• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Mi presento - imparare disegno meccanico per costruire biciclette

rosadirame

Utente poco attivo
Professione: Biologo evolutivo
Software: Nessuno
Regione: Svezia
#1
Ciao a tutti,

ho passato la domenica leggendo questo forum e penso sia il posto adatto per cominciare a farmi un'idea del mondo del disegno meccanico.

Io non ho alcuna conoscenza in questo ambito, ma ho sempre nutrito una passione per la bicicletta e sto impiegando una discreta quantita' di energie in un progetto che dovrebbe portarmi a costruire biciclette. Sto sviluppando alcune idee, e sono arrivato alla conclusione che mi conviene di piu' (in ermini economici) investire, per il momento, nell'imparare ad utilizzare un software di disegno 3D, piuttosto che mettermi a imparare a saldare a TIG e dotarmi di tutte le infrastrutture di cui necessiterei (e di cui comunque, col tempo, devo dotarmi).

Questo mi porta qui, e vi sarei grato se poteste aiutarmi a farmi un'idea sugli strumenti piu' opportuni per raggiungere il mio scopo. In soldoni, vorrei progettare una bicicletta. Partendo da zero, vorrei arrivare a questo obiettivo in 1-2 anni, dedicando al progetto 2 ore al giorno piu' i fine settimana.

Chiedo a voi tutti i consigli che mi potete dare. Vorrei sapere su quale software mi conviene investire il mio tempo (e tanti soldini), in modo che, nel caso tutto vada per il meglio, non debba poi cambiare perche' non soddisfa piu' le mie esigenze. La mia necessita' e' di poter disegnare telai, poter valutare quali spessori posso utilizzare per il materiale scelto (ad esempio dove si concentrano i carichi), avere un discreto rendering, ed inoltre disegnare altre componenti e poterle assemblare in modo modulare (diversi tipi di ruote su diversi tipi di telaio, guarniture, freni, ecc. ecc.).

Riassumendo, le mie domande sono:

1) Quanto ci vuole per imparare le basi del disegno meccanico, e quale e' una buona fonte (manuale o altro?)
2) Quale software e' piu' indicato alle mie esigenze?
3) Esiste un software che possa essermi utile sia in fase "ideativa", sia nel collegamento tra progettazione e la fase di produzione industriale (che mi faccia da interfaccia?)

Per me e' un mondo nuovo e molto interessante, ma non so veramente da dove cominciare.
Spero di essere stato chiaro, e sono disponibile a tutti i chiarimenti del caso,
grazie in anticipo,
paolo
 
Ultima modifica:

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
Questo mi porta qui, e vi sarei grato se poteste aiutarmi a farmi un'idea sugli strumenti piu' opportuni per raggiungere il mio scopo. In soldoni, vorrei progettare una bicicletta. Partendo da zero, vorrei arrivare a questo obiettivo in 1-2 anni, dedicando al progetto 2 ore al giorno piu' i fine settimana.
Ciao.

Innanzitutto complimenti per lo spitiro di iniziativa!

Relativamente al software, io al tuo posto comincerei con strumenti a basso costo per verificare se poi la tua iniziativa ha uno sbocco realistico. Poi quando deciderai di farne un'attivita' professionale, sicuramente il tuo archivio disegni non sara' enorme e quindi fare la migrazione non sara' un dramma.

Fra gli strumenti abbastanza economici io prenderei in cosiderazione:

1) Solid Edge Desig and drafting (3000 euro), ampiamente scalabile fino ad includere tutte le funzioni arrivando a 7-10.000 euro.

2) Alibre Xpress, gratuito per assiemi fino a 25 componenti, ma poi i file che produci sono apribili e modificabili anche con le versioni a pagamento che non hanno questo limite (le versioni a pagamento in Italia costano dai 1000 ai 2000 euro circa). Nel senso: un futuro che la versione Xpress ti va stretta, vai sul sito, scarichi la licenza "full" e continui come niente fosse senza i limiti della versione free.

3) Cocreate One Space Personal edition. Gratuito e puoi fare assiemi fino a 60 componenti. Non so se poi comprando la versione a pagamento i file prodotti con questa si possono trasferire. La versione a pagamento di CoCreate a listino e' molto cara ma se ti affacci dal rivenditore qausi sempre hanno delle offerte incredibili (tipo: listino 7990 euro ma c'e' l'offerta a 990 se lo prendi entro due settimane, cose del genere).

4) Poi ci sono le varie versioni "student" (per esempio Pro/E a 300 euro) ma poi i file prodotti sono in genere incompatibili con le versioni professionali. Comunque possono essere un'ottima scuola per imparare e rendersi conto, dato che non hanno nessuna differenza con quelli professionali, se non l'incompatibilita' dei file. In quel caso quando passerai alla versione professionale, dovrai convertire i file passando attraverso lo step.



UN CONSIGLIO: Siccome i principianti del 3d poi si fanno prendere la mano, non farti venire in mente di modellare la catena con tutti i suoi pezzettini: riusciresti a mettere al tappeto qualunque workstation. SEMPLIFICA SEMPLIFICA SEMPLIFICA.

Ciao. :biggrin::biggrin::biggrin:

P.S. Come manuale di disegno, io all'ITIS mi trovai molto bene con lo Straneo-Consorti, ma penso esistano altri testi altrettanto validi.
 
Ultima modifica:

mtbnicola

Utente Junior
Professione: Traffichino!
Software: Dipende...
Regione: italia
#3
ciao,sono un appassionato di bici come te...se vuoi partire in 4° puoi affacciarti subito con i cad che ti ha consigliato cacciatorino,altrimenti per farti un'idea di dimensioni ,quote ,materiali puoi sfruttare alcuni cad free appositi per la costruzione di telai per bici uno fra tanti puo' essere questo http://www.bikeforest.com/CAD/index.php
se ti va di far 2 chiacchere e scambiarci idee ,opinioni e quant'altro riguardi il mondo della bici io ne sarei felice!!! ciao
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#4
Ciao a tutti,

ho passato la domenica leggendo questo forum e penso sia il posto adatto per cominciare a farmi un'idea del mondo del disegno meccanico.

Io non ho alcuna conoscenza in questo ambito, ma ho sempre nutrito una passione per la bicicletta e sto impiegando una discreta quantita' di energie in un progetto che dovrebbe portarmi a costruire biciclette. Sto sviluppando alcune idee, e sono arrivato alla conclusione che mi conviene di piu' (in ermini economici) investire, per il momento, nell'imparare ad utilizzare un software di disegno 3D, piuttosto che mettermi a imparare a saldare a TIG e dotarmi di tutte le infrastrutture di cui necessiterei (e di cui comunque, col tempo, devo dotarmi).

Questo mi porta qui, e vi sarei grato se poteste aiutarmi a farmi un'idea sugli strumenti piu' opportuni per raggiungere il mio scopo. In soldoni, vorrei progettare una bicicletta. Partendo da zero, vorrei arrivare a questo obiettivo in 1-2 anni, dedicando al progetto 2 ore al giorno piu' i fine settimana.

Chiedo a voi tutti i consigli che mi potete dare. Vorrei sapere su quale software mi conviene investire il mio tempo (e tanti soldini), in modo che, nel caso tutto vada per il meglio, non debba poi cambiare perche' non soddisfa piu' le mie esigenze. La mia necessita' e' di poter disegnare telai, poter valutare quali spessori posso utilizzare per il materiale scelto (ad esempio dove si concentrano i carichi), avere un discreto rendering, ed inoltre disegnare altre componenti e poterle assemblare in modo modulare (diversi tipi di ruote su diversi tipi di telaio, guarniture, freni, ecc. ecc.).

Riassumendo, le mie domande sono:

1) Quanto ci vuole per imparare le basi del disegno meccanico, e quale e' una buona fonte (manuale o altro?)
2) Quale software e' piu' indicato alle mie esigenze?
3) Esiste un software che possa essermi utile sia in fase "ideativa", sia nel collegamento tra progettazione e la fase di produzione industriale (che mi faccia da interfaccia?)

Per me e' un mondo nuovo e molto interessante, ma non so veramente da dove cominciare.
Spero di essere stato chiaro, e sono disponibile a tutti i chiarimenti del caso,
grazie in anticipo,
paolo
Se vuoi usare un software di buon livello e non devi farne per il momento un uso commerciale .... puoi utilizzare la versione di Pro/E non commerciale.
Costa poche centinaia di euro ed include molti moduli che ti consentono di approcciare molte tematiche progettuali.
Nel momento in cui dovesse per te diventare una professione potrai passare ad una versione commerciale.
I due anni che ti sei dato sembrano un termine ragionevole per imparare il disegno tecnico ed un nuovo strumento di lavoro.
Ovviamente questo è un lavoro nel quale non si finisce mai di imparare e quindi ti accorgerai di quante cose bisognerà apprendere per diventare un vero progettista.
 

rosadirame

Utente poco attivo
Professione: Biologo evolutivo
Software: Nessuno
Regione: Svezia
#5
Grazie mille delle risposte (e dell'incoraggiamento).

Per quanto riguarda il software, ho fatto una piccola inchiesta tra i produttori di biciclette (dagli amatori ai "grandi"), e a quanto pare si dividono in:
20% progetto su carta o esperienza
20% strumenti ausiliari come "bikeCAD", che mi suggeriva mtbnicola
50% SolidWorks
10% altri cad (tra cui pro/E)

Vi chiedo, come mai SolidWorks e' cosi' diffuso in questo ambito? C'e' una ragione effettiva di vantaggio rispetto ai concorrenti (ex. pro/E) oppure e' una questione di marketing o di "inerzia"?

Dai chilometrici post di confronto tra i pacchetti (SW, SE e pro/E), mi sembrano tutti molto validi, e si piazzano entrambi nella fascia "cad 3D seri, ma un gradino sotto CATIA e "UG" che sono per enormi aziende"
Per questo sarei orientato su uno di questi tre (SW, SE e pro/E appunto), ma aspetto illuminazioni.

Se non chiedo troppo, mi sapreste indicare in linea di massima, le differenze tra questi tre (in termini di punti di forza e cose che, magari, solo un software fa, alla luce delle mie necessita'). Nei "post di confronto" alla fine si parla sempre di quanti click del mouse sono necessari per far accettare un comando...

L'acquisto della versione "studenti" mi sembra un'ottima possibilita' per cominciare.
Grazie per il consiglio sullo "Straneo-Consorti". Che voi sappiate, esiste una BIBBIA del disegno, magari anche solo in inglese (vivo all'estero e lo mastico un po', magari mi conviene imparare direttamente in lingua nativa...)

Saluti,
paolo

PS: adesso aspetto che mi arrivi la workstation (dell T5400 con Quadro FX1700) e poi comincio a smanettare!

Domanda aggiuntiva: Posso comprare una licenzsa di seconda mano di un software magari dell'anno scorso? Mi conviene?
 
Ultima modifica:

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#6
PS: adesso aspetto che mi arrivi la workstation (dell T5400 con Quadro FX1700) e poi comincio a smanettare!

Domanda aggiuntiva: Posso comprare una licenzsa di seconda mano di un software magari dell'anno scorso? Mi conviene?
Allora, SE e SW sono estremamente simili. io preferisco SE per la presenza del Revision Manager, ma anche perche' i miei clienti piu' importanti usano quello per cui mi viene a favore.
Se nel tuo ambiente e' piu' diffuso SW forse ti conviene orientarti su quello, cois' almeno dialogherai con piu' facilita'.

Pro/E ha il vantaggio di essere piu' scalabile verso l'alto (nel senso che ha un maggior numero di moduli aggiuntivi a pagamento, per fare praticamente qualunque cosa). E' allo stesso livello di Catia e UG, ma a differenza di questi ha ung radino di accesso piu' basso a livello di rapporto costi/dotazione.
Si dice che sia un po' piu' ostico all'inizio per impararne l'uso, ma non ho esperienze dirette.

Io comunque al tupo posto prima di spendere 8-10.000 euro di software ci penserei un attimo, a meno che per te queste cifre non siano problematiche.

Per quanto riguarda il manuale, come manuale di disegno ovviamente il baldassini, mentre invece come manuale dell'ingegnere vai a vedere nell'archivio del forum, se ne e' parlato molto.

Infine, relativamente ai sw di seconda mano, alcune software-house lo permettono, altre no, bisogna chiedere ai rivenditori e leggersi la licenza.

Ciao.
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#10
no non puoi tu compri la licenza di utilizzo e non il software.

se vuoi sapere qual'è il miglior software da quelli da te citati allora non credo tu riesca a captarlo .. ... devi sapere che se tu metti a confronto 3 software dello stesso prezzo e che bene o male fanno la stessa cosa ... chi mai ti risponderà " ho fatto una cazzata a comprare tizio perchè caio è migliore" ...
ti quoto , io consiglio sempre di provare personalmente vari soft perchè a parità ( più o meno) di prestazioni , la differenza la fa la grafica, la interfaccia , il workflow per eseguire specifiche operazioni , che sono più che altro , secondo me , questione di gusti.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#11
che lo permettano non significa che tu te la puoi rivendere
Quello penso sia lasciato ad un accordo tra le parti.

"Vuoi subentrare nella gestione della licenza del mio cad? Va bene dammi 2000 euro, sempre meglio che comprartelo nuovo per 7000!"

Comunque come dicevo le cose cambiano per ogni software, per esempio mi pare che il mercato delle licenze autodesk esista.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#13
Va bene Caccia quando vedro' un contratto dove dice " hai comprato una licenza di utilizzo (però se la vuoi rivendere ci mettiamo d'accordo)" ci crederò ora come ora ho visto solo contratti con licenze di utilizzo senza nessun'altra clausola.
http://www.cad3d.it/forum1/showthread.php?t=8763

Come vedi si parla apertamente di cessione di licenza, chiaramente a titolo oneroso altrimenti perche' farlo?

Grazie a SE_CP che si e' smazzato le licenze dei cad piu' diffusi!
 

Ragsta

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Catia V4 & V5
Regione: lazio
#14
@ rosadirame

Ciao

Ho letto il tread e dato che sto lavorando su un progetto simile se vuoi ti posso dare qualche consiglio.

Da quello che ho capito e da quanto hai detto la disponibilità economica non ti manca visto che hai ordinato una WS e le licenze te le puoi comprare.
Ora il vero problema della progettazione di una bicicletta non stà nel dimensionare il telaio: infatti basta andare nei siti dei vari costruttori (Cervelo, Pinarello, Fondriest etc etc) e scegliere quale dimensione è più congeniale per le nostre dimensioni corporee.
Se vuoi dimensioni più precise per te servono programmi a pagamento tipo accufit professional o BikeCad Pro (a Pagamento).

Affiancato ad un CAD, io uso Catia V4 e V5, dovresti usare un CAE tipo ANSYS o ABAQUS per vedere se le varie sezioni che hai ipotizzato vanno bene o no.
Se non ti vuoi spingere troppo nel dettaglio fatti un giro sul sito della Columbus Tubi che fa vedere le sezioni dei tubi in acciaio e alluminio.

L'Acciaio è ottimo anche se è il più pesante, presenta un costo contenuto ed è facile da lavorare
L'alluminio è più leggero ma le sezioni le devi dimensionare meglio perchè un telaio troppo rigido ti spezza la schiena.
Il titanio è il più leggero ma è difficile da lavorare e costoso sia il taglio sia la saldatura.
Il magnesio è il futuro almeno per i telai diciamo isotropi perchè è leggero e non eccessivamente rigido, però ha problemi di saldabilità (materiale infiammabile) e corrosione (quindi dovresti anche verniciare)
Il Carbonio....in bocca al Lupo noi siamo in 4 e stiamo lavorando da 3 mesi solo alla definizione iniziale dei layers infatti i fattori da analizzare sono infiniti.

Ora questo è solo l'inizio infatti la bicicletta non è solo una struttura iperstatica con sezioni saldate, ma è una struttura che deve reagire in maniera adeguata alla spinta che tu applichi ai pedali e che ti deve far stare comodo facendo sia 10 sia 100 Km.
Per poi non parlare della realizzazione vera e propria....ma la fai tu o la dai esterna?

1) Quanto ci vuole per imparare le basi del disegno meccanico, e quale e' una buona fonte (manuale o altro?)
2) Quale software e' piu' indicato alle mie esigenze?
3) Esiste un software che possa essermi utile sia in fase "ideativa", sia nel collegamento tra progettazione e la fase di produzione industriale (che mi faccia da interfaccia?)
1) 1 mese per imparare le basi....ma sei proprio a zero?
Considera che per fare il disegno della bicicletta io stò incontrando delle difficoltà (tutte risolvibili) e disegno da circa 4 anni
2) Solidworks secondo me va benissimo per le tue esigenze e devo dire che si impara molto velocemente
3) Solidworks va benissimo...ma che intendi per la produzione industriale?

In ogni caso in Bocca al lupo e tieni duro.

