• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

perche tanti liberi prof.cercano un lavoro

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#1
ciao a tutti
buona sera
quasi per caso
quardando un post di un grande utente del sito
mi sono ritrovato nel forum di ricerca lavoro
4 pag.??????????????????????????????
mi/vi chiedo
ma come siamo ridotti in italy????????(elimino il sud per ovvi motivi c'e' sta' solo il sole e neanche lo sappiamo sfruttare)
ho letto profili professionali da invidia
esperienze lavorative uniche
eppure cercano un'occupazione

ma gli imprenditori made in italy chi pigliano per pensare/prog/industrializzare

ho il dubbio che facciano e sanno tutto loro
ca verament adda passa a nuttat
un abbraccio circolare per tutti
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#2
il mio problemma e che devo fare un saccco di ore per sopravivere (e non sto scherzando purtroppo). se lavorassi sole 160 ore mensili, dopo 2 mesi avrei solo imbarazzo della scelta per la corda per rampicarsi.
Secondo i miei calcoli io dovrei fare almeno 300 ore mensili a minimo 25€/h per rimanemere a 0 positivo (cioe non negare piu di cosi).
oppure se qualcuno mi pagasse 50-60€/h hmmm allora magari qualche fine settimana potrei anche andare al mare.
quindi secondo me non sono tanto i imprenditori che non danno lavoro ai lib. prof. ma sono i lib. prof. che non sono pagati suficentemente per sopraviere con tutte le tasse e spese che abbiamo. quindi non potendo alzare il prezzo alzano quantita di lavoro cercando i nuovi clienti.

Queso e almeno in caso mio, agli altri, migliori auguri :D

poi... pero cìè da dire che anche io sono un po pirla nel senso che son troppo buono, gentile, onesto... quindi sempre dove possibile cerco di fare sconti invece di fare furbetto e sempre dove possibile cercare di prendere qualche soldino in piu.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#3
ciao a tutti
buona sera
quasi per caso
quardando un post di un grande utente del sito
mi sono ritrovato nel forum di ricerca lavoro
4 pag.??????????????????????????????
mi/vi chiedo
ma come siamo ridotti in italy????????(elimino il sud per ovvi motivi c'e' sta' solo il sole e neanche lo sappiamo sfruttare)
ho letto profili professionali da invidia
esperienze lavorative uniche
eppure cercano un'occupazione

ma gli imprenditori made in italy chi pigliano per pensare/prog/industrializzare

ho il dubbio che facciano e sanno tutto loro
ca verament adda passa a nuttat
un abbraccio circolare per tutti

1) Parecchie aziende cercano di esternalizzare certe funzioni per trasformare i costi fissi in variabili

2) Parecchi dipendenti si mettono in propio avendo la percezione di essere poco valorizzati come dipendenti (viene fatto un confronto tra i 10-12 €/h che prende un dipendente e i 22-27 che prende un libero professionista, confronto ovviamente fuorviante).

Comunque non direi che il fatto che ci siano tante offerte sia un sintomo di crisi, magari e' solo gente che vuole aumentare il giro di clienti.

Poi mi sbagliero' ma mi pare che parecchi di quegli annunci sono di gente che arrotonda dopo cena o direttamente studenti.


Ciao.
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#4
Non so bene in altre regioni ma qui , nel profondo far-est ,lavoro inteso come qualcosa da fare , c'è.
Però sai anche tu che ci si specializza sempre di più , e più spinto è il fenomeno più difficoltosa è la ricerca di un posto di lavoro adeguato.

Sicuramente ci sarà qualcuno dei profili che hai letto che non ha lavoro ma forse sarebbe meglio dire che non ha "quel" lavoro.

Anch'io ho il curriculum inserito nei grandi portali specializzati , e lo tengo accuratamente aggiornato nonostante io abbia lavoro ( almeno fino al 10 maggio :D :D ) , quando mi cercano faccio sempre il possibile per fare almeno il colloquio , così intanto mi conoscono e poi non si sa mai.:cool:

Oggi è facile che le situazioni cambino repentinamente perciò sempre meglio tenere aperti i contatti , così hai più la possibilità di cascare in piedi...:)
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#5
Non so bene in altre regioni ma qui , nel profondo far-est ,lavoro inteso come qualcosa da fare , c'è.
Però sai anche tu che ci si specializza sempre di più , e più spinto è il fenomeno più difficoltosa è la ricerca di un posto di lavoro adeguato.

Sicuramente ci sarà qualcuno dei profili che hai letto che non ha lavoro ma forse sarebbe meglio dire che non ha "quel" lavoro.

