• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

No detrazione 55% alle imprese costruttrici

gfrank

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Vari
Regione: Lombardia
#1
Gli interventi riqualificazione energetica realizzati da una impresa di costruzione sugli “immobili merce” non possono beneficiare della detrazione IRPEF del 55%. Lo afferma l’Agenzia delle entrate nella Risoluzione n. 303/E del 15 luglio 2008
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#2
Ebbe', per forza ! Ci mancherebbe...
Il beneficio e' un credito d'imposta concesso all'utilizzatore dell'immobile e non a chi lo ristruttura per venderlo (immobile-merce).

Altrimenti, estremizzando questa ratio, qualsiasi azienda che produca sistemi energetici ricadenti nel credito d'imposta del 55% dovrebbe poterne usufruire, indipendentemente dall'essere o meno la fruitrice finale di tali sistemi energetici.

Tra le altre cose, e qui casca l'asino, il beneficio e' rateizzabile su piu' esercizi fiscali, mi pare fino a 5 anni, ma a condizione che in tal periodo si sia sempre proprietari dell'immobile oggetto del beneficio. Altrimenti il residuo di credito non utilizzato decade.
Questo fa si' che, anche se non troppo esplicitamente, la norma sia rivolta esclusivamente a coloro che gli immobili li usano come abitazione o bene strumentale, ma non a coloro che li destinano alla rivendita, assumendo il principio, trattandosi di ristrutturazioni, che l'impresa intraprenda un qualsiasi lavoro solo nel momento in cui essa abbia una ragionevole certezza di poter vendere l'immobile una volta portati a termine la ristrutturazione. Ecco anche perche' in questi casi si usa la definizione di immobile-merce.

La stessa AdE precisa che l'agevolazione del 55% ha modalita' applicative diverse da quella per il 36% sulle ristrutturazioni. Anche se gia' quest'ultima prevedeva che i benefici fiscali fossero esclusivamente a carico dell'acquirente dell'immobile, che in pratica insieme ai muri "comprava" anche il credito d'imposta.

In conclusione, questi dell'impresa "ci hanno provato".

P.S.: allo scopo di evitare confusioni, forse sarebbe meglio cambiare il titolo della discussione, aggiungendo alla fine la parola "costruttrici"
 
Ultima modifica: