• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

inventor e/o solid works

Yebisu

Utente Junior
Professione: Geometra
Software: inventor ,solid works, autocad zwcad arcview archicad sketchup
Regione: emilia romagna
#1
vedo molti annunci che cercano disegnatori meccanici solid works e/o inventor l'uso di uno non pregiudica l'altro, che senso ha avere 2 software identici a mio avviso ?

vista che l'edilizia è ferma ... mi converto a mecccanico .... stavo valutanto di imparare l'utilizzo di uno dei software sopracitati.
quale mi consigliereste ?
 

bertu

Utente Junior
Professione: Disegnatore progettista
Software: Inventor, Revit, Autocad, Vault
Regione: piemonte
#2
Io ti consiglio inventor, in quanto la panoramica dei prodotti autodesk è molto più ampia (meccanico, elettrico, edile, etc. etc.)
Ciao
Bertu
 

Yebisu

Utente Junior
Professione: Geometra
Software: inventor ,solid works, autocad zwcad arcview archicad sketchup
Regione: emilia romagna
#3
pensavo anch'io inventor per il semplice fatto che vengo da autocad ..
 

Filo

Utente Standard
Professione: Perditempo
Software: Inventor2015 ANSYS Fluent Gambit SolidWorks Algor
Regione: Veneto
#4
Se è per potersi "vendere" sul mercato meglio Inventor che è più diffuso, cmq a mio avviso solid è più aventi rispetto ad inventor.
Ad ogni modo sono entrambe programmi facili da usare con logiche abbastanza simili, quindi imparato uno puoi facilmente impare anche l'altro.

Ciao
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#5
pensavo anch'io inventor per il semplice fatto che vengo da autocad ..
l'uno non ha niente a che spartire con l'altro, proprio non sono neanche parenti, quindi è bene scegliere altri parametri di valutazione tipo una maggiore diffusione dalle tue parti di INV o di SWX.
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#6
Io ti consiglio inventor, in quanto la panoramica dei prodotti autodesk è molto più ampia (meccanico, elettrico, edile, etc. etc.)
La panormica è ampia, ma sono software del tutto differenti e senza nessuna interoperabilità con Inventor.
 

c'erounavolta

Guest
#7
l'interoperabilità tra gli autocad ed inventor c'è,guarda ad esempio quella tra electrical ed inv,col primo ti progetti l'impianto elettrico e poi col secondo te lo disegni in 3d
 

bertu

Utente Junior
Professione: Disegnatore progettista
Software: Inventor, Revit, Autocad, Vault
Regione: piemonte
#8
La panormica è ampia, ma sono software del tutto differenti e senza nessuna interoperabilità con Inventor.
Io uso abitualmente Revit + Inventor e renderizzo il tutto con Showcase (potrei farlo anche con 3d studio max) senza problemi di interoperabilità.
Alias so per certo che lavora bene con Inventor.

Questo solo dalla mia esperienza...

Ciao
Bertu
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#9
La panormica è ampia, ma sono software del tutto differenti e senza nessuna interoperabilità con Inventor.
l'interoperabilità tra gli autocad ed inventor c'è,guarda ad esempio quella tra electrical ed inv,col primo ti progetti l'impianto elettrico e poi col secondo te lo disegni in 3d
sono stato un po' affrettato nella risposta. Mi riferivo all'interoperabilità in generle dei prodotti autodesk non tanto ai moduli specifici che funzionanon con Inventor. Siccome si parlava di Inventor vs Solidworks credo proprio che revit e Autocad possano essere considerati programmi coi quali si può dialogare solo tramite scambio di formati neutri.
 

bertu

Utente Junior
Professione: Disegnatore progettista
Software: Inventor, Revit, Autocad, Vault
Regione: piemonte
#10
In realtà autocad e Revit lavorano molto bene assieme.
Io disegno le piante, i prospetti, i profili, o altre cose bidimensionali e vado a collegare questi file con Revit e continuare il lavoro.
All'occorrenza modifico il dwg e dicendo a Revit di aggiornare ho in automatico le modifiche fatte (sempre tutto da controllare e verificare e nel caso di modifiche pesanti prepararsi ad aggiustare molto in Revit.

