• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Percorso file in assieme

Pablo

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Piemonte
#21
il percorso in cui hai stoccato gli assiemi che può essere quello di rete quando lavori in rete o quello locale quando lavori in locale. In questo modo ti garantisci il funzionamento.
Proprio così. Ma in questo modo io dovrei sempre cambiare l'ordine della priorità nel settaggio "Posizioni dei file > posizione predef. documenti"?? Ho fatto le dovute prove e devo comunque utilizzare un sistema manuale per essere certo che SW vada a pescare dove voglio io, e non dove vuole lui...
Dando la priorità RETE > LOCALE mi sono detto: non trovando la rete SW va a cercare in locale, ok, ma se sono in ufficio (connesso in rete) e decido di lavorare in locale (es. per maggior velocità) devo ricordarmi O di sconnettere la rete O di invertire l'ordine nel settaggio, altrimenti.... giù insalate di percorsi!!:confused:
Mi piacerebbe trovare uno "switch" (tipo una macro) che facesse questa "inversione" di settaggi senza troppi smanettamenti..
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#22
La soluzione di Flavio (che saluto) è a mio avviso la migliore e la più pulita. Anch'io adotto lo stesso sistema con la differenza che quando sono in ufficio utilizzo il comando NET USE che connette un disco di rete, anzichè SUBST che crea un disco virtuale.

Nei file bat che ho creato disconnetto tutti i dischi (virtuali e di rete) e poi eseguo le connessioni che mi servono. In questo modo posso switchare dischi in un attimo e senza riavviare il PC.

I miei bat hanno anche qualche riga in più perchè li utilizzo anche per switchare sessione e nell'ordine:

sconnetto tutti i dischi
connetto i dischi necessari
eseguo una modifica dei registri di sistema per il pdm
avvio solidworks

questo mi previene molti errori anche da parte dei miei collaboratori non troppo ferrati di dischi virtuali-di rete e registri di sistema.

Per sincronizzare utilizzo il comando XCOPY di windows con le opzioni /d/f/s/y ed ha sempre funzionato a meraviglia.
 

Pablo

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Piemonte
#23
La soluzione di Flavio (che saluto) è a mio avviso la migliore e la più pulita. Anch'io adotto lo stesso sistema con la differenza che quando sono in ufficio utilizzo il comando NET USE che connette un disco di rete, anzichè SUBST che crea un disco virtuale.

Nei file bat che ho creato disconnetto tutti i dischi (virtuali e di rete) e poi eseguo le connessioni che mi servono. In questo modo posso switchare dischi in un attimo e senza riavviare il PC.

I miei bat hanno anche qualche riga in più perchè li utilizzo anche per switchare sessione e nell'ordine:

sconnetto tutti i dischi
connetto i dischi necessari
eseguo una modifica dei registri di sistema per il pdm
avvio solidworks

questo mi previene molti errori anche da parte dei miei collaboratori non troppo ferrati di dischi virtuali-di rete e registri di sistema.

Per sincronizzare utilizzo il comando XCOPY di windows con le opzioni /d/f/s/y ed ha sempre funzionato a meraviglia.
Se ho capito bene: sul portatile io dovrei connettere un'unità di rete assegnando all'unità la cartella del mio archivio? ma sono certo che quando la sconnetto (visto che fisicamente la cartella continua ad esistere sul disco) SW non vada comunque a pescare da lì?
O dovrei creare un disco virtuale vero e porprio? cosa che non ho mai fatto, sinceramente.... E' molto complicato? Grazie x l'aiuto:smile:
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#24
Se ho capito bene: sul portatile io dovrei connettere un'unità di rete assegnando all'unità la cartella del mio archivio? ma sono certo che quando la sconnetto (visto che fisicamente la cartella continua ad esistere sul disco) SW non vada comunque a pescare da lì?
O dovrei creare un disco virtuale vero e porprio? cosa che non ho mai fatto, sinceramente.... E' molto complicato? Grazie x l'aiuto:smile:
Considera che swx è un po' stupido in questo, pertanto se hai i disegni nel disco Z:\disegni a lui non interessa cosa sia z, l'importante è che esista.

Con questi files bat tu connetti Z alla rete quando sei in ufficio come unità di rete e ad una cartella del portatile quando esci.

