Project Lightning

wired

Utente Junior
Professione: vario
Software: vario
Regione: vario
#21
solo per la precisione: la ST di Siemens e' parametrica, nel senso che posso imporre relazioni matematiche fra le variabili del modello. Non e' invece "feature based" come siamo abituati a pensare i cad parametrici, la parametrizzazione viene ottenuta per altre vie (le quote PMI e le "live rules", ossia i vincoli geometrici fra spigoli e facce del modello). ((spero di non aver detto una solenne stupidaggine, in questo momento non posso verificare...))

Vedremo in futuro quale approccio si sara' dimostrato migliore.
solo una nota, la St di NX e anche feature based.
 
Professione: Galoppino
Software: Creo/Windchill/Arbortext
Regione: Svizzera
#22
solo per la precisione: la ST di Siemens e' parametrica, nel senso che posso imporre relazioni matematiche fra le variabili del modello. Non e' invece "feature based" come siamo abituati a pensare i cad parametrici, la parametrizzazione viene ottenuta per altre vie (le quote PMI e le "live rules", ossia i vincoli geometrici fra spigoli e facce del modello). ((spero di non aver detto una solenne stupidaggine, in questo momento non posso verificare...))

Vedremo in futuro quale approccio si sara' dimostrato migliore.
Si giusto è vero quello che dici, si fa confusione tra feature based e parametrico meglio essere precisi, so cmq che una volta che si passà da una modalità all'atra non c'è modo di tornare indietro, con project lighting no, ci tengo a sottolinearlo.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#23
Si giusto è vero quello che dici, si fa confusione tra feature based e parametrico meglio essere precisi, so cmq che una volta che si passà da una modalità all'atra non c'è modo di tornare indietro, con project lighting no, ci tengo a sottolinearlo.
Su questo hai ragione. Tra l'altro in SE non e' possibile avere modelli "ibridi", mentre invece in NX si, sara' una differenziazione di marketing fra prodotti di fascia alta e media. In questo senso meglio Pro/E che con la sua licenza modulare prende entrambi i settori di mercato....
 

Er Presidente

Moderatore
Staff Forum
Professione: Moderatore
Software: ND
Regione: Italia
#27
Come gia' detto il "parametro" e' salvo.
Cambia solo il modo di gestirlo.

Come ho scritto da qualche parte la "contestualizzazione" sta diventando un "must" non per pura esoteria commerciale ma per reali esigenze di mercato.

I problemi che si vogliono risolvere sono:
- poter lavorare su modelli di terze parti con CAD alieni, quindi niente storia e nessuna "feature" da smanettare.
- poter lavorare con release non allineate dello stesso SW, vedi sopra.
- uscire dalle sabbie mobili in ogni caso quando l'albero della storia diventa un incubo. Quando hai un medello di qualche migliaio di features (inviato da un committente) che hai fatto lavorare da un "contractor" e a cui devi fare una modifica in secondi e con tutta la NASA ferma in attesa che partorisci la modifica, voglio vedere a chi non viene una crisi di panico.

Tutto questo non e' frutto di menti commerciali malate.
Il problema e' "come" implementare la nuova filosofia contestuale nel "sistema".

C'e' chi semplicemente ha pensato:
- se importi uno steppone da 150mb, non penso che ti metterai li a rifarti tutta la storia che manca e a mettere le features che non ci sono, allora conviene un ambiente separato che non si integrerà mai con il "feaure based" standard. La famigerata ST non e' una alternativa filosofica di lavoro a quella standard di SE, e' solo una alternativa nel caso il "contingente" ti suggerisce di utilizzare "l'altra via" da cui non si torna piu' indietro.

La PTC, come sempre, ha preso il toro per le corna e ha deciso di rendere compatibili i due mondi, se ci riesce (e da qualche filmato di iutub mi pare che siano sulla buona strada) avranno messo il loro CAD un passo piu' avanti.

P.S.: checche surrentiziamente venga suggerito da qualche "amico", in CoCreate non si "stira" a occhiometro e nasometro (chi lo fa e' un cretino) ma si impone semplicemente ad una faccia di "muoversi" relativamente alla sua posizione di partenza secondo una serie di comandi "contestuali" tipo: trasla di tot mm, ruota di tot radianti, allineati a quella faccia, combacia con quell'altra ecc.
Il tutto in modo molto preciso (alla meno sei).
:smile:
 

nicksoft

Utente Standard
Professione: cad-pdm related
Software: Creo
Regione: Emilia Romagna
#29

nicksoft

Utente Standard
Professione: cad-pdm related
Software: Creo
Regione: Emilia Romagna
#30
PTC ha svelato il nome del nuovo prodotto, si chiamerà

CREO

allego alcune schermate del webcast (che è ancora in corso).

creo1.jpg

creo2.jpg

creo3.jpg
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#32
Non credo esisterà mai una Wildfire6...

Penso che PTC produrrà qualcosa del tipo Siemens SE(o NX) ST
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#33
A proposito: cambiamo nome alla sezione?
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#34
La PTC, come sempre, ha preso il toro per le corna e ha deciso di rendere compatibili i due mondi, se ci riesce (e da qualche filmato di iutub mi pare che siano sulla buona strada) avranno messo il loro CAD un passo piu' avanti.
Scusa se ho tagliato il quote (il post era tutto interessante, ma mi focalizzo su una cosa).

I due mondi "diretto" e "feature based" sono a mio parere inconcicliabili (sto elaborando una dimostrazione matematico-filosofica a proposito :smile: )... a meno di non parametrizzare le entità geometriche invece delle "funzioni di trasformazione"/"features" (un po' quello che fa SpaceClaim). Ma anche in questo caso non è sempre fattibile.

Comnque aspetto demo e video di "CREO" con impazienza :)
 

tecnico_plast

Moderatore
Staff Forum
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
#36
In pratica, e in parole povere, cosa cambia? Quali sono i vantaggi di Creo?
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#37
In pratica, e in parole povere, cosa cambia? Quali sono i vantaggi di Creo?
Mi sembra di capire che la novità più evidente sia l'integrazione della modellazione esplicita (l'approccio alla CoCreate, tanto per capirci) nell'ambiente Pro/E.
Penso non si tratti solo di questo ma, la cosa che salta di più all'occhio è questa.

Una cosa che a me piace poco per tanti motivi.

Il grande vantaggio di quest'approccio è la grande potenza nella modifica di pezzi importati (STEP e IGES), poichè sei in grado di selezionare entità geometriche e modificarle con grande velocità.
Per la modellazione e la messa in tavola in nativo continuo a preferire la modalità parametrica.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#38
Una cosa che a me piace poco per tanti motivi.
Anche io ero del tuo avviso quando e' uscita la ST, ma poi ho cambiato idea quando ho capito che e' possibile vincolare le superfici anche modellando in esplicito.

Col parametrico basato sulla cronologia delle operazioni, il solido finale e', come tutti sappiamo, il risultato di successivi addizioni o sottrazioni di volume, che sono relazionate fra loro da vincoli e "parametri" appunto.

Nella ST di Siemens invece, i vincoli sono fra le entita' geometriche (facce) del modello (parallelismo, concentricita', offset, etc), e non fra le sequenze di operazioni cronolgicamente odinate. Proprio per questa assenza dell'aspetto di ordinamento si parla di "sincrono". Sicuramente anche questa nuova metodologia di PTC permettera' questa possibilita', che se ci pensi e' un modo molto piu' naturale e intuitivo di imporre vincoli geometrici al modello. Penso sara' difficile farci l'abitudine, ma poi se ne apprezzeranno i vantaggi.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#39
I dubbi ce li ho sulla messa in tavola e sugli assiemi complessi.
A me risulta molto comodo (nella meccanica tradizionale) usare le quote di modellazione per la messa in tavola.
In pratica se modelli bene ... la messa in tavola diventa velocissima.

Non so se in un sistema sincrono sia altrettanto efficace.

Poi sarei felicissimo di ricredermi se trovassi un sistema più efficace di quello attuale.
 

nicksoft

Utente Standard
Professione: cad-pdm related
Software: Creo
Regione: Emilia Romagna
#40
CREO ELEMENTS/PRO è il nuovo pro-e...
il lancio è previsto per summer 2011...
Già da novembre, la M65 della wildfire5 diventerà Creo Elements/Pro 5.0, ma è solo un cambio di nome, aspetteremo la beta del nuovo software in primavera e la versione ufficiale nell'estate prossima.