Ciao
 

Ragsta

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Catia V4 & V5
Regione: lazio
#17
E' un ambiente che non conosco il CAElinux, ma lo ho scaricato prorpio ieri sera per fare un test in questa settimana.
Dato che rosadimare deve partire da zero non e' forse meglio un ambiente non troppo professionale?
Cioe' se deve solo disegnare 5 tubi e fare l'analisi Fem allora ogni Cad va bene....ancora meglio la carta....ma se deve anche affiancare un CAM non sarebbe meglio SolidEdge invece che solidWorks?
 

rosadirame

Utente poco attivo
Professione: Biologo evolutivo
Software: Nessuno
Regione: Svezia
#18
Ho letto il tread e dato che sto lavorando su un progetto simile se vuoi ti posso dare qualche consiglio.
Ottime notizie!

Ora il vero problema della progettazione di una bicicletta non stà nel dimensionare il telaio: infatti basta andare nei siti dei vari costruttori (Cervelo, Pinarello, Fondriest etc etc) e scegliere quale dimensione è più congeniale per le nostre dimensioni corporee.
Il mio approccio iniziale sarebbe di disegnare il modello centrale, diciamo il 55, e poi adattarlo alle altre misure. Non voglio fare bici da competizione comunque, quindi 5 misure per modello sono piu' che sufficienti.

Affiancato ad un CAD, io uso Catia V4 e V5, dovresti usare un CAE tipo ANSYS o ABAQUS per vedere se le varie sezioni che hai ipotizzato vanno bene o no.
Se non ti vuoi spingere troppo nel dettaglio fatti un giro sul sito della Columbus Tubi che fa vedere le sezioni dei tubi in acciaio e alluminio.
Ho gia' spulciato per bene i siti di Columbus e Dedacciai ecc. ecc.
La mailing list "Framebuilding" inoltre, e' piena di gente con molta, molta esperienza "sul campo".
Per quanto riguarda il "CAE": a me servirebbe proprio un programma che mi sappia dire - dato uno spessore di un tubo - quale carichi puo' reggere e i punti in cui e' piu' sollecitato. Un software come solidworks non mi permette questo? Come vedi sto proprio a zero...

Lavorero' solo con l'acciaio. L'alluminio lo odio, il carbonio necessita di investimenti iniziali troppo alti, oppure di conoscenze-esperienza che adesso mi mancano totalmente. Magari in futuro. Altri materiali sono troppo acerbi e non rispecchiano il target che ho in testa.
Comunque il mio "socio" in questa pazzia e' un ingegnere dei materiali e in queste cose mi aiuta lui.

Ora questo è solo l'inizio infatti la bicicletta non è solo una struttura iperstatica con sezioni saldate, ma è una struttura che deve reagire in maniera adeguata alla spinta che tu applichi ai pedali e che ti deve far stare comodo facendo sia 10 sia 100 Km.
Parole sante. Dal momento che io non so valutare se una struttura "reagisce in maniera adeguata alla spinta che applico ai pedali", ho bisogno di un software che me lo dica/simuli. Poi certo, una volta che costruisco il prototipo, posso farci 100Km e lo scopriro'.
Poi io non cerco geometrie rivoluzionarie, quindi assumo che una bicicletta con la stessa geometria e gli stessi materiali di una che gia' c'e' e che funziona, produca lo stesso risultato. Sono ingenuo?

Per poi non parlare della realizzazione vera e propria....ma la fai tu o la dai esterna?
Il telaio lo voglio fare io. I componenti per forza di cose devo prenderli da terzi.

1) 1 mese per imparare le basi....ma sei proprio a zero?
Considera che per fare il disegno della bicicletta io stò incontrando delle difficoltà (tutte risolvibili) e disegno da circa 4 anni
2) Solidworks secondo me va benissimo per le tue esigenze e devo dire che si impara molto velocemente
3) Solidworks va benissimo...ma che intendi per la produzione industriale?
Io sto proprio a zero. Buone notizie su Solidworks.
Per produzione industriale intendo: Ho il disegno del telaio. Voglio costruirlo.
Ho i tubi di acciaio, devo saldarli e ho un robot di saldatura a TIG. Oppure voglio fare uno stampo per stampare una guarnitura o CNC machining (non so come si dica in italiano) su un pedale. Solidworks mi aiuta in qualche modo?

Grazie mille dell'aiuto comunque!
paolo
 

Ragsta

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: Catia V4 & V5
Regione: lazio
#19
I problemi man mano che ti addentrerai nella progettazione sono innumerevoli e te ne accorgerai man mano.

