progetto bicicletta (committente)

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#21
La mia battuta era riferita al fatto che spesso ci si perde nel fatto che l'alluminio ha una densità inferiore.
Come giustamente fai notare tu, Y/rho di acciaio e di alluminio si assomigliano, quindi, tanto per non scendere in dettagli, se fai di alluminio, metti tre volte un materiale che pesa un terzo, e quindi hai lo stesso peso.

Ma, c'è un ma. L'acciaio lo si calcola più facilmente, ha un limite di fatica, sono noti i comportamenti sotto svariati tipi di stress. E' più saldabile, ammette cordoli di saldatura più piccoli. Quindi, sempre per semplificare alla stragrande, con l'alluminio devi usare un fattore di sicurezza più grande che con l'acciaio.

Ecco dimostrato che l'alluminio è più pesante dell'acciaio.

Naturalmente, una progettazione fatta da esperti di alluminio (caso aeronautico) permette di rosicare dove con l'acciaio non è possibile. Ed ecco anche i rarissimi casi di cui sopra.
Il problema è squisitamente marketing... una MTB in Acciaio non te la compra nessuno... :tongue:
 
Professione: Ingegnere
Software: Alcuni, ma non tutti
Regione: Campania
#22
Il problema è squisitamente marketing... una MTB in Acciaio non te la compra nessuno... :tongue:
Allora satinare l'acciaio può essere una soluzione? Tanto chi vuoi che provi con la calamita? :biggrin:
Allo stesso modo di come si fanno pezzi in plastica con finitura "simil carbonio", o, peggio ancora, barche con ponti in epowood (plastica!) in "simil teak".

Bleah :36_1_10:
 

MBT

Utente Senior
Professione: tiro righe, compilo tabelle...
Software: non serve un software per fare quel che faccio...
Regione: nella Terra di Mezzo
#23
Allora satinare l'acciaio può essere una soluzione? Tanto chi vuoi che provi con la calamita? :biggrin:
Allo stesso modo di come si fanno pezzi in plastica con finitura "simil carbonio", o, peggio ancora, barche con ponti in epowood (plastica!) in "simil teak".

Bleah :36_1_10:
vado a memoria, quindi perdonatemi eventuali imprecisioni
Anni fa, una casa motociclistica, la MAS, produsse un modello chiamato "Stella Alpina"
aveva un sistema di raffreddamento "innovativo", in quanto l'aria veniva aspirata e passava prima sulla testata e successivamente nel cilindro
Così la zona più calda veniva investita dall'aria fresca aspirata e il cilindro (meno caldo) lavorava con aria già riscaldata. Il tutto funzionava egregiamente e permetteva una copertura "liscia" del cilindro, una sorta di tubo per il passaggio dell'aria.
Commercialmente fu un fallimento. La gente vedeva quel cilindro liscio e non capiva l'efficienza nascosta....

servono commenti?
 

Fabrizio M

Utente Junior
Professione: Responsabile Uff. Progettazioni
Software: CoCreate OSD 2009
Regione: Lombardia
#24
Il problema è squisitamente marketing... una MTB in Acciaio non te la compra nessuno... :tongue:
Una MYB in acciao non te la compra nessuno perchè con l'idroformatura sull'allumino puoi ricavare delle forme impossibili da fare con l'acciaio ... il vero problema è il marketing ed il cervello di chi compra le MTB, c'è gente che controlla la bellezza delle decalcomanie a quasi se ne frega dei freni o delle parti meccaniche.
Personalmente guardo l'essenza, me ne fotto dell'apparenza.
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#25
Allora satinare l'acciaio può essere una soluzione? Tanto chi vuoi che provi con la calamita? :biggrin:
Allo stesso modo di come si fanno pezzi in plastica con finitura "simil carbonio", o, peggio ancora, barche con ponti in epowood (plastica!) in "simil teak".

Bleah :36_1_10:
:finger: :wink:
il problema è che devi usare anche i "Tuboni"...
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#26
Una MYB in acciao non te la compra nessuno perchè con l'idroformatura sull'allumino puoi ricavare delle forme impossibili da fare con l'acciaio ... il vero problema è il marketing ed il cervello di chi compra le MTB, c'è gente che controlla la bellezza delle decalcomanie a quasi se ne frega dei freni o delle parti meccaniche.
Personalmente guardo l'essenza, me ne fotto dell'apparenza.
Non a caso io sono passato da:
- Marin Eldridge Grade in acciaio
a
- Specialized FSR
a
- Cannondale F4000SL

... e la prossima sarà (forse) in Carbonio... o (forse) di nuovo in Alluminio...
 

MBT

Utente Senior
Professione: tiro righe, compilo tabelle...
Software: non serve un software per fare quel che faccio...
Regione: nella Terra di Mezzo
#28
Non a caso io sono passato da:
- Marin Eldridge Grade in acciaio
a
- Specialized FSR
a
- Cannondale F4000SL

... e la prossima sarà (forse) in Carbonio... o (forse) di nuovo in Alluminio...
FSR e F4000SL sono i grade di acciaio utilizzati per costruirle ???? :confused:

:tongue::biggrin:
 

The_Matrix

Utente Senior
Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#31
Falso le bici in acciaio sono in vendita e vengono regolarmente acquistate....:biggrin:(on-one, scapin, chromag....
Su 100 MTB in vendita adesso, più o meno:
- 80 sono in AL
- 15 sono in carbonio
- 5 sono in acciaio
... ovviamente escludiamo quelle in vendita alla coop eh...
 

M_free

Utente Junior
Professione: Studente
Software: Solidworks
Regione: toscana
#32
Su 100 MTB in vendita adesso, più o meno:
- 80 sono in AL
- 15 sono in carbonio
- 5 sono in acciaio
... ovviamente escludiamo quelle in vendita alla coop eh...
Le percentuali non le conosco, ma ci sono campi nel mondo della bike dove il telaio di acciaio ( acciai legati spesso 4130) è quello che viene chiesto dalla clientela( vedi bmx e attualmente in italia sta' prendendo campo la bici da communting dove chi possiede quelle "originali" sa' che sono a scatto fisso con telaio in acciaio).Comunque la mia ripresa non voleva essere polemica era solo perchè anche io fino a poco tempo fa non credevo venissero ancora realizzati e adesso invece ne ho proprio uno in garage....=)
 

Er Presidente

Moderatore
Staff Forum
Professione: Moderatore
Software: ND
Regione: Italia
#33
Matteo ha detto giusto.
Io aggiungo che se sei veramente convinto e stra-convinto della bontà dell'idea cercate di fare qualche disegno e depositate un brevetto.
Il mondo dei biciclettari (in cui lavoro) è fatto di figli di buona donna pronti a rubarti le idee in ogni istante.



Chiamiamo E/rho (modulo di Young fratto densità) la rigidezza specifica:
per l'acciaio (esempio AISI630) vale 200/7.85=25.48 [GPa/g/cm^3]
per l'alluminio (esempio 7075T6) vale 71.7/2.81=25.6 [GPa/g/cm^3]
per il titanio (esempio 6Al4V) vale 113.8/4.43=25.69 [GPa/g/cm^3]
per il carbonio (tessuto prepreg) vale, nel piano, 68/1.55=43.87 [GPa/g/cm^3]

Acciaio, alluminio e titanio si assomigliano come rigidezza specifica. Il carbonio stravince. Un ragionamento simile si potrebbe fare con la resistenza specifica (sigma di rottura o snervamento fratto densità), e vince ancora il carbonio.
Il carbonio è però una "brutta bestia", un manufatto in carbonio è difficile da fare e cosa uno sproposito.
Allora si usa tanto l'alluminio, perchè ovviamente non tutte le parti di una struttura sono ugualmente sollecitate, e quindi nelle altre parti vale la forza bruta della leggerezza (rho=2.7-2.8g/cm^3)

Se l'acciaio fosse il più leggero credo che gli aerei li farebbero con questo materiale... :wink:
Mi sento chiamato in causa!
Gli aerei li farebbero anche "de fero", il problema e' che i fogli della lamiera di rivestimento avrebbero uno spessore particolarmente ridotto, tanto da non essere in grado di mantenere la forma, che sulle strutture monoguscio e' tutto.
Fino a che le strutture erano "a traliccio" dopo il legno arrivo' "il ferro" e si difese bene, fino al "monoguscio".
Poi ci si mise anche la flessibilità e l'acciaio perse anche il primato "ideologico".
 

Antosacca

Utente Junior
Professione: pensionato
Software: pochi
Regione: Veneto del sud
#34
Se ti può ancora interessare, dopo questa estenuante disquisizione sui materiali. Piacerebbe anche a me la realizzazione del triciclo, se ho ben capito come quello in allegato? Contattami....
Ciao, Antonio.
 

Allegati

Professione: Industry Leader - Automotive & Machinery
Software: NX10/TC10/4GD
Regione: Mi piacerebbe lavorare in California... Invece sto in Piemonte. Pazienza...
#35
Le percentuali non le conosco, ma ci sono campi nel mondo della bike dove il telaio di acciaio ( acciai legati spesso 4130) è quello che viene chiesto dalla clientela( vedi bmx e attualmente in italia sta' prendendo campo la bici da communting dove chi possiede quelle "originali" sa' che sono a scatto fisso con telaio in acciaio).Comunque la mia ripresa non voleva essere polemica era solo perchè anche io fino a poco tempo fa non credevo venissero ancora realizzati e adesso invece ne ho proprio uno in garage....=)
Trattasi di MTB...
non commuting o BMX
:finger:
 

render54

Utente Standard
Professione: architetto
Software: revit 2012
Regione: Lombardia
#36
non ho letto tutti i post, ma una bici con 2 ruote davanti c'è già, ne ho viste una 50ina nuove in un capannone a osio sopra bg,ss 625 de brembo, il proprietario dei capannoni che ha un'officina di riparazione auto, le ha fatte costuire e ogni tanto lo vedo anche che rientra a casa la sera, passando davanti al mio ufficio, pedalando allegramente su una di queste.
le due ruote davanti non sono fisse ma hanno un pantografo che le fa piegare in curva, come nella moto.
 

Antosacca

Utente Junior
Professione: pensionato
Software: pochi
Regione: Veneto del sud
#37
non ho letto tutti i post, ma una bici con 2 ruote davanti c'è già, ne ho viste una 50ina nuove in un capannone a osio sopra bg,ss 625 de brembo, il proprietario dei capannoni che ha un'officina di riparazione auto, le ha fatte costuire e ogni tanto lo vedo anche che rientra a casa la sera, passando davanti al mio ufficio, pedalando allegramente su una di queste.
le due ruote davanti non sono fisse ma hanno un pantografo che le fa piegare in curva, come nella moto.
Nel nord europa è il mezzo di trasporto cittadino più usato, particolarmente in Danimarca, dove ci sono più tricicli che pedoni. Le città hanno un'estesione chilometrica di piste ciclabili superiore alla lunghezza stradale. Se noti, applicata alla ruota posteriore si trova il recuperatore di energia della "Ducati energia" denominato "ruota copenhagen". Dell'immagine postata esiste il progetto meccanico completo. Per questo mi sono permesso, di publicare l'immagine e di chiedere se a qualcuno interessava; anche perché, da noi, si stanno costruendo molte piste ciclabili e per rispettare l'ambiente e vivere in maniera più sana è l'unica "pista" da seguire.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdgeSt10
Regione: Veneto
#38
Dato che provengo dal mondo agonistico di Mtb posso precisare alcune info date qui.
- Come già accenato da Voi non esiste in assoluto il telaio migliore dato che ogni variabile e modificabile nel corso degli anni.
-Di bici ne fanno con tanti materiali e prezzi.. Di solito si sceglie la tipologia del materiale in base a come si utilizzerà la bici. Es. Per le lunghe distanze 300 km e più si tende a utilizzare bici in carbonio con un alto coefficente elastico(modificando le trame) proprio per donare comfort al ciclista. Discorso inverso avviene quando abbiamo gare in circuito relativamente brevi in cui ci sono continui rilanci e variazioni di velocità ecco allora l'utilizzo dell' alluminio o acciaio. Personalemente mi è capitato di vedere bici in Acciaio costare più di alcune in carbonio.
In ogni caso il carbonio è un materiale molto elastico è la differenza la si sente subito fin dalle prime pedalate.
Poi che dire.. Attualmente la produzione mondiale si sta spingendo a costruire biciclette da Downhill in carbonio... http://www.youtube.com/watch?v=d7cMM-XzVc4... a rafforzare che il carbonio può essere un materiale al pari di un Alu se non adirittura il migliore. Unica pecca sta nel fatto che se cadi e rompi una trama 99 su 100 non te ne accorgi col rischio di trovarti in aria con un telaio in due pezzi..
http://www.triridemtb.com/evil-carbon-rottura-a-la-bresse/
Poi che dire.. Magari se il discorso và avanti posso dare un contributo pratico pure io. Sta di fatto che imho una bici a 3 ruote in carbonio non avrebbe senso magari racing dato che categorie UCI per queste bici non ce ne sono e quindi non avrebbe senso impiegare forze/denari per creare modelli super performanti.

Ciao.
 

Antosacca

Utente Junior
Professione: pensionato
Software: pochi
Regione: Veneto del sud
#39
http://www.triridemtb.com/evil-carbon-rottura-a-la-bresse/
Poi che dire.. Magari se il discorso và avanti posso dare un contributo pratico pure io. Sta di fatto che imho una bici a 3 ruote in carbonio non avrebbe senso magari racing dato che categorie UCI per queste bici non ce ne sono e quindi non avrebbe senso impiegare forze/denari per creare modelli super performanti.

Ciao.
Hai ragione, il mio era solo un discorso commerciale no sportivo. Passando per i paesi nordici sono stato sorpreso dal grande numero di tricicli in città, ho constatato la grande utilità di questi mezzi. Vengono usati per portare i bambini a scuola, per fare le spese, per andare al parco, si usano in ogni attività svolta in città. Hanno allestimenti che consentono di usarli quando piove e quando fa freddo. Se anche in Italia, visti i problemi energetici e ambientali, prende piede (vedi la bici elettrica) la cosa magari è degna di essere considerata, sempre dal punto di vista commerciale.
Ciao.
 

New Rider

Utente Standard
Professione: Impiegato Tecnico
Software: SWorks17s.p05 / Sworks18s.p03 / DSight / SEdgeSt10
Regione: Veneto
#40
Sarà che son pessimista ma tutte le belle cose che avvengono negli altri paesi europei qui da noi saranno solo miraggi.Purtroppo.. Come gli incentivi delle biciclette di qualche anno fà.. Praticamente invece di incentivare l'uso di queste a utenti profani della bici (Vedi per es. Postini, messi comunali, mamme e figli, piccoli spostamenti in città) son stati usati da gente già navigata in questo sport per acquistare bici di qualità elevata(costose) con un maggiore sconto. Il classico egoismo italiano.Io penso a me e al mio portafoglio e tu arrangiati. Poi boom sto incentivo miracolosamente sparito. Classica manovra italiana? Mi pare sia un pò come quella del fotovoltaico....