• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Modellatore superfici Euklid

Ozzy

Guest
Ho modificato il primo modello in modo da ottenere una parete sformata di 4° passante tangente al raccordo originale come da richiesta.
Il fatto che ho sfruttato il modello già esistente dipende solo dal fatto che parte del lavoro era già fatto e visto che SWx è parametrico.........

Praticamente ho cancellato lo sformo che avevo inserito, poi sono andato in regressione per crearmi una copia dei raccordi. Quindi mi sono riposizionato nel punto in cui i raccordi erano cancellati, ho esteso le copie dei raggi e ho trovato la silouette a 4°. Quindi dai bordi ottenuti ho estruso delle superfici sformate di 4° e di conseguenza tangenti che ho poi sostituito alle vecchie pareti sformate di 7°.
Dopo di che ho corretto gli errori che si sono creati nelle funzioni di raccordo.

Questo è il video: View attachment 7136




:4425:

bravo moldkiller perfetto, hai dovuto spremere il cervello..... il tuo impegno mi dà soddisfazione complementi
ma ragazzi siamo sinceri tutti hanno dovuto fare la modificazione
manualmente un'a una, nessuno l'ha fatto solo con soliti in quello senso
questa gara per me a vinto EUKLID ed OMNICAD
saluti
Mi pare ovvio che programmi cone EUKLID ed OMNICAD siano più portati a questo genere di lavori, proprio perchè sono modellatori superficiali.
Cad come Solidworks,proe,nx,anche lo stesso catia sono meno portati a questo genere di lavori.
 

oTToLeoP

Guest
]
Mi pare ovvio che programmi cone EUKLID ed OMNICAD siano più portati a questo genere di lavori, proprio perchè sono modellatori superficiali.
Cad come Solidworks,proe,nx,anche lo stesso catia sono meno portati a questo genere di lavori.
... pane al pane vino al vino :finger:
 

mali_fx

Utente Standard
Professione: Pregettista\Disegnatore stampi termoplastici.
Software: worcnc,worcnc/cad,creo2, e altri.
Regione: lombardia
Mi pare ovvio che programmi cone EUKLID ed OMNICAD siano più portati a questo genere di lavori, proprio perchè sono modellatori superficiali.
Cad come Solidworks,proe,nx,anche lo stesso catia sono meno portati a questo genere di lavori.
quoto perfettamente.
ma io essendo giovane e ignorante mi domando...
''come mai, sofware di una certa taglia come pro e ug catia ecc, qundo si tratta di cose stratosferiche vanno forti ma quando invece si tratta di cose ''elementari'' vanno in crisi e bisogna perdere un sacco di tempo per farle e a volte con il rischio di non arrivare in fondo al problema?:confused:
:rolleyes:
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
Ho modificato il primo modello in modo da ottenere una parete sformata di 4° passante tangente al raccordo originale come da richiesta.
Il fatto che ho sfruttato il modello già esistente dipende solo dal fatto che parte del lavoro era già fatto e visto che SWx è parametrico.........

Praticamente ho cancellato lo sformo che avevo inserito, poi sono andato in regressione per crearmi una copia dei raccordi. Quindi mi sono riposizionato nel punto in cui i raccordi erano cancellati, ho esteso le copie dei raggi e ho trovato la silouette a 4°. Quindi dai bordi ottenuti ho estruso delle superfici sformate di 4° e di conseguenza tangenti che ho poi sostituito alle vecchie pareti sformate di 7°.
Dopo di che ho corretto gli errori che si sono creati nelle funzioni di raccordo.

Questo è il video: View attachment 7136




:4425:

bravo moldkiller perfetto, hai dovuto spremere il cervello..... il tuo impegno mi dà soddisfazione complementi
ma ragazzi siamo sinceri tutti hanno dovuto fare la modificazione
manualmente un'a una, nessuno l'ha fatto solo con soliti in quello senso
questa gara per me a vinto EUKLID ed OMNICAD
saluti

Grazie, Grazie :36_9_1:
 

csurf

Utente Standard
Professione: progettazione stampi / modellazioni 3D / consulente Euklid cad-cam
Software: Autocad 2007 / Euklid V10 / Vx
Regione: Lombardia
quoto perfettamente.
ma io essendo giovane e ignorante mi domando...
''come mai, sofware di una certa taglia come pro e ug catia ecc, qundo si tratta di cose stratosferiche vanno forti ma quando invece si tratta di cose ''elementari'' vanno in crisi e bisogna perdere un sacco di tempo per farle e a volte con il rischio di non arrivare in fondo al problema?:confused:
:rolleyes:
La mia teoria è questa: se si inizia un lavoro da zero software come sw pro-e, ecc.. hanno un indubbio vantaggio, mentre quando si lavora su pezzi creati da altri (e nel campo degli stampi è quasi sempre così) i modellatori superficiali emergono perchè per loro natura hanno una modellazione "libera" è possiedono proprietà di manipolazione che permettono di lavorare immediatamente sul pezzo da sistemare.
 

Dreaming#11

Guest
La mia teoria è questa: se si inizia un lavoro da zero software come sw pro-e, ecc.. hanno un indubbio vantaggio, mentre quando si lavora su pezzi creati da altri (e nel campo degli stampi è quasi sempre così) i modellatori superficiali emergono perchè per loro natura hanno una modellazione "libera" è possiedono proprietà di manipolazione che permettono di lavorare immediatamente sul pezzo da sistemare.
Infatti hanno inventato i cad ibridi proprio per supplire alle mancanze degli uni (superficiali) e gli altri (solidi) :finger:
 

Ozzy

Guest
La mia teoria è questa: se si inizia un lavoro da zero software come sw pro-e, ecc.. hanno un indubbio vantaggio, mentre quando si lavora su pezzi creati da altri (e nel campo degli stampi è quasi sempre così) i modellatori superficiali emergono perchè per loro natura hanno una modellazione "libera" è possiedono proprietà di manipolazione che permettono di lavorare immediatamente sul pezzo da sistemare.
Anche io completamente d'accordo con la tua linea di pensiero.
Progettazione e produzione in casa allora i parametrici sono super, mentre progettazione e produzine conto terzi meglio gli ibridi.

Ozzy
 

Dreaming#11

Guest
Ultima modifica:

oTToLeoP

Guest
dipende, potrebbero invece fare bene sia l'uno che l'altro :biggrin:

azz, mi sono autoquotato, ma la risposta è per OttoLEop

comuqneu oramai sotto tutti quanti ibridi

NX, pro/E, SW, SE, Catia, Vellum, Keycreator, IronCad...
.. prendiamo ad esempio Catia ... quello che conosco meglio tra quelli da te citati .. secondo te sulle superfici era megli catiav4 oppure catiav5 .. chiedi a qualcuno che ha sempre usato sia l'uno che l'altro.
 

MoldKiller

Guest
bravo moldkiller perfetto, hai dovuto spremere il cervello..... il tuo impegno mi dà soddisfazione complementi
ma ragazzi siamo sinceri tutti hanno dovuto fare la modificazione
manualmente un'a una, nessuno l'ha fatto solo con soliti in quello senso
questa gara per me a vinto EUKLID ed OMNICAD
saluti
Ti ringrazio ma non è niente di particolarmente complicato, solo che all'inizio non avevo capito cosa dovevo ottenere.

Però attenzione che quello che ho fatto è modellazione solida pura (anche se ho lavorato su di una pelle il principio è identico), le uniche superfici che ho utilizzato erano di costruzione!
E guarda pure il tempo impiegato.
 
Ultima modifica:

MoldKiller

Guest
dipende, potrebbero invece fare bene sia l'uno che l'altro :biggrin:

azz, mi sono autoquotato, ma la risposta è per OttoLEop

comuqneu oramai sotto tutti quanti ibridi

NX, pro/E, SW, SE, Catia, Vellum, Keycreator, IronCad...
Sono d'accordo al 100%.
Oramai bene o male sono tutti ibridi, poi c'è chi ha funzioni per le superfici più o meno potenti ma al 99% se si sa usarle si risolve tutto.

E' ovvio che al momento alcune cose con un modellatore di superfici puro sono immediate, ma io guardo anche a quello che c'è dopo la modellazione.
 
Professione: Lavoro Monotono
Software: "Pala e Picco"
Regione: Piemonte
Nemmeno proe può farlo in un colpo solo, ma si hanno 3 metodi:
Rimozione raggio, sformo e ripresa raggio.
Un altro è sempre con metodo classico dove vado a ricopiarmi le superfici e l'altro lavorando sul file importato e le sue primitive.

Sempre 3-4 feature e tempo breve comunque.

Per think: lavorando con le primitive si hanno informazioni sulle superifici primitive.

Saluti Ozzy

PS: dopo pranzo posto il video
In certi casi potrebbe essere utile usare la Blend tangente a superfici e poi solidificarla togliendo il "guscio" esterno...
Non so se è un modulo aggiunto ma a casa la mia PE può farlo... :biggrin:

Posto alcune immagini...

E lo Step del risultato...

Ciao
P-H
 

Allegati

MoldKiller

Guest
... io parlo di costruzione superficiale fuori figura estrapolazioni di elettrodi costruzioni di modelli di forme complesse ecc. ecc. ...
L'unica cosa che ti posso dire e neanche con molta certezza perché sono cose che mi hanno riferito e siccome sono cose riferite non posso mettere la mano sul fuoco è che nella modellazione di particolari di stile c'è che preferisce ancora la V4. Poi bisogna vedere se si tratta di persone che semplicemente non vogliono cambiare.
Certamente la carrozzeria di un'automobile è molto più leggera da modellare in esplicito e la V4 è nata per quello, mentre la V5 è concepita per il parametrico.
Dicono che la V5 è comunque molto leggera, ma certamente essendo parametrica obbliga a schemi più rigidi e forme con tolleranze molto più precise di un esplicito.
 

Ozzy

Guest
In certi casi potrebbe essere utile usare la Blend tangente a superfici e poi solidificarla togliendo il "guscio" esterno...
Non so se è un modulo aggiunto ma a casa la mia PE può farlo... :biggrin:

Posto alcune immagini...

E lo Step del risultato...

Ciao
P-H
Ci mancherebbe che non lo fa..:smile:
Si quello è un altro ottimo sistema, io ho postato l'esempio classico.
 

MoldKiller

Guest
Mi è venuto in mente un altro metodo, sempre mantenendo i raccordi originali ed estendendoli in tangenza:

Prima trovo la silouette a 5° sul raccordo
sformo 1.JPG
Poi elimino le facce sottostanti
sformo 2.JPG
Poi estendo linearmente in tangenza
sformo 3.JPG

La differenza dal metodo che ho utilizzato per la razza è che l'angolo di sformo non viene determinato da un valore assegnato durante l'estrusione della superficie ma semplicemente le superfici laterali seguono la tangenza di quelle di partenza.