Punti equidistanti su di una spline associativi

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#1
Salve a tutti,

mi son trovato di fronte alla necessità di aggiungere dei punti equidistanziati su di una spline.
Io ho provato ad aggiungerli con l'apposito comando nello sketch "equidistant points" e lo fà, solo che però io avrei bisogno che fosse un qualcosa di associativo!
Mi spiego meglio: desidererei che, una volta inseriti ad esempio 10 punti equidistanziati sulla spline e successivamente modifico la spline, essi si ridistribuiscano.
Purtroppo questo non lo fà. Catia li divide secondo la lunghezza che trova nel momento che li inserisco, ma dopo non li ridistribuisce.

Ho provato pure ad aggirare il problema inserendo i punti al di fuori dello sketch con il comando "point on curve" e dandogli ad esempio un rateo percentuale dall'inizio della spline ad ogni punto, ma haimè anche in questo caso, se modifico la spline, questi non si ridistribuiscono, insomma non sono associativi!

Esiste un comando o modo per poter ottenere ciò? Io non ho il modulo di Freestyle, che percaso qualcosa c'è lì dentro?

Il mio reale scopo finale è quello di inserire delle circonferenze centrate su di una spline (quest'ultima libera di essere modificata) che però abbiano i centri equidistanziati, ovviamente equidistanziati sulla lunghezza di arco non distanza minima. Ho provato a mettere una quota su l'arco di curva, ma haimè non lo fà, ossia o prende la distanza diretta minima, o al max l'intera spline e non il centro della circonferenza.
Ho pensato pure di fare tante piccole spline (di lunghezza uguale) tra un centro e l'altro delle circonferenze e dargli il vincolo di parallelismo al punto di contatto fra di loro e ci riesco...ma poi se vado a modificare la spline trascinandone i punti ... il pc entra in difficoltà e rallenta il tutto, segno che dietro sta facendo uno sforzo computazionale assurdo...e non riesco più a modificare la spline alla fine!
Il pc è quello da lavoro (una workstation adatta anche ad assiemi di 3000 parti) quindi credo che più che il pc è sbagliato l'approccioa a risolvere il problema.

Cosa mi consigliate?

Allego una foto per rendere l'idea....ciaooo

sir--kris
screenshot.JPG
 

gianni55

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: CATIA V5
Regione: Piemonte
#2
Ciao,

non ho capito bene cosa vuoi fare, comunque per mantenere punti e piani equidistanti io faccio così (in ambiente generative shape design):

1) creo la spline in uno schizzo

2) esco dallo schizzo

3) menù-inserisci-wireframe-ripetizione di punti e piani, selezioni "con estremi", dai il numero di ricorrenze e (se ti servono) anche i piani su cui creare i successivi schizzi delle circonferenze.

se modifichi la spline, punti e piani gli vanno dietro in modo equidistante (ma il numero di punti rimane quello iniziale).


Fammi sapere

Ciao
 

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#3
Ciao Gianni,

Si si, và benissimo che il numero rimanga uguale, purchè rimangano equidistanziati al variare della lunghezza della spline.
Nel mio caso le circonferenze sono tutte nello stesso piano, ossia quello dello schizzo della spline iniziale.
Comunque domani provo come dici tu in Generative Shape Design, credo che possa funzionare ugualmente.
Vi faccio sapere.
Ciaoooo
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#4
Ciao,
aggiungo, nel caso fosse di tuo interesse, che , a volte, e' meglio non utilizzare gli sketch.
So che sono la prima cosa che ti insegnano ai corsi, per molte cose sono molto comodi, ma rappresentano un'ambiente discontinuo rispetto al 3d e con alcune limitazioni.
Una limitazione che, a me, sembra evidente e' l'impossibilita' di vedere in tempo reale l'aggiornamento del 3d ogni volta che, come in questo caso, hai una spline su uno sketch e vai a modificare la stessa.
Per questo , molte volte, si adopera il "working support" . Per definirlo:
1) Selezioni il piano sul quale vuoi lavorare;
2) Tools/Grid/Work on support;
3) Si apre una finestra , definisci il punto di origine (meglio un punto definito da te) e first direction (anche qui meglio una linea definita da te) e OK;
4) Nell'albero geometrico hai una "foglia" con "working support" e il tuo "working support evidenziato in rosso. Vuol dire che stai lavorando su quel piano. Se non lo fosse seleziona quello di tuo interesse , tast dx , support.object in fondo, "set as current".
5) Sempre da qui, seleziona anche il "get feature on support". In questo modo ogni geometria che crei viene creata sul piano di lavoro;
6) A questo punto puoi lavorare sul 3d come con uno sketch, con il vantaggio di avere tutti i comandi 3d disponibili (spline, cerchi, raggi, punti).
7) Prova anche questo modo di lavorare. Vedrai che ha i suoi vantaggi. In molte aziende, specialmente dove si fanno superfici parametriche, lo adoperano al posto degli sketch.
 

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#5
Buon giorno signori,

allora:
- ho provato come dicevi tu Gianni55 ed effettivamente i punti si ridistribuiscono in modo associativo, ma per il mio scopo finale non và bene, poichè dovrei uscire e rientrare sempre nello sketch per poter modificare la spline.
- ho provato come diceva Lettore espatriato (bel trucco per non entrare nello sketch) ma anche questo caso non mi è utile, poichè una volta inserita una spline non riesco ad avere dei punti di controllo da dove prenderla e trascinarla in modo "continuo". L'unico modo di modificarla è modificare i punti da dove passa. Io vorrei qualcosa di fluido...plastico.

Cerco di spiegare il mio desiderio/scopo finale:

Premessa: pensate di stare in una semisezione di un condotto assialsimmetrico, che per di più ha un'anima centrale.

ho bisogno di disegnare un condotto con una determinata legge di espansione. Il problema sorge nel momento in cui si ha a che fare con flussi misti (e non totalmente assiale o totalmente radiale).
In pratica, in questo caso, oltre ad imporre la legge di espansione devo imporre pure la "compensazione" al variare della distanza dall'asse centrale (compensazione radiale).
La mia idea è stata quella di creare tante circonferenze che hanno i loro centri che giacciono su di una spline (che in pratica rappresenta la linea media del flusso) imporre tramite le funzioni la legge di espansione tra le circonferenze (per semplificare ho fatto che la successiva è il 95% della sua precedente) e imporre pure (sempre nelle stesse funzioni) il fattore di compensazione dipendente dalla distanza dei centri di ogni circonferenza dall'asse centrale. Questo in pratica mi creerebbe delle belle circonferenze che "tangendoci" sopra mi creerebbero il profilo interno ed esterno del condotto.

In pratica mi ritrovo che ....sempre nello stesso sketch..... io "plasmo" la mia brava spline in modo continuo trascinando i punti di controllo della stessa, tutti i centri delle circonferenze mi seguono appresso e i diametri si modificano a seconda se mi avvicino o allontano dall'asse centrale.
Purtroppo però manca un dettaglio, affinchè tutte le leggi imposte siano valide devo avere una equispaziatura fra i centri delle circonferenze.......ecco.....è proprio questo che non riesco a fare su questa caspita di spline!

Come posso fare?
Mi vien da pensare che per avere una variazione continua....devo... o stare dentro lo sketch o forse sempre fuori.
Insomma evitare di entrare e uscire da uno o più sketch!

Scusate il papiro....ma è davvero un rompicapo avvincente.

Ps: ho sottoposto lo stesso problema ad un GURU di NX....(insegnate ufficiale certificato)....ebbene....neanche in quell'ambiente ci si riesce! In NX hanno il bello che i punti equidistanziati sono associativi al variare della spline, ma hanno un altro problema, non riesci ad imporre delle funzioni di variazione utilizzando come dato una quota "di riferimento" e o una "misura" su di una circonferenza.....ma vabbè...questo è un altro discorso.

Ciao a tutti
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#6
1) Spero di non farti fare il "giro della peppa" per nulla;
2) Crea la legge grafica di variazione per le circonferenze (LAW);
3) Crea una superficie con uno sweep e come asse la spline;
4) Crea un offset della spline sulla sweep;
5) Applica la legge all'offset;
6A) crea quante circonferenze vuoi . Ognuna di esse, fosse anche non equamente spaziata, segue il profilo con la legge che hai definito.
6B) Sempre dentro il comando sweep c'e' il comando (terza opzione=sezioni circolari) "curva centrale e 2 angoli": dai la spline come spine e l'offset come curva guida. Angoli 0-360.
 

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#7
1) Spero di non farti fare il "giro della peppa" per nulla;
2) Crea la legge grafica di variazione per le circonferenze (LAW);
3) Crea una superficie con uno sweep e come asse la spline;
4) Crea un offset della spline sulla sweep;
5) Applica la legge all'offset;
6A) crea quante circonferenze vuoi . Ognuna di esse, fosse anche non equamente spaziata, segue il profilo con la legge che hai definito.
6B) Sempre dentro il comando sweep c'e' il comando (terza opzione=sezioni circolari) "curva centrale e 2 angoli": dai la spline come spine e l'offset come curva guida. Angoli 0-360.
Devo provare con calma...ma ho paura che non vada bene, poichè entro ed esco da vari sketchs se non ho capito male.

Grazie nel frattempo
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#8
Devo provare con calma...ma ho paura che non vada bene, poichè entro ed esco da vari sketchs se non ho capito male.

Grazie nel frattempo
Ho una domanda io per te : riesci a definire graficamente , nel caso il tuo asse sia rappresentato da una linea retta , l'andamento della tua funzione/ espansione rispetto a quel riferimento?
 

gianni55

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: CATIA V5
Regione: Piemonte
#9
Ciao,

segui pure il suggerimento di Lettore, ma credo che puoi anche provare ad ottenere una "spline" da modificare in modo continuo, utilizzando una curva 3D:

ambiente: shape-free style

menù-inserisci-creazione di curve-curva 3D

ne crei una come vuoi tu su un piano, come fosse uno schizzo, ma non dovrai entrare e uscire, e i punti si muoveranno in continuo.
Questo tipo di curva è anche controllabile attraverso i punti, o mediante punti esterni (molto più facili da gestire per le lisciature)

(oppure puoi muoverla anche nell'altra dimensione in 3D, solo che poi devi usare più accortezze per editarla nel verso giusto).

Ottenuta la curva 3D, rientra pure nell'ambiente che ti è più congeniale e completa il lavoro.

Fammi sapere

Ciao

Gianni
 

Allegati

  • 92.1 KB Visualizzazioni: 4

alpole

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia
Regione: Marche
#10
Credo e spero di aver capito il tuo problema
Per realizzare questo condotto , a mio parere , devi
utilizzare il Modulo Knowledge Pattern , ed attraverso questo
ambiente , creerai un (n°) (integer) variabile di punti disposti
lungo la tua Spine di riferimento ( meglio se disegnata in ambiente
Free Style, come ti ha suggerito gianni)-

Nell apposita tabella che ti apparira utilizzando il modulo
dovrai dichiarare le tue variabili;

let c = curve = la tua spine
let pt = point -= i punti che vorrai ottenere
let i ) = integer= il n° variabile di punti da te stabilito

e successivamente attraversoLa funzione Create orModificate Datum e l'espressione
for i while i (uguale o minore o maggiore ) del tuo valore numerico (rappresentante il numero dei punti)
otterrai , utilizzando la funzione di punti su curva in valore percentuale (ratio) ,
la tua Lista di punti-

Sempre all'interno dello stesso ambiente , genererai una Lista di piani
(normali alla tua Spine ) con origine nei punti della Lista precedentemente
ottenuta-

Dovresti a questo punto , creare una serie di numeri ( che rappresenteranno il raggio
dei tuoi cerchi) strettamente legati al numero del raggio del Cerchio iniziale ed alla percentuale
di aggiornamento singola (95%) ed al numero variabile dei puntisulla Spine-

Ora , utilizzando la Lista dei punti , La lista dei piani su cui giacciono i Cerchi,
e la Lista dei Valori numerici ( Lunghezze )che ne determineranno il raggio ,
creerai i Cerchi , che verranno raggruppati in una Lista-

Infine , utilizzando la Lista delle Curve (Cerchi) e la tua Spine
generrerai la Loft che rapprenta il tuo Condotto-

Naturalmente , dovresti creare dei parametri relativi a;
- (integer) numero dei punti
- ( lunghezza)Valore iniziale del raggio
- (real) Valore percentuale di aggiornamento del raggio-

(Da considerare anche che il Valore del tuo Cerchio iniziale potrà essere
direttamente relazionato, tramite adeguate formule
al Rappporto tra la Lunghezza della Spine ed il numero dei punti, aggiornato in Moltiplica ad
tuo coefficiente ( real 1)-

Es (3000 mm/10 *real 1) = radius first circle
Dove
3000mm è la lunghezza della spine
10 rappresenta il numero n° di punti sulla Spine
real 1 rappresenta un valore di incremento o diminuzione
del rapporto ottenuto )

A questo punto variando , o il numero dei punti , o il valore del raggio ,
o , manipolando la Spine nei suoi punti di controllo , avrai l'aggiornamento del Tuo Condotto-

Sò che la cosa spiegata così non è molto semplice ,
soprattutto se manca la preparazione di base dei processi legati al Knowlwge Pattern. etc. etc . .... ,
ma, purtroppo , al momento il mio Catia non è funzionante ...
Mi riprometto di postare l'esempio tra non molto , appena avrò
risolto i problemi con il mio programma-

Nel frattempo , dato che , in compenso il Modulo Grasshopper di Rhino
assolve egregiamente alla risoluzione del problema ,anzi sicuramente
con maggiore snellezza rispetto a Catia , per il momento allego i file in 3dm e Gh
ed alcune immagini esplicative...-
Spero che qualcuno tra voi conosca ed usi Rhinoceros e Grasshopper
troverà la definizione , simile a quanto descritto sopra ,
anche se eseguita su un sistema nodale ( Gh)
anziche basato su Script come Catia-
Spero di aver portato un contributo alla risoluzione del tuo problema
saluti
al
Condotto parametrizzato.def GH-.jpg
 

Allegati

alpole

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia
Regione: Marche
#11
Come detto nel precedente messaggio ,ora che ho risolto i problemi
con il mio" Catia " , approfittando anche del fine settimana ,
Vi invio il file ed alcune immagini, chiarificatrici spero,della
mia personale soluzione del problema "Condotto"

PREMESSA IMPERATIVA bisogna settare Catia , nell'apposito
Campo Options/Parameter /Knowlwdgwe/KnowlwdgeEnvironnement
nella maniera che vi illustro con queste immagini
1-Set-UP-Parametri-Knowledge.JPG
2-Set-UP-Ambiente Knowlwdgw.JPG
3-Set-UP-Ambiente Knowlwdgw.JPG

Mi raccomando che ,quando sarete nel campo Knowlwdgwe Environnement,
settiate appropriatamenteil percorso che vi chiede dove salvare
i Type Custom e le path del Knowledge .....

Vi consiglio di indicare i percorsi seguenti:
-Programmi/Dassault /bin/resources/ Knowlwdge/ Type Custom
-Programmi/Dassault /bin/resources/ Knowlwdge/
Questo vi permettera , in futuro, quando sarete più preparati ,
ad utilizzare anchele risorse PWC UDF Part Template etc. etc. nell ambiente
KnowledgePattern e KnowledgeAdvisor.......

Nel file allegato ho creato una Spine(Curva3D) editabile sulla quale
inserire un numero n variabile di punti....
(per modificare il numero dei punti editare il parametro npt....)
A questo punto nel campo relazioni vedrete che le icone indicanti
iKnowPattern mostreranno l'icona dell aggiornamento attiva , quindi
di conseguenza aggiornate i sequenza tutto e vedrete che l'intera Costruzione
verrà aggiornata...
questo perchè ho impostato volutamente l'Opzione Aggiornamento Manuale
nel campo di formazione del KnowledgePattern
l'ho fatto perchè cosi risulta più agevole editare la curva 3D in Ambiente
Free Style-
Allego di seguito alcune immagini relative agli Script Creati etc etc
1-Script-Point on spine.JPG
2-Script-Planes on Point.JPG
3-Script-Circles on Planes.JPG
4-Script-Loft Condotto.JPG
Spero che l'esempio sia risolutore al problema posto,
e che servirà a quanti di Voi vogliono approfondire
questi aspetti di Automazione che Catia offre-
saluti
al
5-Struttura KnowledgeTemplate.JPG
 

Allegati

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#12
Ho una domanda io per te : riesci a definire graficamente , nel caso il tuo asse sia rappresentato da una linea retta , l'andamento della tua funzione/ espansione rispetto a quel riferimento?
Si l'asse è una linea retta, si si sarebbe facile...come disegnare una quadratica....o una cubica!

Che idea hai?:redface:
 

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#13
Ciao,

segui pure il suggerimento di Lettore, ma credo che puoi anche provare ad ottenere una "spline" da modificare in modo continuo, utilizzando una curva 3D:

ambiente: shape-free style

menù-inserisci-creazione di curve-curva 3D

ne crei una come vuoi tu su un piano, come fosse uno schizzo, ma non dovrai entrare e uscire, e i punti si muoveranno in continuo.
Questo tipo di curva è anche controllabile attraverso i punti, o mediante punti esterni (molto più facili da gestire per le lisciature)

(oppure puoi muoverla anche nell'altra dimensione in 3D, solo che poi devi usare più accortezze per editarla nel verso giusto).

Ottenuta la curva 3D, rientra pure nell'ambiente che ti è più congeniale e completa il lavoro.

Fammi sapere

Ciao

Gianni
Uhmmm ragazzi ho controllato e non ho il modulo free style a lavoro. Probabilmente è proprio quello che farebbe al caso mio...per questioni di libertà.
Cmq Gianni 55 il tuo disegno, non è esattamente quello che mi serve ottenere....per farvi capire vi faccio una bozza (indicativa ovviamente):
 

Allegati

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#14
Alpole, ti ringrazio tantissimo per le cose che mi hai fatto imparare leggendo i tuoi messaggi...per me erano cose nuove, che non mi era mai capitato di utilizzare.

Ma anche nel tuo caso, non è esattamente il tipo di condotto che desidero ottenere.
Fai riferimento al mio messaggio, che precede questo.
Ho postato una sezione del condotto (una porzione del condotto, diciamo appunto la parte di condotto interessato).
Fate finta che il flusso si incanali da sinistra verso destra...si allarga sul cono centrale....e una volta arrivato in fondo...ruota...e ripercorrendo la parete (interna del primo cono, che dovrebbe quindi essere una parete comune ai due macroambienti) torna un pò indietro e si riavvicina al centro....per poi ricongiungersi nel tubo piccolino centrale.

Ecco in questo flusso vorrei imporre una funzione di espansione (abbassamento di pressione e aumento di velocità) continuo secondo una funzione....che sò...magari una quadratica.
La parte complicata, come potete capire, è perchè si tratta di un flusso misto (assiale-radiale).

Forse tutti voi siete stati forviati dalle circonferenze che ho disegnato nei primi messaggi....ecco perchè specificavo fossero nello stesso piano e non perpendicolari alla spline.Esse le ho disegnate come "inviluppo" del flusso all'interno del condotto (nella semisezione come quella inserita nell'allegato del mio messaggio che precede questo), con la speranza che mi avessero aiutato a definire le varie pareti del condotto insomma.

Spero di essere stato chiaro, in caso nn lo fossi,chiedetemi pure altre info.

Ciao ragazzi.
 

alpole

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia
Regione: Marche
#15
Effettivamente, guardando il tuo ultimo disegno, avevo frainteso completamente
la questione......
e , chiariamo subito che non sono un esperto nel settore ;
ma, sempre se non ho ancora frainteso la questione, se quello che vuoi realizzare
si avvicina allo schema allegato
Cond.jpg
ci sono a mio dire alcuni parametri che dovresti fissare:

- portata della condotta e velocita del "Flusso" in entrata
- portata della condotta e velocita del "Flusso" in uscita
- forma e dati dimensionali della sezione in entrata
- forma e dati dimensionali della sezione in uscita
-distanze tra i vari "passaggi" tra la sezione di entrata e quella di uscita

già fissare questi dati , ti darà dei valori che potrai sfruttare per creare uno
Schizzo ( simile a quello che troverai nel file allegato) nel quale,utilizzando
relazioni tra i vari parametri , potrai dare finalmente una forma al tuo condotto ,
altrimenti ... restiamo nel campo "dell'aria fritta"

Da utimo , posso dirti che , se fornirai dati su cui basare
la" ricerca", troverai quasi sicuramente , persone con una esperienza consolidata nel settore
che potrebbero darti una mano-
facci sapere
saluti
al
 

Allegati

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#16
Effettivamente, guardando il tuo ultimo disegno, avevo frainteso completamente
la questione......
e , chiariamo subito che non sono un esperto nel settore ;
ma, sempre se non ho ancora frainteso la questione, se quello che vuoi realizzare
si avvicina allo schema allegato
Si azzeccato la tipologia di condotto.

ci sono a mio dire alcuni parametri che dovresti fissare:

- portata della condotta e velocita del "Flusso" in entrata
- portata della condotta e velocita del "Flusso" in uscita
- forma e dati dimensionali della sezione in entrata
- forma e dati dimensionali della sezione in uscita
-distanze tra i vari "passaggi" tra la sezione di entrata e quella di uscita

già fissare questi dati , ti darà dei valori che potrai sfruttare per creare uno
Schizzo ( simile a quello che troverai nel file allegato) nel quale,utilizzando
relazioni tra i vari parametri , potrai dare finalmente una forma al tuo condotto ,
altrimenti ... restiamo nel campo "dell'aria fritta"
al
Si si in teoria io potrei dare dei parametri, ma per me non è importante riuscire a costruire UN SOLO condotto già bello dimensionato per un singolo caso.

Io vorrei riuscire ad imporre le leggi di cui parlavamo prima e che il tutto sia (come giustamente chiedevi tu Alpole) parametrizzato inserendo semplicemente la sezione d'entrata.

Tanto per intenderci se volete che vi dia un dato, fate finta che la sezione di entrata sia 100 cm2(per semplificare), la legge di espansione definitela voi, ma che non sia a caso, cioè che sia una quadratica...logaritmica...cubica..etc.


Ciao e grazie a tutti per i vostri messaggi
sir--kris
 

alpole

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia
Regione: Marche
#17
sir-kris
Nel file che ti allego, ho ipotizzato un raccordo tra condotti
con diverse sezioni di entrata/uscita , governate da parametri ,
ed una lunghezza tra queste due sezioni , anch'essa governata da
parametri-
Nel primo caso
Con uno schizzo ho determinato un percoso grafico per creare una
legge costante a scalare tra le due sezioni-
Ho applicato questa legge alla mia linea ideale (che rappresenta la distanza
tra le due sezioni)...
Schizzo per definizione Legge 1.jpg
Appoggiandomi alla parallela creata con la legge di cui sopra, e creando
ad hoc piani e line di riferimento , ho disegnato dei riferimenti (editabili)( line e piani)
per creare la Spline che rappresenta l'andamento del raccordo-
Percorso condotta.jpg

Applicando la legge a questa nuova spline ho costruito due parallele che
rappresentano il bordi del condotto di raccordo...
Legge-1.jpg
Questa definizione e riutilizzabile e totalmente parametrizzata
quindi applicabile a diverse distanze e sezioni....
inoltre , volendo puoi cambiare la legge , variandola da costante
a tutto quello che vuoi , anzichè utilizzare il linguaggio matematico ,
alcune volte complicato e non alla portata di tutti , il fatto che
puoi impostare uno schizzo e quindi costruire il tuo percorso personalizzandolo
è un gran vantaggio-

Nel secondo caso
Ho percorso un altra strada , quella di costruire una legge
derivante da una formula matematica ,quindi , ho creato la Legge 2
con i dati del FLYOUT della feature Legge che mette a disposizione una serie di parametri
da utilizzare appositamente, oltre che al linguaggio matematico-
In questo caso ho usato un espressione con valori al cubo sul mio riferimento
x
più propriamente ,
y=25 +(20*x*x*x)*-1
dove :
y= Param Real2
x=Param.Real1


Quindi vederete illustrati i due casi ;
Il primo essempio , quello con la costruzione ( Manuale del grafico legge) mediante uno schizzo
e quelo piu concettuale con l'inserimento di una formula-

il risultato non è diverso , aparte la legge impostata, anzi , forse con l'approccio manuale , potendo intervenire
con variazioni sui valori delle quote dello schizzo che determinano il
GRAFICO cioe l'equazione matematica risolta , completa di domini su x ed y etc.etc.
viene facilitata la visone dal vivo della funzione , mentre spesso con un espressione matematica
non sappiamo esattamente cosa costruiremo , finche non vediamo il risultato...
Nel tuo caso specifico, con un percorso del raccordo per me molto strano , una volta definita
la path , potrai applicare una qualsiasi legge ed ottenere il tuo condotto
Preciso che non sono un esperto di flussi,dinamica , idrodinamica, etc etc
e che questo esercizio è una modesta rappresentazione di come , secondo
me puo essere affrontato il problema in questione con il nostro amato Catia-
saluti
al
 

Allegati

sir--kris

Utente Junior
Professione: ingegnere dei materiali
Software: solidworks2015...CATIA V5....e da poco NX 8.5
Regione: italia 1
#18
Salve a tutti,
perdonate la mia assenza in questi giorni, ma a lavoro non mi lasciavano tregua (neanche a casa a dire il vero!).

Innanzitutto grazie tantissimo Alpole, hai affrontato il problema in modo analitico e puntuale.
Ho aperto i tuoi file, haimè non avendo questo benedetto modulo "Freestyle" non posso agire tantissimo. (devo recuperarlo in qualche modo, tanto è sostanzialmente una questione didattica, non produttiva o altro.)

Purtroppo non riesco neanche a dirti se il condotto da te fatto può fare o meno al mio caso, haimè sono con le mani legate.
Cerco di studiarlo più a fondo e vi dico.

Ciao
sir-kris