metodologie di utilizzo del programma SE

bibi9000

Utente Junior
Professione: Imp UFF TECNICO
Software: INV2017 + SE2012 + SW2017
Regione: MA
#1
ciao a tutti
Ogni giorno imparo ad utilizzare in un miglior modo il mio SE,
1- creazione di piccoli sotto insiemi per la migliore riunione dei pezzi e quindi, metodo solo logico,
2-ho visto che per leggere più velocemente l'assieme trasformo tutte le parti in parti semplificate per poter leggere con più velocità all'apertura dell'assieme:
domanda: che dite conviene creare su ogni parte un parte semplificata da aggiornare ogni volta che si apporta una modifica?
--3-vista e annotazione per la gestione delle copie...
DOMANDA: ho notato che all'inizio mi apre una figura dell'assieme, a cosa ci serve?, per cosa la posso utilizzare?
--4-per le revisioni dei disegni DFT io proseguo in questo modo:
ES. codice TI456scatola.par che aggiungo nel DFT che poi salverò TI456scatola.dft se apporto una modifica nel disegno TI456-1scatola.par il DFT diventerà TI456-1scatola.dft se devo apportare delle modifiche al DFT faccio questo TI456-1scatolaR1.dft, se il disegno TI456 subisce profondi cambiamenti oppure revisiono il DFT trascino una copia nel archiviatore Winrar (con l'opzione recupera se i dati sono rovinati, utilizzo questo per poter vedere quando il files è stato modificato) giusto il punto 4?????
--5-ho notato adesso che in un assieme è possibile inserire la saldatura....quindi a cosa serve creare un nuovo.pwd??? se la stessa opzione ci sta anche su asm??? mi sto perdendo da qualche parte:D?

ciao a tutti e grazie
 

gerod

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Solid Edge, Ansys DS, e altri ancora
Regione: Veneto
#2
che dite conviene creare su ogni parte un parte semplificata da aggiornare ogni volta che si apporta una modifica?
dipende se è necessario oppure no. Creare una semplificazione della geometria richiede tempo, per cui sta a te decidere. Devi fare un bilancio. Io semplifico dove serve.
--3-vista e annotazione per la gestione delle copie...
DOMANDA: ho notato che all'inizio mi apre una figura dell'assieme, a cosa ci serve?, per cosa la posso utilizzare?
??? forse ho dormito poco e non connetto, ma non ho capito a cosa ti riferisci.
--4-per le revisioni dei disegni DFT io proseguo in questo modo:
ES. codice TI456scatola.par che aggiungo nel DFT che poi salverò TI456scatola.dft se apporto una modifica nel disegno TI456-1scatola.par il DFT diventerà TI456-1scatola.dft se devo apportare delle modifiche al DFT faccio questo TI456-1scatolaR1.dft, se il disegno TI456 subisce profondi cambiamenti oppure revisiono il DFT trascino una copia nel archiviatore Winrar (con l'opzione recupera se i dati sono rovinati, utilizzo questo per poter vedere quando il files è stato modificato) giusto il punto 4?????
è un metodo per la gestione delle revisioni. Io di solito non rinomino il par o psm, tengo solo traccia del dft (rilascio le viste) e tengo un dwg o pdf della vecchia revisione (posso sempre tornare indietro perchè sopprio le feature che non m i servono e costruisco quelle nuove).
Ciao
 

persel

Utente poco attivo
Professione: progettista
Software: solidedge
Regione: italia
#3
ciao a tutti

--5-ho notato adesso che in un assieme è possibile inserire la saldatura....quindi a cosa serve creare un nuovo.pwd??? se la stessa opzione ci sta anche su asm??? mi sto perdendo da qualche parte:D?

ciao a tutti e grazie
Ciao a tutti

probabilmente lasciano attivo il modulo PWD in quanto fino alla versione 14 non c'era la possibilità di aggiungere la saldatura in assieme, quindi i vecchi utenti si ritrovano ad avere ed a dover gestire anche i file PWD
 

zeigs

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Solid Edge
Regione: Emilia-Romagna
#4
una cosa abbastanza carina del pwd è il fatto che tiene separate lavorazioni di preparazione, saldature e lavorazioni successive, che da un punto di vista anche produttivo non è male. va detto comunque che in ambiente saldatura ho meno strumenti rispetto all'assembly, anche come saldature, il che è decisamente un controsenso