• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Intervista a Al Whatmough, fondatore e CEO di InspirTech

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#1


Forse pochi conoscono InpirTech in Italia. SolidProfessor e InspirTech sono le due principali aziende statunitensi produttrici di training per SolidWorks. Il training su DVD sta attraversando un periodo di grande crescita e sta gradualemnte rimpiazzando il traning tradizionale, quello "live" nelle aule di formazione. A mio parere le ragioni sono varie: dalla discesa lenta ma continua dei costi dei sistemi CAD, al miglioramento delle tecnologie di "authoring" multimediale. Infine diciamocelo: i sistemi CAD stanno lentamente diventando piu' semplici da usare e piu' facili da "imparare". Ci sono voluti anni e anni, ma oggi non sono piu' quegli animali scorbutici che molti di noi ricordano.

Per capire dove va il mercato del training Online e su DVD e come potrebbe evolversi ho intervistato Albert Whatmough (o semplicemente Al), il CEO e fondatore di InspirTech. Chi e' intressato puo trovare l'intervista completa sul blog di Novedge.

Che ne pensate voi del training su DVD? Lo preferite al training tradizionale? O preferite il training online?
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#2
Ciao Franco,
grazie per l'intervista...
Sicuramente è meglio il DVD, per vari motivi.
Prima di tutto avere dei corsi off-line e meglio che doversi connettere e accettare la banda che attualmente i nostri provider ci rifilano.
In secondo e non per questo meno importante, avere dei corsi in HD, sono da prediligere per capire cosa sta facendo l'insegnate....

Visto che che sei un contestuale, quando avrai i giri per fare un'intervista al CEO di SW per avere una loro opinione a riguardo e quando vedremo una vera integrazione con Catià, come avviene in Siemens, oppure sapere quali sono i loro progetti per il futuro.

Non voglio sminuire il tuo lavoro, anzi, sapere che c'è un Italiano nel mondo del CAD, ci rende orgogliosi di te.....ma intervistare loro non è come intervistare tutti gli altri che lo fanno per pubblicizzare i loro prodotti (Siemens, CoCreate, Rhino, T3, SC, etc..).
La DS è sempre stata molto invalicabile.
Speriamo che con un buon prosciutto o salame felino, tu te la possa cavare.
 

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#3
Alessandro,
grazie per il tuo feedback.

Al Whatmough rifiuta l'idea di integrazione tra help e training. Di parere opposto e' David Ptak (suo competitore con SolidProfessor) che vede nel merge dei due strumenti grandi opportunita' di business. Tu che ne pensi? Credi che un training linkato dinamicamente alla sessione di lavoro e invocabile in come l'Help sia utile oppure no?

Ha ancora senso l'help system tradizionale?




Per quanto riguarda le interviste, certamente molti degli intervistati ne beneficiano in termini di visibilita' (dunque una forma di pubblicita'). Intervistare i grandi nomi e' certamente interessante, ma non e' facile ottenere risposte dirette alle domande "difficili". Ricordo quando nel 1997 in Italia tentai di intervistare il manager locale di IBM/Dassault per una rivista Italiana di CAD e computer graphics ora scomparsa. Il personaggio sentendosi molto importante pretese che inviassi per fax alla sua segretaria la lista delle domande. Mi rispedi' la lista con le domande piu' interessanti depennate. Aveva cancellato tutte le domande che riguardavano l'argomento caldo del momento (1997), cioe' l'acquisizione di SolidWorks. Io mi rifutai di fare l'intervista e non se ne fece piu' nulla. Devo dire che gli Americani hanno molta meno puzza sotto il naso...


sapere che c'è un Italiano nel mondo del CAD....
Pensavo fossi Italiano anche tu! :smile:
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#4
Ha ancora senso l'help system tradizionale?
Io mi trovo bene con l'help installato sul pc e l'assistenza telefonica quando serve.
Un dvd non saprei, ce la fa ad abbracciare tutta la casistica che puo' capitare nella vita professionale? Per quello preferisco poter telefonare, in modo da spiegare il mio personalissimo problema ed avere una risposta in 5 minuti, invece di dover scartabellare un dvd oppure un help per cercare quella cosa che io chiamo in un modo e invece l'estensore del manuale in un altro.

Di corsi in vita mia ne ho fatto solo uno, ma essendo una classe di venti persone non c'era molto spazio per fare domande, e poi quando si e' novizi di uno strumento non si capiscono i problemi che verranno e quindi non vengono in mente le domande.
Forse i corsi hanno piu' successo su utenti evoluti piuttosto che su quelli alle prime armi...
 

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#5
Io mi trovo bene con l'help installato sul pc e l'assistenza telefonica quando serve.
Non son ocerto che tutti gli utenti abbiano la fortuna di aver accesso ad una hotline di supporto tecnico. Per chi ha un budget per il supporto tecnico telefonico ovviamente non serve un sistema integrato di Help+Training.

Cacciatorino, quanto credi sia comune/diffusa la tua situazione?


Forse i corsi hanno piu' successo su utenti evoluti piuttosto che su quelli alle prime armi...
Su questo punto sono certamente daccordo. Una classe con dei novizi e' molto piu' leggera che non con degli utenti smaliziati. E si vedrebbero le pecche dell'insegnate (se pecche ci sono)...
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#7
Cacciatorino, quanto credi sia comune/diffusa la tua situazione?
Non so come funzioni negli usa, ma in europa se hai l'abbonamento alle nuove release, hai per forza anche l'assitenza telefonica, non e' possibile comprare solo una delle due.
E l'abbonamentoa gli aggiornamenti ce l'hanno quasi tutti, siamo un popolo di liberi professionisti che devono sempre essere allineati alla release dei vari clienti.
 

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#8
Molti degli utenti CAD negli USA o non sono coperti da maintenance oppure hanno maintenance via e-mail. Credo che il supporto telefonico sia comune nelle grandi aziende e sia usualmente gestito internamente. Se scendiamo nella fascia bassa l'assistenza telefonica non e' neppure un'opzione. Ad esempio con AutoCAD LT c'e' una linea telefonica a pagamento ( x dollari/minuto).
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#9
Alessandro,
grazie per il tuo feedback.

Al Whatmough rifiuta l'idea di integrazione tra help e training. Di parere opposto e' David Ptak (suo competitore con SolidProfessor) che vede nel merge dei due strumenti grandi opportunita' di business. Tu che ne pensi? Credi che un training linkato dinamicamente alla sessione di lavoro e invocabile in come l'Help sia utile oppure no?

Ha ancora senso l'help system tradizionale?




Per quanto riguarda le interviste, certamente molti degli intervistati ne beneficiano in termini di visibilita' (dunque una forma di pubblicita'). Intervistare i grandi nomi e' certamente interessante, ma non e' facile ottenere risposte dirette alle domande "difficili". Ricordo quando nel 1997 in Italia tentai di intervistare il manager locale di IBM/Dassault per una rivista Italiana di CAD e computer graphics ora scomparsa. Il personaggio sentendosi molto importante pretese che inviassi per fax alla sua segretaria la lista delle domande. Mi rispedi' la lista con le domande piu' interessanti depennate. Aveva cancellato tutte le domande che riguardavano l'argomento caldo del momento (1997), cioe' l'acquisizione di SolidWorks. Io mi rifutai di fare l'intervista e non se ne fece piu' nulla. Devo dire che gli Americani hanno molta meno puzza sotto il naso...



Pensavo fossi Italiano anche tu! :smile:
Gli americani non avranno la puzza sotto il naso, ma quelli della SolidWorks Corp. e DS, per avere informazioni, devi avere delle conoscenze molto, ma molto inserite, forse perché sono quelli che negli ultimi anni hanno portato innovazione nel mondo del CAD, gli altri sono tutti dei 'follower'.

Tornando alle tue domande, io sono di opinione diversa rispetto a Caccia.
Ci sono vari livelli di conoscenza del CAD da parte degli utenti.
La hotline rimane a tutt'oggi ancora necessaria perché l'help e i tutorial delle case madri sono scarni e fatti male, per il semplice motivo che il costo di manutenzione, sviluppo e gestione è così notevole da doversi limitare al minimo indispensabile per avere una sufficienza.
Forse non tutti gli utenti sanno della mole di lavoro che ci sta dietro, ma assicuro che è notevole.
Detto questo, io partirei dall'help attuale in locale e collegato al sito della casa madre sotto forma di wikepidia, gestito dagli utenti iscritti e approvati dalla casa madre.
L'help si aggiornerebbe ad ogni connessione e comprenderebbe tutto ciò che la conoscenza e l'esperienza degli utenti hanno accumulato nei loro anni.
Ti assicuro che ci sono migliaia di persone che ogni giorno aiutano altri utenti nel forum ufficiale.
Trasportare le risposte sotto forma di help o esempi, sarebbe il meno.
Basta vedere com'è cresciuto e cresce wikepidia per darti l'idea, che l'idea è buona.

I tutorial sono fondamentali per apprendere come, quali e quando utilizzare i comandi.
Io rimanderei i tutorial a queste aziende che per altro li fanno molto bene.
Dinamici o non dinamici..questa è una sottigliezza.
DVD o on-site, questo non dovrebbe essere un problema, visto che una volta pagato, decido io quale preferire.
Il problema su queste forme di addestramento, nettamente superiori a quelle fatte dai rivenditori, è che ancora non c'è la mentalità, si preferisce ancora chiamare perché si fa prima o non si vuole ragionare, oppure perché sono solo in Inglese.
Le hotline campano solo grazie ai fannulloni e agli incapaci.
Dopo un anno di lavoro su SolidWorks, ti assicuro che ne sa di più l'utente che chi sta dall'altra parte del telefono, a parte certe categorie che ho menzionato prima.
Esempio...uno che progetta lamiere...stai pur tranquillo che dopo un anno ne sa di più del tecnico, stessa cosa vale per che usa il rendering, il FEM, etc.
L'importante è dare le basi e queste aziende hanno dei tutorial ottimi, peccato che sono in Inglese e non so a quale prezzo, forse più a buon mercato che un corso di 5 gg fatto dal rivenditore.
 

RUGGIUNO

Guest
#10
certo che io ancora non capisco perchè sti corsi su dvd costino parecchie centinaia di dollari a fronte di manuali cartacei di 1000 pagine dal costo di 50 dollari
(su internet si trovano affari incredibili anche manuali nuovi direttamente da case editrici)
inoltre i corsi in dvd sono insopportabili perchè sono lenti e costringono a guardare tutte le lezioni
niente di meglio per imparare da zero un pò di manuali cartacei da riempire di note scritte a matita o penna con dritte suggerite dal collega (mostro) di turno
 

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#11
Raggiouno,
La tua e' un'opinione decisamente interessante. Non sono certo che stiamo pensando agli stessi corsi. InspirTech ad esempio vende il corso base per SolidWorks (in inglese) nella versione online per $89 (meno di 58 euro). Si tratta di 8 ore di lezione accessibili da un indice piuttosto dettagliato che non ti costringerebbero a guardare tutte le lezioni in sequenza ma di andare direttamente al punto di interesse.

Certo non e' possibile annotare le lezioni, ma questo mi sembra piu' un problema "implementativo" e di scelta da parte di Inspirtech. Tecnicamente parlando non vi e' nessun ostacolo a lasciare che ciascun utente annoti le lezioni o metta dei segnalibro (bookmarks) nei punti critici.

