• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Freeform

summer3d

Utente Standard
Professione: progettista
Software: Creo2.0 - Proe wildfire 2
Regione: brescia
#1
Qualcuno ha mai sentito parlare del pacchetto integrativo "FreeForm" per la modellazione di superfici?
E' un pacchetto per integrare il design nella modellazione, ma sembra non essere molto pratico da usare...
Qualcuno che lo usa o lo conosce ha dei pareri in merito...consigli ecc...per capire se il limite di utilizzo è mio o del programma.
Grazie ciaooo
 

gio14

Utente Standard
Professione: stampi
Software: Pro-e
Regione: BG
#2
Se è il modulo isdx che intendi, io lo trovo molto buono (e onestamente non mi sembra particolarmente complicato da usare)
 

tecnico_plast

Moderatore
Staff Forum
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
#3
Si tratta del modulo ISDX (interactive surface design extension ).

Non è particolarmente complicato da usare, ma un corso PTC per entrare nell'ottica di utilizzo è sempre utile.

Magari se si cercano software di design puro forse sarebbe meglio andare su altri prodotti.
 

summer3d

Utente Standard
Professione: progettista
Software: Creo2.0 - Proe wildfire 2
Regione: brescia
#4
Non so in che casi lo usi maggiormente, ma nel mio caso, in cui spesso mi trovo a realizzare delle bozze di particolari in plastica , il metodo di creazione delle superfici che utilizza delle spline per tracciare le traiettorie su cui scorrono le superfici non mi è d'aiuto.
O meglio sarebbe bello sapere che si possono utilizzare anche delle linee o delle forme più geometriche..
Le superfici le puoi costringere a correre lungo degli scheletri creati con le suddette spline (che tra l'altro devono essere abbastanza semplici....ottenute con pochi punti altrimenti le superfici diventano piu increspate e difficili da controllare)
ma mi sembra che la superficie ottenibile sia un pò casuale, nel senso che anche se metto più traiettorie di controllo quasi peggioro la situazione perchè oltre a non ottenere superfici omogenee, continue, non riesco nemmeno a controllarne la forma esattamente perchè il programma ragiona per interpolazione.
Forse non trovo il metodo con cui usarle ma anche al corso ho visto che le lezioni sono state poco costruttive e poco pratiche....ma più astratte...come se la modellazione avesse più un valore fumettistico piuttosto che tecnico....quindi vincolato da forme, dimensioni e quant'altro.
Scusa se son stato lungo ma non mi è nemmeno semplice siuscire a spiegare e sintetizzare bene il problema.
Spero cmq di essere stao chiaro.
 

tecnico_plast

Moderatore
Staff Forum
Professione: disegnatore/progettista/grafico
Software: Creo Parametric...e molti altri
Regione: Sicilia
#5
Capisco cosa vuoi dire, purtroppo non so risponderti anche perchè sono quasi due anni che non smanetto più con ISDX.

Lo strumento è abbastanza potente, dovresti trovare il modo di ottenere le tue geometrie combinando le spline e i punti in maniera ottimale, magari prima devi creare l'ossatura della geometria e poi la chiudi pezzo a pezzo, e successicamenti lavori sulla continuità delle curve.

Non ti nego che alcune volte ho avuto qualche difficoltà, in effetti alcune geometrie non sono semplici e intuitive da realizzare, si tratta di "vedere" il pezzo nel modo giusto, e non è facile.
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#6
summer3d facci un esempio di ciò che vorresti modellare così possiamo darti dei consigli.
Ma usi Pro-E Wildfire 2? Se si, sappi che l'ISDX è stato migliorato nelle ultime versioni di Pro-E, oggi siamo alla Wildfire 5.0.
Comunque provo a darti dei consigli anche se io uso l'isdx solo quando incontro i limiti delle superfici avanzate di Pro-E, ossia praticamente mai!!
Sappi che puoi appoggiare le superfici dell'ISDX anche a sketch o curve generate fuori dall'isdx.
Una cosa utile è, come dici tu, creare curve con pochi punti, in modo che siano più facilmente controllabili e con poche increspature.
Altra cosa utile è controllarne la bontà della curvatura con lo strumento Analisi > Curvatura che se setti su salvato ti mostra a schermo l'andamento della curvatura che si aggiorna dinamicamente se sposti i poli di controllo della curva.
Ovviamente si ottengono delle buone superfici se le curve su cui si appoggiano sono buone, alle superci dell'ISDX si possono cmq dare vincoli di ortogonalità, tangenza e curvatura rispetto ad altre superfici. Stessa cosa vale per le curve.
Se vuoi provo a darti altri consigli anche se credo che ciò che ti ho detto sia per te banale e già noto. Proponici un modello così proviamo a farlo insieme. Sarebbe un ottimo esercizio per tutti.
Ciao.
 

summer3d

Utente Standard
Professione: progettista
Software: Creo2.0 - Proe wildfire 2
Regione: brescia
#7
Lo strumento isdx sicuramente è molto potente e gli strumenti menzionati li conosco a livello informativo (mediante il corso) anche se non li ho usati molto, cosi come i vincoli di ortogonalità superfici ecc.
Però credo sia uno strumento più adatto a rattoppare (se si è capaci a usarlo bene) piuttosto che a creare oggetti curando ingombri e design.
Uso la Wf2...non posso postare nulla di ciò che ho per mano ma vi faccio un esempio semplice:

nuovo prodotto (esempio un aspirapolvere nuovo, un nuovo elettrodomestico, un utensile elettrico...) devo modellare i gusci (carter) del nuovo oggetto curandone il design e contenendo le dimensioni al minimo degli ingombri.

Il post che ho avanzato era più che altro per tastare il livello di praticità dello strumento da parte di qualcuno che lo sa usare in ambito tecnico e non solo grafico...per capire se è piu conveniente utilizzare il metodo tradizionale o quello dell'isdx (per capire quindi vantaggi e svantaggi).