• This site uses cookies. By continuing to use this site, you are agreeing to our use of cookies. Leggi altro.

Costruzione caldaia a pellets

Angelin

Utente poco attivo
Professione: pensionato
Software: explorer
Regione: liguria
#1
Sto cercando delle informazioni e consigli.Ho costruito una caldaia a pelletes, tipo marina ,ma non riesco a risolvere il problema della temperatura ,non mi riesce di far superare i 45 gradi ,,nonostante aumenti il pelletes e il flusso aria ,il bruciatore di mia costruzione,la sua regolazione è manuale ,non perfetta ,ma funziona discretamente,La caldaia contiene circa 40 litri acqua ,ho l'impanto di riscaldamento a pavimento,A dire la verità la casa la riscaldo,ma vorrei risolvere quel problema,perchè credo che potrei migliorere il suo rendimento,,se qualche anima gentile,volesse rispondere ,gli sarei molto grato ,,un saluto cordiale allo staff ,del forum , e a tutti i partecipanti ,,angelin
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#2
Da un certo punto di vista ti è andata bene, nei riscaldamenti a pavimento è quella la temperatura massima da tenere.
Se riuscirai ad aumentare la temperatura dell'acqua dovrai fare in modo di tenerla sempre non oltre i 45° nell'impianto a pavimento.
Ti serve anche per l'acqua sanitaria ?
Io ho un camino a legna e pellet, però lo utilizzo con l'impianto a radiatori e l'acqua ha una temperatura che va dai 50 ai 75 gradi.
 

Angelin

Utente poco attivo
Professione: pensionato
Software: explorer
Regione: liguria
#3
Un grazie di cuore per la risposta,,certo sapevo che per un impianto a pavimento ,non si deve andare oltre quella temperatura ,però il mio problema era comprendere il motivo per cui non riesco ad aumentare la temperatura,Per il momento non mi serve per il sanitario ,volevo mettere un boiler ,,però sino a che avrò questo problema non lo metto.Sicuramente avrai dei parametri a cui attenerti ,per il bruciatore,,io cerco di regolare il mio in modo manuale però mi rendo conto che non potrò farlo rendere nel modo migliore, però cosi ,,come dire,,,a naso ,,fa un caldo ,che l'acqua dovrebbe andare altro che 45 gradi,,,dispersione di calore non cè ,,,il tiraggio è buono,,,probabilmente cè qualche fattore tecnico,,non corretto che io purtroppo,,non sò trovare..Grazie ancora e buon anno ,,,Edilio
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#4
Ciao Edilio,
la termotecnica non è il mio campo.
Vediamo se qualche persona competente nei prossimi giorni riuscirà a darti una risposta che risolva il tuo problema.
Buon anno.
 

gfrank

Moderatore
Staff Forum
Professione: Libero professionista
Software: Vari
Regione: Lombardia
#5
Un grazie di cuore per la risposta,,certo sapevo che per un impianto a pavimento ,non si deve andare oltre quella temperatura ,però il mio problema era comprendere il motivo per cui non riesco ad aumentare la temperatura,Per il momento non mi serve per il sanitario ,volevo mettere un boiler ,,però sino a che avrò questo problema non lo metto.Sicuramente avrai dei parametri a cui attenerti ,per il bruciatore,,io cerco di regolare il mio in modo manuale però mi rendo conto che non potrò farlo rendere nel modo migliore, però cosi ,,come dire,,,a naso ,,fa un caldo ,che l'acqua dovrebbe andare altro che 45 gradi,,,dispersione di calore non cè ,,,il tiraggio è buono,,,probabilmente cè qualche fattore tecnico,,non corretto che io purtroppo,,non sò trovare..Grazie ancora e buon anno ,,,Edilio
Dovresti fornire indicazioni tecniche su come avviene il riscaldamento (scambio termico) dell'acqua, se esiste un accumulo, su come è gestita la distribuzione dell'acqua, se ci sono termostati, pompe di circolazione e valvole di regolazione, ecc..
In linea di massima il problema potrebbe essere i:
-la ridotta superficie di scambio termico tra bruciatore e acqua del riscaldamento (bollitore/serpentina)
- la presenza di una pompa di circolazione che "muove" troppo velocemente l'acqua nel circuito

Se l'impianto è dimensionato correttamente, fermando l'impianto e la pompa, l'acqua dovrebbe andare in ebollizione.
 

Umbi

Utente poco attivo
Professione: impiegato tecnico
Software: Windows /Step7
Regione: Lombardia
#6
Sto cercando delle informazioni e consigli.Ho costruito una caldaia a pelletes, tipo marina ,ma non riesco a risolvere il problema della temperatura ,non mi riesce di far superare i 45 gradi ,,nonostante aumenti il pelletes e il flusso aria ,il bruciatore di mia costruzione,la sua regolazione è manuale ,non perfetta ,ma funziona discretamente,La caldaia contiene circa 40 litri acqua ,ho l'impanto di riscaldamento a pavimento,A dire la verità la casa la riscaldo,ma vorrei risolvere quel problema,perchè credo che potrei migliorere il suo rendimento,,se qualche anima gentile,volesse rispondere ,gli sarei molto grato ,,un saluto cordiale allo staff ,del forum , e a tutti i partecipanti ,,angelin
Si possono avere informazioni su come l'hai costruita ? Piacerebbe anche a me provarci
 

Angelin

Utente poco attivo
Professione: pensionato
Software: explorer
Regione: liguria
#7
Ciao Umbi ,guarda se debbo dire la verità non so come spiegarmi ,ti posso dire che ho preso l'idea dal sito dei fratelli Tatano ( caldaie a pellets),dalle foto si vede bene come viene fatta la costruzione,io l'ho costruita leggermente piu' piccola ,da come si puo vedere nelle foto,ma il principio è lo stesso,,sul davanti si vedono i tubi saldati, sul retro i tubi sfociano in una intercapedine in cui il calore passando nei tubi batte nella paratia esterna contenente anchessa acqua ,poi il calore prosegue sempre nell'intercapedine ,sopra il fascio tubiero,la strada del calore fa una esse,per sfociare nel camino,posato sopra l'intercapedine,,,mi rendo conto che la mia spiegazione non è molto chiara ,ma non so fare meglio ,,Il lamierino spesso 2'5mm,i tubi diametro 5 cm spessore 3mm,,Ciao Umbi un saluto cordiale ,se vuoi ancora notizie,scrivi ,,Angelin,,
 

Angelin

Utente poco attivo
Professione: pensionato
Software: explorer
Regione: liguria
#8
Ciao Umbi ,guarda se debbo dire la verità non so come spiegarmi ,ti posso dire che ho preso l'idea dal sito dei fratelli Tatano ( caldaie a pellets),dalle foto si vede bene come viene fatta la costruzione,io l'ho costruita leggermente piu' piccola ,da come si puo vedere nelle foto,ma il principio è lo stesso,,sul davanti si vedono i tubi saldati, sul retro i tubi sfociano in una intercapedine in cui il calore passando nei tubi batte nella paratia esterna contenente anchessa acqua ,poi il calore prosegue sempre nell'intercapedine ,sopra il fascio tubiero,la strada del calore fa una esse,per sfociare nel camino,posato sopra l'intercapedine,,,mi rendo conto che la mia spiegazione non è molto chiara ,ma non so fare meglio ,,Il lamierino spesso 2'5mm,i tubi diametro 5 cm spessore 3mm,,Ciao Umbi un saluto cordiale ,se vuoi ancora notizie,scrivi ,,Angelin,,
 

Umbi

Utente poco attivo
Professione: impiegato tecnico
Software: Windows /Step7
Regione: Lombardia
#9
Ciao Umbi ,guarda se debbo dire la verità non so come spiegarmi ,ti posso dire che ho preso l'idea dal sito dei fratelli Tatano ( caldaie a pellets),dalle foto si vede bene come viene fatta la costruzione,io l'ho costruita leggermente piu' piccola ,da come si puo vedere nelle foto,ma il principio è lo stesso,,sul davanti si vedono i tubi saldati, sul retro i tubi sfociano in una intercapedine in cui il calore passando nei tubi batte nella paratia esterna contenente anchessa acqua ,poi il calore prosegue sempre nell'intercapedine ,sopra il fascio tubiero,la strada del calore fa una esse,per sfociare nel camino,posato sopra l'intercapedine,,,mi rendo conto che la mia spiegazione non è molto chiara ,ma non so fare meglio ,,Il lamierino spesso 2'5mm,i tubi diametro 5 cm spessore 3mm,,Ciao Umbi un saluto cordiale ,se vuoi ancora notizie,scrivi ,,Angelin,,
Grazie delle info. In realtà pensavo che ci fosse una specie di KIT assemblando parti aftermarket ! Perchè il prezzo di una caldaia a pellet (sempre sopra i 2700 euro) oggi mi sembra un pò alto in rapporto a quello che ti danno !! E parlo di una caldaia senza pompe od altro, in pratica una stufa con scambiatore di calore ad acqua invece che aria.
 

Angelin

Utente poco attivo
Professione: pensionato
Software: explorer
Regione: liguria
#10
Ciao Umbi ,,e be costano abbastanza.Io mi sono anche interessato ,da varie librerie se vi fosse qualche manuale ,di caldaie a pellets ma non ho trovato nulla,Ho cercato anche consulenze,ma niente,per il momento..Ciao un saluto
 

gpbomber

Utente poco attivo
Professione: tecnico Enel
Software: xp2
Regione: Umbria
#11
Salve a tutti giravo per il web è mi sono imbattuto in questa storia dela caldaia a pallets, 12 anni fa mi sono costruito un bruciatore per una caldaia marinara a sansa, che poi ho trasformato(bruciatore) per una caldaia da 80000 calorie, utilizzo sansa residuo della pressatura. L'anno passato ho provato i palletts ma la temperatura faceva fatica a salire, benchè avessi aumentato la portata e diminuito l'aria(la fiamma strappava) ora io credo che il bruciatore sia piccolo oppure le pareti di scambio hanno poca superficie, sarei curioso di verificare la temperatura dei fumi al camino.

Giampy
 

alterego77

Utente poco attivo
Professione: ristoratore
Software: cad
Regione: lombardia
#13
sono nuovo del sito e volevo cimentarmi nella costruzione di una caldaia a pellet e che potesse utilizare anche legna macinata .il perche ho usato la parola macinata è molto semplice .osservando il mio tritacarne che fa da grattuggia formaggio m era siera accesa la lampadina .spetta a voi spegnerla se non è valida la cosa .
1 :la parte della grattuggia tritola il legno ovviamente ben stagionato se no tra fumo e altro .
2 :la parte del tritacarne quindi con gia all interno l aspirale per il trasporto del conbustibile si ottiene una parte importante della caldaia certo con i dovuti accorgimenti
infatti la mia era piu che altro un idea di come impostare il tutto e magari dare qualche spunto per nuovi progetti....un saluto
 

Tequila

Utente Senior
Professione: teorico del paleocontatto
Software: Solid Edge ST7, scarabocchi su carta
Regione: Veneto (PD)
#14
sono nuovo del sito e volevo cimentarmi nella costruzione di una caldaia a pellet e che potesse utilizare anche legna macinata .il perche ho usato la parola macinata è molto semplice .osservando il mio tritacarne che fa da grattuggia formaggio m era siera accesa la lampadina .spetta a voi spegnerla se non è valida la cosa .
1 :la parte della grattuggia tritola il legno ovviamente ben stagionato se no tra fumo e altro .
2 :la parte del tritacarne quindi con gia all interno l aspirale per il trasporto del conbustibile si ottiene una parte importante della caldaia certo con i dovuti accorgimenti
infatti la mia era piu che altro un idea di come impostare il tutto e magari dare qualche spunto per nuovi progetti....un saluto
sarebbe gradita una presentazione al primo messaggio (leggi il regolamento che hai ricevuto per MP e mail)

Da come hai scritto il messaggio non si capisce bene cosa vuoi cimentarti a fare. Vuoi fare la caldaia a pellet, la macchina che macina o entrambe collegate assieme? La stufa o caldaia a pellet brucia quello che gli butti dentro, però se butti materiale tritato ma non pressato questo si incendia e consuma in pochi istanti senza produrre più di tanto calore ed il consumo risulta eccessivo. Per cui oltre a costruire una sminuzzatrice di scarti di legno quest'ultimi devono essere poi pressati per fare in modo che la combustione risulti più lunga. Di macchine del genere ce ne sono già in commercio, tra l'altro ne ho viste anche di quelle che macinano foglie secche,bucce di castagne e scarti naturali vari che altamente pressati producono questi tronchetti anche se al di fuori della trafila la consistenza di quest'ultimi e la combustione non è che sia paragonabile a quella del legno in se. Altrimenti al posto del pellet devi utilizzare stufe o caldaie a legna.
 

gil

Utente Senior
Professione: Scarabocchiatore
Software: Cadsauro (il cad con la clava)
Regione: Italia
#15
Cioè vorresti sminuzzare il legno per ottenerne truccioli sperando in una resa migliore di questi ultimi?
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#16
Il sistema piú economico è quello a cippato. Costa poco la materia prima e con il sistema a coclea puoi programmare le accensioni, come con il pellet.