• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Lavoro Dipendente o Libero Professionista

sasso81

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Inventor Proengineer
Regione: italia
#1
Ciao a tutti ho bisogno di un consiglio.
Sono un giovane ingegnere meccanico ed in questo momento sto lavorando come dipendente (tempo determinato) presso un’azienda metalmeccanica dove mi trovo bene ed ho un buon stipendio, ma il lavoro non mi soddisfa.
Mi hanno proposto un lavoro presso uno studio tecnico con contratto di libero professionista, quello di cui si occupano mi piace molto e come crescita di competenze sarebbe una bella esperienza, lo stipendio è inferiore (ma con possibilità di crescita) rispetto a dove lavoro ora e come distanza da casa è maggiore.
Secondo voi mi conviene rimanere dove sono oppure tentare una nuova esperienza e far prevalere la crescita di competenze che posso avere presso lo studio?
 

vmirko

Utente Standard
Professione: legnamè
Software: alphacam
Regione: MB
#2
non è di certo questo il periodo migliore per mettersi in proprio,
fossi in te aspetterei tempi migliori
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#3
non è di certo questo il periodo migliore per mettersi in proprio,
fossi in te aspetterei tempi migliori
... ma se lo studio di da un contratto allora bisogna vedere bene cosa sta nel contratto ;)
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#4
...Ma tieni bene al riparo il culo. :cool:

Se io fossi in te prima del passo cercherei di capire se veramente ci tengono che vai a lavorare con loro.

Potresti magari chiedergli che , per poter valutare meglio la situazione , ti facciano stare qualche mezza giornata da loro , gratuitamente , visto che non sei assunto , e fagli qualche lavoretto e vedi se gradiscono.

Intanto li tieni agganciati qualche giorno e ti schiarisci le idee, e forse poi le decisioni verranno da sole...

Poi fatti una scaletta mentale di priorità vitali: quanto conta 10 min in più di strada rispetto a guadagnare di più o ad avere più soddisfazione ed aspettative col lavoro... penso che ti sei già risposto da solo e vuoi solo sentirtelo dire :rolleyes:

Ciao :)
 

Jersey

Utente Standard
Professione: Progettista di interni
Software: Autocad - Archicad - Photoshop e simili
Regione: Pavia
#5
Confrontare lavoro dipendente o da libero professionista è come paragonare un'aragosta con una fiorentina.
Ognuno ha i propri pro e i propri contro....quale sia il migliore...solo tu puoi deciderlo, in base alle tue esigenze, ai tuoi desideri, al tuo carattere.
L'unico consiglio che posso darti è di stialare una lista con i pro e i contro di entrambi i lavori e scegliere quello che ha i pro più vantaggiosi e i contro meno svantaggiosi....medita bene e....

IN BOCCA AL LUPO!
 

offshore

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: AutoCAD, Creo, Pro-E
Regione: Veneto
#6
Bè il lavoro da dipendente ha molti vantaggi....

Stipendio fisso sicuro ogni mese
Ferie pagate
Malattia pagata
Orari più "umani"
Quando timbri e vai a casa puoi anche dimenticartela l'azienda
Non devi sbatterti a trovare clienti e "prostituirti" sulla tariffa...ecc

Se sei in proprio probabilmente troverai più motivazione e la cosa dà una certa gratificazione all' inizio...poi però alla lunga logora e se il tutto non è ricompensato anche da benefici economici.....la frustrazione è sempre dietro l'angolo.

Isomma sbattersi 100 per guadagnare 150 (non garantiti)=libero prof.
O sbattersi 80 per guadagnare 140+(ferie,malattia ecc...) =dipendente



Alcuni consulenti di mia conoscenza appena anno avuto occasione di farsi assumere in aziende dove collaboravano non hanno avuto dubbi...meglio prendere un pò meno ma vivere più tranquilli.....;)


