Dimensionamento/scelta viti fissaggio motore soggetto a torsione

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Buonasera, rieccomi qua, nel caso in cui avessi due motori con stesse identiche prestazioni, unica differenza sia l'altezza motore, nello specifico per esagerare, l'altezza H del motore di destra è 100 volte l'altezza h del motore di sinistra.
È legabile in qualche modo alla scelta delle viti? Mi immagino che quello di destra risulti meno stabile e più soggetto a ribaltamento nel caso pratico, ma da come ci siamo detti di procedere per la scelta delle viti non viene considerata la variabile l'altezza.

Grazie.
 

Allegati

MauroOl

Utente poco attivo
Professione: Funzionario PA
Software: Autocad, Blender + miei applicativi
Regione: Piemonte
Nò l'altezza non è una variabile la coppia generata dal motore si propaga lungo il trave verticale e raggiunge il supporto di base indipendentemente dalla lunghezza del trave, ossia il trave è sollecitato con un momento flettente uniforme su tutta la sua lunghezza e dovrà essere dimensionato per contrastarlo.
Vale sempre il ragionamento fatto da altri che se la trasmissione del moto dall'albero motore all'utilizzatore avviane tramite cinghie o catene che introducano forze laterali queste vanno messe in conto e in tal caso la lunghezza del trave diventa una variabile del sistema in quanto cambia il momento flettente
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Buonasera, rieccomi qua, nel caso in cui avessi due motori con stesse identiche prestazioni, unica differenza sia l'altezza motore, nello specifico per esagerare, l'altezza H del motore di destra è 100 volte l'altezza h del motore di sinistra.
È legabile in qualche modo alla scelta delle viti? Mi immagino che quello di destra risulti meno stabile e più soggetto a ribaltamento nel caso pratico, ma da come ci siamo detti di procedere per la scelta delle viti non viene considerata la variabile l'altezza.

Grazie.
Come detto nei post sopra, il braccio è quello orizzontale e non verticale.
Il motore 100 volte più alto sarà anche più pesante, quindi viti più grosse se il motore lo metti a testa in giù....è un esempio non paragonabile.
 

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Nò l'altezza non è una variabile la coppia generata dal motore si propaga lungo il trave verticale e raggiunge il supporto di base indipendentemente dalla lunghezza del trave, ossia il trave è sollecitato con un momento flettente uniforme su tutta la sua lunghezza e dovrà essere dimensionato per contrastarlo.
Vale sempre il ragionamento fatto da altri che se la trasmissione del moto dall'albero motore all'utilizzatore avviane tramite cinghie o catene che introducano forze laterali queste vanno messe in conto e in tal caso la lunghezza del trave diventa una variabile del sistema in quanto cambia il momento flettente
Chiaro, quindi è la struttura più sollecitata da tale variabile. Grazie!
 

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Vi ringrazio infinitamente.
Già che ci sono vi scomodo ulteriormente. E nel caso di un riduttore ad assi paralleli come agiscono le forze sulle viti?
Analizzando il lato uscita riduttore, la terza fila di viti sarà sollecitata come nel caso già visto del motore, ma la fila 1 e 2 che valori avranno le loro reazioni?
Grazie
 

Allegati

Mattymecc

Utente standard
Professione: studente
Software: Autocad/Inventor
Regione: Emilia Romagna
I riduttori che io sappia sono sistemi autoequilibrati, quindi le vite sostengono solo il peso del riduttore.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Vi ringrazio infinitamente.
Già che ci sono vi scomodo ulteriormente. E nel caso di un riduttore ad assi paralleli come agiscono le forze sulle viti?
Analizzando il lato uscita riduttore, la terza fila di viti sarà sollecitata come nel caso già visto del motore, ma la fila 1 e 2 che valori avranno le loro reazioni?
Grazie
Nessun oggetto è auto equilibrato se è collegato a qualcosa. La coppia in ingresso agisce sull'albero di ingresso e la coppia di uscita agisce sull'albero di uscita.
Le viti a distanza massima avranno reazione massima/minima e le viti intermedie saranno proporzionalmente reattive in funzione della distanza. Per sapere segno e valore occorre fare l'equilibrio, come fosse una trave, con coppie e reazioni, equazioni di equilibrio e di congruenza per poi arrivare a determinare così le reazioni alle viti di fissaggio. Sicuramente oltre alle copie in gioco c'è anche il peso del riduttore da considerare.
 

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Nessun oggetto è auto equilibrato se è collegato a qualcosa. La coppia in ingresso agisce sull'albero di ingresso e la coppia di uscita agisce sull'albero di uscita.
Le viti a distanza massima avranno reazione massima/minima e le viti intermedie saranno proporzionalmente reattive in funzione della distanza. Per sapere segno e valore occorre fare l'equilibrio, come fosse una trave, con coppie e reazioni, equazioni di equilibrio e di congruenza per poi arrivare a determinare così le reazioni alle viti di fissaggio. Sicuramente oltre alle copie in gioco c'è anche il peso del riduttore da considerare.
Quindi trascurando il peso avrò un andamento come da immagine allegata, con valore 0 in corrispondenza del asse del albero uscita riduttore.
Qui un dubbio, io considero solo il momento in uscita al riduttore per determinare la sollecitazione sulle viti? O devo anche considerare il momento che mi genera il lato motore?
 

Allegati

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Quindi trascurando il peso avrò un andamento come da immagine allegata, con valore 0 in corrispondenza del asse del albero uscita riduttore.
Qui un dubbio, io considero solo il momento in uscita al riduttore per determinare la sollecitazione sulle viti? O devo anche considerare il momento che mi genera il lato motore?
Le copie agenti sulla scatola sono due. Se il rapporto di riduzione totale è molto alto, diciamo più di 10, si ha che la coppia in uscita è un ordine di grandezza superiore a quella in ingresso e sicuramente sarà quella predominante.
 

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Le copie agenti sulla scatola sono due. Se il rapporto di riduzione totale è molto alto, diciamo più di 10, si ha che la coppia in uscita è un ordine di grandezza superiore a quella in ingresso e sicuramente sarà quella predominante.
Bene, quindi trovandoci nel caso di un rapporto superiore a 10 e trascurando il peso del riduttore, per determinare le forze agenti sulle viti parto dal fatto che F1+F2=F3 e risolvo la trave giusto?
Grazie
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Bene, quindi trovandoci nel caso di un rapporto superiore a 10 e trascurando il peso del riduttore, per determinare le forze agenti sulle viti parto dal fatto che F1+F2=F3 e risolvo la trave giusto?
Grazie
Credo che una equazione non basti. Dovrai fare la somma delle verticali uguali a zero....e la somma dei momenti uguali a zero....e a dire il vero....3 incognite...tre equazioni
 

easymec

Utente standard
Professione: disegnatore
Software: cad, solidworks
Regione: Campania
Credo che una equazione non basti. Dovrai fare la somma delle verticali uguali a zero....e la somma dei momenti uguali a zero....e a dire il vero....3 incognite...tre equazioni
Certo, il mio dubbio era sulla partenza, dato per buono che F1+F2=F3 ( avendo il momento nullo allineato con l'asse in uscita del riduttore) da qui andavo a risolvere con le canoniche equazioni cardinali.
Se mi confermi che ciò è corretto ci sono.
Grazie ancora.
 

meccanicamg

Utente Senior
Professione: Mechanical engineer manager
Software: SolidWorks, FreeCAD, NanoCAD5, Me10, Excel, LibreOffice
Regione: Lombardia
Non è detto che poi il segno dei versi delle frecce sia quello...