Direct e Feature based modeling

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#21
Vedo che si continua a non capire e questo mi riporta ancora a quanto affermato: c'è grande confusione. Io non ho detto che un modello senza features pesa meno ho detto che i comandi di modellazione diretta appesantiscono il file ed esattamente queste parole: Questa è una delle imprecisioni che girano, perché se è relativa alla seconda modalità che ho descritto, addirittura appesantisce. Questo mi spinge a pensare che non si è capito nulla della modellazione diretta e della modellazione history free confondendo l'una e l'altra.
]
Io sarei piu' cauto a dire che progettisti che stanno da anni sul mercato facciano grande confusione e non abbiano capito nulla, specie su un argomento di cui si e' parlato tantissimo in passato come la ST di siemens.

Per ripondere alla tua domanda;

il modello potrebbe appesantirsi se vincolo le facce fra loro
il modello sara' piu' leggero se non vincolo le facce fra loro

Si noti pero' che nella ST si puo' scegliere se vincolare o no, o vincolare solo in parte. Quindi la tua affermazione e' giusta e sbagliata allo stesso tempo.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#22
La mia era una domanda trabocchetto... In quel filmato non c'è NIENTE di ST perché è tutto parametrico, ed è qui la confusione: in SE queste cose le potevi fare, come in NX, ben prima dell'introduzione della ST vero?
Il video l'ho guardato a bassa risoluzione, mi sono limitato a guardare gli sposta faccia.

Comunque la ST e' sia parametrica che non parametrica, a scelta dell'utente (ma forse dovremmo parlare di vincolata o svincolata, perche' una quota o un vincolo di concentricita' non sono parametri ma sono vincoli, appunto).

A mio parere con le domande trabocchetto si va poco lontano, mi ricorda una vecchia discussione sui raggi a corda costante in cui qualcuno diceva che erano importantissimi, ma a precisa domanda non sapeva spiegare il motivo di questa importanza, da cui dedussi che l'unico scopo era quello di fare polverone.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#23
Caro Cacciatorino,
la discussione sui raggi a corda costante è stata chiarita a suo tempo con Paolo Intra al quale mi sono rivolto per chiedere chiarimenti su certe affermazioni che giravano su quel post e nel quale non io bensì altri sono stati isolati dal forum. Riprendere questa storia facendomi passare per il fomentatore non lo accetto. Il qui pro quo, se ben ricordi, è stato causato dal fatto che io e Matteo, industrial designer da 20 anni, collaboratori di Siemens e di altre multinazionali, ubicati nello stesso studio quindi con lo stesso IP siamo stati scambiati per fomentatori di flame. Con questo passo e chiudo.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#24
Caro Cacciatorino,
la discussione sui raggi a corda costante è stata chiarita a suo tempo con Paolo Intra al quale mi sono rivolto per chiedere chiarimenti su certe affermazioni che giravano su quel post e nel quale non io bensì altri sono stati isolati dal forum. Riprendere questa storia facendomi passare per il fomentatore non lo accetto. Il qui pro quo, se ben ricordi, è stato causato dal fatto che io e Matteo, industrial designer da 20 anni, collaboratori di Siemens e di altre multinazionali, ubicati nello stesso studio quindi con lo stesso IP siamo stati scambiati per fomentatori di flame. Con questo passo e chiudo.
Il qui pro quo era dovuto all'intestardirsi su una questione secondaria che facevate passare per importantissima, ma senza essere in grado di spiegare il motivo di quella importanza. A mio parere (ed e' il parere che conta in quanto sono moderatore in questa sezione) in quella discussione avete fatto un flame per mettere in evidenza una funzione che aveva NX, e mi sembra che la tendenza sia la stessa in questa discussione: tanti video ma poche spiegazioni e la solita aria di superiorita' di chi dispensa ogni tanto pillole si saggezza agli umili operai del cad, che tanto difficilmente saranno in grado di capire (devi ancora spiegarmi la differenza fra modellazione diretta e hisory free secondo il tuo punto di vista).
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#25
' proprio nei dettagli che si annidano le incomprensioni e non è vero che i dettagli sono di poco conto.

