• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

NX8.5 - Official Topic

matfio

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Ugs v15 all' attuale Nx11
Regione: Veneto
#22
avevo sentito dire che avevano inserito il moldflow (easy fill) dalla versione 8.5 e dal bundle mach3 ma a me non funziona
 

matfio

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Ugs v15 all' attuale Nx11
Regione: Veneto
#24

io devo passare per :
-analysis
-molded part validation
-easy fill
e poi trovo Run Flow Analysis (come nel video postato da te)

a meno che non inserisca l' icona veloce come nel video

la mia domanda è : ci vuole una licenza a parte o come ho sentito dire funziona anche per chi ha il mach 3? l' errore che mi da è "No Flow Analysis application is found"
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#25
io devo passare per :
-analysis
-molded part validation
-easy fill
e poi trovo Run Flow Analysis (come nel video postato da te)

a meno che non inserisca l' icona veloce come nel video

la mia domanda è : ci vuole una licenza a parte o come ho sentito dire funziona anche per chi ha il mach 3? l' errore che mi da è "No Flow Analysis application is found"
Il problema va segnalato al GTAC.
Comunque, occorre scaricare dall'area ftp di Siemens PLM Moldwizard.zip e scompattarlo nella relativa cartella.
La licenza necessaria è quella di MoldWizard.
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#26
io devo passare per :
-analysis
-molded part validation
-easy fill
e poi trovo Run Flow Analysis (come nel video postato da te)

a meno che non inserisca l' icona veloce come nel video

la mia domanda è : ci vuole una licenza a parte o come ho sentito dire funziona anche per chi ha il mach 3? l' errore che mi da è "No Flow Analysis application is found"
SYMPTOM/PROBLEM
---------------
Accessing Analysis --> Molded Part Validation --> Easy Fill got error:

No Flow Analysis Application is found

SOLUTION/WORKAROUND
-------------------
You need to go to http://ftp.ugs.com/
Product Updates --> NX/Unigraphics --> moldwizard folder --> NX85 --> download
easyfillnx8.5_data.zip and follow instructions from easyfillnx8.5_data.txt to
install it.
If you are using Mold wizard , you don't need to install this since it is
included in the data zip file.

Ti suggerisco anche di segnalare il fatto che se hai una versione di VC 2010 (Microsoft Visual C++ 2010 Redistributable Package) più aggiornata, lui continua a proporti di installarla ma chiaramente non ci riesce perché Microsoft non permette un downgrade e quindi non ti funziona.
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#27
Scusate la domanda forse sono fuori thread però per evitare di iniziare un'altra discussione e visto che si parla di MoldFlow posto qui la mia.

MoldFlow è affidabile come risultati?

cioè:
se mi dice che la plastica ha un ritorno una torsione un rigonfiamento i dat che sputa fuori sono affidabili se e si qual'è la sua toll. di errore?
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#28
Scusate la domanda forse sono fuori thread però per evitare di iniziare un'altra discussione e visto che si parla di MoldFlow posto qui la mia.

MoldFlow è affidabile come risultati?

cioè:
se mi dice che la plastica ha un ritorno una torsione un rigonfiamento i dat che sputa fuori sono affidabili se e si qual'è la sua toll. di errore?
Non è MoldFlow dell'Autodesk, ma della Moldex.
I dati sono affidabili se i dati inseriti sono corretti (materiale e dati di stampaggio).
Essendo un'analisi agli elementi finiti, come avviene con il FEM, tutto dipende dalle informazioni inserite.
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#29
Grazie per la risposte:

se i dati dicono che lo stampato ad esempio gonfia in una zona e che spostando anche i punti di inject non si risolve il problema capita che si disgna lo stampo compensando la gonfiatura in maniera opposta?
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#30
Grazie per la risposte:

se i dati dicono che lo stampato ad esempio gonfia in una zona e che spostando anche i punti di inject non si risolve il problema capita che si disgna lo stampo compensando la gonfiatura in maniera opposta?
La plastica non si gonfia, al massimo si ritira.
Se si è gonfiata, vuol dire che qualcuno o qualcosa ha iniettato un gas all'interno dello stampo.
La plastica si inietta allo stato liquido e ritorna allo stato solido, per questo che dico si ritira.
Non vorrei che chiedessi lumi su tuoi problemi che non hai specificato.
Non posso darti una risposta con così pochi dati.
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#31
si gonfia nel senso che ritirandosi si "ingobbisce" nella zona centrale
in ogni caso quando si ritira il ritiro è sempre costante?
quindi basta dae un movimento scalato?
 

beppino

Utente Standard
Professione: ... faccio cose ... troppe per farle bene ...
Software: NX12
Regione: Piemonte, nèè...
#32
si gonfia nel senso che ritirandosi si "ingobbisce" nella zona centrale
in ogni caso quando si ritira il ritiro è sempre costante?
quindi basta dae un movimento scalato?
No, non ritira sempre in modo costante.
Il ritiro è influenzato da moltissime cose:
- Spessori non costanti prodotto.
- Circuiti di raffreddamento stampo.
- Punto-i di iniezione scelti.

Da una parte, dare in (semplice) movimento scalato, non sempre è sufficiente.
Dall'altra, anche fidarsi ciecamente di una simulazione moldflow (anche con dati correttamente inseriti) per "viziare" lo stampo, non sempre è corretto, in quanto le eventuali anomalie di ritiro, non sempre vengono simulate correttamente.

La cosa migliore è sempre rendere gli spessori (il più possibile) costanti, e i raffreddamenti (il più possibile) omogenei.
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#33
No, non ritira sempre in modo costante.
Il ritiro è influenzato da moltissime cose:
- Spessori non costanti prodotto.
- Circuiti di raffreddamento stampo.
- Punto-i di iniezione scelti.

Da una parte, dare in (semplice) movimento scalato, non sempre è sufficiente.
Dall'altra, anche fidarsi ciecamente di una simulazione moldflow (anche con dati correttamente inseriti) per "viziare" lo stampo, non sempre è corretto, in quanto le eventuali anomalie di ritiro, non sempre vengono simulate correttamente.

La cosa migliore è sempre rendere gli spessori (il più possibile) costanti, e i raffreddamenti (il più possibile) omogenei.
Grazie beppino,
avevo bisogno di questa informazione, perchè in Automotive il calcolo fem oscilla 0.3 a 0.5 di errore però su uno stampo di grosse dimensioni.

In questo caso i valori non vengono presi in considerazione ma serve solo a vedere circa come si comporta lo stampato e quindi si corregge maanualmente senza stare a compensare secondoo i valri del simulatore , corretto?
 

IPdesign

MOD UG-NX & RP
Staff Forum
Professione: non lo so più nemmeno io
Software: NX4-NX6-NX8
Regione: Lombardia
#34
si gonfia nel senso che ritirandosi si "ingobbisce" nella zona centrale
in ogni caso quando si ritira il ritiro è sempre costante?
quindi basta dae un movimento scalato?
In gergo Tecnico la deformazione si chiama risucchio .

Nello stampaggio termoplastico oltre a questa ci sono anche deformazioni plastiche appunto che risentono della geometria e difficilmente possono essere previste.
in alcuni casi bisogna intervenire a posteriori con delle "viziature" ma per ottenere risultati soddisfacenti il ciclo di stampaggio deve essere estremamente controllato e costante.
A volte anche un diverso lotto di materiale può creare differenze tra stampate; sto parlando di pezzi però con tolleranze dimensionali estremamente contenute nell'ordine di qualche centesimo di millimetro
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#35
Si si chiarissimo ogni campo ha i sui caxxi , ad esempio nella lamiera cambia il risultato anche a secoda della "pettinatura della lamiera" quindi se un foglio di lamiera lo giri dallìaltra parte puo venire fuori un risultato diverso.

Per calcolare il ritorno elasico esistono dei simulatori che ti dicono in mm quali deformazioni subisce la lamiera e chi fa stampi usa questi dati per compensare il ritorno.
Quello che ho capito e che nella plastica questo non accade nonostante i problemi siano simili, ma prendono i dati solo per avere un idea di come la plastica si comporta, giusto?
 

IPdesign

MOD UG-NX & RP
Staff Forum
Professione: non lo so più nemmeno io
Software: NX4-NX6-NX8
Regione: Lombardia
#36
Esatto, come dico io i risultati della simulazione Moldflow vanno presi con il beneficio di inventario :-D .
Nel senso che grossolanamente ti aiutano ma nel dettaglio non sai mai cosa ti capita
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#37
Senza analisi, brancoleresti nel buio, con un'analisi fatta bene, hai dei risultati che ti eviterebbero degli errori grossolani e anche medio bassi.
Esperienza personale.
 

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#38
Chiarissimo ragazzi

avendo io un programma che mi consente di prendere dati FEM e da questi tirare fuori un modello in superfici con valori opposti, volevo sapere se era il caso di presentare questa soluzione agli stampisti della plastica, ma (come sospettavo) i simulatori per la plastica non sono pronti per questo.
 

biricio

Utente Junior
Professione: Ingegnere del prodotto
Software: CAD/CAE vari, Ansys, Moldflow Insight
Regione: Veneto/Emilia
#39
Chiarissimo ragazzi

avendo io un programma che mi consente di prendere dati FEM e da questi tirare fuori un modello in superfici con valori opposti, volevo sapere se era il caso di presentare questa soluzione agli stampisti della plastica, ma (come sospettavo) i simulatori per la plastica non sono pronti per questo.
Ciao flaviobrio88, premetto che non conosco NX ma solo Moldflow perchè lo utilizzo tutti i giorni per simulazioni di riempimento/raffreddamento e deformazioni. Purtroppo gli stampisti sono una categoria un pò 'particolare' e questi strumenti di analisi non sono visti (spesso) bene.
L'analisi Moldflow, per essere fatta bene, andrebbe eseguita nella fase iniziale di progettazione del pezzo. La tendenza italiana però è quella di farla alla fine, a stampo ultimato e con i pezzi in mano.
Negli anni ho potuto raffrontare i risultati di moldflow con i modelli reali (gia stampati). Il dato che restituisce Moldflow deve essere interpretato e filtrato dall'analista altrimenti si rischia di sbagliare.
Come vedi la storia non è semplice non si tratta di schiacciare 2 tasti ed aspettare:smile:

Cambiando argomento, ho visto che NX ha introdotto Moldex. Ho dei clienti che hanno Moldex e mi richiedono delle analisi in Moldflow perchè il SW non è in grado di restituire un determinato risultato. Moldex è molto limitato rispetto a Moldflow. Può andare bene per una lettura veloce del riempimento o per vedere errori macroscopici.

ciao:finger:
 

Utente NX

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: NX8 TC9
Regione: Piemonte
#40
Ciao flaviobrio88, premetto che non conosco NX ma solo Moldflow perchè lo utilizzo tutti i giorni per simulazioni di riempimento/raffreddamento e deformazioni. Purtroppo gli stampisti sono una categoria un pò 'particolare' e questi strumenti di analisi non sono visti (spesso) bene.
L'analisi Moldflow, per essere fatta bene, andrebbe eseguita nella fase iniziale di progettazione del pezzo. La tendenza italiana però è quella di farla alla fine, a stampo ultimato e con i pezzi in mano.
Negli anni ho potuto raffrontare i risultati di moldflow con i modelli reali (gia stampati). Il dato che restituisce Moldflow deve essere interpretato e filtrato dall'analista altrimenti si rischia di sbagliare.
Come vedi la storia non è semplice non si tratta di schiacciare 2 tasti ed aspettare:smile:

Cambiando argomento, ho visto che NX ha introdotto Moldex. Ho dei clienti che hanno Moldex e mi richiedono delle analisi in Moldflow perchè il SW non è in grado di restituire un determinato risultato. Moldex è molto limitato rispetto a Moldflow. Può andare bene per una lettura veloce del riempimento o per vedere errori macroscopici.

ciao:finger:
E' vero quello che dici a proposito delle differenze tra MoldFlow e Moldex, ma è anche vero che MoldFlow costa dai 10000 ai 20000 Euro, mentre Moldex3D base, quasi te lo regalano a confronto, devi solo integrarlo tu nel tuo CAD.
Quindi, piuttosto di niente è meglio piuttosto.