• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Portare in DFT la vista aperta di un file PSM

Mix88

Utente Junior
Professione: tecnico
Software: Solid edge ST
Regione: Emilia
#1
Avrei bisogno di alcune dritte sui file psm . Una volta creato un modello, riesco a vedere la vista aperta, ma non riesco a passarla in draft per l'invio alla macchina di taglio. Potete dirmi come si fà ? Inoltre nello sviluppo aperto anche se metto i raggi di curvatura a 0 ho un incremento di 1,33mm per piega. Come mai? Ciao e grazie.

Mix88
Solid Edge ST
 
Ultima modifica da un moderatore:

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
Avrei bisogno di alcune dritte sui file psm . Una volta creato un modello, riesco a vedere la vista aperta, ma non riesco a passarla in draft per l'invio alla macchina di taglio. Potete dirmi come si fà ? Inoltre nello sviluppo aperto anche se metto i raggi di curvatura a 0 ho un incremento di 1,33mm per piega. Come mai? Ciao e grazie.

Mix88
Solid Edge ST
Quando metti in tavola, scegli "campitura sviluppata" nella finestra di dialogo della creazione vista.

Per il discorso del raggio non ti so aiutare.

Ah, due righe qui':

http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?t=22517

grazie! :smile:
 

Be_on_edge

Moderatore
Staff Forum
Professione: Progettazione
Software: Solid Edge
Regione: Emilia Romagna
#3
Se ti serve il DXF per il taglio allora utilizza "salva come sviluppato" non hai bisogno di creare un dft.

Per quanto riguarda l'incremento è normale. Dovresti mettere raggio 0 e fattore neutro 0.
Tieni presente che nella realtà il raggio 0 e soprattutto il fattore neutro NON ESISTONO. Di conseguenza avresti uno sviluppo che una volta piegato non ti fa ottenere quello che desideri.

Il raggio di piega generalmente dipende dalle cave e punzoni che utilizzi per piegare il pezzo. E questo puoi saperlo solo tu.

Come punto di partenza ti consiglio di impostare un raggio di piega almeno uguale allo spessore. Io personalmente li incremento di un ulteriore 10%.

Il fattore neutro poi dipende principalmente dal materiale. Considera che con 0 hai lo sviluppo sul raggio di piega interno e con 1 sul raggio di piega esterno. Con 0,5 hai ovviamente lo sviluppo sulla mezzeria. Anche qui un 0,33 è un punto di inizio, ma il valore corretto lo puoi sapere solo tu.

Da me poi questi parametri vengono corretti dal programma della piegatrice in base alla libreria dei materiali e dalla coppia punzone\cava.

Ciao e benvenuto.

Francesco.
 

Mix88

Utente Junior
Professione: tecnico
Software: Solid edge ST
Regione: Emilia
#4
Sembra sempre l'uovo di Colombo .... quando uno ti insegna ti viene da dire , cavolo tutto qui, ma era 2 giorni che cercavo e non trovavo la soluzione. Grazie mille , adesso farò delle prove per parametrizzare materiali, cave e lame. Il mio capo officina è ancora uno di quelli che dice , fino a 5/6mm se devi fare 2 lembi di 50 tagli un pezzo 100mm. Se no proviamo e vediamo come si comporta la lamiera. Grazie di nuovo.
 

Marco74

Utente Senior
Professione: Sviluppo lamiera per taglio laser, piegatura e assemblaggio
Software: Solid Edge ST9 - Autocad Mechanical 2017- Lantek
Regione: Veneto - Emilia
#5
Il mio capo officina è ancora uno di quelli che dice , fino a 5/6mm se devi fare 2 lembi di 50 tagli un pezzo 100mm. Se no proviamo e vediamo come si comporta la lamiera.
Ma il tuo capo officina non ha mai piegato, 2 dritte possono essere che per trovare la cava teorica di piega si moltiplica lo spessore della lamiera per 8 es. 30/10x8= cava di 24
Per quanto riguarda lo sviluppo, sempre teoricamente, è uguale alla somma delle quote interne es. se devi fare un angolare di 50x50 sp.30/10 avrai che lo sviluppo=50+50-(3x2)=94.
Poi come ti è già stato detto bisogna fare delle prove per vedere con le proprie attrezzature e con i diversi materiali i ritiri reali che hai.
 

luca4068

Utente Junior
Professione: disegnatore
Software: solid edgest4,solid work2012,proengineering4
Regione: toscana
#6
La cava teorica moltiplicata per 8 ti dà il raggio di piega interno= ½ spessore, a quel punto dipende dal materiale,ovvero se usi un fe37 ,per un pezzo piegato a 90° con lato est. 100x100 ad esempio e spessore 2 (tutto in mm ndr), avrai uno sviluppo pari a 98+98+ ¼ spessore(0.5 mm) tot. 196.5 mm. puoi anche fare in modo di far calcolare al programma lo sviluppo, semplicemente entrando in Strumenti>tab. materiali> lamiera immettendo spessore raggio di piega e numero fisso (nel caso del fe37 con r di piega uguale a metà spessore è 0.296) per acciaio inox,alluminio ecc. devi calcolarlo a seconda dei raggi di piega che usi.