• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Messa in tavola: quanti files?

AndreaL

Utente Junior
Professione: Progettista, CAM
Software: SolidWorks,CimatronE,TopSolid
Regione: Bassa mantovana
#1
Salve a tutti, vorrei tanto un consiglio.
Dovendo fare la messa in tavola di un assieme composto da una trentina di parti come la organizzate?
Fate un solo file con tutti i disegni dei particolari e dell' assieme, un file per ogni disegno oppure suddividete in gruppi?
Grazie in anticipo.
 

michele81

Utente Standard
Professione: Progettista - Disegnatore
Software: Solidworks 2011 - Pro-E WF4 - Autocad LT09 - Cosmos - FEMM
Regione: Piemonte
#2
Non sono sicuro di aver capito la domanda...
mi è stato sconsigliato dall'assistenza di SW di fare un file con più disegni all'interno, quindi secondo loro un file ==> una tavola. Questo perchè ogni tanto incontravamo problemi con il pack and go di assiemi che comprendevano tavole...infatti si perdevano alcuni riferimenti.
Spero fosse questo il senso della domanda...
 

sampom

Moderatore SWX, Navale
Staff Forum
Professione: Progettazione/Costruzione macchine e impianti
Software: SolidWorks 2015 SP5/2016 SP2, AutoCAD (poco)
Regione: Piemonte (CN)
#3
Salve a tutti, vorrei tanto un consiglio.
Dovendo fare la messa in tavola di un assieme composto da una trentina di parti come la organizzate?
Fate un solo file con tutti i disegni dei particolari e dell' assieme, un file per ogni disegno oppure suddividete in gruppi?
Grazie in anticipo.
Decisamente una tavola di disegno per l'assieme ed una tavola per ogni singola parte costruttiva che compone la macchina. Ogni parte deve essere legata ad una sua tavola. E come ti regoleresti poi con eventuali codici e/o nomi di files?
Poi a parte il casino per ritrovarsi nell'archivio (e non ultimo la dimensione che assumerebbe un file .slddrw composto da decine di disegni.. e su che foglio lo metti?), come fai a consegnare le tavole ai vari costruttori?

Saluti
Marco
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#4
Io sono controcorrente e cioè massima libertà. Con swx puoi fare quello che facevi da prima. Normalmente anch'io faccio come detto da sampom e michele 81, ma in qualche caso ho fatto diversamente. Ad esempio per un particolare di carpenteria molto semplice nel disegno di assieme creo anche le viste dei particolari di taglio.
Altre volte ho fatto solo due tavole: nella prima ho inserito tutto quanto riguarda l'assieme e nella seconda una vista isometrica pallinata dell'assieme, la distinta materiali e tutte le viste dei particolari di taglio.
Per gestire le informazioni relative ai particolari di taglio ho creato una nota parametrica e semplicemente incollando questa nota nella vista di disegno si compilano le informazioni. La nota comprendeva: codice, quantità, materiale, stato grezzo, note varie, ecc...
Diciamo che è un attimino più complesso da gestire (non molto poi) ma a volte è più pratico per la produzione.
 

ilgioma

Utente Standard
Professione: RSP
Software: Solidworks 2010 Cinema4d
Regione: Siena
#5
Per quanto mi riguarda tavola di assieme esploso con bollatura e distinta materiali, e poi una tavola per ogni file.
Secondo me così facendo anche 10 anni dopo apri il progetto e sarà sempre tutto chiaro e ordinato.

Leo
 

Oldwarper

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Solidworks, Cimatron IT, Cimatron E, Rhino, AutoCAD, Logopress, Solidcam
Regione: Emilia Romagna
#6
Comincio col dire che ODIO avere un numero infinito di files per progetto e in questo i SW attuali sono dei maestri nella complicazione (ad esempio, per una lavorazione CAM sono arrivato ad avere 20 files dai nomi assurdi, utilizzati solo dal programma, prima che a furor di popolo li "impacchettassero" in uno unico).
Per quel che mi riguarda, faccio sempre una tavola per il complessivo e tutte le relative sezioni (impossibile fare le sezioni in files separati, oltre ad essere concettualmente sbagliato) e una tavola per tutti (o quasi) i particolari, al massimo suddividendoli in particolari di tornitura, fresatura, EDM.

Ai fornitori sara' molto difficile arrivino i SLDDRW, al massimo PDF, dwg/dxf. L'esportazione potra' quindi essere selettiva delle parti interessate.

Sarebbe per me ingestibile avere 200 tavole tra le quali cercare ogni singolo particolare. Meglio averli tutti sott'occhio. Non so come ragioni un PDM (magari per singolo file-singola tavola, ma senza di lui mi sa che una pletora tale di file non farebbe altro che fare casino, specie per parti con piu' configurazioni (voi che fate, 1 tavola per config. o 1 tavola con piu' fogli?).

I problemi non li hai con una tavola contenete molti fogli, ma con una tavola con assiemi e sezioni molto complesse. Questo te lo posso garantire. Arrivi a 50-100Mb in un attimo. gia' un paio mi si sono spuXXanati e inviati all'assistenza: ho fatto prima a rifare il tutto.

Aggiungo poi il fatto che (sempre a meno di PDM) per poter inserire il numero di pezzi per quel particolare e' necessario che una vista dell'assieme con la distinta sia nello stesso file dei particolari, altrimenti occorre attuare escamotages come quelli discussi nel forum.
 

michele81

Utente Standard
Professione: Progettista - Disegnatore
Software: Solidworks 2011 - Pro-E WF4 - Autocad LT09 - Cosmos - FEMM
Regione: Piemonte
#7
Mi sembrava di non aver centrato del tutto la risposta....:smile:
Sono dell'idea che ogni progetto vada presentato nel modo più comprensibile possibile. Quindi prima un assieme completo, con eventualmente distinta e qualche particolare se ad esempio è staccato (parti supplementari o aggiuntive). Poi eventualmente i sottoassiemi e in ultimo le tavole con i particolari, secondo me con un ordine il più sensato possibile e sempre tutto riportato in una prima pagina di presentazione e indice. Più il tutto è ordinato più è tracciabile e comprensibile a distanza di tempo e per eventuali revisioni.
La suddivisione delle tavole dei particolari dipende a mio parere da chi dovrà realizzarli, suddivisioni per genere di lavorazione sono utili, ma anche tenere sulla stessa tavola particolari che poi vanno montati insime è una strada valida. Poi con l'esperienza ognuno trova il suo metodo...:smile:
Saluti
Michele
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#8
Mi sembrava di non aver centrato del tutto la risposta....:smile:
Sono dell'idea che ogni progetto vada presentato nel modo più comprensibile possibile. Quindi prima un assieme completo, con eventualmente distinta e qualche particolare se ad esempio è staccato (parti supplementari o aggiuntive). Poi eventualmente i sottoassiemi e in ultimo le tavole con i particolari, secondo me con un ordine il più sensato possibile e sempre tutto riportato in una prima pagina di presentazione e indice. Più il tutto è ordinato più è tracciabile e comprensibile a distanza di tempo e per eventuali revisioni.
La suddivisione delle tavole dei particolari dipende a mio parere da chi dovrà realizzarli, suddivisioni per genere di lavorazione sono utili, ma anche tenere sulla stessa tavola particolari che poi vanno montati insime è una strada valida. Poi con l'esperienza ognuno trova il suo metodo...:smile:
Saluti
Michele
Direi che conta molto cosa viene chiesto dalla produzione. Alla fine l'ut si adegua.
 

AndreaL

Utente Junior
Professione: Progettista, CAM
Software: SolidWorks,CimatronE,TopSolid
Regione: Bassa mantovana
#9
Grazie a tutti per le risposte. Nell' unico progetto che ho fatto e che ho appena finito ho suddiviso in gruppi. Ho creato un file per ogni gruppo e un foglio per ogni particolare rinominando tutti i fogli. I gruppi li ho composti facendo riferimento alla loro posizione nell' assieme : es. gruppo pistoni, carcassa ecc. Mi ci sono trovato abbastanza bene, ho incontrato un po' di difficoltà nell' esportazione perché particolari di gruppi diversi venivano eseguiti in un' azienda, altri in un' altra, quindi ho fatto un po' di casotto con i .pdf e i .dxf
Probabilmente avrei tribolato meno con un file per ogni particolare per quanto riguarda l' esportzione...
 

scalva

Utente Standard
Professione: disegnatore meccanico,progettista
Software: autocad+qs,sw 18
Regione: Piemonte
#10
Io sono controcorrente e cioè massima libertà. Con swx puoi fare quello che facevi da prima. Normalmente anch'io faccio come detto da sampom e michele 81, ma in qualche caso ho fatto diversamente. Ad esempio per un particolare di carpenteria molto semplice nel disegno di assieme creo anche le viste dei particolari di taglio.
Altre volte ho fatto solo due tavole: nella prima ho inserito tutto quanto riguarda l'assieme e nella seconda una vista isometrica pallinata dell'assieme, la distinta materiali e tutte le viste dei particolari di taglio.
Per gestire le informazioni relative ai particolari di taglio ho creato una nota parametrica e semplicemente incollando questa nota nella vista di disegno si compilano le informazioni. La nota comprendeva: codice, quantità, materiale, stato grezzo, note varie, ecc...
Diciamo che è un attimino più complesso da gestire (non molto poi) ma a volte è più pratico per la produzione.
ciao
una curiosita'
come fai a inserire + particolari in un disegno?
io riesco solo con assiemi saldati
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#11
Con i comandi classici di creazione delle viste o con copia-incolla delle viste dalle tavole dei singoli elementi.
 

scalva

Utente Standard
Professione: disegnatore meccanico,progettista
Software: autocad+qs,sw 18
Regione: Piemonte
#12
eh già
grazie
non ci avevo mai pensato
uso questo sistema con autocad per le carpenterie e per i progetti legati a se stessi ma mai usata con swx