Anch'io ho il curriculum inserito nei grandi portali specializzati , e lo tengo accuratamente aggiornato nonostante io abbia lavoro ( almeno fino al 10 maggio :D :D ) , quando mi cercano faccio sempre il possibile per fare almeno il colloquio , così intanto mi conoscono e poi non si sa mai.:cool:

Oggi è facile che le situazioni cambino repentinamente perciò sempre meglio tenere aperti i contatti , così hai più la possibilità di cascare in piedi...:)
ciao myface
e sempre un piacere leggerti
forse ai rag.anzi hai rag.
pero per dire il vero avevo avuto una sensazione diversa
sai dopo decenni di lavoro e solo lavoro certi fraseggi sembra che gia' li conosci oppure anche se sono ammiccanti si riferiscono sempre ad uno stato necessita' o di disaggio
spero che mi sia sbagliato
t'abbraccio
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#6
1) Parecchie aziende cercano di esternalizzare certe funzioni per trasformare i costi fissi in variabili

2) Parecchi dipendenti si mettono in propio avendo la percezione di essere poco valorizzati come dipendenti (viene fatto un confronto tra i 10-12 €/h che prende un dipendente e i 22-27 che prende un libero professionista, confronto ovviamente fuorviante).

Comunque non direi che il fatto che ci siano tante offerte sia un sintomo di crisi, magari e' solo gente che vuole aumentare il giro di clienti.

Poi mi sbagliero' ma mi pare che parecchi di quegli annunci sono di gente che arrotonda dopo cena o direttamente studenti.


Ciao.
ciao caccia
non credo molto a dopo cena
anzi dico che alle aziende non conviene neanche
dico solo che 22/27€ per un libero prof sembrano un attimo poche
pero dico pure che un cnc lavora con quei soldi
esternalizzare il lavoro ??????
non lo so
nella zona dell'euro in italy si viene pagati meno
i liberi prof. italiani dovrebbero essere concorrenziaali
ciao
 

mali_fx

Utente Standard
Professione: Pregettista\Disegnatore stampi termoplastici.
Software: worcnc,worcnc/cad,creo2, e altri.
Regione: lombardia
#7
secondo me,lavoratore,libero prof o quello che è,viene valutato anche in base alla bravura, affidabilità serietà e altre qualita.
cm in tutti i mestieri c'è quello bravo e quello meno bravo, quello che sgobba cm un dannato e quello che non fa na mazza da mattina a sera e che pretende di guadagnare cm quello che si fa la mazza!io sono giovane,ho sl 22anni e non voglio giudicare ma se uno è valido ed ha voglia di fare il lavoro lo trova sempre e viene anche pagato bene...io attualmente(modestia a parte)vengo pagato a 16 euro(lordi) all'ora in un azienda di stampi e se domani dovessi andare via da li vado seza la mininima paura perche ho le conoscenze tecniche e soprattutto la voglia di fare.
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#8
mmm
purtroppo non è sempre cosi

da anziano (26 anni) ti cosiglio di non fidarti troppo ;)
 

DESIGN

Utente Standard
Professione: Lavoratore autonomo
Software: Alibre, solidworks, catia, pro-e, inventor, autocad
Regione: Novara
#9
ciao a tutti
buona sera
quasi per caso
quardando un post di un grande utente del sito
mi sono ritrovato nel forum di ricerca lavoro
4 pag.??????????????????????????????
mi/vi chiedo
ma come siamo ridotti in italy????????(elimino il sud per ovvi motivi c'e' sta' solo il sole e neanche lo sappiamo sfruttare)
ho letto profili professionali da invidia
esperienze lavorative uniche
eppure cercano un'occupazione

ma gli imprenditori made in italy chi pigliano per pensare/prog/industrializzare

ho il dubbio che facciano e sanno tutto loro
ca verament adda passa a nuttat
un abbraccio circolare per tutti
Ciao SHIREN,
secondo me come dice caccia tanti annunci sono di persone che cercano un secondo lavoro, io stesso rispondo ad annunci e mi propongo come collaboratore (visto che da febbraio ho aperto la p. iva) anche se ho il mio lavoro ed è un bel lavoro, eppure scapperei via comunque appena mi si presentasse un' occasione per poter collaborare.
O forse (riguardo agli annunci) perchè la gente si è anche rotta un pò le pxxxe di farsi prendere in giro dai datori di lavoro (te lo dico per esperienza perchè ne ho cambiati tanti) e hanno voglia (come me) di nuove sfide buttandosi in prima linea.

