Metodo Chunk e Stampi

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#1
Ciao a tutti.
Ho letto con molto interesse altre discussioni, principalmente nel forum di UG, riguardanti il metodo di modellazione chunk, di cui UoA ne ha spiegato molto bene a grandi linee i concetti salienti.

Ho ricevuto un CATPart di un elemento di carrozzeria.... un rinforzo cerniera di una porta di un furgone .... ed analizzandone l'albero logico risulta proprio modellato con la metodologia in oggetto, in quanto si parte da un blocco grande e poi mano a mano si scava sottraendo dei solidi che a loro volta sono stati tagliati con le superfici di stile, offset ecc.. infine sono stati eseguiti i raccordi e l'operazione di svuotamento per ottenere il risultato finale del pezzo in lamiera con il proprio spessore.

Ora dovendo realizzarne lo stampo di imbutitura qual'e' la metodologia migliore ?
... che poi immagino si applichi anche a sistemi diversi da V5....

Dopo molte peripezie, sono arrivato ad un risultato decente, grazie a quel poco che mi hanno insegnato al corso di V5 (solidi e superfici) ed a tanta buona volonta' (tentando di rimuovere dalla testa i molti anni di V4) ... tuttavia con l'assoluta certezza che il modo con cui sono giunto al risultato finale non sia alquanto corretto.
Dico questo perche' alla fine non avevo piu' legami con il pezzo iniziale.... ed allora tanto vale non usare un cad parametrico.
Il mio approccio e' stato questo:
1- Posizionamento dell'elemento in assi stampo (rotazione,traslazione,ecc...)
2- Estrazione di una skin ad esempio il lato del punzone
3- Completamento dei fuorifigura dello stampo, che pero' siccome l'allungamento della skin non ha funzionato, visto che alcune superfici si incasinavano, ho dovuto esplodere tutto, allungare le superfici che riuscivo e quelle mancanti ricostruirle in qualche modo.... con il risultato che a quel punto avevo perso i legami con l'elemento iniziale
4- Costruzione delle superfici della pianta punzone (schizzo + estrusione)
5- Raccordi
6- Alla fine ho provato a rifare un solido con le superfici ottenute ma c'erano dei buchi e l'ho lasciato cosi' fatto con le superfici ... tanto per la fresatura andava bene lo stesso.

Qualcuno di voi si e' mai imbattuto in queste problematiche e saprebbe darmi qualche indicazione, o inviarmi qualche esempio di stampo realizzato in V5 con
un metodo piu' corretto del mio ?

Circa una settimana dopo mi e' arrivato un elemento modificato....ma preferisco non
parlare del casino che ho fatto per riuscire a risistemare lo stampo.

Grazie mille in anticipo per eventuali suggerimenti ed osservazioni.
 
Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#2
per capire meglio dovrei vedere il modello.
Poi dovrei capire se per metodo Chunk equivale a parlare dl metodo "Cianchi".
Se la mia equivalenza detta sopra è giusta, allora esiste il metodo equivalente anche in CATIA e viene denominato core and cavity.

ciao
 

robcrac

Utente Standard
Professione: progettista
Software: Catia V4-V5
Regione: Friuli Venezia Giulia
#3
La mia esperienza non riguarda stampi per lamiera ma per plastica sempre in campo automotive.

Dopo varie sperimentazioni sono giunta alla conclusione che (almeno nel mio caso, nel quale le modifiche sono frequenti) di lavorare con le superfici in modalità isolata, ottenere una skin di taglio e pubblicarla. Da qui in poi lo stampo è completamente parametrico.

Per implementare una modifica (divido la skin di taglio in piccole porzioni isolate)non faccio altro che sostituire una di queste piccole aree e aggiorno l'assieme (in cui tutto è parametrico).

In questo modo mi sono reso conto che anche se perdo parte dell'associatività, l'aggiornamento dell'assembly è più agevole e complessivamente il tempo necessario per integrare una modifica è inferiore.

Questo ovviamente nel mio settore specifico.
 

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#4
Grazie Ferrezio e Robcrac x l'interessamento.
Vi allego il file catia v5r18 dello stampo di cui vi parlavo...
E' stato il primo lavoro che ho fatto un po' di tempo fa .... per questo magari c'e' parecchio casino nell'albero....ad ogni modo a grandi linee ho proceduto come avevo spiegato in precedenza:
- Solidi degli elementi origine DX/SX in posizione vettura
- Trasformazione da Asse ad Asse per abbinarli e posizionarli x stampaggio
- Estrazione della pelle lato punzone
- A questo punto per ottenere i completamenti dello stampo, non essendo sufficiente semplicemente allungare la skin, ma ci sono dei raggi variabili, delle superfici del completamento ricostruite (in quanto l'estrapolazione non funzionava), dei raccordi del completamento che dovevano combinare esattamente con quelli del pezzo origine, ho dovuto esplodere tutto e lavorare superficie x superficie..... così ho perso il legame con tutto quanto fatto prima.
La mia difficoltà è proprio quella che riguarda la modellazione x superfici del completamento che poi ho utilizzato per ottenere il solido del punzone di imbutitura.

Il metodo "chunk", così come ho potuto capire dai vari post in merito all'argomento, è quello per cui per ottenere un pezzo finale, come spiegava UoA, si parte da un solido e poi con i cosidetti "chunk o utensili" si va a scavare il solido modellandolo fino ad arrivare alla forma finale, dopo la quale nel caso di un pezzo in lamiera si esegue lo "svuotamento" in modo da avere il pezzo con lo spessore voluto. Tempo fa, quando non c'erano i solidi si sarebbe fatto tutto con le superfici, ora le superfici servono per dare la forma a questi utensili utilizzati per scavare il solido di partenza.

A Presto.
 

Allegati

Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#5
ho visto il tuo modello.
la sequenza è giusta, ma dovresti pero lavorare in ambiente product anzichè nel singolo part, sfruttando la possibilità di copiare le parti "pubblicate con collegamento".
Il metodo che hai utilizzato rispecchia a meno del dettaglio sopra, a cio che puoi fare utilizzando il modulo core&cavity di catia.
ha delle macro specifiche per il riconoscimento della superfici della martrice, del punzone, e la costruzione della superfice di divisione.
Il metodo chunk invece parte dalla modellazione di una parte.
lamodellazione che seguo io e simile al metono chunk infatti prevalentenmente lavoro con feature positive, ma anzichè costruire il pezzo fine a se stesso, io modello lo stampo che lo genera, qundi anche della chiusura stampo.

ciao
 

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#6
ho visto il tuo modello.
la sequenza è giusta, ma dovresti pero lavorare in ambiente product anzichè nel singolo part, sfruttando la possibilità di copiare le parti "pubblicate con collegamento".
Il metodo che hai utilizzato rispecchia a meno del dettaglio sopra, a cio che puoi fare utilizzando il modulo core&cavity di catia.
ha delle macro specifiche per il riconoscimento della superfici della martrice, del punzone, e la costruzione della superfice di divisione.
Il metodo chunk invece parte dalla modellazione di una parte.
lamodellazione che seguo io e simile al metono chunk infatti prevalentenmente lavoro con feature positive, ma anzichè costruire il pezzo fine a se stesso, io modello lo stampo che lo genera, qundi anche della chiusura stampo.

ciao
Grazie Ferrezio .... molto interessante.
Purtroppo avendo la licenza HD2, il Core e Cavity non ce l'ho, ma in ogni caso ho dato uno sguardo alla documentazione e condivido pienamente quanto mi hai poc'anzi spiegato.
La parte su cui ho ancora dei dubbi, è quella che riguarda il discorso di fare il lavoro in ambiente product. Finora il product l'ho utilizzato soltanto per mettere insieme semplici parti per ottenere degli assiemi.....direi cose molto semplici che ho vincolato, aggiunto qualche foro/taglio e niente di più.
Per una cosa così complessa .... mi è chiaro il concetto .... ma non saprei da dove iniziare.
....avresti cortesemente un esempio da inviarmi per analizzarlo dove poter vedere come operare con il product ??

Il tuo metodo di modellazione mi sembra di capire sia utilizzato principalmente per particolari in plastica giusto ? Invece Io nel 99% dei casi il pezzo già ce l'ho e devo fare lo stampo per fornire il pezzo finito al cliente.

Ciao.
 
Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#7
se vuoi ti posso mandare il prodotto che ho creato io con il tuo pezzo per farti capire.

comunque il mio metodo più che altro si utilizza per oggetti a spessore costante, quindi potrebbe essere anche la lamiera, il problema e di quest'ultima, e che deve essere stesa.

comunque se i pezzi sono modellati in catia fatti sempre mandare la matematica di partenza non il volume isolato , forse ti può capitare qualche modello ben fatto, io sono passato dalla tue parti qualche tempo fà.

ciao
 

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#8
si..si...mandamelo, grazie mille.

Lavoro quasi esclusivamente con particolari in lamiera, quindi con spessore costante ..... ma cosa intendi riguardo alla lamiera che deve essere stesa ?