Qualunque cosa tu scelga in bocca al lupo..........
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#7
quello di cui si occupano mi piace molto e come crescita di competenze sarebbe una bella esperienza, lo stipendio è inferiore (ma con possibilità di crescita) rispetto a dove lavoro ora e come distanza da casa è maggiore.
Secondo voi mi conviene rimanere dove sono oppure tentare una nuova esperienza e far prevalere la crescita di competenze che posso avere presso lo studio?
Dipende se sei giovane e hai voglia e possibilita' di rischiare. Se "tieni famiglia" e un mutuo da pagare allora forse ti conviene restare dove sei, se invece non hai problemi economici puoi tentare un salto.
Comunque l'alternativa che ti hanno proposto mi pare abbia molto poco del libero professionista, mi sembra un lavoro subordinato mascherato (cosi' loro avranno i vantaggi di un dipendente (lavoro in sede, controllo dell'orario etc etc) ma senza gli svantaggi (contributi, ferie, malattia, licenziamento quando gli pare e piace, etc etc)).

Riguardo alla "crescita professionale" e alla "crescita di paga" io ci andrei coi piedi di piombo, non ho ancora i capelli bianchi ma qualcosa di come funziona il mondo l'ho capito.....



Ciao.
 

banda bassotti

Utente Standard
Professione: faccio cose...spesso van bene....talvolta funzionano...raramente servono
Software: un pò uno un pò l'altro
Regione: BRESCIA/NAPOLI
#8
dipende tutto cosa vuoi fare tu,nel senso:
lavorare come consulente per uno studio e solo per loro alla lunga non ha senso tanto vale essere assunti,può invece essere un passaggio importante per farti capire come si lavora "in proprio" per conoscere clienti e fornitori,ma come obbiettivo devi avere quello di aprire un tuo studio per essere realmente "in proprio".
 

DESIGN

Utente Standard
Professione: Lavoratore autonomo
Software: Alibre, solidworks, catia, pro-e, inventor, autocad
Regione: Novara
#9
Ti racconto la mia storia:
Nel lontano 1999 mi viene proposto di lavorare per una ditta di costruzione stampi come disegnatore cad/cam, ovviamente (da operaio normale) ho accettato quindi dal 99 fino ad adesso ho sempre fatto questo lavoro.
Purtroppo le cose non sono andate bene perché la ditta ha incominciato ad avere un calo e vedendo l’andazzo decisi di andare a lavorare da un’ altra parte.
Comunque arriviamo al 2003, lavoro come dipendente presso una ditta di carpenteria in ferro come disegnatore e semi-progettista, bel lavoro ma monotono. Vengo contattato da uno studio tecnico, mi chiedono un colloquio, dopo le varie domande e il caffè mi propongono una prova io accetto e un sabato mattina vado a fare questa prova (modellazione, assieme, messa in tavola esplosa con bollatura) fin qui tutto ok erano contenti (ero stato un po lungo perché nn conoscevo il programma però avevo finito in tempo) mi dicono che deve arrivargli un lavorone da stare impegnato giorno e notte, io contentissimo ed euforico mi licenzio e inizio a lavorare da loro.
Dopo un mese di lavoretti chiedo se mi assumevano o se avrei dovuto aprire la p. iva, non mi era mai stata data una risposta precisa e incominciavano col dire : “ma noi cercavamo uno che sapesse progettare, ma noi cercavamo uno che sapesse usare bene il programma ( pro-e in inglese), ma noi cercavamo uno con la p. iva e che non chiede troppo.
Allora mi chiedo io cosa è servito fare il colloquio e la prova se cercavano uno esperto e dargli 500 € al mese….? Boooo…!!!

Dopo di chè mi hanno sbolognato con 300 € (un mese e mezzo di lavoro) dicendomi che quel lavorone non era ancora partito e che non avevano niente da farmi fare.
Comunque te ne potrei raccontare di tutti i colori su questi personaggi ma non mi bastano 2 giorni.

Il mio consiglio è quello di mollare il lavoro dipendente solo quando sei sicuro, oppure fai come me io ho la p. iva lavoro da dipendente e collaboro con 2 ingegneri che sono clienti della ditta e intanto cerco clienti per me , quando avrò la certezza di avere lavoro almeno per un’anno mollo la sedia da dipendente.

Saluti
DESIGN
 

bio

Utente Standard
Professione: .
Software: .
Regione: lombardia
#10
sei giovane e se hai voglia di migliorarti ti conviene il lavoro dipendente...in ufficio puoi imparare "rubando" dai colleghi e a casa puoi avanzare mettendoci del tempo personale...

se ti metti in proprio o sai venderti o anche se sei bravo non andrai troppo lontano, specie dopo che hai acquistato un cad3d (5k euro) un'auto per girare (10k + spese) e un pc (2/3/4k)...

e poi tirare la cinghia fino a che non sei pari con le spese e ne metti via abbastanza per le prossime spese (mx, auto e ufficio)...

imo al momento stattene a fare il dipendente a meno che non vuoi proprio cambiare..

bio
 

sasso81

Utente Junior
Professione: progettista
Software: Inventor Proengineer
Regione: italia
#11
Grazie delle vostre considerazioni, penso di agire come dice myface che mi sembra un buon consiglio.
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#12
ciao a tutti
buona sera
i consigli dati sono tutti validi e so tutti di utenti che hanno una grossa esperienza alle spalle
in questo momento scegliere tra le due opportunita e na cosa complessa
penso che il singolo piccolo libero professionista
dovrebbe associarsi
va di moda per architetti e avvocati
perche non cercare di associare
cad-cam-cae-fem revers energi.ecc
forse la cosa e piu fattibile
salutissimi
 

MoldKiller

Guest
#13
Lavorare in proprio come progettista e al giorno d'oggi, nella migliore delle ipotesi ti permette di guadagnare qualcosa di più di un dipendente, ma se il dipendente ha buone capacità e riesce ad ottenere un posto di responsabilità nell'azienda giusta, molto probabilmente riesce a guadagnare meglio di un libero professionista.
Il grande vantaggio che invece ha un professionista, è quella che viene chiamata "libertà", non che possa fare quello che vuole, ma comunque può decidere a proprio rischio come gestire il proprio lavoro ecc....
Se però il professionista si mette a lavorare esclusivamente per un solo cliente e per giunta nella sua sede, si ritrova a fare il dipendente senza nemmeno una minima garanzia!

Ciao
 

bio

Utente Standard
Professione: .
Software: .
Regione: lombardia
#14
Lavorare in proprio come progettista e al giorno d'oggi, nella migliore delle ipotesi ti permette di guadagnare qualcosa di più di un dipendente, ma se il dipendente ha buone capacità e riesce ad ottenere un posto di responsabilità nell'azienda giusta, molto probabilmente riesce a guadagnare meglio di un libero professionista.
Il grande vantaggio che invece ha un professionista, è quella che viene chiamata "libertà", non che possa fare quello che vuole, ma comunque può decidere a proprio rischio come gestire il proprio lavoro ecc....
Se però il professionista si mette a lavorare esclusivamente per un solo cliente e per giunta nella sua sede, si ritrova a fare il dipendente senza nemmeno una minima garanzia!

Ciao
il problema può nascere anche dalla concorrenzialità di avere + clienti...

se uno ti chiede di non lavorare nello stesso settore specifico, le tue conoscenze del settore vanno a quel paese e se cambi settore per avere un secondo cliente importante rischi e non poco di entrare in una realtà non perfettamente conosciuta..

bio
 

gabberman

Utente Standard
Professione: grafico 3d
Software: autocad, 3d studio max, Vray
Regione: Lombardia
#15
interessa anche a me
cmq devo ancora vedere se fare il libero professionista o il free-lance, ma finchè mi faranno offerte da fame (sotto i 1000) come dipendente, faro' il freelance...
Cmq è davvero frustrante guadagnare i soldi e non poterli spendere xchè non sai se il mese dopo lavorerai, oppure dover aspettare 2 mesi x incassare i soldi, oppure lavori da una settimana che si prolungano x mesi xchè il committente deve modificare il progetto o lo blocca :mad:
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#16
A suo tempo chiusi una p.iva per più o meno questi motivi...

Ci vuole una buona taglia di pelo sullo stomaco per fare il free-lance oggi!:D
 

Strumpf

Utente Standard
Professione: progettazione meccanica, industrial design, reverser engineering...
Software: SolidWorks, Rhino, NX
Regione: Veneto, Schio - (VI)
#17
Scusate ragazzi ma "free lance" e "libero prof" non è la stessa cosa?

cmq. avete risvegliato alcuni dubbi anche nella mia testa, comincio pensare seriamente di tornare da dipendente, eventualmente mi tengo la P.Iva per "non si sa mai" se ne vale la pena, ma mi sono verramente roto, sono 70% convinto che tutto sto sacrificcio non vale nulla.
Altro ieri mi arrivata la "cartolina di auguri per la pascqu" da parte di agenzia delle entrate, che mi dice di non aver versato nel 2005 altri 5.000€ di tasse, non capisco verramente di dove arrivano ste stronzate dato che nel 2005 non ho faturato 15-20k€ ho acqustato CAD+PC+varie cose e ho cmq. pagato tutto quello richiesto (ora come ora sono molto in ritardo con le tasse ma prima non ero) :confused::eek::mad:
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#18
interessa anche a me
cmq devo ancora vedere se fare il libero professionista o il free-lance, ma finchè mi faranno offerte da fame (sotto i 1000) come dipendente, faro' il freelance...
Questo aspetto lo avevamo già discusso ai tempi. Ricordi ?
Nel 95% dei casi si paga esattamanete per quello che uno vale.
Anche perchè se uno vale veramente, ma è sottopagato, ci mette un3x2 a trovare un'altro lavoro con una retribuzione adeguata. Ma deve essere uno che vale con i fatti e non con le parole...
Cmq è davvero frustrante guadagnare i soldi e non poterli spendere xchè non sai se il mese dopo lavorerai, oppure dover aspettare 2 mesi x incassare i soldi, oppure lavori da una settimana che si prolungano x mesi xchè il committente deve modificare il progetto o lo blocca
E' il "libero mercato" bellezza... e non ci puoi fare nulla [cit. Humphrey Bogart] :D

Guarda che in certi settori è normalissimo aspettare 90-120 o anche 180 gg. (chissà perchè i 150 non li usa nessuno...:confused:).
E sto parlando di settori nei quali ci sono, tralasciando gli investimenti, anche spese non indifferenti a livello materie prime, lavorazioni esterne ed energia, non solo qualche ora di elettricità per il PC, qualche foglio di carta per i bozzetti ed un CD per consegnare il lavoro...

Certo, se invece lavori solo per i privati o per chi fa il "nero", allora soldi sull'unghia.
Ma non è una cosa "sana". Anche perchè allora le "tue" tasse le devo pagare io. E questo mi secca un po'. :mad:
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#19
Certe volte leggendo le storie tipo quella di strumpf mi viene da pensare che lo stato ha la volontà politica di ridurre tutte le piccole realtà autonome...:(
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#20
Altro ieri mi arrivata la "cartolina di auguri per la pascqu" da parte di agenzia delle entrate, che mi dice di non aver versato nel 2005 altri 5.000€ di tasse, non capisco verramente di dove arrivano ste stronzate dato che nel 2005 non ho faturato 15-20k€ ho acqustato CAD+PC+varie cose e ho cmq. pagato tutto quello richiesto
Se la "cartolina" a cui ti riferisci è l'avviso per gli studi di settore, non sei obbligato a pagere un bel nulla. Salvo ovviamente il trovarti la GdF in casa tra qualche mese. Ma vista la cifra, penso che costi meno qualche giorno di "rottura" piuttosto di 5K di euro in meno in tasca. ;)
Anche a me, 2 anni fa, fecero una contestazione di mancata congruità, chiedendo le previste giustificazioni. La risposta stava su 1 riga.
"io sono a posto. non faccio il nero. se volete mandate in ditta una pattuglia della Finanza. saluti"
Mai visto nessuno, nè pagato imposte aggiuntive a chicchessia.

Se invece la cosa è dovuta a qualche errore o tuo o del tuo consulente, in sede di compilazione dell'Unico, allora sono caxxi acidi. Potrebbe essere più conveniente trovare il modo di "transare" e chiudere la cosa.
:)