Prima di tutto il partire da geometrie gia' consolidate va bene per fare esperienza, ma il vero problema viene quando si presenta la bici nel mercato e ci sono altri 20 costruttori con il tuo stesso modello allo stesso prezzo e che hanno un nome alle spalle.
Ti faccio un esempio con il quale mi sono gia' scontrato: utente ideale (30 anni, reddito medio 25000 euro annui, utilizzo medio (bici in acciaio), percorrenza annua 3000km) deve comprare un telaio: si affaccia sul mercato e trova la tua bici fatta bene a 600euro e lo stesso telaio es. Pinarello a 750euro, quale comprerebbe?

Se posso darti un consiglio non pensare subito a "5 misure per modello": prima pensa ad un modello ed una misura poi quando lo hai realizzato e quindi ti sei reso conto delle difficolta' e dei metodi realizzativi puoi provare a realizzare altre misure o altri modelli.

Passando al CAE: tutti i programmi di analisi ti dicono quanto e' la deformazione e lo stato tensionale, ma il problema e' che la distribuzione dei carichi e la loro intensita' la devi impostare tu, devo dire che spulciando su internet questo ambito e' il piu' complesso perche' nessuno ti dice niente.

I punti piu' sollecitati, se ti interessa, sono cannotto dello sterzo emovimento centrale, anche se considera sempre che e' una strttura iperstatica e quindi non sempre variando uno spessore si ottiene il risultato sperato.

Una curiosita' come mai parli di investimenti troppo elevati se precedentemente dicevi di comprare WS e licenze e macchine a CNC?
Quindi oltre a questo devi apprendere anche il CAM? In questo caso potrebbe essere meglio SolidEdge.

Se posso darti un consiglio: definisci bene il tuo target di bicicletta, deve essere semplice ed univoco, scegli quale fascia di mercato vuoi approcciare e quale e' il tuo segmento.
Fai il calcolo approssimativo dei costi e delle tempistiche (licenze, PC, CNC, bracket etc etc) e poi parti con la progettazione
Un buon progetto per una bicicletta in acciaio con forme non particolari si puo' stendere anche su carta.

Ma il consiglio che ti posso dare e' sche e lo vuoi veramente tutto e' realizzabile e non abbandonare lasciarti scoraggiare dalle difficolta'.

PS
Se hai problemi puoi contattarmi in privato
:finger::finger::finger:
 

rosadirame

Utente poco attivo
Professione: Biologo evolutivo
Software: Nessuno
Regione: Svezia
#20
Il target e la fascia di mercato li ho gia' definiti, e il telaio ce l'ho gia' in mente alla perfezione - il mio problema e' tirarlo fuori dai miei neuroni e vedere se sta insieme. E qui comincia la mia ignoranza.

Quando parlo di investimenti troppo elevati per il carbonio mi riferisco al fatto che la maggior parte di telai in carbonio sono fatti in asia, sono pochissimi gli artigiani che lo lavorano in italia. Io voglio tenere la produzione in italia (so quello che comporta, ma non ci posso fare niente) e non mi posso mettere a intrecciare fibre, altrimenti il primo telaio lo produco tra 15 anni. Questo e' un settore che non mi interessa per il momento.

Inoltre, io ho dei "soldini" per cominciare (una WS, un software e tanto tempo). Intanto la mia socia, che e' un guru del marketing, mi prepara il piano industriale fatto bene, e poi devo cercare qualcuno che investa e mi porti i "soldoni" per cominciare a produrre.
Mi sa che sembro troppo ottimista o solo un pazzo totale.

Tornando in topic:
A quanto pare devo farmi una cultura anche su CAM e CAE.
Quindi, oltre al "Baldassini" c'e' qualcosa che mi puo' aiutare?

E perche' SolidEdge puo' essere meglio se mi serve anche il CAM?

Spero che tutta questa ignoranza sul tema, in un forum di CAD3D non irriti gli utenti =).
Anche risposte del tipo: leggiti QUESTO, QUESTO e QUESTO sono ben accette.

@Ragsta: mi dici qualcosa del TUO progetto che sono molto interessato?

Saluti,
paolo

PS: mi rendo conto della ironicita' del fatto che voglio produrre in italia vivendo in un altro paese...
 
Ultima modifica: