chiede aiuto allo stato per andare avanti
Insopportabili questi luoghi comuni...
Pensi che milioni di ore di CIG siano stati dati alla Fiat e basta?
Pensi che gli incentivi fossero "per Fiat" e le altre industrie non ne abbiano beneficiato?
Pensi che le migliaia di persone assunte da Fiat nel sud con una produttività di -20% rispetto a Ticky le paghi lo stato?

Mah... comunque, OK...

Torniamo a parlare di quote automatiche va...
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#27
Ecco parliamo solo di quote automatiche. Il fatto che FIAT le usi o meno o usi o meno il 2d ce ne frega poco. Molti altri usano il 2d e dovrebbero usare le quote automatiche di Pro-E perchè è il modo migliore di fare le tavole con tale software, forse non in NX ma in Pro-E si.
Se poi qualcuno vuole usare Pro-E al 5% delle sue possibilità è libero di farlo, ma così non crescerà mai e non aumenterà la sua produttività.
Agli utenti di Pro-E ma anche a quelli di altri software (a mio avviso) bisogna insegnare a progredire e a crescere nel proprio lavoro.
Inoltre anche nella quotatura 3d si può decidere di usare le quote automatiche o manuali, ma sicuramente le più convenienti sono quelle automatiche, perchè già le abbiamo messe nello sketch, quindi basta solo tirarle fuori.
Grazie.
 
Ultima modifica:

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#28
La sostanza è che si è andati fuori thread.
L'utente non ha chiesto se sia giusto o meno usare la messa in tavola.
Sappiamo benissimo che gestire un modello 3D quotato e annotato sarebbe preferibile ad una messa in tavola (non per tutti i settori).

La domanda era relativa alla convenienza di usare la quotatura automatica al posto di quella manuale ed è stato chiesto quali fossero le esperienze personali in merito.

Quindi se vogliamo esprimere la nostra opinione in merito bene, altrimenti ripulisco la discussione e la chiudo.
Amen.
 

mamobono

Utente Standard
Professione: resp.uff.tec.
Software: proeWF4+Intralink3.4
Regione: monte Rosa
#29
Anche io le uso molto, le trovo utilissime e fanno risparmiare un sacco di tempo.
Bisogna prenderci un pò la mano e come ha detto giustamente Alberto, devi ragionare in fase di modellazione tenendo presente quali sono i requisiti della messa in tavola.
Alla fine della fiera i lavori vengono fuori molto ordinati.
sono d'accordo con maxopus,
il tempo che si perde nella fase di schetch ti ritorna subito nella messa in tavola e ti semplifica nelle fasi di aggiustamento/ modifica del disegno che puoi fare direttamente dal 2d ( esempio pensa di modificare una lunghezza di una foratura oppure di un filetto lo fai direttamente sulla quota del 2d)

è ovvio che per disegni con ad esempio superfici con vincoli di tg poi solidificate guidate da curve, il modificare le quote di una curva sul 2d porta quasi sempre a dover ritornare a modificare il 3d
ma una volta che adotti il metodo che ti suggeriamo vedrài che ne trarrai vantaggio

ciao