• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Quale cad per gestire bene le saldature?

chessippeo

Utente Junior
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Autocad LT, Inventor,Draftsight
Regione: Lazio
#1
Quale può essere il cad più idoneo per la gestione di saldature su modelli di forma complessa ?
Sto utilizzando inventor per la modellazione di una motocicletta,con ottimi risultati per quanto riguarda assiemi anche complessi (ad esempio il motore), ma con notevoli difficoltà nel caso di assiemi saldati. Ad esempio nel caso del forcellone, costituito da più gusci di lamiera stampata e poi saldata, si rifiuta del tutto di creare i cordoni 3d anche su zone tutto sommato semplici.
C' è qualcosa di più specifico sul mercato, che riesca meglio nelle saldature, conservando la bontà nella gestione degli assiemi ?
Grazie in anticipo per le risposte
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#2
Non ho esperienza in merito, perciò le mie sono solo indicazioni generali.
Potresti provare cad analoghi come Solidworks, oppure vedere se cad più evoluti come Catia, possono essere soddifacienti.
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#3
Soldi edge con le ultime release gestisce bene i cordoni di saldatura anche abbastanza complessi. Nel mio lavoro sono di uso quotidiano.

Comunque mi diceva un collega che Creo (ex Pro/E) è ancora meglio in questo caso, però non ho mai avuto modo di vederlo all'opera.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#4
Quale può essere il cad più idoneo per la gestione di saldature su modelli di forma complessa ?
Sto utilizzando inventor per la modellazione di una motocicletta,con ottimi risultati per quanto riguarda assiemi anche complessi (ad esempio il motore), ma con notevoli difficoltà nel caso di assiemi saldati. Ad esempio nel caso del forcellone, costituito da più gusci di lamiera stampata e poi saldata, si rifiuta del tutto di creare i cordoni 3d anche su zone tutto sommato semplici.
C' è qualcosa di più specifico sul mercato, che riesca meglio nelle saldature, conservando la bontà nella gestione degli assiemi ?
Grazie in anticipo per le risposte
Giusto per capire: perché modelli i cordoni il 3d? Io faccio molta carpenteria mista meccanica e le saldature sono importantissime, ma gestiamo tutto via annotazioni.
Solidworks lavora con cordoni 3d ma anche con cordoni "cosmetici" nel modello, ma non li utilizzo mai e non so dirti se sono affidabili o meno.
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#5
Giusto per capire: perché modelli i cordoni il 3d? Io faccio molta carpenteria mista meccanica e le saldature sono importantissime, ma gestiamo tutto via annotazioni.
Solidworks lavora con cordoni 3d ma anche con cordoni "cosmetici" nel modello, ma non li utilizzo mai e non so dirti se sono affidabili o meno.
Su un telaio di motocicletta non penso servano tanto disegnarli in 3D, sempre che poi non servano per le analisi FEM, però per esperienza personale progettando macchinari di una certa stazza con cordoni da Z=15, 20 , 25 e spesso anche 30-40 su lamiere grosso spessore da 50-80-100-150 mm , ritrovo senza tanti problemi ad avere su certe strutture 350-400 kg in cordoni di saldatura per cui di un certo rilievo ed essendo anche grandi durante le lavorazioni meccaniche o gli accoppiamenti negli assiemi, se non rappresentati, possono creare problemi per le macchine utensili ed il montaggio di altri componenti.
 

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#6
Giusto per capire: perché modelli i cordoni il 3d? Io faccio molta carpenteria mista meccanica e le saldature sono importantissime, ma gestiamo tutto via annotazioni.
Solidworks lavora con cordoni 3d ma anche con cordoni "cosmetici" nel modello, ma non li utilizzo mai e non so dirti se sono affidabili o meno.
Quoto. Ti puoi immaginare i Km di saldature su una nave, non riesco ad immaginare di modellare i cordoni.
Li aggiungo solo nel caso di qualche render di particolari altrimenti, come dice Re, annotazioni e via.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#7
Su un telaio di motocicletta non penso servano tanto disegnarli in 3D, sempre che poi non servano per le analisi FEM, però per esperienza personale progettando macchinari di una certa stazza con cordoni da Z=15, 20 , 25 e spesso anche 30-40 su lamiere grosso spessore da 50-80-100-150 mm , ritrovo senza tanti problemi ad avere su certe strutture 350-400 kg in cordoni di saldatura per cui di un certo rilievo ed essendo anche grandi durante le lavorazioni meccaniche o gli accoppiamenti negli assiemi, se non rappresentati, possono creare problemi per le macchine utensili ed il montaggio di altri componenti.
Io invece sono d'accordo con Tequila: le uso poco, ma mi sono utili soprattutto per valutare gli ingombri e gli accoppiamenti con altri componenti. Quando le ometto, puntualmente c'è qualcosa che "sfugge" :rolleyes:
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#8
Quoto. Ti puoi immaginare i Km di saldature su una nave, non riesco ad immaginare di modellare i cordoni.
Li aggiungo solo nel caso di qualche render di particolari altrimenti, come dice Re, annotazioni e via.
Ovvio che nel tuo caso, forse la situazione cambia!

Per rispondere a chessippeo: le ho usate (in modo molto light) sia su SolidEdge V18, che su Pro/E WF3...diciamo che per l'uso che ne faccio io, non ho notato particolari differenze di efficacia e rapidità! Forse con Pro/E il pacchetto è più ampio, ma ripeto, non le uso in modo spinto, e stiamo parlando comunque di versione abbastanza vecchiotte dei software citati.

Ciao! :smile:
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#9
Quoto. Ti puoi immaginare i Km di saldature su una nave, non riesco ad immaginare di modellare i cordoni.
Li aggiungo solo nel caso di qualche render di particolari altrimenti, come dice Re, annotazioni e via.
su una nave sicuramente rappresentare tutte le saldature risulta molto complesso, però come valutate il peso che si va ad aggiungere alla struttura? Capisco che non si guarda il grammo, per cui se uno lascia il panino o la brioche sul ponte della nave questa non affonda, però come giustamente dici tu, con km di saldatura, alcune tonnellate di peso si andranno a sommare.
 

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#10
su una nave sicuramente rappresentare tutte le saldature risulta molto complesso, però come valutate il peso che si va ad aggiungere alla struttura? Capisco che non si guarda il grammo, per cui se uno lascia il panino o la brioche sul ponte della nave questa non affonda, però come giustamente dici tu, con km di saldatura, alcune tonnellate di peso si andranno a sommare.
I "vecchi" dicevano di aggiungere il 4% del peso della struttura in esame per "mettersi al vento". E' chiaro che in casi particolari, dovendo dimensionare il cordone, se ne conosce la sezione e quindi il peso.
E' anche vero che nella giunzione le lamiere sono cianfrinate e quindi "alleggerite" compensando in parte, l'aumento indotto dal cordone.
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#11
I "vecchi" dicevano di aggiungere il 4% del peso della struttura in esame per "mettersi al vento". E' chiaro che in casi particolari, dovendo dimensionare il cordone, se ne conosce la sezione e quindi il peso.
E' anche vero che nella giunzione le lamiere sono cianfrinate e quindi "alleggerite" compensando in parte, l'aumento indotto dal cordone.
i "vecchi" dicevano bene, anch'io utilizzavo il 3-4% quando con il 2D mi ricavavo il peso a manina dei singoli ossitagliati e l'errore su strutture piccole di 5, 6 ton era sull'ordine dei 100-150 kg
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#12
Concordo con tutti che in generale sulla gestione delle saldatura sia meglio usare le cosmetiche e annotazione piuttosto che modellarle, salvo i rari casi dove devo fare verifiche FEM o analizzare meglio ingombri, detto questo confermo che Creo ha un'ottima gestione delle stesse e per la bontà di grandi assiemi credo che non c'è neanche da discutere... :)
Saluti
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#15
Il mio non è un commento promozionale ma puramente un dato di fatto.
Sara' come dici tu, ma dopo l'episodio della campitura lungo curva preferisco verificare di persona piuttosto che fidarmi di affermazioni di validita' generale, che poi magari non sono confermate dai fatti.
 
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
#16
su una nave sicuramente rappresentare tutte le saldature risulta molto complesso, però come valutate il peso che si va ad aggiungere alla struttura?
I "vecchi" dicevano di aggiungere il 4% del peso della struttura in esame per "mettersi al vento".
Mia esperienza, quindi sentitevi in diritto di smentire. Le navi hanno strutture molto ripetitive. A bordo si hanno alcuni "modelli" come fondazioni motori, casse, zone vita e proravia della paratia di collisione. Per ciascuna "zona" c'è una percentuale da aggiungere per considerare il peso delle saldature. Dopo qualche blocco ed avento corretto il tiro di questa percentuale, è incredibile come riesca ad essere molto precisa anche per navi molto diverse.

Normalmente la percentuale va da un 2.5% nella zona motori ad un 3.5% in zone fitte di paratie sottili come le zone anticollisione, controcarene ecc.
Per navi più piccole si può arrivare anche a 4%, ma personalmente non ho mai superato il 3.5%.

Discorso a parte sono le barche/navi in legno o vetroresina. E' noto che gli elettrodi di legno tendono a produrre cordoni irregolari e le saldature FIG (Fiberglass Inert Gas) depositano materiale in maniera spesso irregolare. In quei casi le percentuali da adottare sono diverse.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#17
Non so a quale discussione tu ti riferisca perché leggo il forum ormai di rado, in ogni caso se fosse come dici tu allora bisognerebbe verificare di persona con i fatti tutte le discussioni, come sempre si fa polemica dove non c'è bisogno, io sono dell'avviso che una persona può dire ciò che vuole soprattutto in un forum "libero", sta poi alla persona che pone la domanda fare le sue le verifiche del caso e trarne le sue conclusioni.
 

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#18
Mia esperienza...

Discorso a parte sono le barche/navi in legno o vetroresina. E' noto che gli elettrodi di legno tendono a produrre cordoni irregolari e le saldature FIG (Fiberglass Inert Gas) depositano materiale in maniera spesso irregolare. In quei casi le percentuali da adottare sono diverse.
E secondo la tua esperienza, in questi casi quali percentuali consiglieresti di adottare?
Non si sa mai che mi retrocedano alle barche di plastica...
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#19
Non so a quale discussione tu ti riferisca perché leggo il forum ormai di rado, in ogni caso se fosse come dici tu allora bisognerebbe verificare di persona con i fatti tutte le discussioni, come sempre si fa polemica dove non c'è bisogno, io sono dell'avviso che una persona può dire ciò che vuole soprattutto in un forum "libero", sta poi alla persona che pone la domanda fare le sue le verifiche del caso e trarne le sue conclusioni.
Mi riferisco a questa discussione:

http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?35325-Pattern-lungo-curva

In cui insisitevi a dire che Creo risolveva benissimo il problema, e dove e' toccato a me e ad un altro utente scoprire che invece non era in grado. Se quella volta hai detto che Creo faceva quella cosa e non era cosi', adesso magari saro' anche giustificato ad essere dubbioso sul fatto che Creo sia il cad migliore per gestire i grandi assiemi. Ovviamente sei libero di dire cio' che vuoi, come gli altri utenti sono altrettanto liberi di commentare e argomentare.

Io come moderatore ho l'obbligo di mantenere la discussione sul binario tecnico, e se lo ritengo opportuno intervengo con le prerogative che ho a disposizione.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#20
Mi riferisco a questa discussione:

http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?35325-Pattern-lungo-curva

In cui insisitevi a dire che Creo risolveva benissimo il problema, e dove e' toccato a me e ad un altro utente scoprire che invece non era in grado. Se quella volta hai detto che Creo faceva quella cosa e non era cosi', adesso magari saro' anche giustificato ad essere dubbioso sul fatto che Creo sia il cad migliore per gestire i grandi assiemi. Ovviamente sei libero di dire cio' che vuoi, come gli altri utenti sono altrettanto liberi di commentare e argomentare.

Io come moderatore ho l'obbligo di mantenere la discussione sul binario tecnico, e se lo ritengo opportuno intervengo con le prerogative che ho a disposizione.
Guarda preferisco non commentare, i video sono li da vedere sono fatti apposta, ti ripeto che se ce l'hai con me per qualsiasi cosa basta dirlo apertamente, non dobbiamo per forza andare d'accordo, infatti dirò sempre quello che voglio se rispetto il regolamento , sega pure la discussione tanto qui è diventato un classico. :biggrin: