• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Ordine e pulizia nei disegni...

Bruce

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: Pro Engineering-Catia
Regione: Emilia Romagna
#1
Ragazzi, voi quando procedete con le messe in tavola siete ordinati o disordinati ?
Può sembrare una domanda stupida ma a volte mi imbatto in disegni fatti talmente male e disordinati che non riesco a capire come un povero operaio possa riuscire a realizzare il pezzo finale...o è un miracolo o è davvero un genio ! :D
Io sarò magari anche troppo preciso, però utilizzo i vari strumenti che ho a disposizione, se ci sono perchè non usarli mi chiedo ? Ad esempio, nella messa in tavola con Pro Eng utilizzo le snap lines, in questo modo ho tutte le quote alla stessa distanza...non mi costa nulla e sicuramente abbasso la percentuale di errore da parte dell'officina per realizzare il pezzo. Invece quando ho a che fare con disegni di certi colleghi beh...mi viene solo un gran nervoso...addirittura quote che si intersecano tra di loro, simboli di rugosità sparsi nell'etere ovvero che non sono su nessuna quota...manco un ubriaco lavorerebbe così !!! :mad:
Questi sono solo esempi...a volte mi arrivano telefonate da parte di artigiani su disegni non miei in cui mi fanno notare che se il disegno fosse stato un pò più chiaro magari non si sarebbero sbagliati...come dargli torto ? Hanno tutta la mia solidarietà ! :(
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#2
Ragazzi, voi quando procedete con le messe in tavola siete ordinati o disordinati ?
esempi...a volte mi arrivano telefonate da parte di artigiani su disegni non miei in cui mi fanno notare che se il disegno fosse stato un pò più chiaro magari non si sarebbero sbagliati...come dargli torto ? Hanno tutta la mia solidarietà ! :(
ciao bruce
mi inviti a nozze
io provengo dalla matita
per fare i modelli x fond devi/dovevo tracciare 1/1 piu ritiro su compensati di
pioppo
se fai piccole cose no prob
ma se devi fare tracciati da 3-4-5-6-7 m!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
purtroppo oggi
anzi no
ringrazio l'inventore del cad
si fa tutto al cad
e ordine o non ordine nella quotatura
l'artigiano che ti chiama perche il disegno cartaceo non e' chiaro
ho ti dice na fesseria nel senso che non ha capito il prob per non errare
o e' fuori mercato perche non si e' aggiornato
e improponibile oggi un officina mecc di prec. che non usi un minimo di cad
infatti alla fine di ogni disegno (una volta si scriveva NELL'InCERETEZZA CHIEDETE)
oggi si scrive
per le quote mancanti o in dubbio
si fa riferimento al disegno cad
oppure quando si invia sia la messa in tavola che il tre d
si dice che per le quote mancanti si fa riferimento al matematica inviata
ma oggi esistono altri tipi di prob
come ad esempio
se indichi una filettatura sul cartaceo
e poi a vedere che sul matematico e' errato il foro da filettare
ti chiedi sempre se e' errato il foro sul matematico o lla dicitura sulla messa in tavola
in caso di una vertenza tra fornitore e commitente
davanti ad un giudice
secondo voi comanda il modello matematico
o la messa in tavola
come vedi il cad ha eliminato il "disordine"
ma ha aperto altre discussioni

per il disordine delle quote

quello e' un mestire a parte
chi quota un ogetto deve trasmettere all'utente anche come lavorare il pezzo

mettere le quote in un modo o in un altro puo essere interpretato in modo diverso da chi esegue una tornitura o una fresatura
per non parlare delle tolleranze
c'e' sempre gente che chiede
se vedo +0.03 a 0.07 quale quota devo rispettare:D
il discorso e' abbastanza lungo
aspetto di essere contraddetto
salutissimi
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#3
ciao bruce
mi inviti a nozze
io provengo dalla matita
Pure io, fratello. China, matita e misto (righe a matita, raggi e scritte a china e quando facevi la colpia eliografica non si doveva capire la differenza)

