Esiste un CAM intuitivo ed automatico?

CADCAMdoctor

Utente Junior
Professione: Sviluppo CAM
Software: Auton, ESPRIT
Regione: Toscana
#21
Detto per inciso, già più di 20 anni fa le palette delle turbine in Fiat Avio le facevano in automatico con l'APT e le "propellers" (ma perchè non le chiamiamo eliche ?) dei motoscafi da corsa di Molinari il mio prof. del corso di CAM del CFP di Gallarate (1994) addirittura le programmava in Proget sul Selca 1200 partendo da un programma parametrico ed inserendo una decina di dati presi dalle variabili dei progetti sviluppatri dal PoliMi.
Quindi nulla si inventa, ma tutto si ricicla. :wink:
Sarà che è lunedì mattina, ma a me non funzia. :frown:
Questo conferma la tendenza a creare soluzioni specifiche ed automatizzate su problemi specifici, come già dicevo a bulinorotto paragonando alcuni CAM ai volanti delle odierne F1 pieni di bottoni. Noi di Auton/Esprit non andiamo solo in questa strada (per ora come nel caso degli impeller o giranti di turbine/compressori non ci sono purtroppo molte altre alternative) ma, senza aver la pretesa di dare il bottone magico che risolve tutto, ci impegnamo a migliorare l'applicazione CAM in modo tale da evitare di riprogrammare più volte, nella stessa maniera, situazioni geometricamente e tecnologicamente simili.
 
Ultima modifica:

MoldKiller

Guest
#23
Questo conferma la tendenza a creare soluzioni specifiche ed automatizzate su problemi specifici, come già dicevo a bulinorotto paragonando alcuni CAM ai volanti delle odierne F1 pieni di bottoni. Noi di Auton/Esprit non andiamo solo in questa strada (per ora come nel caso degli impeller o giranti di turbine/compressori non ci sono purtroppo molte altre alternative) ma, senza aver la pretesa di dare il bottone magico che risolve tutto, ci impegnamo a migliorare l'applicazione CAM in modo tale da evitare di riprogrammare più volte, nella stessa maniera, situazioni geometricamente e tecnologicamente simili.
Dovresti fare il politico!
Praticamente hai detto tutto senza dire niente.

Noi siamo abituati a vedere i fatti!
 

CADCAMdoctor

Utente Junior
Professione: Sviluppo CAM
Software: Auton, ESPRIT
Regione: Toscana
#24
non vi funziona il link? a me dalla pagina di discussione funziona....boooo?!
comunque basta andare in www.mtts.net e poi sul link al "Video Demo of SolidWorks-ESPRIT-KBM".
fatemi sapere se così funziona.....
 

CADCAMdoctor

Utente Junior
Professione: Sviluppo CAM
Software: Auton, ESPRIT
Regione: Toscana
#25
Dovresti fare il politico!
Praticamente hai detto tutto senza dire niente.

Noi siamo abituati a vedere i fatti!
beh, intanto guarda il video e dimmi cosa ne pensi.
Non ti preoccupare che anche a me interessano i fatti: spero di aver modo in futuro ti poter farti capire cosa intendo :smile:
 

MoldKiller

Guest
#26
beh, intanto guarda il video e dimmi cosa ne pensi.
Non ti preoccupare che anche a me interessano i fatti: spero di aver modo in futuro ti poter farti capire cosa intendo
Il video non lo vedo.
Mi si apre la schermata ma resta fermo all'inizio. Può darsi che debba aspettare che si riempie il buffer ma ora non ho tempo.
Stasera provo da casa dove ho mezzi pù potenti!:biggrin:
 

linus57

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: UGS NX8.5
Regione: Lombardia
#27
Ciao Ragazzi,
non ho capito bene "......nel '94 addirittura le programmava
con SELCA 1200..."
io nel '91 facevo le COMICHE con il 1200 nel senso che se avevi/hai una Base solida in matematica con SELCA 1200 fai TUTTO! e di più....ma poi sono arrivati i CAM e tutti fresano ( sono dei maghi ?)...piano ragazzi...prima di usare i CAM vediamo di "tirare la manetta a mano" fresare a mano che poi si sa come fresare con il CAM, poi con il 3045 4 assi in continuo ( la prima CBFerrari era la mia ) uno spettacolo....a me sembrava di giocare....forse la passione a me piaceva fare stampi realizzavo cose impensabili...anche con 3D
....
NB ho iniziato nel'74.....
Pace e Bene
_linus57:smile:
 

MoldKiller

Guest
#29
si, ci mette un po' prima di partire....
Francamente ho visto quello che mi aspetterei da un cam 2 assi 1/2.
Niente di più e niente di meno.

Faccio presente che il 2 1/2 non lo uso, magari la cosa era spettacolare ma non mi ha emozionato.
Aspetto il giudizio di chi il 2 1/2 lo usa quotidianamente.
 

CADCAMdoctor

Utente Junior
Professione: Sviluppo CAM
Software: Auton, ESPRIT
Regione: Toscana
#30
Francamente ho visto quello che mi aspetterei da un cam 2 assi 1/2.
Niente di più e niente di meno.

Faccio presente che il 2 1/2 non lo uso, magari la cosa era spettacolare ma non mi ha emozionato.
Aspetto il giudizio di chi il 2 1/2 lo usa quotidianamente.
Quello che cercavo di dire è che, in determinate situazioni (ovvero quelle di una azienda motivata ad investire nella creazione del DataBase tecnologico), avendo un progetto stampo interamente realizzato per features (e in questo vedremo cosa faranno i nostri amici del CAD), questo stesso approccio potrebbe essere utilizzato anche su uno stampo.
 

Meccbell

Utente Senior
Professione: cercare di risolvere i problemi esistenti più velocemente dei nuovi che si creano
Software: SE + SinteCam25 + Featurecam Mill3D
Regione: Malpensaland - Lombardia
#31
Quello che cercavo di dire è che, in determinate situazioni (ovvero quelle di una azienda motivata ad investire nella creazione del DataBase tecnologico), avendo un progetto stampo interamente realizzato per features (e in questo vedremo cosa faranno i nostri amici del CAD), questo stesso approccio potrebbe essere utilizzato anche su uno stampo.
Filmato interessante, se non altro per un'ottima capacità nel picking delle features del solido.
Però nulla di nuovo e di esclusivo.

Piuttosto, questa fregola delle swhouses di "accoppiarsi" con questo o quel prodotto CAD è un "giochino" che nasconde la reale intenzione di creare dei mercati verticali che diverrebbero ad esclusivo appannaggio delle "accoppiate" CAD-Tizio/CAM-Caio.
Alla faccia dell'interoperatività, e di tutti gli sforzi che si stanno facendo per creare piattaforme comuni di interscambio dati, che vadano oltre i soliti formati "datati" tipo iges, parasolid ed altri.

Avendo già visto il "film" ed anche qui almeno una quindicina di anni fa, ti dico che queste operazioni all'inizio sembrano decollare come se fossero spinte dai boosters dello Shuttle, ma poi, quando hai a che fare con il "mondo reale", ovvero miriadi di fornitori esterni, magari anche molto ben strutturati, ed ognuno con i suoi sistemi CAD/CAM solidificati come granito, allora vedrai che bisogna "scendere a patti" e ripiegare su soluzioni molto più flat.

D'altronde le conoscenze e le tecnologie di riconoscimento features, gestione di parametri tecnologici e di setups delle macchine esistono già, ed anche da un po'.
Se ancora non le hanno "spinte" oltre certi limiti il motivo ci sarà pure.
Ed il motivo si chiama in un solo modo: money.
 
Ultima modifica:

CADCAMdoctor

Utente Junior
Professione: Sviluppo CAM
Software: Auton, ESPRIT
Regione: Toscana
#32
Filmato interessante, se non altro per un'ottima capacità nel picking delle features del solido.
Però nulla di nuovo e di esclusivo.

Piuttosto, questa fregola delle swhouses di "accoppiarsi" con questo o quel prodotto CAD è un "giochino" che nasconde la reale intenzione di creare dei mercati verticali che diverrebbero ad esclusivo appannaggio delle "accoppiate" CAD-Tizio/CAM-Caio.
Alla faccia dell'interoperatività, e di tutti gli sforzi che si stanno facendo per creare piattaforme comuni di interscambio dati, che vadano oltre i soliti formati "datati" tipo iges, parasolid ed altri.

Avendo già visto il "film" ed anche qui almeno una quindicina di anni fa, ti dico che queste operazioni all'inizio sembrano decollare come se fossero spinte dai boosters dello Shuttle, ma poi, quando hai a che fare con il "mondo reale", ovvero miriadi di fornitori esterni, magari anche molto ben strutturati, ed ognuno con i suoi sistemi CAD/CAM solidificati come granito, allora vedrai che bisogna "scendere a patti" e ripiegare su soluzioni molto più flat.

D'altronde le conoscenze e le tecnologie di riconoscimento features, gestione di parametri tecnologici e di setups delle macchine esistono già, ed anche da un po'.
Se ancora non le hanno "spinte" oltre certi limiti il motivo ci sarà pure.
Ed il motivo si chiama in un solo modo: money.
sono contento che ti sia piaciuto...
l'interfacciamento deve avvenire col nativo per importare l'albero delle features; in ESPRIT tale tecnologia si chiama FX (Feature eXchange). Oltre a SolidWorks come hai visto nel film, ESPRIT importa con FX anche SolidEdge, Inventor e Pro/E ed altri formati sono in fase di sviluppo. Il filmato fa riferimento a SolidWorks perchè MTTS ne è rivenditore....non è un "accoppiamento particolare".
 

MoldKiller

Guest
#33
Quello che cercavo di dire è che, in determinate situazioni (ovvero quelle di una azienda motivata ad investire nella creazione del DataBase tecnologico), avendo un progetto stampo interamente realizzato per features (e in questo vedremo cosa faranno i nostri amici del CAD), questo stesso approccio potrebbe essere utilizzato anche su uno stampo.
Permettimi di essere molto scettico.

Ripeto che ci vogliono i fatti, riconoscere un foro è una cosa, riconoscere una sagoma ottenuta da reverse-enginering è un'altra.
Lavorarla in automatico è ancora un 'altra.

Mi sembrano discorsi da commerciale e basta, comunque quando avrete tale tecnologia faccela pure vedere che io sono qui che aspetto.