• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Disegnare tutti sullo stesso pezzo di carta

cubalibre00

Utente Senior
Professione: Progettazione meccanica
Software: NX3;NX6 e SW2009
Regione: Emilia Romagna
#21
Però!
Pensate ad un bel monitor da 50" di fianco alla macchina utensile da dove l'operatore legge direttamente le quote dal modello 3D.

Già il 90% delle lavorazioni cnc possono potenzialmente essere programmate tramite cam. Abbinando questo a nuove tecnologie, almeno in alcune officine sarebbe realmente possibile fare a meno della carta.
La CGM che fa stampi, non produce disegni, fa tutto con il CAM.
L'Augusta non consegna messe in tavola per i pezzi meccanici, ma solo il 3D.
La Ferrari non consegna messe in tavola per i pezzi meccanici, ma solo il 3D.
Una Azienda leader nel settore delle macchine per la pulizia degli ortaggi (carpenteria), usa la lista di taglio e per il montaggio potrebbe tranquillamente utilizzare un esploso tridimensionale.
I PC a basso costo esistono, come pure i visualizzatori free.
Spesso e volentieri sono i dirigenti o i capi reparto che frenano queste cose.
Comunque...vediamo cosa ci riserverà il futuro.
 

MoldKiller

Guest
#22
Io pensavo ad un mega schermo toutchscreen accessibile ad ogni operatore e adattabile alle sue esigenze.
L'operatore potrà avere a disposizione tutte le informazioni necessarie a svolgere il proprio lavoro e tutti gli stumenti utili a semplificarlo.

Non un visualizzatore o un cam a bordo macchina, ma un software a 360° che fornisca gli stumenti necessari nel modo più semplice possibile in base alle esigenze del contesto.
 

AK-47

Utente Standard
Professione: searching...
Software: SolidWorks -ProE
Regione: Lombardia
#23
Pensavo ad un sistema ideale dove fosse possibile lavorare veramente tutti insieme.
Andiamo per assurdo cercando di immaginare il massimo.
Io immagino il progetto di un grande assieme, tipo una piattaforma petrolifera, tutta completa di carpenteria, impiantistica, stampi, fusioni, edilizia praticamente tutto, dalla maniglia della porta di un ufficio ai piloni di sostegno, passando per le prese dell'antenna satellitare.
Centinaia di migliaia di pezzi tutti pensati progettati e modellati con i CAD piu' diversi in una catena di santantonio senza fine, milioni di disegni quote informazioni, diramando tutto fin dentro i fornitori primari fino ad arrivare in cima alla catena di produzione.
Intendo il massimo, partendo dalla sala pompe per arrivare al modello per la fusione delle carcasse delle pompe o all'anello di tenuta dell'alberino della ventolina della centralina di controllo.
Questo assieme dovrebbe essere reso disponibile per la visualizzazione nel formato piu' leggero possibile e visualizzabile senza un particolare strumento.
Dovrebbe essere basato sul web, una cosa tipo il vrml o simile, potrebbe essere una sorta di JT o di edrawings 3D, un formato semplice veloce nella visualizzazione e abbastanza sempliciotto da non lasciare trapelare informazioni a chi non autorizzato.
Acrobat 3D ha iniziato a provare a permettere queste visualizzazioni con il solo Acrobat Reader (che è già uno standard del mercato) integrandosi nei CAD per la creazione di un modello 3D di visualizzazione.
Edrawing permette anche le misure e quant'altro.

Certo, la quantità di informazioni che avrebbe un sistema così grosso (la piattaforma petrolifera) non vedo sinceramente come possano essere gestite in modo leggero. Pensa solo alle informazioni che si porta dietro una singola parte di un assieme..

E cmq i PDM permettono già delle gestioni avanzate; scegli chi deve vedere e cosa, a che livello e cosa può o non può modificare, cosa gli compete (approvazioni, modifiche, commenti ecc..) da ogni parte del mondo.

Il formato universale non esisterà mai (al livello di modifica che ci interesserebbe). In natura vige sempre da che mondo e mondo la natura del più forte, o del più alto, insomma c'è una selezione che porta a morire l'uno e a crescere l'altro.

Potrebbe succedere come per Office: si è imposta sul mercato. Tutti lo utilizzano, e per quanto facciano OpenOffice cmq i formati a cui tutti si adattano sono quelli di Microsoft.
Attendiamo quindi il Grande Fratello dei CAD.
 

Stefano_ME30

Guest
#24
Il formato universale non esisterà mai (al livello di modifica che ci interesserebbe). In natura vige sempre da che mondo e mondo la natura del più forte, o del più alto, insomma c'è una selezione che porta a morire l'uno e a crescere l'altro.
Proprio su questo volevo discutere.
Ammettiamo che sia possibile visualizzare il 3D, semplice in questi formati da "visualizzatore", una volta autorizzato ad "editare" il "pezzo" dovrei poterci lavorare sopra con il MIO CAD indipendentemente dal CAD (o dai CAD) che lo hanno creato/modificato.
Se fosse possibile, sarebbe interessante?
 

MoldKiller

Guest
#25
Proprio su questo volevo discutere.
Ammettiamo che sia possibile visualizzare il 3D, semplice in questi formati da "visualizzatore", una volta autorizzato ad "editare" il "pezzo" dovrei poterci lavorare sopra con il MIO CAD indipendentemente dal CAD (o dai CAD) che lo hanno creato/modificato.
Se fosse possibile, sarebbe interessante?
Sarebbe interessante ma implicherebbe che tutti i CAD possano fare le stesse cose nella maniera identica.
Sarebbe la morte della concorrenza e non penso che nessuno lo farà mai.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#26
Per quanto riguarda il fatto di operare con cad diversi su file di origine quantomai varia, penso che le attuali ST-DirectModelling-Contestuali siano quello che serve, se propio ci si trova a fare "concurrent engineering". Lo dico da parametric-fanboy, ma ahime' pazienza.

Secondo me quello che sarebbe da fare, e credo sarebbero dei passettini veramente piccoli:

1) rendere universale la definizione degli attributi nong rafici o metadati che dir si voglia, e questo sarebbe veramente banalissimo

2) trovare un linguaggio comune per definire i vincoli di assieme, un po' piu' difficile ma non tanto

3) trovare il modo di rendere associativi modello e tavola anche quando si passa per formati neutri, e questo credo che effettivamente sia difficile anche tecnicamente.


Il problema pero' e' che dopo i cad dovrebbero farsi concorrenza sulla qualita' intrinseca e sul prezzo, non potendo piu' contare su quella specie di mercato protetto che e' il formato chiuso e propietario dei file.

Adesso se vuoi essere nell'indotto Fiat devi avere NX, come anni fa io per essere nell'indotto di una certa azienda dovetti comprare Cadra (8 milioni di bidimensionale, LADRI !!!) o oggi devo avere Solid Edge. Questo significa per le software house niente meno che una gallina dalle uova d'oro, tanto come i doc e xls della MS.
 

myface

Utente Senior
Professione: Progettista-designer free lance
Software: Inventor 2013,maxwell render 2.7.2
Regione: veneto
#27
Si penso anch'io che se non si è fatta la integrazione è solo per motivi politici-commerciali, e addirittura il fatto che anche nell'ambito di uno stesso software , aprire un file nativo coll'ultima release lo renda poi illeggibile dalle versioni precedenti la dice lunga.:rolleyes:

Per me c'è anche una certa complicità da parte di molte aziende che sentono più "protetti" i dati di produzione quando sono veicolati su piattaforme dedicate.

Alla fine , quello che ci rimette di più , ( come sempre :biggrin:) è l'ultima ruota del carro che bestemmia alla grande quando giocoforza ci si deve interfacciare anche all'esterno , e allora telefonate,chiarimenti , incomprensioni ecc ecc...:tongue:
 

Stefano_ME30

Guest
#28
Per quanto riguarda il fatto di operare con cad diversi su file di origine quantomai varia, penso che le attuali ST-DirectModelling-Contestuali siano quello che serve, se propio ci si trova a fare "concurrent engineering". Lo dico da parametric-fanboy, ma ahime' pazienza.
Allora, forse, abbiamo una vaga idea della "torta" che c'e' dietro il DM,DT ecc.ecc. e forse alla UG non sono "usciti tutti pazzi".
:biggrin:
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#29
Allora, forse, abbiamo una vaga idea della "torta" che c'e' dietro il DM,DT ecc.ecc. e forse alla UG non sono "usciti tutti pazzi".
:biggrin:

Adesso per lavorare ho una bellissima Lancia Thema 8-32, ma se lassu' dove si puote cio' che si vuole decidono che dobbiamo usare tutti la Panda30, vorra' dire che per fare Ascoli-Bologna ci mettero' 5 ore ed arrivero' completamente rintronato invece di farla in tre e arrivare bello fresco e riposato.
 
Ultima modifica:

MoldKiller

Guest
#30
Adesso per lavorare ho una bellissima Lancia Thema 8-32, ma se lassu' dove si puote cio' che si vuole decidono che dobbiamo usare tutti la Panda30, vorra' dire che per fare Ascoli-Bologna ci mettero' 5 ore ed arrivero' completamente rintronato invece di farla in tre e arrivare bello fresco e riposato.
Occhio che la ST è un'alternativa alla modellazione parametrica, a differenza di quei cad che usano solo il DM. Ciò ti concede libertà di scelta!
Prima di diventare il metodo standard dovranno così inventarne di funzioni e non è detto che alla fine non diventi più complicata del parametrico.
Con i modelli importati la libertà di scelta non l'hai comunque, quindi non ti cambia niente.
 

Stefano_ME30

Guest
#31
Adesso per lavorare ho una bellissima Lancia Thema 8-32, ma se lassu' dove si puote cio' che si vuole decidono che dobbiamo usare tutti la Panda30, vorra' dire che per fare Ascoli-Bologna ci mettero' 5 ore ed arrivero' completamente rintronato invece di farla in tre e arrivare bello fresco e riposato.
Vale di piu' (si fa prima) a lavorare in 100 sullo stesso progetto con una "panda" o da soli con una ferrari?
Immagina cosa si potrebbe fare se tutti fossimo in grado di condividere e scambiare i modelli, ed immagina cosa significherebbe per un colosso come FIAT.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#32
Vale di piu' (si fa prima) a lavorare in 100 sullo stesso progetto con una "panda" o da soli con una ferrari?
Immagina cosa si potrebbe fare se tutti fossimo in grado di condividere e scambiare i modelli, ed immagina cosa significherebbe per un colosso come FIAT.
A me i clienti pagano a "corpo".

Se ci metto 100 o 200 ore sempre 2500 euro mi danno per cui se mi costringi a usare la Panda invece della Ferrari divento piu' povero, se invece la Fiat diventa piu' ricca non mi interessa granche' sinceramente.

Se lavorassi a ore (cioe' come fanno dipendenti a stipendio) allora potrei anche passarci sopra, ma cosi' non mi pare un grande affare. E' il ragionamento che ho fatto quando un paio di clienti mi hanno chiesto di prendere OSD: sapendo che non mi avrebbero riconosciuto un maggior numero di ore per completare i progetti, ho deciso di soprassedere all'acquisto di uno strumento che ritengo meno produttivo di quello che ho adesso.
 
Ultima modifica:

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#36
Mi sorge un dubbio!

Ma sei progettista o cosa???
Effettivamente a volte mi sento trattato da semplice "fattore della produzione", come il tornio e l'autocarro! :tongue::smile::frown:
 

UGoverALL

Guest
#40
Oh ma adesso vi siete coalizzati voi due?:tongue:
no... è che gli ho mandato il video tuo e del tuo amichetto...
Evabbè, diciamolo chiaramente: Nel bagno pubblico a LA con George Micheal c'era Ozzy!!!

... è uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo... :biggrin: