• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Dilemma messa in tavola ProE

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#41
Per Maxopus.

Un mio collega la pensa come te, ed utilizza quando possibile le quote del modello.
Io invece preferisco metterle manualemente.
Il fatto è che molte quote, nella modellazione hanno dei riferimenti che a me servono per creare la parte, ma non sempre si sposano con i riferimenti che dovrà avere chi realizzerà il pezzo.
Forse è anche questione di abitudine.....

Comunque grazie per il consiglio, sempre molto apprezzato!!!
E' che il modello, nel limite del possibile, andrebbe fatto bene se un foro per crearlo all'operatore serve la quota dal piano a sinistra perché modellarlo dal piano di destra.

Un altro grosso vantaggio oltre a quelli enunciati da Maxopus è la loro stabilità specie se per qualche motivo dovessi ruotare la vista le quote create saltano quasi tutte perchè da orizzontali diventano verticali e viceversa per cui il loro valore diventa 0.
 

ss900

Utente Junior
Professione: Progettista meccanico
Software: ProEngineer WF3
Regione: Emilia Romagna
#42
Per Dema.
Dipende da quello che sto progettando.
Per fare un esempio in una lamiera utilizzo dei riferimenti che mi creo...
Mettiamo che devo fare una trasmissione a cinghia tra un rullo ed il motore.
Faccio delle costruzioni o curve in modo da controllare la posizione delle foratura in base all'interasse dato dalla cinghia che sto usando... questo mi permette di mettere il tutto in relazione e non fare errori, anche se decidessi di utilizzare una cinghia con sviluppo differente.
Se poi vado a quotare "in automatico", il lamierista si trova dei valori che gli complicano la vita, e così per chi dovrà controllare i pezzi all'arrivo.
Le quote per chi deve fare il programma per il taglio laser devono avere dei riferimenti dedicati e ben precisi, e non fatti su piani di riferimento o curve o altro... che magari nel modello solido per me sono fondamentali, ma nel drw sono insensati.
Poni poi il caso che lavori su una parte in cui ci sono feature specchiate... troveresti quote relative alla metà che hai modellato e non al pezzo globale.


E' vero, come dite, che se in un secondo momento devo ruotare la vista devo rimettere le quote, ma ad essere sincero mi è capitato molto di rado, e comunque non mai avuto particolari problemi di stabilità delle quote...

Ripeto, non voglio criticare assolutamente il vostro pensiero in merito, anzi... mi piace fare questi scambi di opinione e confrontarmi con gli altri perchè comunque posso migliorare il mio modo di lavorare.

Un saluto!
 

gianluigi

Utente Junior
Professione: progettista stampi termoplastici
Software: Pro/e Wildfire4
Regione: Milano
#43
Ciao power23, il 2D di pro/e non è autocad.
Sono daccordo con tanti che Ti hanno risposto, forse il commerciale deve fare il commerciale, il tecnico il tecnico.
Dopo qualche settimana di utilizzo di pro/e ti renderai conto che la messa in tavola è una messa intavola.!
è un assurdo utilizzare pro/e come se fosse un 2D, per quanto riguarda la quotatura del raggio prova questo passaggio.
1) andare sul raggio e col tasto di destra andare a selezionare il raggio e poi cliccarlo vedrai che riuscirai a quotarlo.
Ciao Gianluigi
 

Davide Donà

Utente Junior
Professione: Impiegato tecnico
Software: Pro/E 2001, AutoCAD
Regione: Piemonte
#44
Salve ragazzi,
scusate l'intrusione ma volevo dire la mia su questo argomento.
Ho lasciato Pro/E alla versione 2001, però non credo sia peggiorato,anzi.
Io trovavo la messa in tavola una vera goduria, mai più incontrato un altro software che mi desse quelle soddisfazioni, con quella potenza.
Viste, sezioni, quotature, viste interrotte, dettagli, esplosi...una bomba produttiva di impatto visivo notevole anche per chi vede i lavori realizzati in drw.
Secondo me è uno dei punti di forza del programma!
Certo bisogna saperla usare e dimenticare AutoCAD e altri "tira-righe" del genere. Io comunque ho poche esitazioni: se dobbiamo fare disegni per cataloghi, da colorare, semplificare e pacioccare, va bene un 2D.
Ma se devo anche solo disegnare una rondella che fa parte di un progetto, allora 3D alla grande. Colui che ha fatto il corso di cui ho letto ha detto una grande c.....a!