Per quanto segue, devo però dire che per una volta sono in parziale disaccordo con te.
ringrazio l'inventore del cad
si fa tutto al cad
e ordine o non ordine nella quotatura
l'artigiano che ti chiama perche il disegno cartaceo non e' chiaro
ho ti dice na fesseria nel senso che non ha capito il prob per non errare
o e' fuori mercato perche non si e' aggiornato
e improponibile oggi un officina mecc di prec. che non usi un minimo di cad
infatti alla fine di ogni disegno (una volta si scriveva NELL'InCERETEZZA CHIEDETE)
Guarda che ti potrei far vedere delle messe in tavola fatte con sistemi cad di livello galattico (tipo ProE, Catia, NX et similia), ma che sembravano uscite non da un uff. tecnico, ma dalla bottega di un pizzicagnolo.
oggi si scrive
per le quote mancanti o in dubbio
si fa riferimento al disegno cad
oppure quando si invia sia la messa in tavola che il tre d
si dice che per le quote mancanti si fa riferimento al matematica inviata
ma oggi esistono altri tipi di prob
come ad esempio
se indichi una filettatura sul cartaceo
e poi a vedere che sul matematico e' errato il foro da filettare
ti chiedi sempre se e' errato il foro sul matematico o lla dicitura sulla messa in tavola
in caso di una vertenza tra fornitore e commitente
davanti ad un giudice
secondo voi comanda il modello matematico
o la messa in tavola
A parte che si dovrebbe avere sempre l'abitudine di verificare la documentazione prima di iniziare a far girare le macchine, in questo caso varrebbe lo scritto. Sempre che non si dimostri che era così facile vedere l'errore che chiunque si sarebbe accorto del problema.
come vedi il cad ha eliminato il "disordine"
ma ha aperto altre discussioni
Ripeto, non sono tanto d'accordo sul fatto che il solo uso del cad elimini il disordine.
Verissimo invece che si siano aperte altre discussioni, ad esempio come mai succede che ci siano più errori nei disegni cad rispetto a quelli fatti a mano ?
Forse è perchè se facevi un'errore sul lucido, magari a china, facevi una fatica boia a rimettere a posto il tutto ("sgarzinatura" con lametta, ripasso con gomma, "rilucidatura" con unghia e finalmente riscrittura del tutto. Sempre che non si fosse fatto un bel buco nella carta...).
Adesso invece, 4 click qui, un pulsante là e le quote appaiono da sole.
Peccato che magari sono quelle usate per la modellazione e che all'operaio che deve fare il pezzo interessano poco o nulla.
per non parlare delle tolleranze
c'e' sempre gente che chiede
se vedo +0.03 a 0.07 quale quota devo rispettare:D
il discorso e' abbastanza lungo
aspetto di essere contraddetto
salutissimi
Se è per questo, ho anche provato a trovarmi tra le mani un disegno con quote +- 1mm e sentirmi dire dal controllo "qui devi stare a metà tolleranza. cerca di non andare oltre lo zero, meglio un decimo o 2 in meno, ma non di più, mi raccomando".
Poi dopo ti tocca litigare con gli acquisti, in quanto vedono il disegno e ti dicono "perchè hai fresato quei 2 lati ? ma se con +-1mm bastava il taglio a seghetto !"

Chiudo ricordando quanto diceva il mio prof. di disegno delle serali (un mito, ex capo uff. della Siae Marchetti):
"ricordate che un disegno prima ancora di dover essere letto, deve essere visto"

:)
 

alex_cm

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: SolidWorks 2007
Regione: Romagna
#4
Il disegno tecnico è un linguaggio internazionale. Un minimo di conoscenza e anche un operaio inglese/tedesco/francese/romeno sarà in grado di capirlo anche se il disegno è stato fatto da un italiano.
Certo che "parlare" bene (=saper disegnare) questo linguaggio vuol dire essere "capiti" (=nessun dubbio su ciò che è in tavola) senza "fraintendimenti" (=pezzi sbagliati per comprensione errata).
Bruce ha detto:
Questi sono solo esempi...a volte mi arrivano telefonate da parte di artigiani su disegni non miei in cui mi fanno notare che se il disegno fosse stato un pò più chiaro magari non si sarebbero sbagliati...come dargli torto ? Hanno tutta la mia solidarietà !
Verissimo! Io cerco sempre di realizzare le tavole nel modo più ordinato possibile. Separare magari quote costruttive della geometria del pezzo da quelle delle possibili lavorazioni all'interno (fori, asole, ecc...).
Abbondare di viste e sezioni disposte con criterio laddove le linee dei bordi nascosti possono fare casino.
...e tanti altri accorgimenti...

Poi quoto in toto quello che il - saggio - Shiren ha postato.

e per finire...
shiren ha detto:
per non parlare delle tolleranze
c'e' sempre gente che chiede
se vedo +0.03 a 0.07 quale quota devo rispettare
Oh cristo! Ma veramente qualcuno te lo chiede?!? :D

Saluti,
Alex.
 

DeltaS4

Guest
#5
E ragazzi qua si cade a fagiolo, a me mi viene un nervoso quando la gente fa i disegni ad ACDC, alcuni mi hanno detto che sono pure troppo pignolo, è il disegno è stata tra le mie materie preferite, ho iniziato ad usare autocad R14 all'estate della terza media appena comprato il mio primo pc (completamente autodidatta), e gia da subito ho iniziato con il disegno industriale, mio padre era caporeparto macchine utensili in una fabbrica della zona e la sera mi portava qualche lavoretto, poi 5 anni di itis per affinare la tecnica :D, esame di disegno all'università ed eccomi quà.
Ho visto certi disegni fatti con i piedi per non parlare di schizzi fatti a mano che facevano rabbrividire veri e propri geroglifici.
C'è un mio professore che a mano libera fa dei disegni spettacolari, quello a posto delle mani ha squadrette e compasso, è uno spettacolo credetemi, fa dei cerchi perfetti, per non parlare dei disegni 3d che uomo.
ciao raga
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#6
Pure io, fratello. China, matita e misto (righe a matita, raggi e scritte a china e quando facevi la colpia eliografica non si doveva capire la differenza)

Per quanto segue, devo però dire che per una volta sono in parziale disaccordo con te.

Guarda che ti potrei far vedere delle messe in tavola fatte con sistemi cad di livello galattico (tipo ProE, Catia, NX et similia), ma che sembravano uscite non da un uff. tecnico, ma dalla bottega di un pizzicagnolo.

A parte che si dovrebbe avere sempre l'abitudine di verificare la documentazione prima di iniziare a far girare le macchine, in questo caso varrebbe lo scritto. Sempre che non si dimostri che era così facile vedere l'errore che chiunque si sarebbe accorto del problema.

Ripeto, non sono tanto d'accordo sul fatto che il solo uso del cad elimini il disordine.
Verissimo invece che si siano aperte altre discussioni, ad esempio come mai succede che ci siano più errori nei disegni cad rispetto a quelli fatti a mano ?
Forse è perchè se facevi un'errore sul lucido, magari a china, facevi una fatica boia a rimettere a posto il tutto ("sgarzinatura" con lametta, ripasso con gomma, "rilucidatura" con unghia e finalmente riscrittura del tutto. Sempre che non si fosse fatto un bel buco nella carta...).
Adesso invece, 4 click qui, un pulsante là e le quote appaiono da sole.
Peccato che magari sono quelle usate per la modellazione e che all'operaio che deve fare il pezzo interessano poco o nulla.

Se è per questo, ho anche provato a trovarmi tra le mani un disegno con quote +- 1mm e sentirmi dire dal controllo "qui devi stare a metà tolleranza. cerca di non andare oltre lo zero, meglio un decimo o 2 in meno, ma non di più, mi raccomando".
Poi dopo ti tocca litigare con gli acquisti, in quanto vedono il disegno e ti dicono "perchè hai fresato quei 2 lati ? ma se con +-1mm bastava il taglio a seghetto !"

Chiudo ricordando quanto diceva il mio prof. di disegno delle serali (un mito, ex capo uff. della Siae Marchetti):
"ricordate che un disegno prima ancora di dover essere letto, deve essere visto"

:)
fratellone
buona sera
non mi hai contradetto
hai solo puntualizzato una situazione
che vivo nel quotidiano
oggi il disegno non e' piu in disordine perche i giovani dis.e prog.
non lo quotano affatto
ti posso mostrare file dwg dove in un disegno 1/1 in A0
con na 20 di particolari ci sono 5 quote
allora pensi forse e' solo il complesivo
vediamo se ci sono i dis part.
sorpresa!!!!!!!!!! 2/3 quote
dicitura per le quote mancanti fare riferimento al dis.cad
mi sei testimone
nel vecchio forum
ho sempre ribadito che chi disegna e' sa solo farlo con un 3 d
sa solo usare il joystick magari e' capace di fare forme e superfici una volta impensabili da disegnare(pero' mi sapevo fare le sagome a distanza)
ma le messe in tavola
trasmettere senza ombre di dubbio
all'operatore il concetto o l'idea di quello che deve realizzare
e' un'altra cosa
t'abraccio fratellone
buona nottata
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#7
Il disegno tecnico è un linguaggio internazionale. Un minimo di conoscenza e anche un operaio inglese/tedesco/francese/romeno
Poi quoto in toto quello che il - saggio - Shiren ha postato.
Saluti,
Alex.
ciao alex
se ti dico che quando sono a certe latitudini
dove si usano i bastoncini
e si parla di dis.
non ho bisogno di Lulu'lin
mi credi??????????????
non sono aime' un grande saggio
ma ti garantisco che sono un pratico
salutissimi
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#8
E ragazzi qua si cade a fagiolo, a me mi viene un nervoso quando la gente fa i disegni ad ACDC, alcuni mi hanno detto che sono pure troppo pignolo, è il disegno è stata tra le mie materie preferite, ho iniziato ad usare autocad R14 all'estate della terza media appena comprato il mio primo pc (completamente autodidatta), e gia da subito ho iniziato con il disegno industriale, mio padre era caporeparto macchine utensili in una fabbrica della zona e la sera mi portava qualche lavoretto, poi 5 anni di itis per affinare la tecnica :D, esame di disegno all'università ed eccomi quà.
Ho visto certi disegni fatti con i piedi per non parlare di schizzi fatti a mano che facevano rabbrividire veri e propri geroglifici.
C'è un mio professore che a mano libera fa dei disegni spettacolari, quello a posto delle mani ha squadrette e compasso, è uno spettacolo credetemi, fa dei cerchi perfetti, per non parlare dei disegni 3d che uomo.
ciao raga
ciao delta
quelli degli schizzi e disegni fatti a mano
e' una vera e propria arte
hai mai visto esplosi degli anni 60
un capolavoro di un artista
assiemi da 100-200 componenti fatti e assiemati con una pulizzia e un ordine
che oggi ancora con i cad piu' evoluti fai fatica a metterli in tavola
ho disegni esplosi di macchine utensili per il servizio ricambi
dove si vedono tutti i pezzi uno dietro l'altro in assonemetria cavalieri
(mi sembra che questa assonometria sia scomparsa) ?????????????????
altri tempi guaglio'
si lavorava anche per i soldi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
salutissimi
buonba serata
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#9
"ricordate che un disegno prima ancora di dover essere letto, deve essere visto"

:)
Concordo in pieno. Io abbondo anche nelle "note" che dopo diventano in pratica ragionamenti sulla costruzione del pezzo .

Mentre facciamo un disegno infatti facciamo anche un sacco di congetture ( procedure di assemblaggio , sistemi per la saldatura , trucchi per eseguire la verniciatura in modi particolari ecc )
che se non trasferiamo almeno in parte sulla carta diventano ragionamenti che chi dovrà interpretare il lavoro dovrà rifare , logicamente "interpretando" cioè mettendoci "del suo" che a volte è diverso da come pensavamo noi...

Il disegno tecnico è un linguaggio internazionale. Un minimo di conoscenza e anche un operaio inglese/tedesco/francese/romeno sarà in grado di capirlo anche se il disegno è stato fatto da un italiano.
E' vero ma poi in pratica trovi parecchia ignoranza in officina , e sarà sempre peggio , e allora preferisco tante viste in assonometria , anche colorate , e delle note che "ricordino" ( :D ) il significato di certa simbologia..

Penso che il disegno deve essere anche "bello" oltre che "giusto"

e più facile da leggere è , meno ti fischieranno le orecchie... :)
 

Bruce

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: Pro Engineering-Catia
Regione: Emilia Romagna
#10
Eheheh...vedo che ci sono parecchi "pignoli" oltre a me e la cosa mi fa solo piacere ! ;)
Riguardo al fatto che il sistema cad migliori in toto la pulizia dei disegni non sono affatto d'accordo, secondo il mio modesto parere dipende sempre da chi c'è dietro al monitor a tracciare le righe, se c'è una persona che ama il proprio lavoro lo si vedrà di certo anche sulla carta stampata, se c'è un menefreghista beh...il risultato sarà un vero campo di battaglia, ovviamente.
Prima di utilizzare Pro Eng ho utilizzato Autocad (con vari applicativi meccanici) e Catia, anche questi sono sistemi cad seppure 2D e la logica vorrebbe che i disegni dovrebbero essere perlomeno fatti in scala...ebbene nell'ufficio dove ero prima c'era un tizio che per "fare prima" (come diceva lui, mah !) i disegni li lasciava fuori scala sottolineando la quota come da convenzione. :eek:
Ma dico io...queste sono cose che potrebbero essere fatte per disegni a carta o a china, anche io ho lavorato agli inizi al tecnigrafo e spesso per questioni di fretta si procedeva al "fuori scala" ma al cad NOOOOOOOOOOOOO !!!! :(
E poi...dove sarebbe il guadagno di tempo di lasciare un disegno fuori scala ??? Se guadagni un nanosecondo a lasciarlo così hai in compenso una grande probabilità di fare degli errori, questo è sicuro.
La quotatura dei disegni è importante, è vero che un disegno va quotato ragionando su come viene fatto alle macchine utensili (ad esempio utilizzando una quotatura in serie o in parallelo o a coordinate) ma è altrettanto vero che se la quotatura è esatta da un punto di vista costruttivo però è disordinatissima possiamo creare problemi alla persona che dovrà realizzare il pezzo. Io cerco sempre di mettermi dalla parte di chi deve realizzare o anche montare un mio pezzo o gruppo, sono certo che se arriva un disegno pulito è facile non fare errori e se proprio verranno fatti beh...almeno non potranno essere imputati all'ufficio tecnico !
Che ci volete fare...sono un inguaribile pignolo ma sono anche felice di esserlo ! :D
Notte notte, ora si va a nanna !!!
 

alex_cm

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: SolidWorks 2007
Regione: Romagna
#11
E' vero ma poi in pratica trovi parecchia ignoranza in officina , e sarà sempre peggio , e allora preferisco tante viste in assonometria , anche colorate , e delle note che "ricordino" ( :D ) il significato di certa simbologia..

Penso che il disegno deve essere anche "bello" oltre che "giusto"

e più facile da leggere è , meno ti fischieranno le orecchie... :)
Appunto! Fare un disegno pulito e ordinato, con TUTTO e anche di più (quindi non limitarsi a semplici simbologie criptiche) riduce le possibilità di scagliare il pezzo....o di incompresioni fra la tavole e la geometria solida...
 

matte79

Utente Standard
Professione: Mobilizzazione Mouse
Software: ProE-Catia V5-Think design
Regione: Emilia Romagna
#12
diciamoci la verità oggi la maggior parte di chi "fa le tavole" non "fa le parti" (parlo del 3d) e di norma chi fa le prima non ha idea di come costruire il pezzo e chi pensa le seconde men che meno!
Penso (anzi sono certo) di essere uno degli ultimi fortunati ad aver cominciato a disegnare a china (gli anni dopo il mio solo autocad) e quella si che era scuola di disegno!
Il mio docente controllava anche le distanze delle interlinee...il mio docente di macchine 1 bocciò qualcosa come 10 studenti per un disegno non corretto (disordinato) fatto col gesso sulla lavagna...fu un incubo (da allora guardo con un po' di timore le turbine)...
 

Whooring

Utente Standard
Professione: Ingegnere ..... forse
Software: SW2009 - Autocad 2007 - BM impianti - Straus7
Regione: Veneto
#13
Il problema è la scuola che ormai è in picchiata verso il baratro.
Ho fatto l'itis ed il mio è stato l'ultimo anno dove abbiamo usato il tornio (3 volte ma è sempre meglio di niente) poi sono andato all'uni e l'esame di disegno è una cavolata, io avevo fatto 5 anni di disegno tecnico (con il tecnigrafo non con autocad) e quindi nessun preblema ma vedevo le opere d'arte dei liceali...........
Poi ti insegnago cose assurde di teoria che nessuno usa mai dopo l'esame e si dimenticano di spiegarti come si realizzano fisicamente le cose. (allesame di costruzione di macchine c'era gente che metteva cuscinetti dentro due spallamenti e ti diceva che tanto il cuscinetto, essendo a rulli, si smontava!!!)
 

DeltaS4

Guest
#14
(allesame di costruzione di macchine c'era gente che metteva cuscinetti dentro due spallamenti e ti diceva che tanto il cuscinetto, essendo a rulli, si smontava!!!)
Alla forca li metterei, c'è gentaglia del genere anche nella mia università :mad:

Ho fatto l'itis ed il mio è stato l'ultimo anno dove abbiamo usato il tornio (3 volte ma è sempre meglio di niente)
Io fortunatamente le ho usate abbondantemente per tutti e 3 gli anni e non solo il tornio, in quinto utilizzavamo un centro di lavoro CNC, mi ritengo fortunato per questo, poi con 1 estate passata in un ufficio di progettazzione e 2 in officina devo dire che ho imparato molte cose, sinceramente delle mie superiori mi ritengo soddisfatto (ero un secchione a detta di alcuni :D, ma era semplice piacere nelle cose che facevo), ma
per l'università l'esame di disegno è una pagliacciata per non parlare quello di tecnologia meccanica, ho seguito solo 3 lezioni mi veniva un nervoso, ma si possa fare un'itero corso sulla fonderia e poi due stronzate sul taglio dei metalli :mad:, li manderei al rogo quei disgraziati.

Cmq è vero o con o senza cad se non hai la mentalità adatta non sarai mai capace di fare un disegno come si deve, pulito e completo, e a far capire a chiunque cosa hai rappresentato.

Ciao ragazzi
 

Bruce

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: Pro Engineering-Catia
Regione: Emilia Romagna
#15
Una delle cose che a me da più fastidio è imbattermi ogni tanto in qualche messa in tavola fatta da me magari qualche tempo fa e vederla completamente massacrata ! :mad:
Mi spiego meglio, lavorando in un'azienda con tante persone è normale che con il tempo vengano revisionati i disegni, metti per qualche miglioria o per necessità, la cosa però che mi scoccia è quando mi chiama al telefono un fornitore e mi fa presente che dal disegno non si capisce una mazza !
Guardando lo spazio riservato alle revisioni/modifiche mi accorgo poi che sono state appunto cambiate queste messe in tavola da altri colleghi, peccato però che alla voce disegnatore ci sia il mio nome e alla fine della favola passo da "casinaro and disordinato" io cosa invece del tutto non vera.
Capita anche a voi questa cosa ? :(
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#16
Una delle cose che a me da più fastidio è imbattermi ogni tanto in qualche messa in tavola fatta da me magari qualche tempo fa e vederla completamente massacrata ! :mad:
Mi spiego meglio, lavorando in un'azienda con tante persone è normale che con il tempo vengano revisionati i disegni, metti per qualche miglioria o per necessità, la cosa però che mi scoccia è quando mi chiama al telefono un fornitore e mi fa presente che dal disegno non si capisce una mazza !
Guardando lo spazio riservato alle revisioni/modifiche mi accorgo poi che sono state appunto cambiate queste messe in tavola da altri colleghi, peccato però che alla voce disegnatore ci sia il mio nome e alla fine della favola passo da "casinaro and disordinato" io cosa invece del tutto non vera.
Capita anche a voi questa cosa ? :(
ciao bruce
non mi capita
perche per rilevare un disegno dal server
percorso (esempio) clienti/uff.tec/produzione/off.mecc/albero a gomito/dis.02584-1258-01
devi inserire un codice che ti viene rilasciato dall'addetto sicurezza informatica
alla fine se ci sono mod.devi mettere il nome operatore
grazie
salutissimi
 

Bruce

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: Pro Engineering-Catia
Regione: Emilia Romagna
#17
Ciao Shiren e grazie della risposta.
In effetti dallo spazio delle revisioni si vedrebbe anche chi ha effettuato questi cambiamenti durante il tempo, si vede sia il nome che la data solo che un fornitore non si sofferma mai a guardare questo piccolo spazio dedicato alle revisioni ma guarda direttamente al nome del disegnatore...a volte un pezzo pensato qualche tempo prima in un certo modo me lo ritrovo completamente cambiato, questo sarebbe anche niente, è giusto perfezionare le cose...la cosa che mi da fastidio è trovare un disegno fatto alla CDC dopo che io l'avevo fatto in un certo modo, tutto qua ! :)
 

matte79

Utente Standard
Professione: Mobilizzazione Mouse
Software: ProE-Catia V5-Think design
Regione: Emilia Romagna
#18
Il problema è la scuola che ormai è in picchiata verso il baratro.
Ho fatto l'itis ed il mio è stato l'ultimo anno dove abbiamo usato il tornio (3 volte ma è sempre meglio di niente) poi sono andato all'uni e l'esame di disegno è una cavolata, io avevo fatto 5 anni di disegno tecnico (con il tecnigrafo non con autocad) e quindi nessun preblema ma vedevo le opere d'arte dei liceali...........
Poi ti insegnago cose assurde di teoria che nessuno usa mai dopo l'esame e si dimenticano di spiegarti come si realizzano fisicamente le cose. (allesame di costruzione di macchine c'era gente che metteva cuscinetti dentro due spallamenti e ti diceva che tanto il cuscinetto, essendo a rulli, si smontava!!!)
Pensa che io dopo 5 anni di disegno tecnico ho dto sette volte l'esame di disegno per aver dato dell'incapace al docente e avergli consigliato una rilettura approfondita delle norme UNI sulla quotatura delle sfere...sosteneva che la dicitura sf15 non esisteva...
 

Davide

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: AutoCAD
Regione: Lombardia
#19
Quando molti di voi disegnavano con la china io stavo giocando a Lego, ma essere ordinati non dipende dal'età. Almeno ci provo.
Prima di utilizzare Pro Eng ho utilizzato Autocad (con vari applicativi meccanici) e Catia, anche questi sono sistemi cad seppure 2D e la logica vorrebbe che i disegni dovrebbero essere perlomeno fatti in scala...ebbene nell'ufficio dove ero prima c'era un tizio che per "fare prima" (come diceva lui, mah !) i disegni li lasciava fuori scala sottolineando la quota come da convenzione. :eek:
Almeno li sottolineava come da convenzione, pensa un disegno con decine di quote di cui alcune sono in scala, altre forzate, ma senza nessuna indicazione.

Secondo me c'è una cosa peggiore di qualcuno che ti modifica un disegno facendo fesserie, ovvero continuarne uno cominciato da un pasticcione e metterci il proprio nome. "Non stare lì a ridisegnarlo, è gia fatto!" Poi magari perdi due ore a controllare le quote e a correggere lo schifo.

Per fare un disegno presentabile ci vuole più "amore" che "esperienza".
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#20
ciao bruce
non mi capita
perche per rilevare un disegno dal server
percorso (esempio) clienti/uff.tec/produzione/off.mecc/albero a gomito/dis.02584-1258-01
devi inserire un codice che ti viene rilasciato dall'addetto sicurezza informatica
alla fine se ci sono mod.devi mettere il nome operatore
grazie
salutissimi
Anche nel mi caso è così , nelle aziende con un minimo di organizzazione la cronologia del disegno è rispettata perchè non è possibile fare altrimenti!

Comunque non mi è mai capitato che qualcuno modificasse un mio disegno senza prima avvisarmi e spiegarmi il perchè. :confused:

è una questione innanzitutto di rispetto per il lavoro altrui e mi sarei incaxxato parecchio se fosse successo. :cool:

Probabilmente Bruce ha avuto la sfortuna di imbattersi in un saccente maleducato , se invece sono più di qualcuno allora il caso sarebbe da approfondire.. :)