Mi trova molto in sintonia l'idea di cubalibre per un sistema online di training affiancato ad una sezione per gli utenti organizzata su un modello simile a wikipedia. Nell'intervista ho suggerito un'idea simile ad Al Whatmough che la considera impraticabile per il training ma la trova valida per per una sorta di help online condiviso.



Credete che gli utenti di un sistema CAD (supponiamo SolidWorks, o Solid Edge) sarebbero disponibili a condividere le loro esperienze in modo co-ordinato, ordinato e moderato come in una pagina di Wikipedia (sappiamo che gia' lo fanno in modo libero e non coordinato nei forum come questo)? Questa ipotetica risorsa condivisa sarebbe piu' un help o un training oppure non avrebbe piu' senso separare le due cose?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#12
Il problema su queste forme di addestramento, nettamente superiori a quelle fatte dai rivenditori, è che ancora non c'è la mentalità, si preferisce ancora chiamare perché si fa prima o non si vuole ragionare, oppure perché sono solo in Inglese.
Le hotline campano solo grazie ai fannulloni e agli incapaci.
Guarda, come dicevo non e' che da noi paghi un euro in piu' per avere l'hot-line telefonica, e' obbligatoria se compri gli aggiornamenti, come se al ristorante ti portano anche la bistecca oltre la pastasciutta, che tu la voglia o no.

A quel punto io preferisco telefonare se mi risolvono il problema in 5 minuti invece di ravanare mezz'ora fra tentativi e manuale in linea.

Poi capita come dici tu che il 50% delle volte sono io che gli dico come si risolve il problema.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#13
Credete che gli utenti di un sistema CAD (supponiamo SolidWorks, o Solid Edge) sarebbero disponibili a condividere le loro esperienze in modo co-ordinato, ordinato e moderato come in una pagina di Wikipedia (sappiamo che gia' lo fanno in modo libero e non coordinato nei forum come questo)? Questa ipotetica risorsa condivisa sarebbe piu' un help o un training oppure non avrebbe piu' senso separare le due cose?
La cosa e' interessante, la propongo all'amministratore!

Ciao.
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#14
certo che io ancora non capisco perchè sti corsi su dvd costino parecchie centinaia di dollari a fronte di manuali cartacei di 1000 pagine dal costo di 50 dollari
(su internet si trovano affari incredibili anche manuali nuovi direttamente da case editrici)
inoltre i corsi in dvd sono insopportabili perchè sono lenti e costringono a guardare tutte le lezioni
niente di meglio per imparare da zero un pò di manuali cartacei da riempire di note scritte a matita o penna con dritte suggerite dal collega (mostro) di turno
Ho letto le risposte che ti hanno dato e te la volevo dare ieri sera, ma era tardi ed ero stanco.
Questa è la mia opinione :
Normalmente i manuali, anche quelli della SolidWorks, descrivono i comandi, con esempi semplici e niente più.
Di manuali e libri ne ho letti a iosa, ma ti assicuro che ho imparato molto di più con i video che girano su youtube o tutorial fatti da iget.
E poi a mio avviso, si apprende di più vedendo con gli occhi che leggendo, i cervello, come ben sai, imprime di più con la vista rispetto agli altri.

Per quanto riguarda i prezzi, come avevo scritto, non avevo idea di quanto costassero, ma Franco ci ha mostrato che sono prezzi interessanti.
Lo scoglio è la lingua.
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#15
Guarda, come dicevo non e' che da noi paghi un euro in piu' per avere l'hot-line telefonica, e' obbligatoria se compri gli aggiornamenti, come se al ristorante ti portano anche la bistecca oltre la pastasciutta, che tu la voglia o no.

A quel punto io preferisco telefonare se mi risolvono il problema in 5 minuti invece di ravanare mezz'ora fra tentativi e manuale in linea.

Poi capita come dici tu che il 50% delle volte sono io che gli dico come si risolve il problema.
La politica di Siemens mi sembra diversa da quella della SolidWorks Corp.
La hotline non è obbligatoria.
La hotline è un prezzo che paghi al rivenditore, è lui che te la fa, non la SolidWorks Corp., quindi quando un commerciale ti fa il contratto, se ti mette la hotline, se tu non la vuoi, non la paghi.
 

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#16
Credete che gli utenti di un sistema CAD (supponiamo SolidWorks, o Solid Edge) sarebbero disponibili a condividere le loro esperienze in modo co-ordinato, ordinato e moderato come in una pagina di Wikipedia (sappiamo che gia' lo fanno in modo libero e non coordinato nei forum come questo)? Questa ipotetica risorsa condivisa sarebbe piu' un help o un training oppure non avrebbe piu' senso separare le due cose?
Franco, l'idea del wikepidia dell'help di un CAD con inserito degli esempi pratici o piccoli video, lo farei solo se ufficializzata dalla casa madre, dove oltre allo spazio, mi metterebbe anche a disposizione gli strumenti per gestirla ed implementarla, una sorta di dare e ricevere.
Anche perché, sarebbe una cosa molto seria.
 

cad3d

Amministratore
Staff Forum
Professione: web
Software: Vari
Regione: Sardegna
#17
Ho installato il wiki www.cad3d.it/wiki su una gestione professionale ho i miei dubbi, come dice Alessandro ci vorrebbe il coinvolgimento delle società produttrici di software.
Altri consigli sono bene accetti.
 

RUGGIUNO

Guest
#18
folini io mi chiamo RUGGI UNO:smile:
i video li vedo anch'io ci mancherebbe
ho addirittura un corso tedcf però la differenza di prezzo è indiscutibile
http://www.amazon.com/s/qid=1245239...011,n:!251254011,n:465600,k:solidworks&page=1
http://inspirtech.com/index.php?option=com_virtuemart&page=shop.browse&category_id=16&Itemid=111
http://www.solidprofessor.com/viewproduct.asp?prodno=103
http://www.trainingtutorial.com/
per quanto riguarda le wiki per software esistono già free
(se ne possono aprire senza spese)
http://www.wikia.com/wiki/Technology_wikis
http://autocad.wikia.com/wiki/Main_Page
ma mi sembrano poco frequentate
 

matte79

Utente Standard
Professione: Mobilizzazione Mouse
Software: ProE-Catia V5-Think design
Regione: Emilia Romagna
#19
vorrei porre un altro punto di vista: nella mia pur breve esperienza mi è capitato di "insegnare" il CAD 3D a svariate persone e il grosso limite delle manualistiche (in genere DVD o cartacee o on line) l'ho trovato nell'utilizzo degli ambienti "creati ad hoc" dalle aziende.
Tale punto lo ritengo ancora un po' delicato per prescindere dalla bell'aula con un docente "istruito" sugli standard aziendali che "si smazza" giorni e giorni di corsi con disegnatori di ogni levatura.
La "formazione tra pari" (colleghi che si aiutano) spesso è poi un vero bagno di sangue...
 

folini

Utente Junior
Professione: Imprenditore
Software: Solidworks, Rhino, SpaceClaim, Vectorworks
Regione: California
#20
... il grosso limite delle manualistiche (in genere DVD o cartacee o on line) l'ho trovato nell'utilizzo degli ambienti "creati ad hoc" dalle aziende
Certamente un grosso limite. A volte mi chiedo se tutte queste customizzazioni servono veramente agli utenti o se non sono un modo per arrotondare il conto del rivenditore locale. La storiella che "noi abbiamo delle esigenze diverse da tutti gli altri" mi ha convinto solo in pochi casi.

In fondo se chiedo al rivenditore del sistema XYZ un software che risolva il mio problema, inevitabilmente la risposta sara': XYZ! Se poi non risolve tutti i miei problemi una bella (e cara) customizzazioni risolve tutto!

Perdonatemi se sono sospettoso, forse ho semplicemente il dente avvelenato verso i rivenditori tradizionali e queste customizzazioni fanno veramente la differenza...