costo stampi per fusione in terra

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#1
ciao a tutti,
sono nuovo del forum e quindi ne approfitto per presentarmi....
mi chiamo Vincenzo e sono progettista presso la Ferrari; nel tempo libero (poco) sto cimentandomi nella progettazione di un motore due tempi di piccola cilindrata, e qui la domanda:
dovendo realizzare i due semicarter in alluminio, ed avendo in mente di realizzarli mediante fusione in terra, quanto potrebbero costare gli stampi (in legno o resina)? Non necessito di un preventivo dettagliato, anche una cifra indicativa va benissimo, è solo per avere un'idea della cosa....

grazie in anticipo!!!
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#2
Ciao Vinnn, penso che a breve ti risponderanno esperti della materia.
In via generale bisogna vedere il "pezzo" per poterti consigliate correttamente.
In alcuni casi potrebbe addirittura convenire la lavorazione dal pieno al posto della fusione.
Dipende dalle dimensioni, dalla complessitá geometrica e dal numero di pezzi da fare.
In sintesi, se potessi postare uno step della matematica sarebbe meglio.
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#3
Ciao Vinnn, penso che a breve ti risponderanno esperti della materia.
In via generale bisogna vedere il "pezzo" per poterti consigliate correttamente.
In alcuni casi potrebbe addirittura convenire la lavorazione dal pieno al posto della fusione.
Dipende dalle dimensioni, dalla complessitá geometrica e dal numero di pezzi da fare.
In sintesi, se potessi postare uno step della matematica sarebbe meglio.
ciao a tutti,
sono nuovo del forum e quindi ne approfitto per presentarmi....
mi chiamo Vincenzo e sono progettista presso la Ferrari; nel tempo libero (poco) sto cimentandomi nella progettazione di un motore due tempi di piccola cilindrata, e qui la domanda:
dovendo realizzare i due semicarter in alluminio, ed avendo in mente di realizzarli mediante fusione in terra, quanto potrebbero costare gli stampi (in legno o resina)? Non necessito di un preventivo dettagliato, anche una cifra indicativa va benissimo, è solo per avere un'idea della cosa....

grazie in anticipo!!!
ciao
come dice o meglio scrive maxopus
e' difficile indirizzarti senza un disegno uno schizzo un jpeg con 3 misure degli ingombri
il mondo dei modelli per fonderia (e in genere nello stampaggio industriale )e' un attimo piu complesso
grazie mille
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#5
ho provato anche ad estrarre i "vuoti" interni ed i gusci estrni per la scomposizione degli stampi: per crearli pensavo di usare blocchi in legno da freasare dal pieno (a questo proposito ho eseguito già per ogni pezzo la simulazione alla fresa ed ho ottenuto il codice macchina NC)
 

Allegati

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#6
avendo quindi un minimo di dimestichezza col CAM (io uso featurecam) avevo in effetti pensato anche di poter ricavare i due semicarter del pieno, ma anche in questo caso non sono a conoscenza dei costi.....

inoltre, casomai optassi per la strada della fonderia e quindi decidessi di realizzare i modelli per gli stampi in terra (pensavo a resina a bassa densità), di che cosa avrebbe bisogno la modelleria? sarebbero sufficienti le matematiche dei pezzi finiti con raccordi e sformi, oppure lascio tutto senza raccordi e sformi e se la vedono loro in base all'attrezzamento previsto cui sono abituati?
difatti non so quanti gradi attribuire per superfici interne ed esterne, nè che fattore di scala utilizzare (so che per l'alluminio è 1,7 ma potrebbe variare in base alla lega utilizzata in fonderia, che non conosco)
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#7
mi ero dimenticato:
non saprei atrribuire un "grado di complessità" al mio disegno, però posso affermare che trattandosi di un prototipo, saranno due coppie di semicarter ad essere prodotte; poi, casomai tutto dovesse funzionare, sarei anche disposto ad avviare un apiccola serie (i modelli in resina per gli stampi a questo punto sarebbero già pronti ed i costi calerebbero, presumendo che la fusione in terra rappresenti la spesa minore rispetto alla realizzazione dei modelli)


grazie infinite
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#8
CIAO
nel possibile potresti postare degli jpeg o cose simili
con relativa messa in tavola in pdf
senza il rar-zip ecc
cosi facciamo prima
grazie mille
 

Simo_SRT

Utente Junior
Professione: Studente
Software: Solid Edge
Regione: Emilia Romagna
#10
Non saprei dirti quanto ti possa costare far fare una fusione di soli due pezzi, quindi non ti sparo cifre a caso. Posso dirti però che io rivedrei il disegno di quei carter...c'è da farci un attimo di studio sugli ingombri ma posizionare la valvola lamellare in quella maniera è tutt'altro che redditizio, mi sembra un po' la conformazione di un carter da minarelli am6 (tipo aprilia rs50) che non si può certo dire che sia un motore prestante.
Indipendentemente dall'utilizzo una conformazione sicuramente migliore (ed adottata nelle sue mille varianti da tutti i motori "racing") è col pacco ruotato verso la sacca di travaso e non direzionato verso la camera di manovella ;)
 

maxopus

Mod. Creo e Reverse Eng.
Staff Forum
Professione: Progettista meccanico
Software: Creo Parametric
Regione: Marche (PU)
#11
Vincenzo, l'hai modellato tu "il pezzo" ? Non prendertela, qui siamo vecchi e sclerotici ma, è modellato una "chiavixa" ... direbbe l'amico Enzo. :)
Perchè le sezioni sono realizzate con spline anzichè con normali archi e linee ?
Cosa sono tutti quei punti di flesso nei profili ?

Quando andrai ad applicare gli sformi su una geometria così fatta mi sa che saranno dolori (in genere 1° è sufficiente per particolari di questo tipo).
Sarà importante, indicare le zone soggette a lavorazione meccanica e prevedere per queste i sovrametalli adeguati.
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#12
ciao Simo e grazie per la risposta, davvero interessante.... quali modelli adottano una configurazione simile a quella che hai descritto?
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#13
ciao, effettivamente hai ragione sulle matematiche.... quelle che hai visto erano i primi schizzi....
ti allego un'mmagine del pezzo con i raccordi e gli sformi (questi ultimi sono le superfici in rosa e verde, mentre i raccordi sono anch'essi sformati anche se di colore grigio); ho sformato di 2° le pareti interne, mentre all'esterno pensavo a qualcosa in più (5°)
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#14
inoltre ho dato una sistemata alle pareti per togliere tutti gli "effetti spline"
 

Allegati

  • 1 MB Visualizzazioni: 12

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#15
ciao Simo e grazie per la risposta,
quali modelli adottano la soluzione da te descritta?
intendi forse il pacco lamellare inserito direttamente nel cilindro verso i travasi?

per il mio motore non prevedo di utilizzare quel tipo di cilindri.... è votato ad un uso stradale piuttosto che corsaiolo....
 

Allegati

Simo_SRT

Utente Junior
Professione: Studente
Software: Solid Edge
Regione: Emilia Romagna
#16
ciao Simo e grazie per la risposta,
quali modelli adottano la soluzione da te descritta?
intendi forse il pacco lamellare inserito direttamente nel cilindro verso i travasi?

per il mio motore non prevedo di utilizzare quel tipo di cilindri.... è votato ad un uso stradale piuttosto che corsaiolo....
No, l'aspirazione nel cilindro, anche con valvola lamellare, è roba antiquata. :wink: Parlo proprio dell'orientazione del pacco nel carter, che non deve puntare verso la camera di manovella quanto verso il cilindro, verso la sacca di travaso.
Inoltre la zona del pacco lamellare deve essere opportunatamente raccordata con la sacca di travaso stessa. Infine a me il condotto mi sembra veramente eccessivamente lungo.
Ok che può essere ad utilizzo stradale e non corsaiolo, ma con quella conformazione del carter ti precludi assolutamente secondo il mio parere il raggiungimento di potenze un minimo di rilievo.
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#17
Vincenzo, l'hai modellato tu "il pezzo" ? Non prendertela, qui siamo vecchi e sclerotici ma, è modellato una "chiavixa" ... direbbe l'amico Enzo. :)
Perchè le sezioni sono realizzate con spline anzichè con normali archi e linee ?
Cosa sono tutti quei punti di flesso nei profili ?

Quando andrai ad applicare gli sformi su una geometria così fatta mi sa che saranno dolori (in genere 1° è sufficiente per particolari di questo tipo).
Sarà importante, indicare le zone soggette a lavorazione meccanica e prevedere per queste i sovrametalli adeguati.
CIAO MAX.......
CIAO VINNN
in effetti bisogna ridisegnarlo di nuovo
la manifattura del disegno lascia qualche perplessita'
a parte le spline il modello non e' stato stilato avendo come obbiettivo
finale la produzione di esso tramite fusione di metalli non ferrosi a terra
se metti mano sugli sformi vai ohhhh manicomio
allego l'jpeg per indicare il piano di sez
bisogna valutare se e' possibile fare gli sformi ad aumentare la geometria del perimetro oppure se questo e' di impiccio fare gli sformi a diminuire
pero poi esiste il prob dello scavo interno
perche ho visto che c'e' uno spessore perimetrale di piu o meno 4 mm
se metti su di esso 3_4 mm di lavorazione quella zona diventa con il proseguire degli sformi 2.5-3 mm
per fonderderli si fondono ma l'attrezzatura incomincia ad avere qualche complessita
diciamo che sarebbe meglio ridisegnare il tutto
metterci il sovrametallo necessario
in termini economici dico di fare un prototipo su cn
poi prendere il pezzo e lavorare il tutto per ottenere il pezzo desiderato
imbarcarsi nella costruzione di una attrezzatura per fonderia in questa fase avrebbe dei costi difficilmente ammortizabili
anche se rivedendo l'jpeg
dopo la fase di un prototipo ottenuto tramite cn
opterei per una conchiglia per fusione a gravita
forse costa qualcosa in piu
pero le fusioni costerebbero molto di meno
garantendosi anche una stabilita di tolleranza
GRAZIE MILLE
 

Allegati

  • 159.7 KB Visualizzazioni: 28

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#18
ciao, grazie mille per la risposta dettagliata....
a questo punto, premettendo che metterò mano pesantemente sulla matematica, non saprei che strada intraprendere....
non so in particolare come dovrebbe presentarsi il modello finito:
devo munirlo gìà di sformi, raccordi , sovrametallo (quanto?) ;
oppure dovrei fornire anche il modello completo di tutte le lavorazioni (sedi cuscinetto, superfici spianate, ecc

in pratica: come deve presentarsi il modello al modellista che deve eseguirci l'attrezzamento?

scusate le domande ma è la mia prima esperienza nel settore :redface:
 

SHIREN

MOD.Stampi e manuf.indust
Staff Forum
Professione: Perito Ind.mecc.MODELLI E ATTREZZATURE PER FONDERIE STAMPI-PROTOTIPI INDUSTRIALI
Software: "ah capa"
Regione: NAPOLI
#19
ciao, grazie mille per la risposta dettagliata....
a questo punto, premettendo che metterò mano pesantemente sulla matematica, non saprei che strada intraprendere....
non so in particolare come dovrebbe presentarsi il modello finito:
devo munirlo gìà di sformi, raccordi , sovrametallo (quanto?) ;
oppure dovrei fornire anche il modello completo di tutte le lavorazioni (sedi cuscinetto, superfici spianate, ecc

in pratica: come deve presentarsi il modello al modellista che deve eseguirci l'attrezzamento?

scusate le domande ma è la mia prima esperienza nel settore :redface:
ciao
seguendo l'indicazione del post precedente
il piano di sez e' gia indicato
mo sta a te capire (non so con quale pezzo esso si accoppia)
se il perimetro si puo "allargare" tramite gli sformi
oppure e' vincolato ad una geometria perimetrale e quindi devi fare gli angoli di sfoglia a diminuire
per gli angoli di sfoglia non bisogna indicare quanti 0° ma di quanti mm hai bsogno perche il modello possa essere esratto dalla sabbia senza prob
diciamo che in questo caso anche 1.5 mm di sformo vanno bene
e inutile dirti che nel possibile se riesci ad avere sformi differenziati
1,5 mm su h 40
1.5 mm h 20
il sovrametallo dovresti regolarti sui 4-5 mm
per i fori prendi in considerazione fori minimo 40 dia.
il resto ottura il tutto
se posti una messa in tavola in jpeg nelle varie sez
ti do idicazioni
grazie mille
 

vinnn

Utente Junior
Professione: progettista
Software: catia
Regione: liguria
#20
dunque, le pareti devono avere uno spessore minimo (in zona di accoppiamento lungo il piano di sezione) di 4mm;
non ci sarebbero problemi ad eseguire un allargamento verso l'esterno ad aumentare (non ci sono vincoli legati ad altre geometrie perimetrali) e neanche ad ottenere l' 1,5mm .

per i fori farò come dici : rendo visibili solo quelli dai 40mm in su di diametro, il resto otturo e faccio fare la successiva lavorazione

i 4-5 mm di sovrametallo vanno aggiunti allo spessore ideale previsto per la parete? su entrambi i lati?

grazie mille