In questo caso l'elemento originale è uno dei pochi che mi è arrivato modellato con catia; è analizzando quello che ho visto che era fatto con il metodo "chunk" ... poi nel mio stampo l'avevo copiato AS RESULT...
Se avessi mantenuto l'elemento con l'albero di costruzione originale che guadagno avrei avuto ?

Purtroppo nell'altro 99,9999% dei casi ricevo sempre elementi in IGES e se sono fortunato STEP...e per fare prima me li lavoro in V4 (più che altro lo so usare molto meglio).

Se ripassi da queste parti ....fammi sapere... ti offro volentieri una birra..

Ciao.
 
Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#9
in serate te lo mando.
lo capirai quado vedrai come ho messo in relazione le parti nell'assieme, in breve, forse buona parte del lavoro che hai fatto era già presente nel modello.

per le poche esperienze che ho io di lamiera (elettrodomestici) di solito si deve sempre sviluppare in piano il foglio di lamiera , per cui si preferisce utilizzare moduli tipo lo sheet metal per la produzione di modelli cad.

ciao
 

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#10
Ok Grazie.

Se ti può interessare, allego anche il CATPart dell'elemento originale ricevuto dal cliente, modellato interamente in CATIA V5...per analizzare come è stato ottenuto.

Ciao.
 

Allegati

Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#11
eccoti il file su cui ho lavorato.

come vedi troverai i due elementi di partenza posizionati in un product (questo ti avrebbe evitato di fate le varie trasformazioni) poi ho estratto le superfici opportune le ho pubblicate (nel caso avevi i file originali forse potevi pubblicare le superfici di base), le ho copiate nel nel punzione con il comando copia/incolla con collegamento.
li ho iniziato a modellare il punzone.

domani ti dico le mie impressioni lavorando sulla parte originale.

ciao
ps. è un file r18
 
Ultima modifica:

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#12
Ferrezio ....che dire ... sono senza parole.....

Per fare più o meno le stesse cose ci avevo messo circa 3 giorni.

Ho analizzato i vari passaggi che hai fatto x ottenere il solido del punzone...

Ho visto che il "fuorifigura" è tendenzialmente il prolungamento delle superfici
dell'elemento.... ma se man mano che vado verso l'esterno volessi aumentare i vari raggi di raccordo, per migliorare la stampabilità della lamiera (più o meno come avevo fatto io) dovrei farlo già prima durante la modellazione delle superfici giusto? Perchè altrimenti dopo, per modificare il solido, dovrei cucirgli sopra le superfici dove vorrei riportare materiale e tagliarlo invece dove vorrei togliere materiale.

Per quanto riguarda il Product, con il tuo sistema, se decido di variare la posizione dei 2 pezzi (per migliorare la stampabilità ad esempio), essendo tutto relazionato con le superfici pubbliche mi si aggiornerebbe in automatico anche lo stampo....giusto?

Ciao.
 
Professione: Progettista meccanico
Software: Catia, Think3
Regione: Marche
#13
.... ma se man mano che vado verso l'esterno volessi aumentare i vari raggi di raccordo, per migliorare la stampabilità della lamiera (più o meno come avevo fatto io) dovrei farlo già prima durante la modellazione delle superfici giusto?
si ma se avessi il modello principale ti basterebbe modificare il modello della parte.

Per quanto riguarda il Product, con il tuo sistema, se decido di variare la posizione dei 2 pezzi (per migliorare la stampabilità ad esempio), essendo tutto relazionato con le superfici pubbliche mi si aggiornerebbe in automatico anche lo stampo....giusto?
esttamenti ti basta modificare la posizione rispetto all'assieme.
sarebbe buona norma inserire una parte vuota nel product che ti fungesse da riferimento base (scheletro) per cui potresti tenere sotto controllo anche i posizionamenti.

in allegato ti invio il modello con geometria derivante dal modello di partenza.


ciao
ps tieni pronte la birra che prima o poi passo a ritirarla buon lavoro
 
Ultima modifica:

tvi71it

Utente Standard
Professione: Progettista Stampi Lamiera ed altro
Software: CATIA V4,V5
Regione: Piemonte
#14
Ciao Ferrezio.
Stato analizzando i files che mi hai inviato .... quando apro il product mi viene un errore che mi dice che manca 1 file .... con il desk vedo che manca il file dell'elemento originale da te modificato.... che poi è quello dove ti sei fatto il solido di partenza che hai utilizzato per ricavare il punzone e la matrice...
in ogni caso non stare a mandarmelo, è tutto già molto chiaro così.

Grazie ancora e buon lavoro anche a te.

P.S. Se passi fatti sentire che metto le birre al fresco