• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

ESEMPI DI MODELLAZIONE DI SUPERFICI

DANI-3D

Utente Senior
Professione: PROGETTISTA MECCANICO
Software: PRO-E WF5
Regione: TOSCANA
#1
Ciao ciao

Visto che tutte le volte che avevo bisogno di fare qualcosa di particolare non mi ricordavo mai quale istruzione (blend, sweep, blend con sweep ecc.) era più adatta per risolvere uno specifico problema riguardo alle superfici, anche perchè non le adopero molto spesso, ho fatto questi files di esempio.
A questo punto vi chiedo se ci date un' occhiata per verificare che i metodi usati siano i più corretti, e se avete altri esempi che possono essere utili sono i benvenuti. Spero di fare cosa gradita a mettere a disposizione questi lavoretti.

Salutoni
 

Allegati

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016
Regione: Friuli Venezia Giulia
#2
In generale secondo me per queste figure, tutto ok, nulla da dire.

Sulle sweep elicoidali, personalmente le molle le realizzo di partenza a passo variabile fin dal principio e l' altezza a riposo la gestisco con i piani, motivi:
-le molle a compressione hanno nel 99% dei casi almeno le prime 2 spire per lato a pacco.
-in assieme sono i classici componenti flessibili e risulta molto più facile assemblare con i piani
 

folle76

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#3
Manca la boundary blend mi sembra. Ho un po' di esperienza di modellazione di superfici ed è sicuramente la feature più versatile e che l'unica che consente di creare patch tra superfici.
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016
Regione: Friuli Venezia Giulia
#5
Qua ho caricato la molla.
Il 3D è semplificato, nel senso che la sweep è una di tipo variabile, in realtà andrebbero fatte tre sweep distinte per questo tipo di molla (una iniziale e una finale identiche con spire a pacco ed una centrale per le spire attive), perchè la variabilità intesa da pro-e/creo, non consente di arrivare al completamento dell' ultima spira (o si interrompe prima).
La traiettoria e i passi sono tutti parametrizzati, quindi per modificarla basta intervenire sui parametri.

Può essere inserita come flessibile gestendo il piano superiore dalla WF4 in poi.

N.B. se dovesse fallire dopo l'assemblaggio una delle 2 feature di taglio (succede nella creo 3.0), basta rifarle entrambe e il problema non ritorna più.
 

Allegati

folle76

Utente Standard
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo Parametric 3.0, Solidworks 2016
Regione: -
#6
Un semplice pezzo ricavabile tramite stampaggio a caldo che necessita di boundary per essere modellato.
 

Allegati

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#8
La molla inserita fa proprio al caso mio.
Peccato che con CREO 2 non c'è piu' il comando sporgenza.
Ciao
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#9
Ciao
La molla di 320 JS è come la intendo ma in creo2 non c'è il comando: sporgenza
grazie
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#10
Ma se fai tre sweep poi fai piu' fatica con la flessibilita' a meno che si possano unire?? e poi c'è il tratto di giunzione a spigolo
Fammi sapere se conosci il metodo per unire le tre sweep.
grazie Ciao
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#12
Non ho Creo 2, ma mi sembra strano che sia sparito il comando sporgenza.
Non c'è piu' e nemmeno il grafico.
Comunque mi pare che per fare un lavoro esatto bisogna fare tre sweep e poi utilizzare quella centrale per variare la flessibilita' altrimenti il passo delle spire costanti viene sbagliato.
Ciao
 

320i S

Utente Standard
Professione: Progettista
Software: Catia V6, Creo 3.0, Pro-e (serie Wildfire 3÷5), Solidworks 2016
Regione: Friuli Venezia Giulia
#13
Ma se fai tre sweep poi fai piu' fatica con la flessibilita' a meno che si possano unire?? e poi c'è il tratto di giunzione a spigolo
Fammi sapere se conosci il metodo per unire le tre sweep.
grazie Ciao
Con la flessibilità non è un problema (calcolo più lungo da fare si, e più ne hai, peggio è), ma l'importante è parametrizzare e modellare il tutto con 1 riferimento da controllare con la flessibilità, nel mio caso, ho usato i piani di appoggio superiore ed inferiore della molla.

A fare le 3 sweep unite, si potrebbe fare anche con la funzione di offset superficie "con sostitutuzione" e usare un piano che rappresenta la fine della sweep, ma è più complicato e richiede ulteriori calcoli da fare per il programma in caso di flessibilità, quindi va ponderata ben bene la funzione così precisa della molla nell' assieme.
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#14
Ciao
Per favore riusciresti a farla con CREO2 ? te ne sarei grato.
Grazie
Qua ho caricato la molla.
Il 3D è semplificato, nel senso che la sweep è una di tipo variabile, in realtà andrebbero fatte tre sweep distinte per questo tipo di molla (una iniziale e una finale identiche con spire a pacco ed una centrale per le spire attive), perchè la variabilità intesa da pro-e/creo, non consente di arrivare al completamento dell' ultima spira (o si interrompe prima).
La traiettoria e i passi sono tutti parametrizzati, quindi per modificarla basta intervenire sui parametri.

Può essere inserita come flessibile gestendo il piano superiore dalla WF4 in poi.

N.B. se dovesse fallire dopo l'assemblaggio una delle 2 feature di taglio (succede nella creo 3.0), basta rifarle entrambe e il problema non ritorna più.
 

fabry56

Utente Junior
Professione: Disegnatore/Progettista
Software: CREO2
Regione: lombardia
#16
Ciao
Scusate c'è qualcuno che con CREO2 o CREO3 riesce a fare la molla fatta da 320i S con Wf3. Sarebbe utile per capire come utilizzare la tabella che hanno inserito.
Grazie
Ciao