Logicamente autocad non può aprire i file di Revit se non opportunamente esportati nella modalità voluta 2d o 3d. Ma settando bene i parametri iniziali funziona anche bene (testato sulle tavole 2d)
 

goccia

Utente Standard
Professione: Studente ing meccanica
Software: freecad, catia v5
Regione: Sicilia
#11
A chi si occupa di progettazione meccanica: quale dei due software ad uno studente di ing meccanica per prepararsi gradualmente al futuro lavoro?
 

ROAR

Guest
#12
come prestazioni si somigliano,puoi cominciare da solidworks sicuramente ancora più diffuso,però nella ricerca di lavoro nessuna azienda ti dirà "noi usiamo inventor e cerchiamo una figura professionale che sa usare inventor,però se tu sai usare solidworks ci vai bene lo stesso"
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#13
A chi si occupa di progettazione meccanica: quale dei due software ad uno studente di ing meccanica per prepararsi gradualmente al futuro lavoro?
Penso che uno valga l'altro, nel senso che nessuna azienda ti valutera' sulla conoscenza approfondita di un sistema o l'altro, tanto sono cose che si imparano in due settimane. Piuttosto vorranno sapere se sei in grado di disegnar eun pezzo che sia poi effettivamente costruibile, o se sai mettere delle quote utili nel disegno che verra' passato alla prduzione. Il mio consiglio e' di impiegare meno tempo sul cad e piu' sui libri di disegno tecnico e tecnologia meccanica.
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#14
Buonasera Cacciatorino,
se posso, sommessamente, mi piacerebbe confrontarmi su questi punti che hai messo in evidenza:

Penso che uno valga l'altro, nel senso che nessuna azienda ti valutera' sulla conoscenza approfondita di un sistema o l'altro, tanto sono cose che si imparano in due settimane.
Penso dipenda anche dal tipo di mansione . E da cosa si considera per conoscenza approfondita. Ma e' una mia opinione.

Piuttosto vorranno sapere se sei in grado di disegnar eun pezzo che sia poi effettivamente costruibile, o se sai mettere delle quote utili nel disegno che verra' passato alla prduzione. Il mio consiglio e' di impiegare meno tempo sul cad e piu' sui libri di disegno tecnico e tecnologia meccanica.
Certo. Hai, a mio parere, completamente ragione. Ma, una volta costruita una "solida base", l'evoluzione del CAD si misura in mesi, quella meccanica in anni. Cioè soluzioni che fanno fare un certo tipo di "salto" nella meccanica non , mi pare, siano così frequenti come quelle nei sistemi CAD. Poi, sono anche io della convinzione che il CAD è uno "strumento" come era la Rapidograph . Più complesso ma sempre strumento.
Ho detto baggianate ?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#15
Buonasera Cacciatorino,
se posso, sommessamente, mi piacerebbe confrontarmi su questi punti che hai messo in evidenza:
Detto in breve, secondo me le competenze nell'uso di un cad sono di basso valore, perche' si acquisiscono in poco tempo, e quindi valgono poco sul mercato. Insomma, ad imparare a fare una protusione di loft bastano venti minuti di lavoro, a modellare una superficie G2 bastera' un giorno, ad usare un pdm una settimana se e' complicato.

