• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Il Quartabuono

flaviobrio88

Utente Standard
Professione: AE
Software: ---------------
Regione: World
#41
Infatti. Ma il problema era che abbiamo provato a fare questo con un soft di un amico.
Proiettando la linea sulla superficie, si otteneva una spline che non era utilizzabile quale "percorso" per un elemento strutturale. Inoltre, così facendo, se partivi con un angolo tra le ali di 90°, rimaneva tale per tutta l'estrusione (invece come ha fatto max, l'angolo cambia avvicinandosi a poppa).



Con ProE i profili si adattano cambiando ad esempio l'apertura tra ala e anima?
:biggrin::biggrin::biggrin:
Una domanda da super ignorante, una volta che hai disegnato la tua " staffa" che segue il profilo della carena, ti serve anche vedere il reverse?
cioè la parte lunga 90 mm che hai adagiato portandaola sul piano, poi la staffa a 90° si torce come una specie di spirale.
Questa info serve oppure no
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#42
per exatem

andando OT la foto della nave in legno che hai postato di che nave si tratta? Io ieri sera ho finito il secondo fasciame della mia prima barchetta, lo sto carteggiando e stuccando dove necessita...
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#43
Infatti. Ma il problema era che abbiamo provato a fare questo con un soft di un amico.
Proiettando la linea sulla superficie, si otteneva una spline che non era utilizzabile quale "percorso" per un elemento strutturale. Inoltre, così facendo, se partivi con un angolo tra le ali di 90°, rimaneva tale per tutta l'estrusione (invece come ha fatto max, l'angolo cambia avvicinandosi a poppa).
Non so a quanto servano in questo caso i membri strutturali (così li chiamano in quel software).
Il problema è proprio nel controllo del profilo.

Con ProE i profili si adattano cambiando ad esempio l'apertura tra ala e anima?
:biggrin::biggrin::biggrin:
Si, quando realizzi una sweep in Pro/E puoi decidere se debba essere a sezione variabile o costante.
Se è a sezione variabile, e il lavoro deve essere a regola d'arte, devi inserire le sezioni intermedie in modo da guidare adeguatamente le transizioni.

Ci sono poi altre modalità offerte semplicemente dalla modellazione di superfici.

Il profilo a L che vedi nel file postato, parte da una semplice blend fra due curve.
Ho utilizzato la curva che c'era già nel file e poi ne ho proiettata un'altra a distanza di 90 mm dalla prima.
La blend così realizzata non è altro che una porzione della superficie dello scafo.
Quando la vai a spessorare, l'andamento dei bordi segue correttamente e perpendicolarmente lo scafo.
In questo modo l'andamento dell'ala da 150 mm che andrai a costuire è sicuramente corretto.

Non so se mi sono capito ... :)
Oggi non ho altro tempo, se serve qualche dettaglio posso postarlo domani.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#44
Non so perchè ... ma oggi vi è andata bene, puff puff ... ora devo scappare.
 

Allegati

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#45
per exatem

andando OT la foto della nave in legno che hai postato di che nave si tratta? Io ieri sera ho finito il secondo fasciame della mia prima barchetta, lo sto carteggiando e stuccando dove necessita...
E' un modello (non l'ho fatto io) della corazzata "Kotetsu" che fu la prima nave da guerra corazzata della Marina Imperiale Giapponese.
Venne costruita in Francia nei Cantieri L'Arman di Bordeaux, su ordinazione della Marina Confederata (Sudista), nel 1864.
Il governo Francese proibì però la consegna della nave vendendola invece alla Danimarca (all'epoca in guerra con la Prussia) con il nome di "Staerkodder".
Ma l'acquisto non venne concluso quindi il cantiere riuscì a vendere segretamente la nave ai Sudisti.
Gli Unionisti cercarono con ogni mezzo di impedire l'arrivo della "Stonewall" (così era stata battezzata) inviandole contro diverse navi da guerra, senza però riuscirvi.

Infatti la CSS Stonewall arrivò negli Stati Uniti anche se troppo tardi per le sorti della guerra civile. Riconsegnata alla Marina degli Stati Uniti nel 1866 la nave rimaseferma per un paio di anni per poi essere venduta allo Shogun del Giappone nel 1868. La nave venne classificata come "ariete corazzato" da guerra e fu ribattezzata "Kotetsu".
Ebbe un ruolo decisivo nella Battaglia Navale di Hakodate, nel maggio 1869, che determinò la fine della cosiddetta Guerra Boshin e la definitiva restaurazione del Governo Imperiale Meiji.

Teq, dobbiamo aprire la sezione?
 

Allegati

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#46
Non so perchè ... ma oggi vi è andata bene, puff puff ... ora devo scappare.
Grande Max, quello che volevo...
Ma non mi è chiaro il passaggio di pag. 4 della tua guida.
Come sarebbe "copia e estensione della superficie di spessoramento"?
Sorry...:redface:
 

Er Presidente

Moderatore
Staff Forum
Professione: Moderatore
Software: ND
Regione: Italia
#47
Grande Max, quello che volevo...
Ma non mi è chiaro il passaggio di pag. 4 della tua guida.
Come sarebbe "copia e estensione della superficie di spessoramento"?
Sorry...:redface:
La "faccetta" dello spessore della flangia di base, lo copi e poi la estendi per allungarla fino alla larghezza dell'ala dell'angolare.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#48
Grande Max, quello che volevo...
Ma non mi è chiaro il passaggio di pag. 4 della tua guida.
Come sarebbe "copia e estensione della superficie di spessoramento"?
Sorry...:redface:
Ciao Marco, leggiti il documento allegato, dovrebbe chiarirti la procedura.

C'è anche un altro sistema per ottenere lo stesso risultato.
Applichi una sweep a sezione variabile alla curva già esistente sulla superficie dello scafo.
 

Allegati

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#49
La "faccetta" dello spessore della flangia di base, lo copi e poi la estendi per allungarla fino alla larghezza dell'ala dell'angolare.
Vedi che il parametrico inizia a dissolvere la nebbia che c'era in te ? :biggrin::biggrin:
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#51
Nebbia "un par de ciufoli"!
E' proprio la parte contestuale che e' in me che si risvegliata vedendo "manipolare" oggetti e non "feacosi"!

:biggrin:
Ma come, ci hanno sempre raccontato che Pro/E ha un solo modo di lavorare, che è troppo rigido, che non è flessibile ?
Non è che per caso la gente si fa raggirare da 4 incantatori di serpenti ?

Tieni presente che queste sono funzioni del modulo base del buon vecchio Pro/E (Wildfire 4) e non c'entrano niente con le funzioni contestuali dell'attuale CREO.
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#52
Ma come, ci hanno sempre raccontato che Pro/E ha un solo modo di lavorare, che è troppo rigido, che non è flessibile ?
Non è che per caso la gente si fa raggirare da 4 incantatori di serpenti ?

Tieni presente che queste sono funzioni del modulo base del buon vecchio Pro/E (Wildfire 4) e non c'entrano niente con le funzioni contestuali dell'attuale CREO.
Ciao Max ma scusa la Blend Variabile esiete ancora da prima della Wildfire io la usavo dalla 2001 o sbaglio ????
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#53
Ciao Max ma scusa la Blend Variabile esiete ancora da prima della Wildfire io la usavo dalla 2001 o sbaglio ????
Non sbagli, è una funzione molto "antica".
Alcuni concorrenti, che si vantano di essere user-friendly, ancora non riescono a farla funzionare come in Pro/E (perdonate l'acidità ... causa stress ho lo stesso sapore dello yogurt scaduto) :biggrin:
 

RS4

Utente Standard
Professione: Progettista CAD/CAM
Software: CATIA V5, DELMIA, CATIA V4, PRO/E, Enovia LCA, Team Center, Vericut, Renishaw OMV/PowerINSPECT
Regione: puglia
#54
Non sbagli, è una funzione molto "antica".
Alcuni concorrenti, che si vantano di essere user-friendly, ancora non riescono a farla funzionare come in Pro/E (perdonate l'acidità ... causa stress ho lo stesso sapore dello yogurt scaduto) :biggrin:
In Catia come in pro/e c'e da tantissimo tempo si chiama diversamente ma fa praticamente la stessa cosa..

L'approccio di come hai modellato l'angolare e giusto :biggrin: molto semplice...

scommetto che la sweep non sei riuscita ad adattarla alla superficie vero Max??
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#55
scommetto che la sweep non sei riuscita ad adattarla alla superficie vero Max??
La sweep ovviamente è diversa dal metodo che ho adottato.
Però è applicativamente più corretta.
Ha l'andamento guidato dalla curva giacente sulla superficie, la sezione l'ho definita come corda fra due punti giacenti sulla superficie e distanti fra loro 90 mm.
In questo modo la sweep ha gli spigoli giacenti sulla superficie ma il suo lato da 90 mm è "cordale" rispetto alla superficie stessa.
Non so se mi sono spiegato in modo chiaro ... ci ho provato.:smile:
 

mariuss.r

Moderatore
Staff Forum
Professione: progettista
Software: ProEngineer 2001/ Rhino 3D
Regione: veneto
#56
Cari amici.
Spero di non creare una discussione doppia ma la funzione ricerca va un po' a modo suo.
Ho una domanda sulle capacità dei vostri CAD.
Altra domanda generata dalla curiosita':

Ma gli operatori che poi dovranno materialmente fare il lavoro ( piegare i profilati) che tipo di machinari hanno a disposizione ?
 

Er Presidente

Moderatore
Staff Forum
Professione: Moderatore
Software: ND
Regione: Italia
#57
Altra domanda generata dalla curiosita':

Ma gli operatori che poi dovranno materialmente fare il lavoro ( piegare i profilati) che tipo di machinari hanno a disposizione ?
E mano, pieghino er fero coe mano, si propio un ce rieschino useno a mazza e ce danno giu' de brutto.
:smile:
 

mariuss.r

Moderatore
Staff Forum
Professione: progettista
Software: ProEngineer 2001/ Rhino 3D
Regione: veneto
#58
E mano, pieghino er fero coe mano, si propio un ce rieschino useno a mazza e ce danno giu' de brutto.
:smile:
mazzolatori professionisti dunque ... chissa' se sarebbero in grado di dare la giusta "piega" a chi ci governa se gli fornissimo i tracciati :biggrin:
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#59
mazzolatori professionisti dunque ... chissa' se sarebbero in grado di dare la giusta "piega" a chi ci governa se gli fornissimo i tracciati :biggrin:
Ahhh guarda ... con due colpi secchi li sistemerebbero a dovere, senza tracciati ... a occhio.
 

Exatem

Moderatore
Staff Forum
Professione: Commodoro
Software: Creo 3.0 - Microstation
Regione: N.D.
#60
Altra domanda generata dalla curiosita':

Ma gli operatori che poi dovranno materialmente fare il lavoro ( piegare i profilati) che tipo di machinari hanno a disposizione ?
Esistono delle macchine dette calandre o piegaprofilati anche se ultimamente, mi è capitato più volte di vedere sostituito un angolare da due piatti saldati al corretto angolo di quartabuono.