Ma conosciamo veramente il nostro cad?

painaz

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: proe
Regione: veneto
#1
E' una domanda ma anche una specie di sondaggio.

Parto da una constatazione personale: uso poco le superfici, le ho sempre associate alla modellazione di carrozzerie o cose simili. Però, quasi per gioco, modellando la testa di un motore e il basamento ho provato ad usarle e la prima cosa che ho pensato è "cavoli, ma perché non le ho mai usate prima?"
Ad esempio sulla testa ho trovato comodo modellare per superfici i condotti delle valvole, la sede valvole, foro candela. poi, trovate le superfici, ho fatto la pelle esterna, cucito il tutto e solidificato.

E' la classica domanda del venerdì per chiaccherare, però secondo me è anche uno spunto interessante: le discussioni sui vari cad, su chi sia il migliore e il "più lungo" sono un classico. Però quando le leggo ho sempre l'impressione che siano falsate dal fatto che pochi, veramente pochi (e io certamente non sono fra quelli), sfruttino davvero tutti gli strumenti che questo e quel cad mettono a disposizione.

P.S: uso wildfire 4 da anni e da poco solidworks per lavoro.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#2
E' una domanda ma anche una specie di sondaggio.

Parto da una constatazione personale: uso poco le superfici, le ho sempre associate alla modellazione di carrozzerie o cose simili. Però, quasi per gioco, modellando la testa di un motore e il basamento ho provato ad usarle e la prima cosa che ho pensato è "cavoli, ma perché non le ho mai usate prima?"
Ad esempio sulla testa ho trovato comodo modellare per superfici i condotti delle valvole, la sede valvole, foro candela. poi, trovate le superfici, ho fatto la pelle esterna, cucito il tutto e solidificato.

E' la classica domanda del venerdì per chiaccherare, però secondo me è anche uno spunto interessante: le discussioni sui vari cad, su chi sia il migliore e il "più lungo" sono un classico. Però quando le leggo ho sempre l'impressione che siano falsate dal fatto che pochi, veramente pochi (e io certamente non sono fra quelli), sfruttino davvero tutti gli strumenti che questo e quel cad mettono a disposizione.

P.S: uso wildfire 4 da anni e da poco solidworks per lavoro.

e' l'argomento con cui il tecnico CoCreate mi racconta che riesce a vendere il cad alle aziende meccaniche: e' vero che i parametrici sono piu' potenti, ma risultano essere troppo complessi per l'utente medio (medio quanto a competenze e motivazione) che si trova negli uffici tecnici. Teniamo conto che noi che frequentiamo il forum siamo gia' tutti dei power-user piu' o meno, se non ancoara quanto a competenze quanto meno per motivazione, che poi e' cio' che ci portera' ad essere competenti in futuro.

Vista la meditudine, o mediocrita', dei progettisti, meglio uno strumento magari poco potente, ma semplice da utilizzare.
 

numero1

Utente Senior
Professione: Non lo sò + nemmeno io
Software: Tavoletta cuneiforme ....... ACAD, MStation, PDS/PDMS, Autoplant ed un poco di NX
Regione: Da qualche parte
#3
E' una domanda ma anche una specie di sondaggio.

Parto da una constatazione personale: uso poco le superfici, le ho sempre associate alla modellazione di carrozzerie o cose simili. Però, quasi per gioco, modellando la testa di un motore e il basamento ho provato ad usarle e la prima cosa che ho pensato è "cavoli, ma perché non le ho mai usate prima?"
Ad esempio sulla testa ho trovato comodo modellare per superfici i condotti delle valvole, la sede valvole, foro candela. poi, trovate le superfici, ho fatto la pelle esterna, cucito il tutto e solidificato.

E' la classica domanda del venerdì per chiaccherare, però secondo me è anche uno spunto interessante: le discussioni sui vari cad, su chi sia il migliore e il "più lungo" sono un classico. Però quando le leggo ho sempre l'impressione che siano falsate dal fatto che pochi, veramente pochi (e io certamente non sono fra quelli), sfruttino davvero tutti gli strumenti che questo e quel cad mettono a disposizione.

P.S: uso wildfire 4 da anni e da poco solidworks per lavoro.
La risposta è NOOOOOOOOOOO'
Ho iniziato nel lontano 88 con Autocad a tirare linee e linette, e sono saltato da un cad all'altro, e questo probabilmente è stato un danno.
Ma ancora ad oggi, parlando di Autocad che è il SW che conosco meglio direi .......... beh io penso di saperlo usare bene al 20% delle sue capacità.
Forse sono troppo ipercritico verso me stesso, ma almeno tirassero fuori una release ogni 2/3 anni, e non una all'anno.
Non hai neanche il tempo fisico di abituarti che puf ........... :(
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#4
La media che si vede è abbastanza bassa... c'è comunque un rovescio della medaglia: se conosci veramente a fondo il tuo cad non riesci più a cambiare, o perlomeno fai una fatica incredibile.
 

painaz

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: proe
Regione: veneto
#5
oggi ad esempio mi sono accorto di un trucchetto banalissimo a cui non avevo mai fatto caso: sulla wildfire, anche quelle vecchie, si può fare il copia-incolla dei parametri fra due parti. Al tempo mi ero perfino studiato a fondo modelcheck per fare questa operazione.
 

painaz

Utente Standard
Professione: ingegnere
Software: proe
Regione: veneto
#6
La risposta è NOOOOOOOOOOO'
Ho iniziato nel lontano 88 con Autocad a tirare linee e linette, e sono saltato da un cad all'altro, e questo probabilmente è stato un danno.
Ma ancora ad oggi, parlando di Autocad che è il SW che conosco meglio direi .......... beh io penso di saperlo usare bene al 20% delle sue capacità.
Forse sono troppo ipercritico verso me stesso, ma almeno tirassero fuori una release ogni 2/3 anni, e non una all'anno.
Non hai neanche il tempo fisico di abituarti che puf ........... :(
secondo me il guaio peggiore è che le aziende medio piccole in generale non riconoscono gli indubbi vantaggi dei corsi di formazione.
Così, da autodidatta, quando trovi una soluzione la fai tua semplicemente perchè non hai il tempo di approfondire il problema e vedere se ve ne sia un'altra o valga la pena di cambiare approcio. Altro esempio che mi viene in mente per i prodotti PTC è che in genere pochi usano i "motion skeleton" (e ci sono anche pochissimi esempi e tutorial in giro), che non sono nemmeno una novità: se non ricordo male sono stati introdotti con la wildfire 3.
Però quei dieci minuti al giorno che un approcio corretto ti fanno risparmiare le procedure corrette nell'arco di un anno ti ripagano dell'investimento di formazione. Senza contare che i modelli (non parliamo poi di assiemi complessi..) ben impostati reggono bene le modifiche e il riuso, cosa che in generale con i parametrici è sempre delicata.
 

numero1

Utente Senior
Professione: Non lo sò + nemmeno io
Software: Tavoletta cuneiforme ....... ACAD, MStation, PDS/PDMS, Autoplant ed un poco di NX
Regione: Da qualche parte
#7
La media che si vede è abbastanza bassa... c'è comunque un rovescio della medaglia: se conosci veramente a fondo il tuo cad non riesci più a cambiare, o perlomeno fai una fatica incredibile.
Giusto, il rovescio della medaglia .........

secondo me il guaio peggiore è che le aziende medio piccole in generale non riconoscono gli indubbi vantaggi dei corsi di formazione.
Così, da autodidatta, quando trovi una soluzione la fai tua semplicemente perchè non hai il tempo di approfondire il problema e vedere se ve ne sia un'altra o valga la pena di cambiare approcio. Altro esempio che mi viene in mente per i prodotti PTC è che in genere pochi usano i "motion skeleton" (e ci sono anche pochissimi esempi e tutorial in giro), che non sono nemmeno una novità: se non ricordo male sono stati introdotti con la wildfire 3.
Però quei dieci minuti al giorno che un approcio corretto ti fanno risparmiare le procedure corrette nell'arco di un anno ti ripagano dell'investimento di formazione. Senza contare che i modelli (non parliamo poi di assiemi complessi..) ben impostati reggono bene le modifiche e il riuso, cosa che in generale con i parametrici è sempre delicata.
Ah ......... i corsi di formazione, sempre a sentire le solite frasi, che il corso non serve, che c'è da lavorare, che, che, che .......
Quando poi 10 100 1000 ore di formazione, se fatte bene, ti fanno risparmiare una montagna di ore DOPO.
 

calacc

Utente Standard
Professione: Product Development Engineering Specialist
Software: CREO Parametric 2.0 M230
Regione: Emilia Romagna
#8
La media che si vede è abbastanza bassa... c'è comunque un rovescio della medaglia: se conosci veramente a fondo il tuo cad non riesci più a cambiare, o perlomeno fai una fatica incredibile.
Onestamente non ci vedo un nesso tra le due cose. Secondo me non c'è nessun "rovescio della medaglia" tra conoscere approfonditamente un CAD e fare fatica a cambiare. Io le vedo come due cose completamente distinte.
La difficoltà a cambiare CAD è solo un ostacolo mentale che va superato. Istintivamente un utente è restio al cambiamento perché è una cosa che destabilizza e che espone a dei rischi di errore.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#9
La difficoltà a cambiare CAD è solo un ostacolo mentale che va superato. Istintivamente un utente è restio al cambiamento perché è una cosa che destabilizza e che espone a dei rischi di errore.
Piu' che un problema emotivo o psicologico, e' solo che si tratta di impiegare piu' tempo a fare certe cose che col vecchio cad mi venivano automatiche. La cosa comporta quindi un drastico calo della produttivita' e quindi dei guadagni nel primo periodo.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#10
Bel quesito painaz! :finger:

Per quanto mi riguarda la risposta è: "Magari! Almeno uno..."


Ah ......... i corsi di formazione, sempre a sentire le solite frasi, che il corso non serve, che c'è da lavorare, che, che, che .......
Quando poi 10 100 1000 ore di formazione, se fatte bene, ti fanno risparmiare una montagna di ore DOPO.
Sono d'accordo con te numero1, è il "se fatte bene" che non tiene nel tuo discorso!!! Sono polemico ovviamente!
Far capire quello che dici a chi paga, ma anche a chi non paga, è difficilissimo.
Così accade poi quello che dice re_solidworks, che condivido. E' una situazione in cui mi ritrovo in prima persona: conosco quello che mi serve ma non è detto che sia il meglio che io possa fare.

L'esempio di painaz sull'uso delle superfici è calzante!

I venditori lo sanno e ne approfittano, come dice cacciatorino, senza nulla togliere allo strumento specifico da lui citato che non conosco, e che magari va benissimo per tante applicazioni.
 

tartufon80

Moderatore
Staff Forum
Professione: Volevo fare il tecnico....
Software: Solidworks 2016 SP5, Creo 2.0+PDMLink 10.1 (ricordi)
Regione: Abruzzo
#11
Onestamente non ci vedo un nesso tra le due cose. Secondo me non c'è nessun "rovescio della medaglia" tra conoscere approfonditamente un CAD e fare fatica a cambiare. Io le vedo come due cose completamente distinte.
La difficoltà a cambiare CAD è solo un ostacolo mentale che va superato. Istintivamente un utente è restio al cambiamento perché è una cosa che destabilizza e che espone a dei rischi di errore.
Ciao calacc!

Io invece questa cosa l'ho vissuta personalmente: più tempo ho passato con un cad, e più tempo ho impiegato ad andare a regime con quello nuovo.
Sicuramente c'è una componente soggettiva, ma sentendo anche altri colleghi, più o meno hanno avuto le mie stesse impressioni.
Chi mediamente cambia cad ogni 2-3 anni, non lo conoscerà benissimo, ma passa dall'uno all'altro con più semplicità.

Temo però che stiamo andando OT.
 

calacc

Utente Standard
Professione: Product Development Engineering Specialist
Software: CREO Parametric 2.0 M230
Regione: Emilia Romagna
#12
Piu' che un problema emotivo o psicologico, e' solo che si tratta di impiegare piu' tempo a fare certe cose che col vecchio cad mi venivano automatiche. La cosa comporta quindi un drastico calo della produttivita' e quindi dei guadagni nel primo periodo.
Proprio a questo servono i corsi di formazione e sessioni di training on-job. Non sono gratis mi rendo conto, quindi bisogna sempre fare un'analisi dei costi prima di decidere se conviene o meno.