Le competenze tecnologiche invece, visto che si parlava di progettazione meccanica, sono di alto valore perche' richiedono anni di studio per essere acquisite, e quindi un azienda che usa SolidXXX, fra un ragazzo che sa usare benissimo SolidXXX ed uno che sa quanto sovrammetallo dare ad un composto saldato in modo che poi si possa fresare senza deformarsi una volta tolto dalla tavola portapezzi, chi scegliera'?
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#16
Buonasera Cacciatorino,
Hai ragione a sostenere che la professionalità (nel senso più ampio del termine) è quella che paga.
Ripeto che una base ci deve essere e più la formazione è elevata, meglio è. Per l'azienda e per se stessi. Sembra, invece, che tu voglia "spingere" sul fatto che un ignorante ( come sono io ) possa mettersi a disegnare senza sapere cosa sta facendo. Non sostengo questo.
Dico che, però, questo ragionamento corretto, viene applicato con "sfumature" diverse a seconda del paese e del tipo di realtà aziendale. Nella realtà tipica aziendale italiana, medio-piccola, con 15 dipendenti dei quali 2 o 3 come progettisti, è corretto puntare di più sulla professionalità "tecnica" che su quella CAD. Perchè chi progetta dovrà preoccuparsi di tutto il prodotto e di tutte le attrezzature e del suo ciclo completo, avrà un contatto diretto e giornaliero con chi produce, probabilmente gestirà il prodotto CAD in modo autonomo senza dover passare ad altri il suo lavoro , etc etc.
Nella realtà della grande azienda o delle aziende estere (almeno quelle che ho visto), mi pare l'organizzazione sia un pò diversa.
Ognuno, al suo interno, ha uno specifico compito, che deve saper fare bene. E quel compito, nella maggior parte delle situazioni, è veramente ristretto a poco. Se lavori tutto il giorno e per mesi e per anni solo a fare, per esempio, inviluppi ruote con il CAD, sapere come è fatta la struttura di un paraurti non ti serve a molto. Ti serve di più, ad esempio, saper definire una macro e un master file che ti trasforma l'analisi FEM in superfici. E ti risparmia giorni o settimane di lavoro. E non penso che sia un tipo di attività che impari in "20 minuti". Le aziende italiane, quando cercano persone del genere, purtroppo, le devono andare a cercare all'estero e pagarle fior di quattrini.
Può essere che , invece, l'azienda stia cercando uno specialista di pneumatici, su come deve essere fatta la struttura, etcc, ma allora può darsi che dell'aspetto CAD a loro non importi "nulla", perchè un CAD non lo toccherai mai. Tu provvederai a seguire 10 persone specializzate su un determinato CAD che faranno , professionalmente, quello che tu "gli dirai".
E' solo una mia opinione. Dici che mi sbaglio ?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#17
Buonasera Cacciatorino,
Hai ragione a sostenere che la professionalità (nel senso più ampio del termine) è quella che paga.
Ripeto che una base ci deve essere e più la formazione è elevata, meglio è. Per l'azienda e per se stessi. Sembra, invece, che tu voglia "spingere" sul fatto che un ignorante ( come sono io ) possa mettersi a disegnare senza sapere cosa sta facendo. Non sostengo questo.
Dico che, però, questo ragionamento corretto, viene applicato con "sfumature" diverse a seconda del paese e del tipo di realtà aziendale. Nella realtà tipica aziendale italiana, medio-piccola, con 15 dipendenti dei quali 2 o 3 come progettisti, è corretto puntare di più sulla professionalità "tecnica" che su quella CAD. Perchè chi progetta dovrà preoccuparsi di tutto il prodotto e di tutte le attrezzature e del suo ciclo completo, avrà un contatto diretto e giornaliero con chi produce, probabilmente gestirà il prodotto CAD in modo autonomo senza dover passare ad altri il suo lavoro , etc etc.
Nella realtà della grande azienda o delle aziende estere (almeno quelle che ho visto), mi pare l'organizzazione sia un pò diversa.
Ognuno, al suo interno, ha uno specifico compito, che deve saper fare bene. E quel compito, nella maggior parte delle situazioni, è veramente ristretto a poco. Se lavori tutto il giorno e per mesi e per anni solo a fare, per esempio, inviluppi ruote con il CAD, sapere come è fatta la struttura di un paraurti non ti serve a molto. Ti serve di più, ad esempio, saper definire una macro e un master file che ti trasforma l'analisi FEM in superfici. E ti risparmia giorni o settimane di lavoro. E non penso che sia un tipo di attività che impari in "20 minuti". Le aziende italiane, quando cercano persone del genere, purtroppo, le devono andare a cercare all'estero e pagarle fior di quattrini.
Può essere che , invece, l'azienda stia cercando uno specialista di pneumatici, su come deve essere fatta la struttura, etcc, ma allora può darsi che dell'aspetto CAD a loro non importi "nulla", perchè un CAD non lo toccherai mai. Tu provvederai a seguire 10 persone specializzate su un determinato CAD che faranno , professionalmente, quello che tu "gli dirai".
E' solo una mia opinione. Dici che mi sbaglio ?
Io ho un'opinione opposta, detto con rispetto ovviamente. Intanto chi ha fatto la domanda ha specificato che si parlava di progettazione meccanica e presumiblimente cerchera' lavoro in Italia, dove la struttura aziendale tipica e' quella che anche tu descrivi, e poi, secondo la mia esperienza, anche al semplice disegnatore sono sempre e comunque richieste conoscenze dei processi tecnologici, cioe' come si possa costruire il pezzo che si sta disegnando. Non ho detto che si debba sapere come e' fatto un paraurti, ma qualcosa sui ritiri, sui raccordi, sulle soffiature bisogna saperlo. Questo perche' di solito il progettista "senior" non completa la modellazione 3d, ma la porta fino ad un certo punto e poi la passa ai disegnatori, che la completeranno a favore della fabbricazione. Io ho visto disegni fatti con Catia (bellissimi) ma sui quali erano indicate lavorazioni meccaniche impossibili, tipo in zone irrangiungibili dalla fresa.

Inoltre, iperspecializzarsi su un singolo strumento secondo me non e' molto intelligente, perche' non sai cosa ti aspettera' una volta inserito in una organizzazione aziendale, e magari verra' fuori che quello che serviva era diverso.

tornando al topic, date le opzioni:

1) Imparo benissimo Inventor
2) Imparo benissimo Solidworks
3) mi faccio una formazione base su uno dei due a caso e passo il resto del tempo sui libri di macchine utensili, tecnologia meccanica, disegno meccanico

consiglierei sicuramente la 3.
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#18
Inoltre, iperspecializzarsi su un singolo strumento secondo me non e' molto intelligente, perche' non sai cosa ti aspettera' una volta inserito in una organizzazione aziendale, e magari verra' fuori che quello che serviva era diverso.
tornando al topic, date le opzioni:

1) Imparo benissimo Inventor
2) Imparo benissimo Solidworks
3) mi faccio una formazione base su uno dei due a caso e passo il resto del tempo sui libri di macchine utensili, tecnologia meccanica, disegno meccanico

consiglierei sicuramente la 3.
Quoto, aggiungendo che "goccia" dichiara di usare e conoscere Catia, per cui di fatto conosce perfettamente la logica di lavoro dei cad parametrici e passare da l'uno all'altro credo sia l'ultimo dei problemi per un ingegnere che cerca lavoro.
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#19
Buongiorno Cacciatorino,
una parte del post va OT , valuta se rimuovere la parte e, magari, trasferirla in un'altra area.

La propria opinione è figlia, anche, delle nostre conoscenze e delle nostre esperienze. Essendo titolare o responsabile di azienda italiana, avrai tutte le buone ragioni e l'esperienza per adottare questo modo di procedere.

tornando al topic, date le opzioni:

1) Imparo benissimo Inventor
2) Imparo benissimo Solidworks
3) mi faccio una formazione base su uno dei due a caso e passo il resto del tempo sui libri di macchine utensili, tecnologia meccanica, disegno meccanico

consiglierei sicuramente la 3.
Tornando al topic: sia Yebisu che Goccia richiedevano quale software scegliere tra Inventor e Solidworks. Non se studiare su un libro relativo allo stampaggio o alle saldature.
Mia risposta:
1) Dipende da cosa si vuole fare (prodotto, attrezzature, lamiera, plastica, etc..?) e dove (area geografica, tipo di aziende, etc..?).
Se , per ipotesi, dietro casa, Goccia o Yebisu hanno un indotto di aziende che usa Inventor per fare macchine automatiche, perchè no ? Anche se il settore è concentrato su altri CAD, come potrebbero essere Solidworks o SolidEdge, non vuol dire che non si possano acquisire conoscenze anche con altri software.




Poi, in OT rispetto al tema della scelta tra Inventor e Solidworks:

... Non ho detto che si debba sapere come e' fatto un paraurti, ma qualcosa sui ritiri, sui raccordi, sulle soffiature bisogna

saperlo.....
Se rileggi il mio post, ho detto che per chi fa inviluppi ruota non è detto che serva sapere come è fatto un paraurti, non che chi fa paraurti non debba sapere come si fa un paraurti.



