Creo 1.0 Beta

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#21
Ah, ma quindi Proe wildfire 5.0 e Creo Elements 5.0 sono identici in tutto e per tutto, cioè come interfaccia grafica, comandi , funzioni, ecc? Ma allora perchè li hanno chiamati diversamente se sono identici? Io pensavo che Creo Elements Pro 5.0 fosse l'evoluzione di Proe..

In pratica l'interfaccia grafica nell'immagine postata all'inizio della discussione in cui si vede il modello 3d della sedia, fa riferimento a Creo 1.0?

Ho visto un video su youtube relativo a Creo Elements/Direct 17.0 e mi pare bellissimo, molto simile alla tecnologia sincrona di Solid Edge ST3. Qui c'è il link
http://www.youtube.com/watch?v=373Uh9NZTeU&feature=related

Secondo voi questo Creo Elements/Direct 17.0 è lo stesso Creo beta 1.0 di cui state parlando o è un'altra cosa?

Grazie.
Non sono un commerciale PTC pertanto ti dico come ho interpretato le scelte dei nomi.
La ptc ha acquisito Cocreate per avere in casa un software che lavora con la modellazione diretta. Per restare in linea con le politiche di altri prodotti (ad esempio siemens) ha dato un nuovo nome (Creo) a CAD già esistenti ma riuniti sotto lo stesso nome potrebbero apparire un unico prodotto.
Non è chiara la politica commerciale nei confronti degli utilizzatori e non si sa se chi ha pro e in manutenzione avrà anche il direct e viceversa.
Se la scelta fosse questa un utente potrebbe lavorare sia con pro e che con cocreate eguagliando le possibilità dei prodotti siemens che consentono di modellare sia in parametrico che in esplicito.
 

arzigogolo

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: INVENTOR PRO 2015, Pro/e w 5.0, Solidworks 2012
Regione: LOMBARDIA
#22
Non sono un commerciale PTC pertanto ti dico come ho interpretato le scelte dei nomi.
La ptc ha acquisito Cocreate per avere in casa un software che lavora con la modellazione diretta. Per restare in linea con le politiche di altri prodotti (ad esempio siemens) ha dato un nuovo nome (Creo) a CAD già esistenti ma riuniti sotto lo stesso nome potrebbero apparire un unico prodotto.
Non è chiara la politica commerciale nei confronti degli utilizzatori e non si sa se chi ha pro e in manutenzione avrà anche il direct e viceversa.
Se la scelta fosse questa un utente potrebbe lavorare sia con pro e che con cocreate eguagliando le possibilità dei prodotti siemens che consentono di modellare sia in parametrico che in esplicito.
Certo potrebbe essere come dici tu, forse nell'attesa di un prodotto che unifichi i due metodi di progettazione (sincrono e tradizionale), PTC svilupperà i due programmi parallelamente, un po' come accade ora per inventor 2011 e Inventor Fusion che attualmente sono separati, però dalla versione 2012 saranno integrati. Tuttavia continuo a non capire che differenza c'è tra Pro/e Wildfire 5.0 e Creo Elements Pro 5.0. A parte il nome che cambia, sai se è lo stesso programma?

Ciao e grazie.
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#23
Tuttavia continuo a non capire che differenza c'è tra Pro/e Wildfire 5.0 e Creo Elements Pro 5.0. A parte il nome che cambia, sai se è lo stesso programma?
Si, WF5 e CreoElements ProE 5 sono la stessa cosa (c'è continuità anche del "data code": il data code M000 era chiamato WF5, mentre il data code M070 (forse prima, è già Creo 5).

Penso che Creo 1.0 sarà del tutto nuovo (da quello che ho visto nei filmati in guiro per la rete), ma "feature based" e "esplicito" non saranno mai integrabili al 100% (ne da PTC, ne da Siemens, ne da Autodesk ne da IronCAD che al momento è quello con l'integrazione espilcito/implicito più spinta).

Sarà interessante l'integrazione non tanto del kernel CAD quanto dei moduli: per esempio, da strutturista, sono sicuro che la coppia Creo Direct + ProMechanica sarà un bomba.
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#24
cut...ma "feature based" e "esplicito" non saranno mai integrabili al 100% (ne da PTC, ne da Siemens, ne da Autodesk ne da IronCAD che al momento è quello con l'integrazione espilcito/implicito più spinta)...cut
cosa intendi di preciso con non saranno mai integrabili al 100% ?
Di PTC, Autodesk e IronCAD non conosco il funzionamento, di Siemens utilizzando Solid edge l'ambiente sincrono o meglio come lo chiami tu "esplicito" e quello "feature based" ora si possono utilizzare entrambi sullo stesso modello, ossia si può modellare come "feature based", per poi passare all' "esplicito" e ritornare al "feature based", mantenendo entrambi gli ambienti all'interno dello stesso modello. Allego immagine fatta al volo dove si può notare che entrami gli ambienti coesistono, prima della ST3 si doveva scegliere se lavorare in "esplicito" o in "feature based", ora invece puoi scegliere mentre stai modellando come meglio sfruttare questa tecnologia. In NX mi sembra fosse già fattibile gia dalla prima versione rilasciata con tecnologia sincrona.
ciao
 

Allegati

arzigogolo

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: INVENTOR PRO 2015, Pro/e w 5.0, Solidworks 2012
Regione: LOMBARDIA
#25
Si, WF5 e CreoElements ProE 5 sono la stessa cosa (c'è continuità anche del "data code": il data code M000 era chiamato WF5, mentre il data code M070 (forse prima, è già Creo 5).

Penso che Creo 1.0 sarà del tutto nuovo (da quello che ho visto nei filmati in guiro per la rete), ma "feature based" e "esplicito" non saranno mai integrabili al 100% (ne da PTC, ne da Siemens, ne da Autodesk ne da IronCAD che al momento è quello con l'integrazione espilcito/implicito più spinta).

Sarà interessante l'integrazione non tanto del kernel CAD quanto dei moduli: per esempio, da strutturista, sono sicuro che la coppia Creo Direct + ProMechanica sarà un bomba.
Grazie a tutti ed in particolare a Matteo. Era proprio quello che volevo sapere. Vorrei chiedervi ancora due cose: la prima, se qualcuno sa se Creo 1.0 e Creo Elements/Direct 17.0 sono lo stesso programma e in cosa differiscono e l'altra, (so che può sembrare una domanda stupida) se mi potete spiegare cosa vuol dire avere un "contratto in mautenzione" relativamente a ProE.

Grazie ancora a tutti.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#26
Quando sono stati dati i nuvoi nomi Proe è diventato creo elements pro, mentre cocreate è diventato Creo elements direct. Non si sa ancora se questi nomi verranno mantenuti o sostituiti solo da "Creo 1.0", bisognerà vedere quando PTC renderà pubbliche queste info.
Avere un contratto di manutenzione significa aver pagato una cifra annuale per aver diritto agli aggiornamenti e all'assistenza.
Ma utilizzando tutti i software che hai citato nel tuo profilo come fai a non aver mai sentito parlare di manutenzione o subscription?
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#27
cosa intendi di preciso con non saranno mai integrabili al 100% ?
Di PTC, Autodesk e IronCAD non conosco il funzionamento, di Siemens utilizzando Solid edge l'ambiente sincrono o meglio come lo chiami tu "esplicito" e quello "feature based" ora si possono utilizzare entrambi sullo stesso modello, ossia si può modellare come "feature based", per poi passare all' "esplicito" e ritornare al "feature based", mantenendo entrambi gli ambienti all'interno dello stesso modello. Allego immagine fatta al volo dove si può notare che entrami gli ambienti coesistono, prima della ST3 si doveva scegliere se lavorare in "esplicito" o in "feature based", ora invece puoi scegliere mentre stai modellando come meglio sfruttare questa tecnologia. In NX mi sembra fosse già fattibile gia dalla prima versione rilasciata con tecnologia sincrona.
ciao
Ho visto un video di Inventor 2012 su yuotbe e mi pare sia grossomodo lo stesso, in ambiente feature based rimaneva una feature di fusion.
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#28
Ho visto un video di Inventor 2012 su yuotbe e mi pare sia grossomodo lo stesso, in ambiente feature based rimaneva una feature di fusion.
sicuramente... ormai si stan portando alla pari anche tutte le altre softwarehouse con questo nuovo sistema di modellazione. Chi lo chiama in un modo, chi in un altro ma alla fin fine fanno tutti lo stesso tipo di lavoro. Che la prima ad integrare questo tipo di modellazione eplicita assieme alla feature based sia stata la siemens poco importa perchè poi si portano tutte sulla stessa lunghezza d'onda per essere concorrenziali nel mercato.
 

arzigogolo

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: INVENTOR PRO 2015, Pro/e w 5.0, Solidworks 2012
Regione: LOMBARDIA
#29
Quando sono stati dati i nuvoi nomi Proe è diventato creo elements pro, mentre cocreate è diventato Creo elements direct. Non si sa ancora se questi nomi verranno mantenuti o sostituiti solo da "Creo 1.0", bisognerà vedere quando PTC renderà pubbliche queste info.
Avere un contratto di manutenzione significa aver pagato una cifra annuale per aver diritto agli aggiornamenti e all'assistenza.
Ma utilizzando tutti i software che hai citato nel tuo profilo come fai a non aver mai sentito parlare di manutenzione o subscription?
Ti ringrazio per avermi spiegato il significato. Per rispondere alla tua domanda, ceto che so cos'è la subscription per Inventor, solo che in ditta dove sono io non l'abbiamo mai avuta perchè il datore di lavoro ha ritenuto di non sottoscriverla (sbagliando a parer mio) per motivi lagati ai costi e, per lo stesso motivo, anche per Pro engineer. Infatti per risparmiare su una cosa utilissima come l'assistenza, molti (me compreso) sono costretti a risolversi da soli tutti i grattacapi che capitano da soli e per fortuna che c'è un ottimo sito come questo, altrimenti sarebbe ancora più dura! :smile:

Purtroppo a causa della loro miopia, la maggior parte dei datori di lavoro (salvo qualche nobile eccezione) pensano di risparmiare non sottoscrivendo i contratti d'assistenza e invece non si accorgono che ci perdono di più.

Per quanto riguarda il fatto se Creo 1.0 riunificherà sia Creo Elements Pro che il Creo direct, staremo a vedere anche se, secondo me, se PTC vuole essere competitiva sul mercato, la cosa migliore sarebbe quella di unificarli in un unico programma per avere le potenzialità sia dell'uno che dell'altro. Io ho provato a scaricare la versione gratuita "Personal" di Creo direct/modeling 3.0 sul sito PTC (è un installer di 160 mb) limitata a d assiemi di 60 componenti ed appena ho un po' di tempo proverò ad installarla.

Tra l'altro ho visto quest'ottimo filmato su youtube
http://www.youtube.com/watch?v=CmLwE104qn0
e devo dire che è veramente eccezzionale, mi sembra molto intuitivo e rapido, sia nello schizzo che nelle lavorazioni. A voi che ve ne pare?
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#31
Ma dove stavate negli ultimi 15 anni?!?!?!
:smile:
A vedere il botto che faceva Cocreate e gli smadonnamenti di Siemens per cercare di introdurre questo sistema che pochissimi usano :biggrin:


A parte le battute, la penso come prima, è buono per la modifica di file neutri.
Per il resto non vedo nulla di realmente vantaggioso rispetto al sistema parametrico.
Anche in Pro/E (da prima del ciucciamento di CoCreate) con il dinamic editing fai delle cose molto simili.

"Eppoi" un paio di domande per capire il flusso:
le quote del modello sono utilizzabili nella messa in tavola senza dover riquotare tutto ?
se modifico un vincolo dimensionale sulla messa in tavola, si modifica il modello ?
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#33
come dice Er Presidente per la prima domanda risposta SI e la seconda NO almeno per solid edge e/o prodotti siemens... Con l'ultima versione hanno migliorato parecchio il discorso di messa in tavola e richiamo quote dal 3D anche se io non lo uso praticamente mai, perchè di solito i modelli li creo in un modo che per me risulta poi immediata la loro manipolazione, mentre sul 2D li quoto diversamente e correttamente.
Se non ricordo male solidworks ha la possibilità di modificare (gia da tempo) le quote sulla tavola 2D ed in automatico ritrovarle modificate sul modello 3D
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#34
Se non ricordo male solidworks ha la possibilità di modificare (gia da tempo) le quote sulla tavola 2D ed in automatico ritrovarle modificate sul modello 3D
Sì, nel caso delle quote importate dal modello, ma anch'io nel 90% dei casi non riesco a riutilizzarle.
 

re_solidworks

Moderatore Solidworks
Staff Forum
Professione: Progettista
Software: Swx2016-R2W2016-Power Surfacing 2.1-Creo 2.0- PDSU 2016 - Composer 2016
Regione: Veneto
#35
Ma dove stavate negli ultimi 15 anni?!?!?!
:smile:
Ciao Stefano,

sono tutti attenti alle marche e non alla qualità del prodotto e basta prendere lo stesso cad e marcarlo PTC che diventa subito interessante!!!:eek:

Anch'io concordo con maxopus, preferisco il mio feature based e non credo a chi dice che il diretto è 10 volte più veloce.
Dipende da cosa si fa, il parametrico ha ancora il suo perché......
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#36
Sì, nel caso delle quote importate dal modello, ma anch'io nel 90% dei casi non riesco a riutilizzarle.
poi tra l'altro la vedo un'operazione alquanto pericolosa quella di correggerre o modificare modelli partendo dal 2D... già a suo tempo con autocad o compagnia bella capitava spesso di modificare singoli particolari e poi per una cosa o un'altra di dimenticarsi di aggiornare o controllare l'assieme generale. Di solito e penso che usando il 3D fan tutti, è quella di aprirsi l'assieme che contiene il particolare e verificarne che la modifica non comporti altri problemi.
 

Matteo

Moderatore CAE/FEM/CFD
Staff Forum
Professione: Ingegnere meccanico
Software: Creo, ProEngineer, Creo Simulate, ProMechanica, SolidWorks, SolidEdge, SpaceClaim, OpenFOAM
Regione: Pianeta Terra
#37
Tra l'altro ho visto quest'ottimo filmato su youtube
http://www.youtube.com/watch?v=CmLwE104qn0
e devo dire che è veramente eccezzionale, mi sembra molto intuitivo e rapido, sia nello schizzo che nelle lavorazioni. A voi che ve ne pare?
Ma dove stavate negli ultimi 15 anni?!?!?!
:smile:
Infatti! CreoElements Direct non è altro che CoCreate rimarchiato... il più classico dei modellatori espliciti. Volendo c'è in giro anche di meglio!
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#38
Ciao Stefano,

sono tutti attenti alle marche e non alla qualità del prodotto e basta prendere lo stesso cad e marcarlo PTC che diventa subito interessante!!!:eek:

Anch'io concordo con maxopus, preferisco il mio feature based e non credo a chi dice che il diretto è 10 volte più veloce.
Dipende da cosa si fa, il parametrico ha ancora il suo perché......
guarda io ribadisco quello che avevo detto qualche anno fa qui sul forum all'uscita della prima versione con sincronous tecnology di solid edge e NX che questo metodo di modellazione sicuramente avvantaggia molto chi lavora con stampi o comunque con modelli complessi in cui il ricalcolo dell'albero delle feature è enorme e spesso incorre in feature fallite perchè collegate a quelle precedenti e via discorrendo o anche chi fa modellazione di superfici.

Chi come me lavora con modelli di componenti meccanici in cui i particolari avranno si e no al max una ventina di feature si preferisce rimanere sul parametrico, anche semplicemente perchè lavorando con il parametrico sento di avere sotto controllo quello che faccio e come lo faccio.

Se si guardano i video di modellazione/manipolazione esplicità si vede che le creazioni/manipolazioni sono fatte ad occhio spesso senza quote ma solo per far vedere che se ci sono interferenze prendi, selezioni e sposti parte delle feature. Sappiamo bene che si possono collegare quote e rendere anche questa modellazione esplicità un pò parametrica, ma per chi fa meccanica la preferenza rimane al parametrico.
 

Prof.

Utente Standard
Professione: Lavoro con il CAD ed il CAE
Software: Pro-E e Creo
Regione: Lazio
#39
Non ho tempo di leggere tutta la discussione poichè sono gonfio di lavoro ed in più sto traslocando, quindi posto solo le novità che mano mano scopro su Creo 1.0.
Una di queste è la nuova finestra di gestione di tutta la configurazione, più facile da usare per i meno esperti.
Inoltre il Pro/program, per chi lo usa, ora si può aprire direttamente con Excell.
Ciao.
 

arzigogolo

Utente Standard
Professione: Disegnatore
Software: INVENTOR PRO 2015, Pro/e w 5.0, Solidworks 2012
Regione: LOMBARDIA
#40
Non ho tempo di leggere tutta la discussione poichè sono gonfio di lavoro ed in più sto traslocando, quindi posto solo le novità che mano mano scopro su Creo 1.0.
Una di queste è la nuova finestra di gestione di tutta la configurazione, più facile da usare per i meno esperti.
Inoltre il Pro/program, per chi lo usa, ora si può aprire direttamente con Excell.
Ciao.
Ciao, scusa ma dov'è che scopri le novità su Creo 1.0? Vuol dire che l'hai già installato? Se è così pensavo che non fosse ancora in commercio. Oppure su qualche video su youtube? Sarò ritardato io, ma non sono ancora riuscito a capire questo: 1) se Creo 1.0 esiste già e dove si può vederlo all'opera.
2) Se Creo 1.0 corrisponde a Creo Elements direct o se sono due cose diverse.

Ho trovato questo video su youtube
http://www.youtube.com/watch?v=cNXDqmVvarc che si riferisce ad un generico "Creo" e guardandolo mi è venuto da rotolarmi per terra dalle risate perchè, a giudicare dalla velocità con la quale si possono fare le modifiche (molto vicina a quella della luce), sarebbe il sogno di qualsiasi disegnatore/progettista meccanico! Lol. :hahahah: