• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Dilatazione termica

ulio82

Utente Junior
Professione: operatore
Software: Catia V5
Regione: Friuli
#1
Salve a tutti,
ho una domanda (una delle tante) per questo utilissimo sito del quale, mi scuso con gli amministratori, non ho trovato la sezione presentazioni. Se qualcuno gentilmente me lo indicasse sarei felice di postare il mio ingresso ma veniamo a noi :
di seguito vedete la foto di un particolare di ingranaggio del quale vorrei sapere la sua dilatazione termica per essere sicuro di un accoppiamento albero foro bloccato. La mia domanda è se CATIA ha la possibilità di simularlo
Grazie in anticipo per le vostre risposte
 

Allegati

Professione: ♔ Technical manager - Mechanical engineer ♚
Software: SolidWorks, DraftSight, Me10, Freecad, KissSoft, Excel
Regione: Lombardia
#2
se hai le dovute licenze c'è il modulo di Thermal Analysis (ATH) che ti permette di vedere sotto carico e temperatura come si deforma il pezzo. Per quanto riguarda l'interferenza credo che non ci sia il modulo di simulazione.
Dalla teoria comunque dovresti poter ricavare un "anello" da scaldare da temperatura ambiente a temperatura di riscaldo. Conoscendo il coefficiente di dilatazione termica dell'acciaio sai che esso si allargherà di X mm. Devi tenere presente anche il discorso delle tolleranze di lavorazione che incideranno sulla corretta interferenza una volta raffreddato il componente.
Fai conto che io faccio quello che fai tu sui tiranti da montare a caldo e in effetti mi basta un foglio excel per capire quanto scaldare per ottenere un tiraggio desiderato una volta che torna a temperatura ambiente.

Ti allego qua la teoria per l'analisi interferenza sui calettamenti forzati.
caletta1.PNG caletta2.PNG
Puoi sempre metterli in excel e avere i tuoi parametri.
Comunque devi essere bravo a controllare la temperatura altrimenti o non lo monti, o ti si blocca perchè si raffredda oppure se scaldi troppo fai crescere troppo gli atomi di carbonio e ti diventa fragilissimo.

Va da sè che si può anche raffreddare il mozzo in freezer a -18°C e tante volte viene usato anche l'azoto liquido.
 

Miotto Stefano

Utente poco attivo
Professione: Progettista Insegnante
Software: SOLIDWORKS
Regione: VENETO
#3
consiglio di andare su www.amesweb.info (inteference fit), in un unico calcolo, si ottengono le interferenze minime e massime in funzione della coppia da trasmettere, l'andamento delle sollecitazioni unitarie e la temperature di riscaldamento del mozzo o di congelamento in azoto liquido dell'albero in funzione dei sopracitati parameteri e del gioco da ottenere nella fase di montaggio...veramente eccezionale e completo
Stefano