Comunque ragazzi buon lavoro.
 

matte79

Utente Standard
Professione: Mobilizzazione Mouse
Software: ProE-Catia V5-Think design
Regione: Emilia Romagna
#10
shiren...credo che ci stiamo un po' "americanizzando"...sai il mito dell'uomo che "si fa da sè?"...ebbene non c'è meno lavoro, c'è solo più offerta.
Il problema è però diverso: perchè c'è più offerta? Perchè le aziende hanno visto che i "guru", "quelli che quando se ne vanno in ferie l'azienda è disperata" costano e quindi li stanno piano piano portando alla pensione e pagano poco le nuove leve non motivandole e tenendole nella semi-ignoranza (ora in un'azienda di medie grosse dimensioni un lavoro che potrebbe fare una sola persona lo fanno in tre e nessuno sa di cosa si occupi il collega)...va da se che chi è un minimo sveglio e nutre un po' di ambizioni dopo aver cambiato 2 o 3 tre posti tutti uguali si chiede: "ma perchè non vendere ciò che so o ciò che sono per mio tornaconto?" ed eccoti una sequela di liberi professionisti che "devono pur mangiare"...è triste ma il mondo lavorativo sta evolvendosi (o involvendosi?) in questa direzioni e le forze politiche spingono perchè questa sia una pratica sempre più diffusa.
 

stevie

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Solidedge, Cosmos
Regione: Lombardia
#11
Non illudiamoci di lavoro in italia ce n'è sempre meno, per farvi capire darò solo una cifra, nel 2007 in italia ci son state 250000 chiusure e/o fallimenti di aziende a fronte di quante nuove aperture?Aprire una nuova attività in italia (il minuscolo non è un lapsus) è una pazzia considerando una pressione fiscale complessiva che è alle soglie del 60% e la congiuntura economica globale sicuramente non incoraggiante.
A chi dice di non essere preoccupato per il futuro perchè a detta sua ha le capacità per fare tutto dico solo che conosco fior fior di tecnici e laureati che con decenni di esperienza faticano a sbarcare il lunario...
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#12
Non illudiamoci di lavoro in italia ce n'è sempre meno, per farvi capire darò solo una cifra, nel 2007 in italia ci son state 250000 chiusure e/o fallimenti di aziende a fronte di quante nuove aperture?Aprire una nuova attività in italia (il minuscolo non è un lapsus) è una pazzia considerando una pressione fiscale complessiva che è alle soglie del 60% e la congiuntura economica globale sicuramente non incoraggiante.
A chi dice di non essere preoccupato per il futuro perchè a detta sua ha le capacità per fare tutto dico solo che conosco fior fior di tecnici e laureati che con decenni di esperienza faticano a sbarcare il lunario...
Bisognerebbe però considerare il prodotto interno lordo , che anche l'anno scorso se pur di una inezia è aumentato.
Questo significa che se effettivamente sono meno le aziende che lo producono la "mole" di lavoro è la stessa.

Chiaro che se per esempio una grossa azienda "ingloba" il lavoro di due aziendine scomparse , non per questo il personale della grossa azienda aumenterà in modo proporzionale , perchè entra in gioco l'ottimizzazione.

Alla fine perciò si comprende perchè il futuro sarà rosa solo di chi fa innovazione , perchè per il "già fatto" la lista di attesa è lunga...

Spremete le meningi ragazzi , il lavoro oggi bisogna inventarselo!:)
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#13
Bisognerebbe però considerare il prodotto interno lordo , che anche l'anno scorso se pur di una inezia è aumentato.
Questo significa che se effettivamente sono meno le aziende che lo producono la "mole" di lavoro è la stessa.
Bisognerebbe però considerare che tanti di questi prodotti "interni" sono effettivamenti prodotti in CHINA (maiuscolo non è un lapsus) :D
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#14
Bisognerebbe però considerare che tanti di questi prodotti "interni" sono effettivamenti prodotti in CHINA (maiuscolo non è un lapsus) :D
il prob.cina per me non esiste
perche produrre lo si deve fare in china
pensare prog.ingegnirizzare protipizzare industrializzare commercializzare
lo si fa in europa
c'e'solo un cambiamento di mansioni
avremo sempre meno bisogno di manodopera o manovalanza comune
e avremo sempre piu bisogno di manodopera "scolarizzata"
ciao strumpf
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#15
il prob.cina per me non esiste
perche produrre lo si deve fare in china
pensare prog.ingegnirizzare protipizzare industrializzare commercializzare
lo si fa in europa
c'e'solo un cambiamento di mansioni
avremo sempre meno bisogno di manodopera o manovalanza comune
e avremo sempre piu bisogno di manodopera "scolarizzata"
ciao strumpf
guarda che stano studando anche loro ;)
tra pocco potrebbero fregarci anche in progettazione :eek::mad:
 

Dirotec

Utente Standard
Professione: Tiro righe intermittenti e curve ondulate
Software: Me10,OSD,Autocad
Regione: San Pietroni Street
#16
guarda che stano studando anche loro ;)
tra pocco potrebbero fregarci anche in progettazione :eek::mad:
Già lo fanno la Demag in Cina ha circa 1500/2000 addetti alla progettazione e sviluppo dei loro impianti.

Ciao
 
Professione: Lavoro Monotono
Software: "Pala e Picco"
Regione: Piemonte
#17
guarda che stano studando anche loro
tra pocco potrebbero fregarci anche in progettazione
Studiano? ;)

La Cina è una di quegli stati dove non esiste il "6 Accademico" o l'"essere figli di Papà", li se studi hai i risultati (e che risultati), se non studi sei "OUT" perchè ti buttano fuori dall'università a calci nel sedere, anche se sei il figlio del presidente (non il nostro :D)

Ciao ;)
 

Stefano_ME30

Guest
#18
Si diceva la stessa cosa prima dei Giapponesi e poi dei Coreani.
Pare che la lezione non e' servita.
La Cina fra 5 anni (se non va fallita prima e noi appresso) ci dara' "lezioni" su tutto.
Sono giovani, hanno un sistema scolastico potentissimo (retaggio Sovietico) e soprattutto non sono stupidi.
E' ora di finirla di pensare che gli "altri" sono sempre brutti sporchi e ignoranti, con i soldi (e al momento la cina ne ha ha bizzeffe) chiunque diventa bello e intelligente.
Noi fino all'altro ieri eravamo "buoni" per andare a fare i minatori in Belgio ed eravamo "orrendi", adesso ce la "meniamo" neanche fossimo i "superultra".
Guardate la Grande America, ridotta alla poverta' dopo solo 10 anni.
Quello che abbiamo (o crediamo di avere), soldi democrazia e benessere, e' labile e in pochi anni potremmo (lo siamo gia') tornare all'eta' della pietra (anni 50).
Il mondo si muove velocissimo (troppo) e il grande Giappone e' l'unico che ha percepito il pericolo nella sua portata, ma con il costo del denaro allo 0,25 % sono paralizzati e terrorizzati.
25 anni di edonismo Reganiano ci hanno regalato un sacco di sprcchietti dove poter continuare a "gongolare", ma siamo gia' usciti dal ristorante e invece siamo convinti che fumata la sigaretta torneremo "dentro" ad ordinare il "secondo".
Poveri illusi, il risveglio sara' doloroso e non salvera nessuno.
 
Ultima modifica:

Stefano_ME30

Guest
#19
Bisognerebbe però considerare il prodotto interno lordo , che anche l'anno scorso se pur di una inezia è aumentato.
Questo significa che se effettivamente sono meno le aziende che lo producono la "mole" di lavoro è la stessa.

Chiaro che se per esempio una grossa azienda "ingloba" il lavoro di due aziendine scomparse , non per questo il personale della grossa azienda aumenterà in modo proporzionale , perchè entra in gioco l'ottimizzazione.

Alla fine perciò si comprende perchè il futuro sarà rosa solo di chi fa innovazione , perchè per il "già fatto" la lista di attesa è lunga...

Spremete le meningi ragazzi , il lavoro oggi bisogna inventarselo!:)
Il PIL eì "drogato" dagli ordini dello Stato, quello che spende e spande e che tutti si lamentano, ma che tiene in piedi il "sistema" industriale.
Le immatricolazioni delle auto sono calate del 20%, quindi? Il PIL come e' aumentato? Scavando fosse e poi riempiendole?
Dobbiamo aspettare che il PIL cali? E' gia' calato del 10%, ma il sistema si difende (raccontando "palle" per tenere alta la "fiducia"), ma se il sistema decide di disinvestire, in tre mesi il PIL cala del 20% e andiamo tutti per fratte.
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#20
CIAO
allora gli ing cinesi quelli di un certo spessore vengono forgiati in scuole
austrasliane un'altra parte in america una piccolissima parte in europa
la maggior parte di questi rimane in quei luoghi
per evidenti motivi la differenza nella qualita' di vita e di 40 anni
ci sono tre poli
pechino-shanghai-sud di shanghai
qui la crescita e'da paura
il resto rimane isolato da ogni realta'
nel momento che crescera' questa parte le produzioni interne faranno fatica
a soddisfare i consumi locali
i paesi occidentali quelli piu' attenti stanno si producendo in china
ma il loro obbietivo e vendere nel prosimo futuro in zona
se sapremo cogliere questa opportunita' ci sono un paio di miliardi di persone a cui vendere ed offrire mercanzie e servizzi
i parenti del grande fratello TOM sisono impoveriti per le scelte politiche
degli ultimi 2 lustri
grazie