Dilemma messa in tavola ProE

power23

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: ProE - SolidWorks
Regione: Abruzzo
#1
Salve ragazzi,
La mia azienda ha deciso da poco di adottare come software 3d il ProE.
Abbiamo fatto già un minicorso basa base...e devo dire che ho appreso molto per quanto riguarda la modellazzione e l'assemblaggio.
A parte l'interfaccia che mi sembra un pò retrò...mi è sembrato un buon programma e ci ho preso una buona (minima) dimestichezza.
Ora vi chiedo una cosa...e' vero che la creazione del "particolare costruttivo"...la messa in tavola praticamente...è molto molto macchinosa e lenta con ProE??
Anche il corsista ci ha detto che certo la messa in tavola non è il punto forte di questo software...a differenza di altri sw tridimensionali.
Ora non so darvi un mio parere a riguardo...visto che ho provato ma solo a livello iniziale.
Voi che lo usate da tempo che mi dite??...è vera questa storia o è solo questione di prenderci la mano?
Certo...la messa in tavola di un sw 2D...tipo Autocad...credo sia imbattibile.

Grazie in anticipo per le risposte.
Ciao
 

davide75

Utente Senior
Professione: progettista-ing.meccanico
Software: SE-INV-SW-PRO/E-OSD-GBG-ME10-VISUAL NASTRAN 4D-AUTOCAD
Regione: emilia romagna
#2
si è macchinosa ma come tutti i sw basta prenderci la mano.cmq tieni presente che la messa in tavola è bidirezionale che è uno dei punti forti di Proe.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#3
A me vengono dei dubbi sul tuo commerciale... chi ti fa i corsi è un rivenditore ufficiale di PTC?
Per quanto ho visto è difficile il primo approcio, anche da chi viene da altri 3d, a mio avviso manca quasi del tutto la possibilità di intervento in tavola e sarebbe comodo poter agganciare delle entità schizzo agli oggetti rappresentati nelle viste come fa swx.
Comunque, dopo qualche giorno in cui mi sono trovato "spiazzato" sono riuscito a fare quello che dovevo fare senza grossi problemi.
Per quanto riguarda la velocità di messa in tavola di Autocad, che dire. Fai altrettanto prima anche a fare le viste?
Di solito il vantaggio in termini di tempo con il 3d si ha se il progetto è sufficientemente complesso e se si fa il lavoro come si deve. Se con il bidimensionale si fa il 50% del lavoro previsto dalle norme "perchè tanto gli operatori sanno già..." (cosa già visto tante volte) Autocad è più competitivo, altrimenti no.
Comunque complimenti, avete fatto un buon acquisto. Posso chiederti cosa fate e che pacchetti avete acquistato? Avete già valutato un pdm/plm?
 

Mauri:66

Utente Standard
Professione: Progetti per Pressofusi Al
Software: SolidWorks 2011- Creo 2.0 -Catia V5
Regione: Veneto
#4
La messa in tavola è sempre più o meno macchinosa e lunga con qualsiasi sw 3D, sta a te personalizzarlo il più possibile sulla base del prodotto che sviluppi e vedrai che qualsiasi sw successivo anche se [("migliore")] ti risulterà ancora e sempre più macchinoso :wink:

Mauri
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#5
Salve ragazzi,
La mia azienda ha deciso da poco di adottare come software 3d il ProE.
Abbiamo fatto già un minicorso basa base...e devo dire che ho appreso molto per quanto riguarda la modellazzione e l'assemblaggio.
A parte l'interfaccia che mi sembra un pò retrò...mi è sembrato un buon programma e ci ho preso una buona (minima) dimestichezza.
Ora vi chiedo una cosa...e' vero che la creazione del "particolare costruttivo"...la messa in tavola praticamente...è molto molto macchinosa e lenta con ProE??
Anche il corsista ci ha detto che certo la messa in tavola non è il punto forte di questo software...a differenza di altri sw tridimensionali.
Ora non so darvi un mio parere a riguardo...visto che ho provato ma solo a livello iniziale.
Voi che lo usate da tempo che mi dite??...è vera questa storia o è solo questione di prenderci la mano?
Certo...la messa in tavola di un sw 2D...tipo Autocad...credo sia imbattibile.

Grazie in anticipo per le risposte.
Ciao
Il tuo corsista non deve essere uno che capisce molto di Pro/E.
La messa in tavola di Pro/E è validissima e bisogna partire dal presupposto che non devi più ragionare come con Autocad.
In un CAD 3D la messa in tavola non è altro che la rappresentazione bidimensionale di un entità 3D, per cui ti devi scordare di tirare le linee, trimmare o estendere o stabilire lo stile linea per singola entità.
Detto questo, se ti hanno fatto il corso, ed è un corso ufficiale, ti avrebbero dovuto rilasciare un volume di circa 600 pagine che è la guida alla messa in tavola di Pro/E ...
 

l_aliprandi

Utente poco attivo
Professione: Progettista
Software: Catia/Pro-E WF2-4/SW-2008
Regione: Marche
#6
re_solidworks ha detto:
sarebbe comodo poter agganciare delle entità schizzo agli oggetti rappresentati nelle viste come fa swx.
:confused:
Non capisco cosa vuoi dire. Pro/E ti permette di fare schizzi da collegare alle viste sia partendo da degli usa spigolo che disegnando gli oggetti per poi collegarli alle viste stesse.

Cosa di preciso non riesci a fare?

Ciao
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#7
:confused:
Non capisco cosa vuoi dire. Pro/E ti permette di fare schizzi da collegare alle viste sia partendo da degli usa spigolo che disegnando gli oggetti per poi collegarli alle viste stesse.

Cosa di preciso non riesci a fare?

Ciao
si possono fare tutti gli schizzi che vuoi ma se ti dimentichi di relazionarli alla vista oppure per caso ci prendi contro e lo sposti si sputtana tutto, mi è capitato di aprire un disegno in cui le quote degli angoli erano dati su assi schizzati nella messa in tavola, ci ho preso contro e tutte le quote si sono sputtanate.

Molto meglio secondo me aggiungere uno schizzo nella parte vincolarlo per bene alla geometria del pezzo.

Secondo vantaggio se devi mostrarlo in più viste non devi farlo più volte.
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#8
si possono fare tutti gli schizzi che vuoi ma se ti dimentichi di relazionarli alla vista oppure per caso ci prendi contro e lo sposti si sputtana tutto, mi è capitato di aprire un disegno in cui le quote degli angoli erano dati su assi schizzati nella messa in tavola, ci ho preso contro e tutte le quote si sono sputtanate.
Gli assi nella messa in tavola di Pro-E non si schizzano ma si mostrano col mosta/cancella. Se si lavora correttamente non si sputtana niente, le entità di schizzo poi si possono relazionare o meno perchè a volte fa comodo relazionarle altre volte no.
Se le cose in Pro-E si sputtanano è perchè non si è capaci ad utilizzarlo.
Ciao.
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#9
Gli assi nella messa in tavola di Pro-E non si schizzano ma si mostrano col mosta/cancella.
Ciao.
Non quelli di un raccordo perché tale comando non genera gli assi. In quel caso io nella parte creo un asse che passa per il raccordo,
Se si lavora correttamente non si sputtana niente, le entità di schizzo poi si possono relazionare o meno perchè a volte fa comodo relazionarle altre volte no.
Se le cose in Pro-E si sputtanano è perchè non si è capaci ad utilizzarlo.
Ciao.
Gente meno pratica nello studio dove lavoravo ha creato gli assi nel drawing, io l'ho aperto per prendere delle misure ho toccato un asse il quale si è spostato con tutte le quote che c'erano attaccate.

Io uso schizzare nella parte il diametro primitivo di una ruota dentata e magari se ne ho voglia e mi ricordo cerco anche di relazionarlo in modo che in futuro se la ruota dentata dovesse cambiare di dimensioni il primitivo ci corra dietro.
 
Professione: Libero professionista
Software: Catia V5 e Pro-E
Regione: Lombardia
#10
Non quelli di un raccordo perché tale comando non genera gli assi. In quel caso io nella parte creo un asse che passa per il raccordo,
Non è vero, se non ricordo male, e chi ne sa di più lo confermi o lo smentisca, se devi creare una quota tra due raccordi, Pro-E di da la passibilità di scegliere da dove partire per la misurazione
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#11
Non è vero, se non ricordo male, e chi ne sa di più lo confermi o lo smentisca, se devi creare una quota tra due raccordi, Pro-E di da la passibilità di scegliere da dove partire per la misurazione
La quota può partire da dove vuoi, è che non c'è l'asse, quindi se voglio quotare il centro del raccordo ho bisogno di creare un asse.
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#12
La quota può partire da dove vuoi, è che non c'è l'asse, quindi se voglio quotare il centro del raccordo ho bisogno di creare un asse.
L'asse non è necessario, basta attivare il comando quota manuale, selezionare i due raccordi, cliccare col tasto centrale, selezionare centro e ancora centro e inclinata/orizzontale/verticale.
Ciao.
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#13
L'asse non è necessario, basta attivare il comando quota manuale, selezionare i due raccordi, cliccare col tasto centrale, selezionare centro e ancora centro e inclinata/orizzontale/verticale.
Ciao.
HO CAPITO CHE si può mettere la quota anche senza gli assi, ma voi FACCIO UN ESEMPIO un foro in pianta lo quotate con o senza gli assi...

a breve appena lo trovo un esempio.
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#14
ecco l'esempio, spero che ho sia chiaro quello che volevo dire.

anche perchè c'è un bel po' di differenza tra quello che si può fare e tra quello che si deve fare per consegnare un buon disegno.
 

bragst

Utente Junior
Professione: Progettista
Software: ProE WF2, SAP
Regione: Trentino
#15
Pro Engineer con tutti i suoi pacchetti è un software completo e concorrenziale ma,non nascondiamoci dietro ad un dito, per fare disegni fatti bene (intendo a regola d'arte), il pacchetto Pro/Detail 2D di ProE non è sufficiente.Le attuali tempistiche industriali NON permettono di passare troppo tempo per fare le messe in tavola, e trovare soluzioni macchinose (come disegnare gli assi in 3D per poi attivarli nel 2D) può essere una soluzione, ma con che prezzo in termini si tempo!! Per non parlare inoltre di importazioni nel cartiglio di immagini raster, tabelle excel,schemi elettrici in dxf, il tutto per rendere la messa in tavola di un disegno un documento tecnico completo ed esaustivo. Anche io volevo un'interfaccia più "user-friendly" tipo quella di Autocad per intenderci, nel quale se mancano gli assi te li crei al momento in 2 secondi e se non ti servono più li cancelli. Il tema è trattato in altri post quindi rimando a quelli indicando la parola chiave che è il software Stheno. NB! Il gruppo che produce Stheno è un PTC Partner...
 
Professione: Libero professionista
Software: Catia V5 e Pro-E
Regione: Lombardia
#16
L'asse non è necessario, basta attivare il comando quota manuale, selezionare i due raccordi, cliccare col tasto centrale, selezionare centro e ancora centro e inclinata/orizzontale/verticale.
Ciao.
Questo è quello che intendevo, ma non mi ricordavo le modalità di esecuzione.
Geazie Prof:wink:
 
Professione: Lavoro Monotono
Software: "Pala e Picco"
Regione: Piemonte
#17
ecco l'esempio, spero che ho sia chiaro quello che volevo dire.

anche perchè c'è un bel po' di differenza tra quello che si può fare e tra quello che si deve fare per consegnare un buon disegno.
Se i raccordi li disegni nello sketch e non li aggiungi in un secondo momento potresti provare impostare su yes questa chiave nel config.pro

show_axes_for_extr_arcs


Ciao
P-H
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#18
ecco l'esempio, spero che ho sia chiaro quello che volevo dire.

anche perchè c'è un bel po' di differenza tra quello che si può fare e tra quello che si deve fare per consegnare un buon disegno.
Peremettimi, è passato il natale e quindi ritorno incaxxato.
Non è normale quotare in quel modo e so anche perchè adotti quel metodo.
Secondo quale norma del disegno tecnico vengono messi gli assi su dei raccordi ?
Capirei se si trattasse di fori ma in questo caso quotare in quel modo è una bestialità, mettere gli assi è ancora peggio.
 

dema

Utente Standard
Professione: Disegnatore meccanico
Software: Tutti
Regione: Emilia Romagna
#19
Se i raccordi li disegni nello sketch e non li aggiungi in un secondo momento...
Ciao
P-H
Non mi piace molto creare i raccordi in fase di schizzo, preferisco avere un albero delle feature più lungo ma composto da schizzi il più semplice possibile.
...comunque quel parametro (show_axes_for_extr_arcs) nel config già c'è ed è su YES.

...Non è normale quotare in quel modo e so anche perchè adotti quel metodo...
Visto che dici di sapere perchè uso quel metodo... lo vuoi rendere noto anche a noi... grazie

Forse non è l'esempio migliore può essere, ma se io voglio quotare il percorso di una fresa dando i centri
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#20
Non mi piace molto creare i raccordi in fase di schizzo, preferisco avere un albero delle feature più lungo ma composto da schizzi il più semplice possibile.
...comunque quel parametro (show_axes_for_extr_arcs) nel config già c'è ed è su YES.


Visto che dici di sapere perchè uso quel metodo... lo vuoi rendere noto anche a noi... grazie

Forse non è l'esempio migliore può essere, ma se io voglio quotare il percorso di una fresa dando i centri
E' quello che pensavo ... ma non si può vincolare il disegno tecnico a queste cose, altrimenti si lavora male.
Il disegno tecnico ha delle regole ben precise, per qualsiasi settore.
Se usi questo sistema significa che il CAM usato non è in grado di calcolare l'offset utensile e questa è una cosa da medioevo.
La parte drawings di Pro/E è costuita per disegnare secondo gli standard internazionali ... se si vuole forzare si può fare ma, l'immediatezza d'uso non è la stessa.