Io non lavoro mai con il portatile in ufficio, ma ce l'ho pronto sulla docking come "muletto" nel caso una delle workstation crei problemi. Prima di uscire eseguo una sincronizzazione dei dati con xcopy, per tornare all'esempio sopra la stringa sarà:

XCOPY \\server\dati\disegni d:\dati\disegni /d/f/s/y

questa stringa va inserita in un file di testo salvato con estensione bat e copierà tutti i files nuovi o modificati previo confronto tra server e portatile. È la cosa più veloce perchè lavora in dos e non ha gingilli. Non è una vera a propria sioncronizzazione perchè ti troverai tutti i files nuovi ma questo comando non cancella dalla destinazione quello che non c'è più sull'origine. Quello che faccio io ogni tanto è rasare a 0 l portatile ed eseguire xcopy da capo.

Se ti devi connettere alla rete avrai un bat che si chiama "dischi di rete.bat" nel quale scriverai:

SUBST Z: /D
NET USE Z: \\SERVER\DATI\DISEGNI

Se devi lavorare in locale avrai un altro file bat che si chiamerà "dischi locali.bat" il quale avrà come sintassi:

NET USE Z: /DELETE
SUBST Z: D:\DATI\DISEGNI

Il comando NET USE connette e sconnette dischi di rete, il comando SUBST crea ed elimina dischi virtuali.
 

lelepanz

Utente Standard
Professione: Ingegnere
Software: aclt-sw2010
Regione: Lombardia
#25
Grazie.
Stavo avendo anche io lo stesso problema che quando lavoro in locale per maggiore velocità e poi sincronizzo con synctoy, poi mi va a pescare dal server i particoalri.
Io brutalmente aggiungo una A alla directory sul server, in modo che poi sw pesca da locale i file. Finito la giornata, tolgo la A, sincronizzo e via....
Adesso proverò le idee più furbe. :D
 

Pablo

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solidworks
Regione: Piemonte
#26
Considera che swx è un po' stupido in questo, pertanto se hai i disegni nel disco Z:\disegni a lui non interessa cosa sia z, l'importante è che esista.

Con questi files bat tu connetti Z alla rete quando sei in ufficio come unità di rete e ad una cartella del portatile quando esci.

Io non lavoro mai con il portatile in ufficio, ma ce l'ho pronto sulla docking come "muletto" nel caso una delle workstation crei problemi. Prima di uscire eseguo una sincronizzazione dei dati con xcopy, per tornare all'esempio sopra la stringa sarà:

XCOPY \\server\dati\disegni d:\dati\disegni /d/f/s/y

questa stringa va inserita in un file di testo salvato con estensione bat e copierà tutti i files nuovi o modificati previo confronto tra server e portatile. È la cosa più veloce perchè lavora in dos e non ha gingilli. Non è una vera a propria sioncronizzazione perchè ti troverai tutti i files nuovi ma questo comando non cancella dalla destinazione quello che non c'è più sull'origine. Quello che faccio io ogni tanto è rasare a 0 l portatile ed eseguire xcopy da capo.

Se ti devi connettere alla rete avrai un bat che si chiama "dischi di rete.bat" nel quale scriverai:

SUBST Z: /D
NET USE Z: \\SERVER\DATI\DISEGNI

Se devi lavorare in locale avrai un altro file bat che si chiamerà "dischi locali.bat" il quale avrà come sintassi:

NET USE Z: /DELETE
SUBST Z: D:\DATI\DISEGNI

Il comando NET USE connette e sconnette dischi di rete, il comando SUBST crea ed elimina dischi virtuali.
Grazie per la eloquente spiegazione, Re, e ringrazio anche Flavio che nei gg scorsi mi aveva già instradato su qs. via.
Appena avrò un po' tempo farò le prove del caso e vi dirò.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#27
Di nulla, come ti ho detto sto facendo così da 3 anni e non ho ami avuto problemi.
 
Professione: Disegnatore
Software: SW 2017 - SE ST4
Regione: Piemonte
#28
La soluzione più corretta è quella di impostare nelle opzioni di SW, Posizioni dei file, Posizione predefinita dei documenti, il percorso in cui hai stoccato gli assiemi che può essere quello di rete quando lavori in rete o quello locale quando lavori in locale. In questo modo ti garantisci il funzionamento.
Buongiorno a tutti;
io ho un problema simile sulla mia stazione;
ho i percorsi di ricerca impostati su direttori che in realtà non esistono o che non mi interessano;
ho provato più volte a cancellarli (da opzioni/posizione file) ma ricompaiono in automatico.
Come si fa a eliminarli?