cacciatorino ha detto:
Si noti pero' che nella ST si puo' scegliere se vincolare o no, o vincolare solo in parte. Quindi la tua affermazione e' giusta e sbagliata allo stesso tempo.
Quanto dici NON è vero, si può vincolare o meno a seconda se sei in modalità ordinata o in modalità sincrona (mi sembra si dica così in SE), sono le modalità e non i comandi a fare la differenza

cacciatorino ha detto:
Comunque la ST e' sia parametrica che non parametrica, a scelta dell'utente (ma forse dovremmo parlare di vincolata o svincolata, perche' una quota o un vincolo di concentricita' non sono parametri ma sono vincoli, appunto).
Falso anche questo almeno in NX: resize blend è regolato da un parametro, delete face da cosa è regolato? reorder blend? Come vedi stiamo parlando di cose completamente diverse che hanno nomi uguali. SE e NX sono diversissimi in questo senso. E se è così di cosa stiamo parlando? Di confusione e luoghi comuni come ho detto. Neanche Siemens ha le idee chiare e ti faccio un esempio: dei comandi, utilizzabili nelle vecchie versioni NX7.5-8, solo in modalità history free e non parametrici, ora sono utilizzabili in history mode e history free parametrici entrambi.
La difficoltà a dare delle indicazioni sull'utilizzo dei vari sistemi sta anche in questa poca chiarezza di una tecnologia ancora in fase di sviluppo e lanciata sul mercato forse più per esigenze commerciali che pratiche.

Poi caro Cacciatorino, non mi va mi vengano fatte le pulci su cose, forse spiegate male, ma forse comprese peggio. Nota i forse possibilisti e ti assicuro privi di ogni vis polemica. Non mi va che si possano fare affermazioni sbagliate prese per buone solo perchè le dice chi le dice:

maxopus ha detto:
Caro Marco, la modellazione Brep anziché feature based è alla fine della fiera una cosa che tutti noi "anziani" conosciamo. È la stessa modalità usata da Autocad 3D, tiri o ruoti una faccia anziché modificare le quote di una determinata funzione.
Rispetto alla modellazione geometrica generata dalla tecnica di rappresentazione geometria solida costruttiva (CSG), che utilizza solo gli oggetti primitivi e le operazioni logiche Booleane abbinate, la boundary representation è più flessibile ed ha un set di operazioni molto più ricco. Questo fa della rappresentazione BREP una scelta più indicata per i sistemi CAD. La tecnica CSG è stato utilizzata inizialmente da diversi sistemi commerciali perché facile da implementare. L'avvento di affidabili sistemi commerciali basati su kernel B-rep come Parasolid e ACIS, prima indicati, ha portato alla diffusa adozione di B-rep per CAD. Oltre alle operazioni booleane, B-rep ha estrusione (di ogni tipo), smussatura, meshing, disegno, shelling (riempimento), tweaking (modifiche) e altre operazioni che fanno uso di tutto questo. da wikipedia


maxopus ha detto:
Nel mondo PTC un modello senza feature pesa meno ... tu mi dici che nel mondo Siemens pesa di più ... c'è qualcosa che non torna.
Non torna che non hai letto quello che ho scritto e ti ha risposto adeguatamente Cacciatorino:

cacciatorino ha detto:
Per ripondere alla tua domanda;

il modello potrebbe appesantirsi se vincolo le facce fra loro
il modello sara' piu' leggero se non vincolo le facce fra loro
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#26
Vedo che si continua a non capire e questo mi riporta ancora a quanto affermato: c'è grande confusione. Io non ho detto che un modello senza features pesa meno ho detto che i comandi di modellazione diretta appesantiscono il file ed esattamente queste parole: Questa è una delle imprecisioni che girano, perché se è relativa alla seconda modalità che ho descritto, addirittura appesantisce. Questo mi spinge a pensare che non si è capito nulla della modellazione diretta e della modellazione history free confondendo l'una e l'altra.
Guarda questi due filmati che ho fatto al volo, per cui scusa la banalità, in uno, si parte da un file sparametrizzato e si arriva tramite i comandi di modellazione diretta a creare dei parametri. Non rispondi poi alle domande che ho posto e cioè esiste in Creo una pur vaga somiglianza di comandi con quelli che ho illustrato di NX?
https://www.youtube.com/watch?v=v8A6_ZLUyzU
https://www.youtube.com/watch?v=J42-YjIN2UU
Ceschi tu stai scherzando ... vero ? Alla Siemens vi si è bloccato lo sviluppo a 5 anni fa ?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#27
Quanto dici NON è vero, si può vincolare o meno a seconda se sei in modalità ordinata o in modalità sincrona (mi sembra si dica così in SE), sono le modalità e non i comandi a fare la differenza
Sbagli grossolanamente. In modalita' SINCRONA posso decidere se vincolare o no: per esempio posso vincolare due facce ad essere parallele, o addirittura parallele ad una distanza fissa, oppure le posso lasciare slegate. Questo a giudizio del progettista, restando in ambiente sincrono. Adesso non ho il cad sotto mano per fare un video purtroppo.



Falso anche questo almeno in NX: resize blend è regolato da un parametro, delete face da cosa è regolato? reorder blend? Come vedi stiamo parlando di cose completamente diverse che hanno nomi uguali. SE e NX sono diversissimi in questo senso. E se è così di cosa stiamo parlando? Di confusione e luoghi comuni come ho detto. Neanche Siemens ha le idee chiare e ti faccio un esempio: dei comandi, utilizzabili nelle vecchie versioni NX7.5-8, solo in modalità history free e non parametrici, ora sono utilizzabili in history mode e history free parametrici entrambi.
La difficoltà a dare delle indicazioni sull'utilizzo dei vari sistemi sta anche in questa poca chiarezza di una tecnologia ancora in fase di sviluppo e lanciata sul mercato forse più per esigenze commerciali che pratiche.
Forse sei tu che fai confusione fra vincoli e parametri. Un parametro e' una cosa del tipo a = 2 * b, dove per esempio a e b sono due grandezze (anche non fisiche) del modello. Un vincolo e' una cosa statica, per esempio un vincolo geometrico fdi parallelismo o perpendicolarita o dimensionale di distanza fra due entita'. La ST di solid Edge ha comunque sia i vincoli che i parametri, da usare o no a seconda delle esigenze del momento (restando, lo ribadisco, in ambiente sincrono e quindi history free).

Poi caro Cacciatorino, non mi va mi vengano fatte le pulci su cose, forse spiegate male, ma forse comprese peggio. Nota i forse possibilisti e ti assicuro privi di ogni vis polemica. Non mi va che si possano fare affermazioni sbagliate prese per buone solo perchè le dice chi le dice:
Sei tu che hai cominciato a dire che facciamo confusione, non capiamo, siamo indietro etc etc. A forza di leggerti mi sto convincendo del contrario sinceramente.
 

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#28
La mia era una domanda trabocchetto... In quel filmato non c'è NIENTE di ST perché è tutto parametrico, ed è qui la confusione: in SE queste cose le potevi fare, come in NX, ben prima dell'introduzione della ST vero?
La confusione la puoi creare in utenti di altri cad, non certo del tuo, che immagino non si faranno fregare così facilmente:rolleyes:. Se "imbrogli" è chiaro che io, che non ho mai usato NX, posso guardare il tuo video senza sapere che stai applicando un tipo di modellazione diversa da quella che immagino, ovvero non è ST ma modellazione diretta o modifica di feature tramite maniglie il tutto legato alla storia delle lavorazioni.
Io non ho capito il senso di tutti i tuoi post, perchè il fatto che un tipo di modellazione che non ha storia, vincoli ecc (ST o contestuale chiamala come vuoi ma credo ci siamo intesi ) sia diversa da quella history based lo sappiamo bene tutti. Quando ti dicevo che non capivo dove fossero le inesattezze che avevi letto prima del tuo intervento al post #7 ti chiedevo appunto di quotarle e scrivere "no, non è così ma cosà"
Tanto per farti un esempio, so benissimo che tutte le modifiche che faccio in un modello di SWX, indipendnetemente dalla modalità (editare quote e feature, tirare maniglie, spostare facce, deformare, ecc) sono parametriche e history based. Non ho mai pensato che tirare una faccia fosse modellazione diretta, e sono convinto che lo sappiano anche gli utenti di tutti gli altri cad relativamente al funzonamento del loro (creo, SE, INV ecc) quindi non puoi pensare che facciamo confusione con gli strumenti che conosciamo.
Mi pare che l'unica vera novità sia appunto la ST, che però non giurerei sia implementata allo stesso modo in SE e in NX anche se ricordo che se n'era parlato parecchio ma non avendola mai usata non ho idea di cosa succeda andando a editare una feature che nell'albero si trova prima dell'inizio della modellazione con la ST, ammesso che si possa partire a modellare con la ST a metà di un modello basato sulle features, poi magari continuare con le features dopo una parte in ST.

IMHO il punto di tutto questo thread è quando è meglio usare un contestuale oppure un parametrico o, se possiblie, entrambe le modalità contemporaneamente.

P.S.
Nel caso sia possibile l'uso misto di ST e parametrico per realizzare un modello da zero su NX (o SE) ti dirò che
[mode flame ON]
ho l'impressione che ci si ritrovi davanti a una mina vagante pronta ad esploderti in mano appena tocchi qualche feature prima della parte di modellazione in ST
Per il discorso dei modelli importati o dei modelli nativi immodificabli perchè fatti coi piedi credo che il contestuale o il piallare tutta la storia e passare alla ST sia sicuramente meglio, ma si tratta di un rimedio per salvare capra e cavoli e in qualche modo venirne fuori
[mode flame OFF] :biggrin:
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#29
Ho effettivamente capito male perchè:
cacciatorino ha detto:
una quota o un vincolo di concentricita' non sono parametri ma sono vincoli, appunto.
Quindi una quota cos'è un parametro o un vincolo? Da quello che scrivi è
cacciatorino ha detto:
Un vincolo e' una cosa statica, per esempio un vincolo geometrico fdi parallelismo o perpendicolarita o dimensionale di distanza fra due entita'.
quindi immodificabile. Se è così non lo è in NX e non solo: le features possono avere altri 'parametri' oltre a quelli che citi.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#30
Non ho mai pensato che tirare una faccia fosse modellazione diretta
E' proprio qui il busillis, Marcof, e non so più come spiegarlo. Nel mio primo post ho messo alcune immagini: una rappresenta i comandi in NX5 di MODELLAZIONE DIRETTA, l'altra rappresenta gli stessi comandi (naturalmente in numero molto superiore) ma sotto la terminologia SYNCHRONOUS. Quella che fai tu con SW è MODELLAZIONE DIRETTA ed è il secondo caso che ho esposto nel mio primo post che rispiego:

il punto p(X;Y) è, ad esempio, un punto di una superficie rappresentato graficamente sul monitor che ha coordinate ricavate da un sistema di equazioni (B-Rep) (features based). Posso spostarlo in tre modi: ridefinendo le features di base (prima immagine modify features), dandogli uno spostamento 'diretto' (seconda immagine features based + direct modeling), spostandolo sic et simpliciter in un altro posto (history free). Mi sono spiegato o no?

In più in NX deriso da Maxopus nel suo ultimo intervento ci sono dei sistemi di 'riconoscimento' delle geometrie che sfido qualsiasi altro cad ad avere. Nel filmatino c'è uno stiramento di una faccia di una specie di bugna asolata. Questo all'inizio fallisce in quanto il sistema tenta di applicare lo stiramento anche al bend sottostante. E' comunque una possibile soluzione valida geometricamente e matematicamente fino a quando il raggio non si accartoccia. Applico quindi un comando di ST (direct modeling o st non importa) che fa riconoscere al sistema che quello sotto è un raccordo. Quindi il sistema può applicare un'altra soluzione. Alla faccia del sottosviluppato.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#31
Il qui pro quo era dovuto all'intestardirsi su una questione secondaria che facevate passare per importantissima, ma senza essere in grado di spiegare il motivo di quella importanza. A mio parere (ed e' il parere che conta in quanto sono moderatore in questa sezione) in quella discussione avete fatto un flame per mettere in evidenza una funzione che aveva NX, e mi sembra che la tendenza sia la stessa in questa discussione: tanti video ma poche spiegazioni e la solita aria di superiorita' di chi dispensa ogni tanto pillole si saggezza agli umili operai del cad, che tanto difficilmente saranno in grado di capire (devi ancora spiegarmi la differenza fra modellazione diretta e hisory free secondo il tuo punto di vista).
Il motivo di quello importanza te lo spiego adesso ora che, per ovvi motivi, posso fare esempi. Ti posto alcune immagini di un lavoro che ho fatto (Matteo ne fa di simili) in cui c'è l'idea renderizzata da un noto studio di design che una volta faceva sedili e volanti... e il particolare ingegnerizzato pronto da stampo fatto dal sottoscritto (lo stampo costa qualche decina di migliaia di euro per inciso). Tutti i blend di quel progetto, TUTTI, dovevano avere delle caratteristiche particolari estetiche. So che non tutti fanno questo lavoro ma nel momento in cui uno posta una discussione che centra direttamente il cuore del mio lavoro vengo tacciato di alzare polveroni. C'è tutta una sezione dedicata all' industrial design, ramo in cui, se permetti, sono un po' ferrato e mai neanche in quel sito ho trovato persone che hanno l'esperienza mia o di Matteo, per questo ci sembrava un sogno poterne discutere con qualcuno, altro che polveroni!!!!
 

Allegati

  • 54.6 KB Visualizzazioni: 6
  • 77.1 KB Visualizzazioni: 5
  • 61.4 KB Visualizzazioni: 6
  • 56.1 KB Visualizzazioni: 5

marcof

Utente Senior
Professione: appiccico francobolli con lo schiacciasassi
Software: solidworks 2013 SP 5.0
Regione: Modena
#32
marcof ha detto:
Non ho mai pensato che tirare una faccia fosse modellazione diretta
E' proprio qui il busillis, Marcof, e non so più come spiegarlo. Nel mio primo post ho messo alcune immagini: una rappresenta i comandi in NX5 di MODELLAZIONE DIRETTA, l'altra rappresenta gli stessi comandi (naturalmente in numero molto superiore) ma sotto la terminologia SYNCHRONOUS. Quella che fai tu con SW è MODELLAZIONE DIRETTA ed è il secondo caso che ho esposto nel mio primo post che rispiego
hai ragione scusami, ma ti assicuro che la confusione che faccio è solo di terminologia, non di sostanza. Ho usato la definizione "modellazione diretta" per riferirmi alla possibilità di spostare o modificare in tempo reale la geometria del modello, ma sono ben conscapevole che rimane feature based e non è la stessa modellazione che si fa con OSD o con la ST di NX e SE.

il punto p(X;Y) è, ad esempio, un punto di una superficie rappresentato graficamente sul monitor che ha coordinate ricavate da un sistema di equazioni (B-Rep) (features based). Posso spostarlo in tre modi: ridefinendo le features di base (prima immagine modify features), dandogli uno spostamento 'diretto' (seconda immagine features based + direct modeling), spostandolo sic et simpliciter in un altro posto (history free). Mi sono spiegato o no?
Ti eri spiegato perfettamente anche prima, anche se in realtà mi sembra (se mi sbaglio mi "corrigerai") che i primi due metodi di modellazione, che ci sono anche in SWX, sono diversi per modo di dire. Alla fine trascini un connettore o editi il valore di una quota ma il motore sotto al cofano per modificare la geometria fa gli stessi calcoli.

In più in NX deriso da Maxopus nel suo ultimo intervento ci sono dei sistemi di 'riconoscimento' delle geometrie che sfido qualsiasi altro cad ad avere. Nel filmatino c'è uno stiramento di una faccia di una specie di bugna asolata. Questo all'inizio fallisce in quanto il sistema tenta di applicare lo stiramento anche al bend sottostante. E' comunque una possibile soluzione valida geometricamente e matematicamente fino a quando il raggio non si accartoccia. Applico quindi un comando di ST (direct modeling o st non importa) che fa riconoscere al sistema che quello sotto è un raccordo. Quindi il sistema può applicare un'altra soluzione. Alla faccia del sottosviluppato.
Credo che sarebbe meglio metterla sulla sostanza del contendere, che non è poi un contendere, ovvero quando è meglio usare la ST, magari da zero, e quando no.
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#33
Si si a parte le serie geometriche delle asole che vengono rettangoli o il fatto che ogni volta che sottrai un solido devi dirgli cosa stai facendo perchè non distingue un assieme da una parte (i file si chiamano furbescamente tutti .prt) e quindi una noiosissimo ripetizione infinita di click per fargli capire in quale contesto stai operando. Insomma, dopo un anno di smarronamenti inimmaginabili posso dire che a livello CAD NX può pulire degnamente le scarpe a Creo senza timore di essere smentito da chiunque ne capisca una mezza ... non dico tutto ... ma almeno una mezza.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#34
marcof ha detto:
hai ragione scusami, ma ti assicuro che la confusione che faccio è solo di terminologia, non di sostanza. Ho usato la definizione "modellazione diretta" per riferirmi alla possibilità di spostare o modificare in tempo reale la geometria del modello, ma sono ben conscapevole che rimane feature based e non è la stessa modellazione che si fa con OSD o con la ST di NX e SE.
Se poi la terminologia nei vari cad è diversa e sottende concetti diversi vedi che vieni con me che c'è un sacco di confusione e di luoghi comuni?, Giustamente hai fatto notare prima che nel mio filmato avrei potuto essere 'sgamato' solo da un utente NX, e neanche SE pur essendo della stessa famiglia. Rinforza il fatto che anche le case cad non hanno idee ben chiare. In NX la situazione è, se possibile, ancora più complessa: abbiamo una modellazione hisory free parametrica, non parametrica con modellazione diretta mista ad un po' di cioccolato e granella.....


marcof ha detto:
Credo che sarebbe meglio metterla sulla sostanza del contendere, che non è poi un contendere, ovvero quando è meglio usare la ST, magari da zero, e quando no.

Partendo da qui, e lasciando ogni commento
su quanto apparso recentemente da parte di chi ha tempo da perdere, utilizzo l'elenco di Cacciatorino postato prima per confrontarlo con NX (non beninteso dal punto di vista prestazionale, non ho bisogo di misurarmi con nessuno, ma da un punto di vista 'concettuale')

Vantaggi del parametrico
1) Possibilita' piu' spinta di simulazione di cinematismi e assemblaggi
1a) in NX nessuna differenza, cinematismi e assiemi agiscono sulla geometria e non su come viene generata
2) migliore associativita' modello-tavola
2a) idem come sopra 1a)
3) possibilita' di editare funzioni complesse con pochi click (per esempio loft, elicoidi, etc etc).
3a) anche in NX è vantaggioso il parametrico
4) Realizzazione di modifiche piu' rapida (se i modelli sono ben fatti in origine)
4a) quello che scrivi tra parentesi è spesso l'unica discriminante.....
5) realizzazione di famiglie di parti
5a) anche in NX è vantaggioso il parametrico
6) relazioni interparte (importantissimo)
6a) dipende, le espressioni in nX ci possono essere lo stesso, mai avuto problemi

Vantaggi del contestuale:
1) apprendimento piu' rapido
1a) in NX i comandi sono gli stessi!!!!!!! è l'ambiente diverso mannaggia
2) maggiore facilita' di modificare file provenienti da altri cad
2a) idem come sopra 1a)
3) modellazione top-down piu' semplice (ma non associativa)
3a) nessuna differenze non esiste diversità di associatività
4) possibilita' di lavorare con grandissimi assiemi (ma questo forse e' specifico dei cad che sto usando, piu' che della metodologia).
4a) ti sfido a caricare un assieme di un motore sparametrizzato di quelli che dico io, come specifichi tra parentesi non c'entra nulla.
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#35
Allora, per chiarire uno dei punti che erano apparsi nella discussione:

Mi dicono che in Creo/Direct ogni operazione di sposta faccia viene effettivamente registrata nell'albero delle feature, albero che non viene mostrato perche' siamo in direct, ma che si vedra' se saremo in parametric (si noti che parliamo di due software diversi, che richiedono due licenze distinte).

Quindi, estremizzando, se ho un cubo e sposto la faccia avanti e indietro di 100 volte, avro' un file con un albero modello con 100 operazioni, pur trattandosi sempre di un semplice cubo. La cosa detta cosi' sembra un esagerazione concettuale, ma non lo e' piu' tanto se pensiamo che spessissimo si realizzano nuove parti partendo da una esistente e facendo salva con nome. Se pensiamo che ogni parte si eredita tutti gli sposta faccia dei file da cui deriva, la situazione non sembra molto positiva.
 
Professione: Ingegnere presso Overcam
Software: SpaceClaim SMO+ version e LogiTRACE
Regione: Piemonte
#36
Appena ho visto il post #7 con l'immagine del punto ho pensato: questa è la volta buona che mi chiarisco le idee...

Poi però alla fine di tutta la discussione sono ancora più confuso. Premesso che non conosco ST, ma pensavo di conoscere un CAD direct (SpaceClaim)... in quelle 3 figure mi trovo ad associare SpaceClaim al 3° caso (terza figura). Ma leggo "Synchronous Technology"... ma come... sul sito di SpaceClaim ho sempre letto articoli e visto video dove si mette a confronto un feature based (smettete di chiamarlo parametrico, perché confonde le idee, anche quando si disegna un cerchio la funzione richiede il "parametro" diametro) con un direct modelling... non si è mai parlato di ST!!! Quindi SpaceClaim sarebbe un ST?
 

cacciatorino

Moderatore SolidEdge
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: SolidEdge CoCreate Salome-Meca
Regione: Porto Recanati, ma con l'appennino nel cuore
#37
Appena ho visto il post #7 con l'immagine del punto ho pensato: questa è la volta buona che mi chiarisco le idee...

Poi però alla fine di tutta la discussione sono ancora più confuso. Premesso che non conosco ST, ma pensavo di conoscere un CAD direct (SpaceClaim)... in quelle 3 figure mi trovo ad associare SpaceClaim al 3° caso (terza figura). Ma leggo "Synchronous Technology"... ma come... sul sito di SpaceClaim ho sempre letto articoli e visto video dove si mette a confronto un feature based (smettete di chiamarlo parametrico, perché confonde le idee, anche quando si disegna un cerchio la funzione richiede il "parametro" diametro) con un direct modelling... non si è mai parlato di ST!!! Quindi SpaceClaim sarebbe un ST?
SyncTech e' un marchio commerciale di Siemens-PLM. Se poi SpaceClaim incorpori una modalita' di lavoro simile a quella che alla Siemens chiamano SyncTech poco importa. ;-)


SpaceClaim riesce a vincolare fra loro le entita' di un solido, per esempio tenere concentriche due facce, o parallele o perpendicolari altre due? Se ci riesce, e' simile alla ST.
 

ceschi1959

Utente Standard
Professione: progettista
Software: UG 11 - NX11 TC10
Regione: veneto
#38
Appena ho visto il post #7 con l'immagine del punto ho pensato: questa è la volta buona che mi chiarisco le idee...

Poi però alla fine di tutta la discussione sono ancora più confuso. Premesso che non conosco ST, ma pensavo di conoscere un CAD direct (SpaceClaim)... in quelle 3 figure mi trovo ad associare SpaceClaim al 3° caso (terza figura). Ma leggo "Synchronous Technology"... ma come... sul sito di SpaceClaim ho sempre letto articoli e visto video dove si mette a confronto un feature based (smettete di chiamarlo parametrico, perché confonde le idee, anche quando si disegna un cerchio la funzione richiede il "parametro" diametro) con un direct modelling... non si è mai parlato di ST!!! Quindi SpaceClaim sarebbe un ST?
E' solo una questione di terminologia. E' per quello che ribadisco che c'è molta confusione (io mi ci metto a piè pari fra i confusi) se invece dicessimo: opzione 1 2 e3, pippo pluto e paperino guardando le figure che ho postato allora la conversazione forse potrebbe essere più profiqua.
Per quel che riguarda NX (il cad che adopero) possiede tutte e tre le modalità nello stesso ambiente.