... secondo la mia esperienza, anche al semplice disegnatore sono sempre e comunque richieste conoscenze dei processi tecnologici,

cioe' come si possa costruire il pezzo che si sta disegnando....
Ripeto. Non ho detto che una persona senza alcun tipo di istruzione o formazione possa fare qualsiasi tipo di mestiere dall'oggi al domani.
Ho detto che, una volta definita una formazione "base" (che , ad esempio, Goccia in quanto studente di Ingegneria, una volta uscito, dovrebbe avere) dovrà puntare sull'acquisire una professionalità che , non sempre, si acquisisce con una lettura di un libro. A volte ci vogliono anni di fianco a persone con tanta esperienza. Classe A, ingranaggi, paraurti, NX, Catia, Inventor, Pro-e, stampi per lamiera, stampi plastici, etc..
Quella professionalità sarà riconosciuta, soprattutto nelle grandi aziende e all'estero.
E non è detto che avere 10 anni di esperienza negli aerei, possa essere di interesse per chi fa automobili. Anche se hai un master.

...Io ho visto disegni fatti con Catia (bellissimi) ma sui quali erano indicate lavorazioni meccaniche impossibili, tipo in zone

irrangiungibili dalla fresa.
Dopo un pò di anni ho capito che, di impossibile , nel settore , c'è molto poco.
Quando c'è tempo e denaro, (quasi) tutto si può fare.
Magari un processo tecnologico "impossibile" per un'azienda italiana, è possibile per un'azienda tedesca.
Uno "impossibile" per un produttore di "serie", è possibile per uno di nicchia.
Quello che è "impossibile" con uno stampo da 50k euro, è possibile con uno da 100K.
La tolleranza "impossibile" per il tuo fornitore di fiducia, è possibile per uno nuovo appena uscito sul mercato.

Poi, per la serie "ho visto cose che voi umani...":
Ho visto geometri e diplomati artistici imparare a disegnare e progettare particolari plastici in maniera assolutamente autorevole .
Ho visto stimati professionisti del settore attrezzature approcciare lo studio di un prodotto come fossero la stessa cosa.
Ho visto ingegneri, con fior fiore di collaborazioni, che hanno mandato a monte l'uscita di un prodotto perchè, tra le altre cose, " .. si ma tanto SolidEdge fa il raccordo estetico e non si vede niente...." e altre informazioni sullo stampaggio che, alla realtà dei fatti, si sono rivelate errate.

E' sempre difficile giudicare il lavoro fatto da altri. Specialmente se, nel mezzo, ci sono N passaggi e più N tende a infinito, più le informazioni che ci giungono sono parziali e "di parte".

Fine OT
 
Professione: Disegnatore CAD
Software: Catia V5, V4, NX2, cadds4x, tecnigrafo
Regione: UK - South England
#20
Buonasera Marcof,

Quoto, aggiungendo che "goccia" dichiara di usare e conoscere Catia, per cui di fatto conosce perfettamente la logica di lavoro dei cad parametrici e passare da l'uno all'altro credo sia l'ultimo dei problemi per un ingegnere che cerca lavoro.
Quindi il fatto di "dichiarare di usare e conoscere Catia" vuol dire che automaticamente è in grado di essere Produttivo dal primo giorno che adopererà SolidWorks dopo una "full immersion" di 5 giorni ?
Da quanto tempo adoperi SolidWorks ? Guardandoti indietro, sei stato Produttivo dopo la prima settimana o dopo, per dire , i primi 6 mesi ? Dico Solidworks ma mi riferisco a un qualsiasi software.
Poi, Catia ha 40 pacchetti solo per il disegno industriale, senza contare FEM, elettrici, PLM , etc...
NX e Pro-E credo che siano lì . Forse hanno meno pacchetti , per un discorso di diversa suddivisione delle licenze, ma i "comandi" credo siano in numero simile.
Davvero si può dichiarare : "Conosco il software XXX " ? Penso che sia diverso "riuscire a fare un cubo" e "industrializzare un prodotto" .